Tragico parto in casa, muore bimbo

Mediagallery

Tragico parto in casa. E’ accaduto poco dopo le 18 del 21 novembre in via Jacoponi, zona Calambrone, dove un neonato è venuto alla luce privo di vita.
A chiamare è stato il fratello (che poi si è rivelato essere il marito), di origine sudamericana (la famiglia è boliviana), spiegando che la moglie, all’ottavo mese, era alla quarta gravidanza e stava avendo dei forti dolori. La donna era sdraiata sul letto dell’abitazione, una struttura in condizioni precarie, quando ha iniziato a star male per via dell’imminente parto. A quel punto, il marito, secondo la ricostruzione dei carabinieri, ha preso un paio di forbici e ha tagliato il cordone ombelicale. Il medico quando è arrivato sul posto ha trovato il piccolo deceduto. La madre è stata trasferita d’urgenza al pronto soccorso per l’espulsione della placenta. Non rischia la vita.
Il magistrato ha disposto l’autopsia sul corpo del piccolo. Si tratterà ora di capire se il bambino sia nato morto oppure se dopo il parto e se possano esserci state delle imperizie da parte dell’uomo nel taglio del cordone.

 

Riproduzione riservata ©

22 commenti

 
  1. # Marta

    Un c’andà all’ospedale no!

  2. # marcioss

    se c’avete miseria cosa le mettete a fare al mondo le creature!…..Mi dovrei commuovere quando sento certe cose? dico no! visto che non è obbligo commuoversi,ho 40 anni e un figlio fino a che non ho una situazione economica stabile non lo faccio, e non vi immaginate la voglia che abbiamo…questo si chiama senso di responsabilità…

  3. # Roberto-Bobbe

    Boia! Ma dove credono d’èsse sta’gente? Nelle Ande? Il marito che con le forbici taglia ir’cordone ombelicale… Ma un’lo sà che a Lvorno c’é la Miseriòrdia, la SVS… la levatrice, l’ospedale con la maternità…. Boh…

  4. # luca

    Grazie al cosiddetto “multiculturalismo” ed alla miseria equamente distribuita finiremo per abituarci sempre più a notizie di questo genere.

  5. # AntoniO

    Hai mai sentito parlare di contraccettivi? Se non puoi permetterteli può capitare che prima o poi una donna rimanga incinta.Poi cosa c’entra il fatto di averla fatta partorire in casa con la situazione economica? In Italia fortunatamente ti fanno partorire anche se non hai nulla!

  6. # LIVORNO

    che commenti tristi……. boh io non capisco, è morto un neonato e voi sapete solo sparare sentenze e fare dell’umorismo…. complimenti. Vergogna!!!

  7. # Eleonora

    innanzitutto non sappiamo come sia andata la vicenda . al 4° parto le cose possono anche essere molto veloci. il bimbo poteva avere il cordone al collo che lo strozzata e il babbo ha tentato di salvarlo tagliandolo con la prima cosa che aveva a portata di mano… la vicenda potrebbe non essere necessariamente figlia dell’indigenza ma solo una tragica sfortuna.

  8. # Lilia

    Vi ricordo che è morto un bambino. Serve rispetto. Vergognatevi dei vostri commenti!

  9. # Arti

    Dai commenti che ho letto a chiacchierare son bravi tutti ,senza sapere come sono andate le cose. Tipico livornese!!!

  10. # Topina

    Povera creatura , riposa in pace.

  11. # Roberto-Bobbe

    Raga, calma e palla al centro. Si, è morto un bambino, e di questo ce ne addoloriamo tutti. Ma la causa? Siamo nel 21esimo secolo, e l’ignoranza non è più un’attenuante!!! Se i genitori si fossero comportati di conseguenza il bambino sarebbe ancora vivo, quindi basta col buonismo stupido e dare la colpa a miseria o povertà!

  12. # Stella

    Certi commenti li ho trovati inumani e agghiaccianti. Io sento solo pena, per questa donna, il suo bimbo, e suo marito. A buio, al Calambrone, in una casa “in condizioni precarie” (e chissà chi gliel’ha affittata quanti ‘vaini li prende!), un’emergenza, magari un malore, un parto precipitoso e inaspettato (visto che era solo all’ottavo mese). Quel poveraccio del padre, avendo esperienza di altri tre figli nati prima, avrà fatto del suo meglio, o magari il bimbo era nato morto, vai a sapere… e tutti a far battute… che tristezza!

  13. # marcioss

    Antonio vedi che ti contraddici da solo prima di inviare il commento rileggitelo ammodo, dici che secondo te non possono permettersi i contraccettivi, e poi non sei sicuro che ciò sia dovuto ad una situazione economica precaria??..ma scusa te quanto li paghi i preservativi 20 euro l’uno???….

  14. # Gabriele

    Un bel commento, congratulazioni, c’è un bimbo morto e non sai nemmeno con precisione come sono andate le cose. E se anche tu lo sapessi nel dettaglio, il tuo rimane un commento di …

  15. # Jhonfante

    AAA vendo testo: “corso di ostreticia” in 3 volumi, mai aperto come nuovo

  16. # Daniela

    Mi viene i brividi a leggere certi commenti. Rispetto al bambini morto , riposa in pace piccolino.

  17. # mario

    MAH ROBA DELL’ALTRO MONDO ITALIA 1812….PRIMA DI GARIBARDI……

  18. # LIVORNO

    infatti, l’ignoranza non è un’attenuante…. allora mi spieghi come mai te sei qui a scrivere???
    Lo sai te che il bambino sarebbe ancora vivo??? sei un medico??? hai fatto l’autopsia??? sai come si sono svolti i fatti precisamente??
    Spero tu non abbia figli perchè non oso immaginare che razza di insegnamenti potresti dargli…..

  19. # Melina

    Boia… tutti santi… Ma quanto siete bravi. Meno male che ci siete voi. Lasciate un recapito telefonico, così se avrò bisogno vi chiamerò.

  20. # La moracciona

    Ma via via un po’ di silenzio e rispetto non costa tanto e non fa male a chi ferite gratuitamente, mi dispiace tanto per il caro bambino, e un abbraccio hai genitori.

  21. # AntoniO

    E te se al mese hai 300€ ti compri i preservativi?

  22. # Yeye

    Scusa ma che c’è entra in questo caso il multiculturalismo…le diversità culturali lasciali in altri contesti, in questi casi crei xenofobia e razzismo…

I commenti sono chiusi.