Ubriaco molesta i clienti di due locali, poi fa il diavolo a quattro in questura: denunciato

La polizia ha denunciato un 42enne residente nel comune di Collesalvetti. L'uomo aveva il permesso di soggiorno scaduto nel 2012

Mediagallery

Ubriaco molesta i clienti di due locali nel giro di poche ore: denunciato dalla polizia. E’ accaduto ieri. Nella prima circostanza la polizia è intervenuta in piazza del Cisternone all’interno del bar “La Dolce Vita” su richiesta del titolare, il quale segnalava un uomo che disturbava la clientela.
La persona, in evidente stato in ebbrezza, si era rivolta con parole colorite all’indirizzo della commessa e verso il titolare intervenuto in difesa. Resosi conto che stavano per arrivare le forze dell’ordine l’uomo si è allontanato dal bar. Agli agenti intervenuti, il titolare ha fornito una descrizione del soggetto fermato poco distante dal locale mentre si trovava sul marciapiede in un andamento incerto.
Dagli accertamenti è emerso che si trattava di H.B, del 1971, serbo, residente nel comune di Collesalvetti con il permesso di soggiorno scaduto nel 2012. Al 42enne è stata contestata la sanzione amministrativa per ubriachezza molesta ed è stato invitato a regolarizzare la sua posizione sul territorio italiano.

Ma non finisce qui.  Poche ore dopo, intorno alle ore 21, il titolare dell’enoteca di via Sproni ha chiamato per segnalare un uomo in stato di ubriachezza che, anche in questo caso, dava fastidio ai clienti. La pattuglia inviata sul posto, dopo aver raccolto la descrizione del personaggio, lo ha rintracciato in via Mentana. Al momento del controllo il 42enne,  lo stesso del pomeriggio, ha dato in escandescenza minacciando gli operatori e cercando di sottrarsi al controllo.  Alla fine è stato denunciato in stato di libertà per resistenza e minacce a pubblico ufficiale e danneggiamento aggravato in quanto una volta all’interno degli uffici della caserma di viale Boccaccio invece di calmarsi ha iniziato a prendere a pedate le panche, danneggiando sempre con dei calci la porta della stanza, provocandone così  la rottura.

Riproduzione riservata ©

29 commenti

 
  1. # PIO

    Alla frutta!!!!

  2. # Boia-deh

    Restituiamogli con gioia ciò che ha elargito con tanta generosità a porte e sedie NOSTRE: qualche bel pedatone nel c…sedere e vedrai che la voglia di molestare le persone e la sbornia gli passano presto!
    Come se non bastasse il permesso scaduto, anche in possesso di voglia di disturbare oltrechè di soldi per pagarsi da bere?

  3. # liburnico

    vai te… briao “tegolo” in Serbia e azzardati dico solo “azzardati” come Italiano a comportarti cosi’… in Serbia!!! Provati solo!!! … da noi … popoli di buoni e rispettosi per non dire cose che mi potreste censurare, possono far quel che gli pare!!!

  4. # lamif

    “E’ stato invitato a regolarizzare la sua posizione sul territorio italiano”!?!?!?
    E infatti poche ore dopo ha preso a pedate panche e porte della Questura!.
    Questa polizia non fa paura ad un ubriaco! Figuriamoci ad un vero delinquente lucido e determinato!

  5. # paolo

    boia deh!

  6. # Lorenzo

    “L’uomo era stato invitato a regolarizzare la sua posizione sul territorio italiano”
    !!!!!! Continuiamo così dai che andiamo forte!!!

  7. # alla frutta

    Leggi notizie di padri di famiglia di 33 anni che purtroppo abbandonano la vita troppo precocemente lasciando nel dramma famiglia parenti ed amici, un ragazzo lavoratore serio ed onesto che non aveva mai fatto del male e rotto scatole a nessuno. Poi leggi questa notizia di un vagabondo alcolizzato viscido che per romperci le balle è venuto anche dalla serbia e ti chiedi….. ma non poteva succedere a lui? non poteva esser l’inverso? ma cosa ci sta a fare al mondo una persona del genere. SONO SEMPRE PIU CONVINTO CHE NON ESISTE NESSUN DIO.

  8. # Libero

    Non è la polizia che deve far paura, ma le leggi….la gente picchia le forze dell’ ordine e spacca tutto perché sanno che restano a piede libero….vai a farlo in Germania o in Francia e poi me lo racconti….

  9. # Mario

    hai vissuto in Serbia,per esserne così certo? O parli così..da una tua pura idea di com’è la Serbia?

  10. # lamif

    E quindi? Dobbiamo emigrare? Ma per favore!

  11. # Erik62

    Ma tanto alla Boldrini e alla Kyenge che girano con la loro bella scorta non frega niente di tutto questo….

  12. # Cosimo

    Addirittura denunciato? Mamma mia, chissà che paura avrà avuto!

  13. # Libero

    Quindi? Dimmelo tu cosa vorresti…….. polizia che spara come negli USA? Ma che discorsi stai facendo, la colpa non è delle forze dell ordine ma dei magistrati buonisti che lasciano tutti i delinquenti arrestati a piede libero, ma la conosci la procedura penale o parli a caso?? Leggi un po’ cheti fa bene! Le forze dell ordine si limitano a fare indagini e a trarre in arresto, tutto ciò che avviene dopo l’ arresto e’ deciso dai magistrati e dai giudici…se vuoi i delinquenti in galera ci vuole l’ applicazione delle leggi e leggi più severe!

  14. # livornesepuro

    Non so come sia in Serbia, ma prova a chiedere ai “tifosi” laziali com’è in Polonia.
    Secondo me il panettone a casa non lo mangiano !!!

  15. # fine

    gia gli ubriachi li odio, quelli molesti poi…..

  16. # liburnico

    certo che ci sono stato per questo lo dico, un tempo le linee internazionali a risparmio facevano scalo a Belgrado e una idea me la sono fatta, all’epoca le RYAN etc etc non esistevano ancora!!!

  17. # Malizioso Troll

    Che i magistrati siano buonisti è un tuo vaneggiamento. Applicano le leggi, e le leggi sono ipergarantiste perché la nostra classe politica le ha volute così. Cambiamo classe politica, ma davvero, e allora forse le cose cambieranno. Per tutto il resto, sono d’accordo con te. Non è trasformando il paese in un Far West che riusciremo a vivere sereni.

  18. # mi par mill'anni

    Nel ’40 alla seconda non ci sarebbe arrivato …

  19. # amaranto67

    eh no.. se i magistrati rimettono la gente fuori è perche ci sono leggi che gli impongono di farlo… il magistrato non se le inventa le leggi, le applica.

  20. # amaranto67

    non è perche c’hanno la scorta che non si rendono conto, è che vivono in un mondo ovattato al riparo dalle brutture della vita di noi miserabili… vivono a roma nel quartiere della politica fatto di ristoranti esclusivi da 200 euro a pasto in su, nei loro alberghi a 5 stelle, trascorrono il tempo tra una cena di lobby e una serata al circolo del tennis, lavorano 3 giorni alla settimana (si signori il parlamento si riunisce 3 gg alla settimana, i restanti 4 fanno cosa vogliono) cosa significhi campare con 1000 euro al mese non se lo immaginano nemmeno… come puoi pensare che davvero si rendano conto del livello di insicurezza che affligge le persone normali?

  21. # max

    Serbi,albanesi,romeni,magrebini,siete pregati gentilmente di ritornare nelle vostre patrie natie,cosi’ sia noi italiani che voi stranieri si stara’ bene.

  22. # okkioperokkio

    Basta!!! Siamo ridicoli: “invitato a regolarizzare….” ma non scriviamolo nemmeno, facciamo più figura.

  23. # Stefano

    Mi pare anche regolare, si sono presentati a una partita di calcio con asce e mazze….

  24. # Gino Rossi

    In galera ci vai solo se sei in attesa di giudizio; perciò se sei straniero, in Italia puoi fare ciò che ti pare e puoi starci anche se hai il permesso di residenza scaduto. Puoi così delinquere, molestare, danneggiare cose e persone con la piena impunità. Gli unici a rimetterci sono Forze dell’Ordine, praticamente disarmate ed i cittadini Italiani ai quali è scaricato il peso della libera immigrazione e dell’ordine pubblico. Forse i politici non si sono accorti che sono rimasti i soli a “credere” nell’Europa unita…….nelle strade inizia ad aumentare la gente comune che non ne può più.

  25. # Libero

    Bravo! Quelli pensavano di andare in Polonia e fare come fanno con i poliziotti italiani…..ovvero caricarli e picchiarli….solo che li se tocchi un poliziotto ti arrestano e sconti 2 anni in carcere……..ben gli sta! Non sono tutti dei popolini falliti come l’ Italia.

  26. # daniela

    soluzioni?

  27. # daniela

    a livorno le soluzioni non si trovano, anzi non si e’ capaci a trovarne BASTA FARE E POLEMIZZARE su tutto tanto il tempo passa e l’importante e’ fare i pottaioni della domenica e delle feste comandate e non.

  28. # daniela

    ma cosa ci vuoi fare? hai visto come i soliti livornesi si criticano tra di loro e devono per forza commentare e dire la loro polemica sulla polemica?
    l’IGNORANZA E’ L’UNICA COSA CHE AVANZA A LIVORNO.

  29. # Lorenzo65

    Ma i buonisti che rivendicano il diritto degli italiani a ricevere pedate e molestie anche da parte di ubriachi stranieri dove sono? cos’è questo silenzio? Non vorrete mica farci passar per razzisti! Allora rivendico io il diritto anche per gli alcolizzati stranieri di calciare e molestare i cittadini onesti e lavoratori. Almeno non sia mai detto che facciamo discriminazioni!

I commenti sono chiusi.