Terrore a Salviano, rapina negozio. Cassiera minacciata con un coltello

Mediagallery

Rapina da Ideal Bimbo in via Cimarosa, a Salviano. Ad agire, sabato sera, è stato un uomo che è entrato nel negozio intorno all’ora di chiusura minacciando con un coltello una commessa.
L’allarme è scattato intorno alle 19.30 quando il personale era impegnato nei conti in vista della chiusura. Come ricostruito dai carabinieri grazie anche alle testimonianze, il malvivente, vestito in modo sportivo e a volto scoperto, si è diretto verso l’impiegata che stava conteggiando l’incasso. Puntandole l’arma al volto, l’ha costretta a infilare le banconote in un sacchetto intimando agli altri dipendenti di stare immobili.
La vittima della rapina, sotto shock ma illesa, ha solo fatto in tempo a vedere che il bandito stava scappando in sella a uno scooter.
In base ai primi accertamenti si tratterebbe di una persona “nuova” sulla piazza di Livorno. Dai tratti somatici e dall’accento sembrerebbe nordafricano.
I carabinieri hanno acquisito i filmati delle telecamere e hanno intensificato i pattugliamenti, soprattutto negli orari della chiusura dei vari negozi. Ideal Bimbo, secondo gli investigatori, è stato preso di mira anche per la sua vicinanza a una via di fuga come la Variante. Da quantificare il bottino, ma si parla di alcune migliaia di euro.

Riproduzione riservata ©

17 commenti

 
  1. # Max

    è nòva, da bimbetto (anni 70) si poteva stare con le porte di casa aperte….

  2. # gg

    BASTA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. # ivo di bodda

    Mi viene a mente una vecchia canzone di Gino Paoli

    Senza fineeee

  4. # Paolo

    Ormai Livorno e’ nelle loro mani, nonostante ciò c’è ancora chi li difende. Ma si sa poverini loro chiedono asilo politico allora possono fare quello che vogliono, protetti da coloro che sostengono che sono povera gente e vanno aiutati….ma a noi Italiani vittime di violenza chi ci aiuta?

  5. # Liiliputz

    vengono a cercare una nuova, onesta, tranquilla vita….Ma per favoreeeeee: dei nostri non possiamo liberarci, ma magari non ne facciamo entrare altri

  6. # sessantenne

    bravo Paolo,la penso come te.

  7. # amaranto67

    Paolo fosse messa solamente Livorno così, si avrebbe fatto tombola! Tutta l’Italia è messa così, più son grandi le città (o più soldi circolano) più il problema è tangibile… immaginati te cosa succede a Milano, Roma, Firenze…. del resto se si fanno entrare decine di migliaia alla volta è chiaro che finisce che la maggior parte rimane senza casa e lavoro e siccome anche loro mangiano e hanno freddo di notte finisce che si arrangiano con i soli mezzi che rimangono, ovvero quelli poco legali. La colpa come sempre è dei politici che per non assumersi la responsabilità della respinta e rimanere “spiritualmente immacolati” non regolamentano i flussi facendo di fatto il male dei cittadini autoctoni e dei nuovi arrivati.

  8. # Cecilia Caroti

    Mi dispiace troppo per la cassiera, chiunque sia. Sono tutte ragazze fantastiche e simpaticissime. E concordo sul fatto che ormai anche Livorno è diventata una città dove c’è da avere paura.

  9. # alan

    Credo che la certezza del carcere duro, di una punizione esemplare o magari di un rimpatrio con conseguente carcerazione nelle galere del paese di appartenenza sarebbe un bel deterrente per queste persone che delinquono sapendo che male che gli vada si fanno un po di “soggiorno obbligato” con “vitto niente male” per poi ritornare a commettere crimini, magari ancor prima di quanto preventivato grazie all’ennesimo decreto “svuota carceri”.

  10. # Malizioso Troll

    Pagamenti con carta e bancomat. No contanti = no rapine. Non è difficile da capire.

  11. # Sa?sa

    ragazzi, l’Italia e’ finita… Cose che non vanno, leggi che non vanno, pene (chiamiamo le così) che fanno ridere, lo Stato che non ha il pugno duro non è’ uno Stato.
    Che peccato, basterebbe poco!

  12. # alan

    ….buona questa….a casa mia non posso essere libero di pagar in contanti un pacco di pannolini per paura di essere derubato…..

  13. # Malizioso Troll

    Non la buttare sul drammatico (a parte il fatto che con quel che costano i pannolini, ormai, anche per quelli è giustificato il bancomat): se comincia a diffondersi l’abitudine di usare le carte e a fine giornata un negozio ha in cassa duecento euro di contanti invece di duemila, diventa assai meno appetibile per i rapinatori.

  14. # lorenzo65

    Finalmente anche a Livorno arrivano le novità: difatti questo nordafricano sembrerebbe nuovo sulla piazza di Livorno. Almeno in questo campo l’immigrazione è motore di rinnovamento e progresso!

  15. # Sandro

    La delinquenza dilaga giorno per giorno ma le istituzioni non fanno nulla per proteggere i cittadini, una vera vergogna, mi chiedo dove andremo a finire.

  16. # Giusto

    Ucraini vs Stato 2 – 0.

    Quella è democrazia!!! E’ l’ unico modo di farsi sentire…. Mah….!!

  17. # vale-giramento

    Entri con un coltello per rapinare e dentro ci trovi uno parecchio grosso che ti sfà dai picchi. Il problema è che poi fanno il processo a te che difendi la tua proprietà. Sono successi casi dove il derubato è stato denunciato dal malvivente per percosse.

I commenti sono chiusi.