Vandali nella notte: cassonetti rovesciati e danneggiati

Il costo complessivo degli interventi si aggira intorno ai 1.000 euro

Mediagallery

Mattinata fuori dall’ordinario per gli operatori di Aamps addetti alla riparazione e movimentazione cassonetti. Due gli interventi realizzati a seguito di segnalazioni dei cittadini e della polizia municipale. Nel primo caso si è provveduto a sostituire tre cassonetti rovesciati e danneggiati da un gruppo di vandali in via Nenni a Banditella. Nel secondo i contenitori posti in via Machiavelli (La Rosa) sono stati rimossi e sostituiti perché messi fuori uso da un’auto coinvolta in un incidente stradale senza conseguenze per il conducente. Il costo complessivo degli interventi si aggira intorno ai 1.000 euro

Riproduzione riservata ©

0 commenti

 
  1. # Lottatore

    Vandali livornesi, i solidi idioti……quanti ceffoni vi darei, e se poi viene a lamentarsi il vostro babbo, lui ne prende il doppio.

  2. # Gino

    Caro Lottatore, il vandalismo non e’ altro che una evoluzione ed una derivazione della codardia e della vigliaccheria, il vandalo in genere “opera” appunto di notte per non farsi vedere nella piu’ grande forma infida e meschina del vigliacco che e’ in lui dove sono raggruppate frustrazioni, complessi di colpa e problemi esistenziali. I ceffoni piu’ che altro andrebbero dati a coloro che li hanno educati male, cari genitore di questi ragazzi, siatene orgogliosi dei vostri figli sottolineandolo con ironia! Sono le colonne portanti e l’esempio su come devono comportarsi i giovani livornesi, ammesso che si tratta di livornesi ovviamente.

  3. # PirataTirreno

    Giusto, pienamente d’accordo!!!!

  4. # matteo

    Poveri giovani, non hanno più alcuna aspirazione vivono infognati nella tecnologia immersi in un mondo di scemenza. L’unica cosa che gli rimane è farsi una canna e arrovesciare un cassonetto, altro non sono capaci di fare.

  5. # siggino

    questo, e gli ultimi fatti di cronaca, dimostrano che le forze dell’ordine non sono messe in condizione di avere un pieno controllo del territorio,ma non dipende da loro, è come il sottorganico di medici non dipende dai medici,e se poi stai un giorno al pronto soccorso o per una tac aspetti un anno non dipende dal tecnico tac ma dipende da tutti noi che non protestiamo con chi ha le responsabilità delle inefficenze in tutti i campi.