Bonus per l’affitto della casa, come fare domanda

Mediagallery

Per aiutare i giovani a uscire dalla famiglia e trovare un’abitazione autonoma, la Regione Toscana prevede contributi per il sostegno al pagamento dell’affitto (leggi qui i dettagli del bando). E’ previsto un contributo mensile variabile a seconda delle fasce di reddito e tenendo conto della presenza e del numero di figli. La durata massima del finanziamento è di tre anni. Possono accedere a questo contributo i giovani nella fascia di età compresa tra i 18 ed i 34 anni, che contraggono un regolare contratto d’affitto, singolarmente o in qualsiasi forma di convivenza. Tra i requisiti principali per accedere al bando vi è quello della residenza nel nucleo d’origine da almeno due anni al momento di presentazione della domanda.  Gli interessati hanno tempo fino al 31 gennaio 2015 compresi per presentare la domanda. E’ previsto un contributo variabile da 1.800 a 4.200 euro all’anno per tre anni (da un minimo di 150 ad un massimo di 350 euro al mese) a seconda delle fasce di reddito e tenendo conto della presenza e del numero di figli.

Come presentare domanda – via telematica scegliendo una delle seguenti modalità alternative:

a) tramite interfaccia web denominato “Apaci” selezionando come Ente pubblico destinatario “Regione Toscana Giunta”
b) tramite propria casella di posta elettronica certificata (PEC) all’indirizzo PEC istituziona le della Regione Toscana regionetoscana@postacert.toscana.it .
Nel campo oggetto riportare la dicitura: ‘Giovanisi domanda contributo affitto.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # susi

    e quelli che un nucleo di origine non ce l’hanno o non ce l’hanno più?? devono morire di stenti o pagare affitti stratosferici?? mah…

  2. # karl

    OO bravi sempre con i soldi nostri della Tasi..Imu, che ci aumenta il sindaco..
    e dell ‘irpef.. che paghiamo.. alla regione..con l ‘aumento naturalmente..
    tutti .. bravi..ma la patrimoniale .. e far pagare tutti nooo
    complimenti..in affitto con i soldi.. nostri di chi paga le tasse..IMU TASI
    e pure IRPEF…sempre agli onesti tocca…

  3. # l'onesto curioso

    tutti bravi dar divano

  4. # romy75

    Bravi bravi continuiamo a salassar chi da anni si fa il mazzo per pagare il mutuo e aiutiamo sempre quelli che scelgono la facilità di prendere casa in affitto…..bell’Italia. Aiutiamo i bisognosi ma non con gli sgravi ma trovandoli lavoroooooooooooo basta regali i regali ce li dovete fare a noi che c’ammazzate con le tasse oltre algli interessi stratosferici sui mutui pure imu ci dobbiamo pagare vergognateviiii

  5. # alessia

    E chi ha piu di 38 anni??

  6. # Francesca marielli

    Non si capisce il criterio! I maggiori di 34 non se lo meritano?!bohhh

I commenti sono chiusi.