Boom di matrimoni civili, la nostra città in vetta alla classifica. I dati

Mediagallery

Secondo l’analisi dell’istituto infatti la più alta proporzione di matrimoni civili si celebra a Livorno e a Trieste (rispettivamente 62,7% e 61,8%). Queste stesse province si trovano in larga parte anche ai vertici della graduatoria relativa alla quota di primi matrimoni civili tra sposi italiani. In testa sempre Livorno (54,2%), seguita da Bolzano (49,3%). Le cifre sono state presentate dall’Istat nella sua consueta analisi annuale sui matrimoni.
Nel 2012 sono stati celebrati in Italia 207.138 matrimoni (3,5 ogni mille abitanti), 2.308 in più rispetto al 2011. Questo lieve aumento si inserisce in una tendenza alla diminuzione dei matrimoni in atto dal 1972. In particolare, negli ultimi 20 anni il calo annuo è stato in media dell’1,2%, mentre dal 2008 al 2011 si sono avute oltre 45 mila celebrazioni in meno (in termini relativi -4,8% annuo tra il 2007 e il 2011).
In totale sono state celebrate con rito religioso 122.297 nozze. Il loro numero cala di 33 mila unità negli ultimi 4 anni. I matrimoni civili, invece, hanno visto un recupero negli ultimi due anni pari a 5.340 cerimonie, arrivando a rappresentare il 41% del totale a livello nazionale.

Riproduzione riservata ©

43 commenti

 
  1. # massimo

    A Livorno abbiamo anche il tristissimo primato di separazioni, forse anche perché le coppie non seguono l’etica morale Cristiana!

  2. # Livornese DOC

    Purtroppo è cosi a Livorno tutto il negativo è sempre primato

  3. # ciuco74

    Poveri noi……

  4. # gp

    mi meraviglio di tutti questi primati di Livorno, coppie di fatto, viagra..ma sono sicuri questi risultati? mi sembrano buttati li tanto per parlare.
    Ma un bel primato per l’educazione civica, per i posti di lavoro per tutti, e poi non me ne viene altri no?

  5. # tifoso

    …scusate eh…ma perché primato negativo? svegliatevi…il medioevo è passato da quel dì..due persone si sposano perché si amano, cristiane o non cristiane, i principi sui quali si basa il matrimonio sono esattamente gli stessi…

  6. # maurinho

    Ma dove è il problema se una coppia si vuole sposare con matrimonio civile? Chi non crede in Dio o nella chiesa perché deve sposarsi in chiesa? Penso che il rispetto per gli esseri umani si veda anche da questo, rispettare le idee ed il credo religioso degli altri. Qui sembra che i credenti siano sempre nel giusto, siano sempre loro i perfetti……ma aprite gli occhi e siate più tolleranti verso chi non la pensa come voi.

  7. # garagolo

    Non vedo cosa ci sia di male a sposarsi in Comune. Noi l’abbiamo fatto e, nonostante i problemi che purtroppo ci sono al giorno d’oggi, andiamo ancora d’accordo anche senza etica cristiana.

  8. # sirvia

    e quale sarebbe? quella di stare comunque insieme anche se ci si massacra di botte o se si fanno vite separate??? ne conosco uno che fa così e dice di essere cristiano!!!!
    ma per favore, fatela finita di credere di essere superiori a tutti.
    I miei genitori sono atei convinti, si sono sposati nel 1963 in comune e sono tutt’ora felicemente sposati.

  9. # Il Moralizzatore

    Che senso ha “sposarsi” civilmente? alla fine è solo un contratto.
    per l’uomo poi ancora di più insensato visto che firmando quel foglio firma la sua condanna a morte se per caso un giorno dovesse divorziare. se devo sposarmi civilmente tanto meglio la convivenza.
    posso capire chi si sposa in chiesa, ci sono valori di fede, ma civilmente è darsi una martellata dove non batte il sole

  10. # jobbee

    l’ etica morale cristiana non centra nulla. la gente si lascia perche come dice Rocco la patatina tira, e l’ uomo casca in tentazione. Mentre le donne si innamorano di un altro e lascian tutto per seguire la nuova passione.
    Conosco tante coppie sposate in chiesa separate. Io cmq fra il rito civile e quello religioso preferisco quello religioso infatti mi son sposato in chiesa, ma ognuno e libero di fare come meglio crede.

  11. # Tea

    Io mi sposerò l’anno prossimo. Eravamo intenzionati a sposarci in chiesa, ma abbiamo dovuto ripiegare sul rito civile, perchè in più parrocchie ci è stato richiesto di fare un corso prematrimoniale di 8 mesi e purtroppo per impegni lavorativi la cosa sarebbe stata impossibile. Se ci fosse stata un po’ più di flessibilità dai vari parroci…comunque concordo con tifoso, i valori del matrimonio sono esattamente gli stessi sia che sia celebrato con rito civile che religioso, non è che quello civile vale meno!

  12. # Gianluca

    Secondo me non sono gli stessi i principi che ispirano il matrimonio civile da quello religioso.Altra cosa è invece ritenere (e qui il mio pensiero si avvicina al tuo) che oramai le persone a volte li confondano.

    L’istituto civile nasce come una forma contrattuale per il riconoscimento di un determinato status dei familiari, figli e diritti. Il matrimonio al comune, per intenderci, è un semplice contratto che dà diritto a determinati status personali che a loro volta danno ulteriori diritti e doveri.

    Il matrimonio è invece uno dei sacramenti nella vita dei fedeli e viene giurato amore eterno di fronte a Dio (se ci si crede) ed ha per questo un valore differente.

    Persone che si sposano in Chiesa, teoricamente, vogliono giurare il loro amore di fronte all’onnipotente. Persone che si sposano in Comune, vogliono semplicemente stipulare un contratto. Poi, nel corso degli anni, anche il rito civile si è adornato di festeggiamenti, vestiti e rituali che conferiscono meno tristezza ad un mero atto notarile.

    Non vedo comunque scandalo ormai alle porte del 2014, a confondere i significati dell’uno e dell’altro rito. Quello che conta è il significato che gli diamo noi. Ma andava comunque fatto un piccolo excursus sulle differenze tra i due istituti.

  13. # Stella

    bravo “tifoso”! la penso come te. E poi, non credo proprio che il discorso “separazione/divorzio” sia la conseguenza dell’essersi sposati civilmente: sai quante coppie sposate in chiesa ci sono, che “scoppiano” lo stesso! L’importante è la serietà di intenti dei due, e ne so qualcosa. Se uno dei due non ha realmente, seriamente considerato la cosa, e dopo pochi anni si stufa e butta tutto per aria, ha poco a che vedere il tipo di cerimonia con cui si è sposato, o se è religioso o no…!!!

  14. # armando

    Hai, ragione. La testardaggine di alcuni sacerdoti che non vogliono capire i problemi delle persone, (impegni di lavoro, sport, familiari), portano a sposarsi civilmente. Poi se uno è cristiano o meno, la fede l’avrà sempre. E’ solo un aspetto burocratico.

  15. # #livornese#

    Non capisco come mai fate tutti questi commenti negativi su chi fa un matrimonio civile.
    Preferite quella cerchia di persone che si sposano in chiesa pur non essendo credenti perché secondo loro è più bello il matrimonio in chiesa? e credetemi ce ne sono di persone che lo fanno… (io nell’ultimo anno conosco 3 coppie che hanno fatto questo tipo di scelta).
    Se due persone non credono fanno un matrimonio civile.
    Non vedo dove sorge il problema.. ognuno pensi al proprio pensiero e quello in cui crede veramente stop!!!

  16. # star

    io mi sono sposato con rito civile…. e allora?? Il mio matrimonio vale meno di un matrimonio in chiesa??? o forse io e mio marito ci amiamo meno di chi ha ricevuto la benedizione della Chiesa??? Ma che discorsi fate?? mah

  17. # il polemico

    giurare davanti all’onnipotente però richiedere una bustarella al prete………..alla faccia dell’etica cristiana…..ma facciamola finita…..l’ottusità dilaga in questi discorsi…per voi cristiano=brava persona: mi sembra che i dilaganti casi di preti pedofili siano la più importante testimonianza che questa teoria è sbagliata…e poi non dimentichiamo che il pesce puzza sempre dalla testa…non riesco neanche ad immagine cosa facciano i “fedeli” tra le loro quattro mura…
    Tutti questi sono discorsi da cattolici da mcdonald….frequentare la chiesa oggi è solo status! nessuno crede a nessuna parola scritta sulla bibbia: è tutta ipocrisia

  18. # Il Moralizzatore

    Chi mi può spiegare dove sono i valori nel matrimonio civile? E’ un contratto, avete bisogno di firmare un foglio per sancire un unione? avete bisogno che un notaio certifichi il vostro amore? che differenza c’è con la convivenza? chi firma il contratto ama di più ? Ripeto quello religioso ha motivi di fede e chi ci crede , ma quello civile su cosa si basa? su cosa si rende necessario rispetto ad una convivenza? veramente un contatto fa la differenza? alla fin fine secondo me è sola una consuetudine. naturalmente avrei piacere se qualcuno rispondesse motivando.

  19. # il chierichetto laico

    il matrimonio solo civile non ha ne valore morale ne valore legale, per DIO e lo stato conta solo il MATRIMONIO RELIGIOSO e il divorsio non e’ contemplato e deve essere annullato. DIO TI LEGA FINO A MORTE AVVENUTA E PURE DOPO DEVI TENERE IL LUTTO STRETTO PER 10 ANNI E MANTENERE UN LUTTO DISCRETO SENZA RISPOSARTI O AVERE RAPPORTI CON ALTRE PERSONE PER ALMENO ALTRI 25 ANNI. – ovviamente IL LUTTO VALE SOLO PER LE VEDOVE i vedovi possono mantenere un lutto discreto per un mese poi devono aprirsi di nuovo al mondo.

  20. # Il Moralizzatore

    1 ora a settimana di sera…. wow che impegno

  21. # SFAVATO

    Ci si pensa prima …

  22. # SFAVATO

    Che cavolata! l’importante è volersi bene, rispettarsi, condividere gioie e dolori, per me questo E’ il matrimonio. E io la prossima volta che mi sposo vado in Polinesia … un filo d’erba legato ai polsi e via …

  23. # sirvia

    Ti ricordo che anche chi si sposa in chiesa firma “l’atto notarile”….che è poi quello che da diritti alle persone.
    Quelle che si sposano solo con il rito religioso e non quello civile per la legge italiano sono come conviventi.
    I testimoni in chiesa nono sono infatti testimoni religiosi ma civili (lo so perchè pur essendo non battezzata sono state testimone a un matrimonio svolto in chiesa)

  24. # sirvia

    come scritto sopra chi si sposa in chiesa contrae anche matrimonio civile…a meno che non faccia esplicita richiesta di fare solo quello religioso e quindi per la legge italiana sono conviventi

  25. # fabio

    che c’e’ di male se la gente non si fida piu della chiesa e dei preti, e allora sposa in comune..non e’ una sconfitta per noi livornesi. ma della chiesa…e visto che in italia non esistono le leggi di sulle coppie di fatto…uno per tutelarsi allora sposa in comune senza tanti fronzoli

  26. # Mario

    MATRIMONI CIVILI……..COSì è PIU FACILE SEPARARSI !

  27. # sirvia

    a cosa? se le cose cambiano? quante persone diventano violente solo dopo il matrimonio oppure cambiano atteggiamento?

  28. # Eugenio

    Il matrimonio in realtà è un sacramento istituito da Dio,i riti civili sono cose moderne per formalizzare fiscalmente la cosa.

  29. # sirvia

    io credo che ci sia tanta confusione.
    per la legge italiana vale solo il matrimonio civile (il famoso contratto di cui alcuni parlano) ed è questo che rende difficile separaci, quindi quello che tu scrivi è sbagliato.
    Poi chi è credente, di qualsiasi religiose, fa il matrimonio religioso durante il quale viene celebrato anche quello civile (se si vuole).
    Le firme che si mettono durante la cerimonia religiosa non sono per il matrimonio religioso (Dio da lassù vi vede, non ha bisogno di firme), ma per quello civile e se quest’ultimo non si fa per la legge italiana non ci sono vincoli e quindi non si parla nemmeno di divorzio nel caso i cognugi si lascino.

  30. # sirvia

    Mi può spiegare allora una cosa: perchè chi si sposa in chiesa si sposa anche civilmente?
    forse perchè da anche al matrimonio un valore economico???

    Io mi sposerò civilmente il prossimo anno per due motivi:
    1) perché sono atea, quindi per me il matrimonio religioso non ha nessun significato
    2) perché amo il mio compagno e lo voglio tutelare secondo la legge

  31. # livorneseDOC

    m’hai fregato il nickname! inventatene uno tuo no? o copione!

  32. # Tea

    Per campare si deve lavorare!!!! Se uno lavora anche la sera!!! Prima di parlare pensa!

  33. # Il Moralizzatore

    infatti io ho chiesto che senso ha sposarsi civilmente, non ho detto che è meglio farlo in chiesa. per i diritti e doveri? se si beh diritti alle donne , per l’uomo solo doveri, fiscalmente poi grazie alle nuove leggi conviene essere divisi, infatti dilagano i finti divorzi). non riesco veramente a vedere nessuna cosa positiva nel matrimonio civile, ma sono qui per capire, quindi aspetto risposte.

  34. # Il Moralizzatore

    sicuramente se avessi parlato veramente con un prete ed esposto il tuo problema, avrebbero trovato un orario a te congeniale, altrimenti puoi rivolgerti al vescovo.

  35. # Il Moralizzatore

    io ti sto chiedendo il senso del matrimonio civile indiendentemente dove firmi il contratto, comune o chiesa. ok mi parli di tutela legale, vorrei sapere nel dettaglio in cosa lo tuteli? Se mai è la donna ad essere tutelata, l’uomo rischia di andare a vivere dentro una macchina o tornare a casa dei suoi e continuare a pagare il mutuo della casa dove lei sta con il ganzo.

  36. # vincenzo

    La Chiesa nel 1929 fece un Patto con il fascismo perchè il matrimonio religioso avesse valore anche civile, evidentemente lei non disdegnava quello che i clericali chiamano volgarmente contratto.

  37. # livorno

    per tutelare sia me che la mia famiglia….. ad esempio se io convivo e mi succede qualcosa il mio compagno non è nessuno e non può prendere decisioni a mio riguardo e viceversa……!!!!!

  38. # SFAVATO

    Ancora prima!

  39. # SFAVATO

    Hai ragione quindi … LEGALIZZARE LE UNIONI DI FATTO!!

  40. # Eugenio

    Non ho parlato soltanto di chiesa cattolica,il matrimonio nasce da ciò che è scritto sulla Bibbia,il rito civile è soltanto una formalità per complicarsi la vita al giorno d’oggi.

  41. # massimo

    L’amore è paziente,è benigno, l’amore non invidia,non si comporta in modo indecoroso, non cerca le cose proprie,non si irrita,non sospetta il male,tollera ogni cosa,crede ogni cosa spera ogni cosa sopporta ogni cosa, questo dovrebbe essere l’amore di un Cristiano e non è detto che un ateo non abbia queste qualità!!

  42. # massimo

    chi sposa in chiesa fa un patto anche con Dio;dicendo si alla moglie automaticamente dice no a tutte le altre!!!

  43. # massimo

    Parole sante le tua…………….

I commenti sono chiusi.