Ritrovamento di ossa umane ai Tre Ponti

Mediagallery

IL PRIMO RITROVAMENTO – LEGGI QUI

Ancora un ritrovamento di ossa umane sulla spiaggia dei Tre Ponti. È successo alle 13 di ieri 24 settembre e si tratta del quarto caso in poco tempo dopo i ritrovamenti, sempre ai Tre Ponti, del 10-25 e 26 luglio. A dare l’allarme sono stati alcuni bagnanti. In questa circostanza si è trattato di parte di una costola e altri frammenti di arti inferiori. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. I militari non escludono che le ossa possano appartenere a Matteo Maestri, i cui resti riaffiorarono sempre ai Tre Ponti.
Ad ogni modo, le ossa sono state inviate alla medicina legale di Pisa che le analizzerà per stabilire, attraverso il Dna, a chi appartengano. Oltre a Maestri ci sono due dispersi negli ultimi mesi nel mare livornese. Antimo Mormile, 22 anni, di Altopascio, disperso dal 16 dicembre 2012 quando la macchina del padre sulla quale viaggiava venne abbandonata lungo il Romito, e Michel Thomas, 68, che il 19 aprile 2012 si trovava a  bordo una barca a vela in compagnia di otto studenti quando cadde in acqua.

Riproduzione riservata ©

16 commenti

 
  1. # francesca

    deh ma allora vuol dire che il corpo è rimasto fra gli scogli da qualche parte lì in zona!
    Che lo cerchino per bene invece di aspettare che il mare lo restituisca a pezzetti…..

  2. # lorenzo

    Sto pensando quanto e’ straziante ritrovare quel povero ragazzo un po’ a per volta, rivolgo un deferente pensiero alla famiglia che sta vivendo da tanto tempo una esperienza terrificante.. che la sua anima riposi in pace!

  3. # roberto1

    Paghi tu le spese ?

  4. # Nedo

    Dio mio che commento…..se fosse stato tuo figlio o tuo fratello, avresti avuto lo stesso il coraggio di fare un commento di cosi` basso livello??

  5. # Patrizia

    Ogni volta che viene diffusa la notizia del ritrovamento di un corpo o parte di esso ,.mi viene in mente la vicenda della povera Roberta Ragusa, di cui a tutt’oggi non si sa ancora nulla…

  6. # bozzolo

    Il problema non sono i costi ( anche se sarebbero esorbitanti ), come sostiene roberto1, ma che se non sono riusciti a trovarlo appena è successo il fatto ora purtroppo è impossibile, il tratto di mare è esteso e bisognerebbe guardare dietro ad ogni roccia, se qualcuno è mai andato sott’acqua in quel tratto di mare sa che è un vero labirinto bisogna aspettare che il mare renda i resti, la cosa più importante è che la famiglia trovi pace e penso che sia cosi dato che hanno avuto la risposta che forse non volevano.

  7. # salvatore

    Perché più delle volte si parla tanto per far prendere aria alle corde vocali ? io preferisco stare in silenzio che dire parole che non sano ne di cielo ne d terra!!

  8. # massimo

    La mareggiata dei giorni scorsi sicuramente ha contribuito allo spiaggiamento di questi poveri resti e molto probabilmente nella zona ve ne sono altri. Potrebbero essere fatte ulteriori ricerche con l’aiuto di club subaquei e/o effettuare in quella zona le esercitazioni che normalmente vengono effettuate dai vari corpi come a esempio : vigli del fuoco,etc..

  9. # Luciano

    hai assolutamente ragione ma purtroppo è routine, un saluto.

  10. # Antonio

    no.. le paghiamo tutti (e per fortuna) con le tasse versate.. per cosa credi si debbano spendere i soldi pubblici se non per la ricerca di un disperso?!?!

  11. # amaranto67

    si ma la risposta di roberto ti da l’esatta dimensione di come tutto sia ormai rapportato ai soldi… i soldi non esistono, sono solo un invenzione, una convenzione… non hanno altro valore se non quello che noi gli attribuiamo.. la vita le persone gli affetti… questi sono gli unici veri valori.

  12. # francesca

    certo che pago le spese, e le hai pagate anche tu (spero) e anche i parenti del disperso. Con le nostre tasse.

  13. # jobbee

    quella spiaggia intotolata matteo maestri perche il suo corpo giace li. le ricerche le puoi fare anche con sub volontari delle varie scuole livornesi di sub.

  14. # PIRATA

    Tutti abbiamo la passione di andare sott’acqua bisognerebbe organizzare un gruppo di volontari e provarci!

  15. # DANIELA

    Caro Pirata, il tuo commento denota una gran bella anima buona , leggerti e’ stato un piacere in poche parole hai detto un mondo di cose buone .

  16. # teresa

    che brutta cosa poveri genitori

I commenti sono chiusi.