Super tasso alcolemico, 5 patenti ritirate

Controlli dei carabinieri durante il fine settimana dell’Epifania. In 5 trovati alla guida con 2,40 grammi per litro

Mediagallery

Numerosi i servizi di controllo effettuati, durante il fine settimana dell’Epifania, dai carabinieri del Comando Provinciale di Livorno. L’intera attività, alla quale ha preso parte anche personale del Nucleo Cinofili, ha visto i militari impegnati su diversi fronti: dalla prevenzione e repressione dei reati contro il patrimonio, al controllo delle persone sottoposte agli arresti domiciliari, alla repressione del fenomeno dello spaccio delle sostanze stupefacenti.
Il bilancio finale è stato di una persona arrestata per spaccio, 12 denunce per reati vari ed oltre 70 grammi di stupefacente sequestrati.

Intensificati anche i controlli alla circolazione stradale, dove particolare attenzione è stata posta alle violazioni inerenti la guida di autoveicoli in stato di ebbrezza alcolica ( art. 186 C.d.S.), a seguito dei quali sono state ritirate 5 patenti di guida. Tra i molti automobilisti controllati 5 sono risultati positivi all’alcoltest con valori, in alcuni casi, anche superiori ai 2,40 g/l. I trasgressori sono stati pertanto denunciati per guida in stato di ebbrezza alcolica con conseguente ritiro delle rispettive patenti di guida.

A finire in manette è stato il 30enne Yaw SAFO, di origine ghanese, regolarmente presente sul territorio nazionale. L’extracomunitario, fermato ad un posto di controllo mentre era alla guida della propria autovettura, tra l’altro privo di patente, è stato trovato in possesso di oltre 38 gr. di Marijuana, già suddivisa in dosi e pronta ad essere smerciata. Nel corso di analoga attività, sono state poi denunciate in stato di libertà altre 4 persone trovate, complessivamente, in possesso di oltre 27 grammi di droga.

I militari hanno, inoltre, deferito all’A.G. altre 2 donne responsabili entrambe del reato di furto. La 22enne G. C. e la 20enne G. G., pregiudicate, sono infatti state sorprese all’interno del Supermercato “Penny Market” di via Mastacchi, mentre asportavano diversi prodotti riposti sugli scaffali.  Infine, si è proceduto al controllo dei numerosi soggetti sottoposti al regime degli arresti domiciliari, al fine di verificarne l’effettiva presenza nonché l’eventuale violazione degli obblighi impostigli.

 

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # nedo

    Bene bravi…avanti cosi!

  2. # jobbee

    ottimo lavoro continuate cosi. complimenti al comando provinciale dei carabinieri.

  3. # nedo

    “A finire in manette è stato il 30enne Yaw SAFO, di origine ghanese, regolarmente presente sul territorio nazionale. L’extracomunitario, fermato ad un posto di controllo mentre era alla guida della propria autovettura, tra l’altro privo di patente, è stato trovato in possesso di oltre 38 gr. di Marijuana, già suddivisa in dosi e pronta ad essere smerciata”…QUESTI VERAMETE FANNO COSA GLI PARE, SPACCIO, GUIDA SENZA PATENTE,IN PIU’ SPESSO LE MACCHINE NON HANNO ASSICURAZIONE…..VORREI SAPERE IN BASE A QUALE CRITERIO LA SUA POSIZIONE IN ITALIA E’ STATA REGOLARIZZATA….COME SE AVESSIMO BISOGNO DI ALTRI DELINQUENTI OLTRE AI NOSTRI CHE SONO PURTROPPO NUMEROSI…

  4. # Roberto

    … e dev’esse Befana tutti i giorniiiiiiiii, bravi!

  5. # Lorenzo65

    Pensa un po’ se uno senza patente causa un incidente…chi paga?? Ma tanto cosa rischia chi non ha nulla??? qualche giorno di fermo..e poi..libero per ricominciare. Ai soliti fessi le multe, i bolli auto e le assicurazioni salate da pagare. E se non righi dritto ti si leva pure la patente. Adesso discutono se aggravare il reato di guida pericolosa per chi beve e togliere per sempre la patente..ma a chi?? a chi non la mai presa è difficile….se poi è una patente straniera( rumeni, albanesi, tunisini, marrochini, etc) non pesno l’italia possa ritirare un documento di un paese estero. Alla fine sono sempr ei soliti fessi italiani a pagare….e a soccombere alle leggi!

  6. # Gianni

    L’Epifania tutte le patenti le porta via.

  7. # nicola

    Ecco, visto che questo è regolare quindi sappiamo nome cognome nazionalità possiamo prenderlo impacchettarlo e rispedirlo al mittente come cittadino indesiderato con obbligo di non rimettere piede in suolo italiano! Giusto??

  8. # Dario Mongiello

    LIETI EVENTI – Carabinieri al posto del 118. Bambino che non respira soccorso e salvato
    Spesso, ingiustamente, si accusano i carabinieri di non essere presenti in caso di necessità. In realtà la storia che raccontiamo, dimostra il contrario. L’altro giorno, in via Carmagnola a Pinerolo, la pattuglia dei carabinieri di Pinerolo sono fermi al distributore di benzina per il rifornimento di carburante al mezzo di servizio. All’improvviso, dal portoncino del condominio di fronte, esce un uomo M. V. con un bambino di due anni in braccio che urla. “Aiuto mio figlio non respira più.” Dietro all’uomo la moglie, tutti e due sconvolti. “La testa del piccolino era sorretta dal braccio del papà – racconta il nostro testimone – il volto era bianco e in effetti non respirava. Ho visto i due carabinieri che gli sono subito corsi incontro e hanno portato i due genitori con il bambino dentro l’ auto di servizio e, senza pensarci due volte, hanno invertito la marcia e con i sistemi d’emergenza accesi sono andati via verso l’ospedale. In ospedale il bambino viene subito rianimato e per i genitori un grande sospiro di sollievo. Nella foto (repertorio) i carabinieri di fronte all’ospedale Agnelli di Pinerolo.

I commenti sono chiusi.