Vento a 75 km/h, si stacca una vetrata dal 12° piano della Torre. FOTO

Mediagallery

Momenti di paura ieri sera alla Cigna, quando intorno alle 22 a causa del forte vento fino a 75 km/orari una delle vetrate della Torre si è staccata dal 12esimo piano della struttura. Un automobilista, Simone Donati, sarebbe stato colpito in pieno mentre si trovava all’interno della propri auto se non fosse sceso pochi secondi prima. Quando la vetrata ha toccato terra è letteralmente esplosa in mille pezzettini. Sul posto si sono precipitati i vigili del fuoco. L’area è stata transennata. Non è la prima volta che una vetrata si stacca: era già successo quattro anni prima.
Quanto accaduto riaccende l’attenzione su un palazzo in stato di semi abbandono specialmente dopo il trasferimento dell’Agenzia delle Entrate a Porta a Terra (nella Torre sono rimasti solo gli uffici catastali e la banca). Basti dire che finito di costruire negli anni Novanta (oltre 4 mila metri quadri di uffici, tre piani di sotterranei, per 60 metri di altezza), valeva 33 milioni di euro. L’ultima volta è stato rimesso all’asta per l’ennesimo tentativo a partire da 6,3 milioni di euro.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # Marco

    Quel palazzo è una delle cose più brutte di Livorno.
    Orrendo e inutile!!!

  2. # dez

    Sapete cosa si fa quando un palazzo raggiunge il limite di guadagno zero ( ovvero quando i costi superano la rendita e il valore stesso )? si butta giù e si ricostruisce qualcosa di più sensato creando posti di lavoro e nuove strutture per riqualificare il posto e rimettere in moto la microeconomia della citta .

  3. # Carlo

    Quel palazzo è il “monumento” che descrive efficacemente la lungimiranza ed il buongusto dell’urbanistica e dell’architettura labronica di questi ultimi settant’anni.

  4. # max

    Poi, non contenti hanno lasciato incompiuto un’altro palazzone al Picchianti che poi farà la stessa fine. Che VERGOGNA.

I commenti sono chiusi.