A rischio la polizia postale di Livorno. E’ giusto? L’intervento di don Razzauti

In ballo ci sono indagini come in materia di pedopornografia e truffe online, ma anche e soprattutto attività di prevenzione e informazione nelle scuole, e non solo, a tutela dei minori che il personale della postale di Livorno svolge da 10 anni

Mediagallery

La sezione di polizia postale e delle comunicazioni di Livorno rischia di chiudere. Il 20 febbraio il governo ha inviato un telegramma a questori e prefetti di Italia chiedendo un parere circa il progetto di riduzione degli uffici di polizia dislocati nel territorio di competenza, in virtù dei tagli previsti dalla spending review, e conseguente accentramento in un comportamento unico regionale (uno per ogni capoluogo di Regione). Per la nostra provincia si parla di tagliare, oltre che la postale, la squadra nautica di Livorno e Piombino, la sottosezione della stradale di Portoferraio e la polizia ferroviaria di Campiglia Marittima. Entro il 10 marzo i questori  sono a chiamati a esprimersi e va da sé che il mondo sindacale della polizia, locale e nazionale, è già in fermento e in questi giorni sarà impegnato a scongiurare i tagli. Sono, naturalmente, già partite le prime lettere-appello firmate dalle maggiori sigle sindacali come Silp, Sap, Coisp che in coro dicono: “Giù le mani dalle sicurezza dei cittadini. No alla chiusura selvaggia di centinaio di uffici di polizia”.
La preoccupazione maggiore riguarda la possibile chiusura della postale in piazza Benamozegh. Sappiamo tutti quali sono le funzioni e attività svolte dagli agenti assegnati a tali uffici. Non parliamo solo di compiti operativi e di indagine in materia di pedopornografia, truffe online, frode informatica, phishing, stalking e cyber bullismo solo per citarne alcune, ma anche e soprattutto attività di prevenzione e informazione nelle scuole, e non solo, a tutela dei minori che il personale della postale di Livorno  svolge da 10 anni. Inoltre, gli uffici della postale raccolgono ogni mese decine di denunce e essendo aperti al pubblico 3 ore al giorno sono diventati dei veri e propri sportelli di ascolto, dove i cittadini possono recarsi e affidarsi a uomini competenti, qualificati e di comprovata esperienza. Tutti servizi che verrebbero meno determinando una minore percezione della sicurezza da parte dei livornesi. Staremo a vedere gli sviluppi di questa vicenda.

INTERVIENE DON PAOLO RAZZAUTI
In questi giorni, si sta parlando di ridurre i servizi della Polizia di Stato. La cosa mi preoccupa moltissimo, in quanto -ancora una volta- si tagliano servizi ai cittadini. La cosa che mi preoccupa di più è la prevista chiusura della Polizia postale. Secondo il mio parere è uno dei servizi indispensabili nel nostro tempo; tempo nel quale l’uso degli strumenti di comunicazione pè al massimo, ma sappiamo che spesso- soprattutto lo web- non vengono usati al meglio, anzi sono usati per motivi delinquenziali. Spesso le vostre cronache hanno riportato gli interventi di detta struttura e di come attraverso di essa si sia giunti a smascherare, frodi,intimidazioni e violenze; di come attraverso di essa sia siano scoperti piani di hakeraggio su p.c. Ed allora mi domando : Sig. Questore, sig. Prefetto siete veramente certi che chiudere una struttura del genere sia un bene per la città e la sua popolazione ? Per favore, non rovinate uno dei vostri migliori servizi. Noi abbiamo bisogno non di repressione ma di prevenzione. La repressione, spesso, porta nuova violenza, la prevenzione aiuta ed in determinati casi è educativa. La mia , personalmente, è soltanto una piccola voce, ma nel mio ruolo di Vicario del Vescovo per la Città di Livorno, ceredo di poter interpetare la voce di tanti cittadini. Ed allora vi chiedo, a nome dei tanti, di non chiudere questo servizio indispensabile per la sicurezza dei nostri giovani e di noi tutti. Mi potreste rispondere che la decisione viene dall’alto, ma la storia ci insegna che sono le voci dal basso che creano le situazioni, che possono consigliare chi è più in alto. Confido nel vostro senso del dovere e, ringraziandovi per ciò che fate per la nostra Città, Vi auguro, anche in questo caso, di prendere la decisione più giusta per la popolazione :mantenere in vita la Polizia postale. Spero ci riusciate. Da parte mia la massima disponibilità a collaborare per il bene di tutti.

Don Paolo Razzauti, vicario episcopale per la città

Riproduzione riservata ©

44 commenti

 
  1. # Federico

    Ma come tagliano servizi essenziali e non si tagliano gli stipendi i politici …Vergogna….

  2. # Fra

    Non sono completamente d’accordo. Ultimamente si sono rivelati più utili loro della Municipale…

  3. # LUCA

    Ma certo, tagliamo sulla sicurezza pubblica e continuiamo ad importare delinquenza soprattutto dall’estero, così la delinquenza aumenta e le istituzioni atte a proteggere il cittadino diminuiscono, tutto comunque consone a questa Italia che va indietro invece di migliorare.

  4. # fox65

    Giustissimo se serve ad arginare le spese ma sarebbe giusto anche togliere ai politici in particolare a quelli livornesi che hanno impoverito la citta e speso soldi per rotatorie e semafori inutili

  5. # Nedo1

    concordo in pieno, la polizia postale di Livorno e’ utilissima e lavora bene!

  6. # Andre

    Vedo molto pollici verdi,ma quanti sono veramente disposti a scendere in piazza per dare una mano in primis a queste persone ? L’UNICA volta che ho visto Livorno unita è stato quando i dipendenti ENI scioperarono un paio di anni fa…fu talmente fatto bene che dopo poco trovarono un accordo. Speriamo che anche stavolta si risolva tutto per il meglio

  7. # Sergio

    Perchè togliere sempre o ridurre le fonti di sicurezza e protezione per tutti quanti noi cittadini?La spending review sarebbe ora che fosse applicata a tutto il Parlamento e ridistribuita per risanare il nostro Paese con i fatti e non sempre con le solite parole e promesse al vento!!!

  8. # Francesco R.

    Tagli alla Polizia Postale??? Con tutti quei pedofili, truffatori, spacciatori ecc ecc in giro per il web, passando da Facebook fino ad arrivare alle nostre carte di credito??? Spero sia una bufala questa notizia….

  9. # Pinio

    Mi sa un po’ degli 8000 delinquenti che la Cancellieri vorrebbe graziare perche’ ci costano troppo……….no comment

  10. # FrancoR

    Uno dei pochi uffici che lavorano e che proprio di questi tempi è essenziale vorrebbero tagliarlo? Siamo alla frutta…..
    Non passa giorno che si senta parlare di pedofilia, truffe telematiche, truffe con cellulari etc etc e l’unico ufficio competente in Italia per questi reati verrebbe ridotto… forse chi prende certe decisioni è in accordo con i vari delinquenti.
    Da anni proprio l’ufficio della Polizia Postale di Livorno ha una squadra di bravi informatici sempre disponibili alle tante denunce quotidiane.
    Spero che ci ripensano e un GRAZIE alla squadra della postale di Livorno

  11. # paola

    vergogna…e noi..chi ci tutela?

  12. # Luca

    siamo in un era tecnologica dove su internet possiamo far tutto ciò che ci viene in mente…acquistare, viaggiare,informazione,divertimento….ma, anche….truffe,minacce,adescamenti pedofili ecc…ecc,
    La polizia postale è l’organo che controlla ciò che di male avviene su internet smascherando truffatori e pedofili, ma siccome siamo in un paese dove ciò che serve è inutile…. cosa fa il nostro governo…? taglia sulla nostra sicurezza, su coloro che tutelano i nostri figli in rete…..
    Spero vivamente come padre, che venga sollevata una protesta on line su quanto vogliono fare…naturalmente da indirizzare a chi di dovere….

  13. # Giorgetti Andrea

    Diciamo tutti un no! Deciso ai tagli proposti per la polizia telematica. Ridurre I servizi vuol dire mettere a rischio il cittadino onesto vuol dire favorire il malaffare e il crimine. Oggi le nostre attività passano tutti dalla rete.
    quindi, diciamo tutti insieme un deciso no! A questi tagli
    andrea giorgetti
    Cgil medici funzione pubblica Livorno
    Direttivo Cgil funzione pubblica Livorno

  14. # silvia

    E chi controllera’ che la rete sia sicura per noi e soprattutto per i nostri figli?
    La pedopornografia e’ un reato control l’umanita’, non ce lo scordiamo, e noi vogliamo lasciare libero campo ai mostri di agire indisturbati? Ma tagliamo piuttosto sugli sprechi invece che sui servizi utili e piu’ che validi !

  15. # sergio

    Tagliate le scorte a tutti i parlamentari che non sono più nel governo ai vari Brunetta santanche, Bertinotti, Berlusconi, Fini ecc… vedrete quanti poliziotti ci saranno di più.

  16. # Stefania

    La Polizia Postale e’ al servizio del cittadino e in questi ultimi anni con la crescita informatica e non utile ma NECESSARIA questi tagli sono assurdi e non portano nessun Benificio alla nostra CITTÀ’

  17. # Cyprus

    Incredibile….ogni giorno leggiamo di truffe sul web per aziende e privati a gravi fatti di cronaca come cyberstalking , cyber bullismo , pedopornografia….resterebbero solo gli uffici dei capoluoghi ? È il cittadino deve andare la a denunciare? E se si deve intervenire velocemente con personale qualificato? Boh!!! Invece di andare avanti si va indietro…speriamo che Renzi agisca da innovatore …restiamo al passo coi tempi!!! Questi sono Angeli per i nostri Figli….di recente sono stato in piazza della repubblica col Tir della polizia di stato??la postale e’ all’ avanguardia….sono esterrefatto…..

  18. # Mamma

    Non posso crederci….da mamma di un adolescente non riesco a crederci, ho partecipato una volta ad un incontro con il Comune, la scuola e la postale. Fu molto utile, ci han fatto vedere i rischi di internet per tutti e non solo per i minori….come fare per dire la nostra? Commentare tutt’intorno insieme. ..speriamo ci ripensino…..

  19. # Vento di Libeccio!

    Mi auguro che ci sia un ripensamento a questa sciagurata ipotesi che, se attuata, metterebbe la sicurezza e l’incolumità dei cittadini esposta dinanzi alla piccola delinquenza, ormai dilagante sul nostro territorio livornese!

  20. # claudia

    Ma invece di tagliare sulla sicurezza del cittadino perché non si tagliano i loro stipendi! politici vecchi e nuovi tanto sono tutti uguali.

  21. # salvatore favati

    … ma a chi volete che importi della nostra sicurezza? della criminalità in aumento ? delle truffe telematiche ? del malessere che provano i piu’ deboli a trovarsi soli per strada di notte in città ?

    Il problema è NON spendere, punto e basta, il resto …verrà da sé…

    Disse un tempo un comico francese candidato per l’Eliseo ( non scherzo, più o meno alla Grillo, ma piu’ divertente ) che il suo progetto di governo sarebbe iniziato con la creazione di uno sportello d’ascolto dedicato alle richieste urgenti dei cittadini, per conoscere le loro necessità, ascoltare le cose delle quali i cittadini avevano bisogni, e giustamente insegnare loro come farne a meno !

    beh, il gioco è questo

  22. # Franceschino

    ah, ma non ci pensa già la CIA??!!

  23. # Indignato

    siamo alle solite. sempre più abbandonati dalle istituzioni. anni e valanghe di soldi per tirare su un corpo super specializzato e pochi giorni per vanificare tutto. il problema è che le nostre amministrazioni sono governate da gente fuori dal tempo. con quello che si sente in giro specie adesso a una settimana dall’ennesimo suicidio per cyberbullismo… adesso chi si occuperà della sicurezza dei nostri figli e fratelli?

  24. # cristiano

    Fino a ieri incensavano gli esperti della Polizia Postale ed oggi la vogliono chiudere? Ma si scherza? Non capiscono che senza la Polizia Postale ognuno di noi, ognuno dei nostri figli è un po’ più in pericolo?

  25. # gaetano

    Continui tagli alle forze dell’ordine e “rinforzo” delle file dei delinquenti con condoni e frontiere aperte. Grazie politici! La polizia postale è fondamentale nell’era di Internet… vergogna!

  26. # giovanna

    Sarebbe una scelta sciagurata. Non è pensabile che oggi si possa rinunciare ad una specialità che conta su donne e uomini con una così vasta preparazione ed esperienza che negli anni sono diventati un pilastro per la sicurezza dei cittadini. Non devono chiudere. DEVONO ESSERE POTENZIATI.

  27. # Renato

    E’ una vergogna, da un lato si parla di sicurezza e di lotta ai reati più abietti come la pedo pornografia e poi si tagliano gli strumenti per combatterla.

  28. # Daniele

    La società si basa su fondamenta che sono la sicurezza, la scuola e la salute, guarda caso i tagli sono per la maggior parte li. Se vi sono sprechi in questi settori il modo per eliminarli non è tagliare indiscriminatamente ma effettuare controlli mirati.
    La Polizia Postale svolge un lavoro fondamentale perché internet ed il web in generale sono diventati terreno fertile per delinquenti di ogni genere.
    Tagliate su altre amm.ni inutili e che spendono per il niente!

  29. # rassegnato

    e adesso anche questa. non ci sono parole, non voglio che i miei figli nascano in questo posto.

  30. # Nico

    Ancora una notizia che accresce la sfiducia nelle istituzioni… invece di promuovere ed incentivare i punti di contatto tra la pubblica amministrazione ed il cittadino, che tra l’altro possono vantarsi di adempiere le proprie funzioni come la Sezione della Polizia Postale di Livorno, si “risparmia” sulla concretezza a scapito della sicurezza …. Vergogna…

  31. # alice

    Non ci sono parole…sono bravi solo ad aumentarsi i loro stipendi e mandare persone fondamentali a casa….sempre peggio…

  32. # francesca

    È una vergogna! Non si può risparmiare sulla sicurezza dei cittadini e poi proprio in un campo così delicato e nuovo dove servono competenza e specializzazione!

  33. # Sara

    Se fosse vero sarebbe una vergogna, una perdita per noi cittadini, non può essere tolto un punto di riferimento su cui possiamo contare, in un paese dove già ci sentiamo poco tutelati.

  34. # tob

    Io più due anni fa sono andato a denunciare una truffa on line e non so ancora niente degli sviluppi… gli ho stampato tutte le conversazioni tramite email , con relativo indirizzo email e il numero di telefono del truffatore poi gli ho dato il conto corrente della banca “con ricevuta” dove ho versato il pagamento ……e ad oggi non mi hanno fatto sapere niente…

  35. # Gianfranco Borghetti

    L’organico della Polizia Postale, in questo periodo di diffusione della criminalità informatica (e non), dovrebbe essere incrementato e non tagliato!!!

  36. # una mamma

    Sono i nostri eroi … coloro che tutelano i nostri figli … coloro che vanno nelle scuole e insegnano ai nostri figli quali sono i pericoli che si possono trovare sui internet …. e il nostro stato “LI TAGLIA” ….. VERGOGNA

  37. # maurizio

    Addio ora tocca anche a loro

  38. # Roberto

    Tagliamo uno dei pochi “enti statali” rimasti che lavora onestamente e il più utile di oggi (viste le truffe che avvengono ogni giorno on-line)

  39. # Carlo

    Una cosa assurda chiudere un ufficio importante come quello della Polizia Postale, la società di oggi non può fare a meno di quella essenziale forza, spero vivamente ci sia un ripensamento da parte delle istituzioni e tornino sui loro passi.

  40. # Antonella

    Se mio figlio quindicenne ha capito l’uso corretto di Internet e dei vari Social Network lo deve essenzialmente al lavoro di informazione che la Polizia Postale di Livorno ha svolto nelle scuole. La cittadinanza non può assolutamente perdere la capacità e la competenza di queste persone…Questa mamma ringrazia del grande lavoro svolto fino ad ora e spera vivamente di poter sempre contare su di voi.

  41. # silvia

    Tagliate sulle fiamme oro e sulle fanfare invece…. .0

  42. # luc

    Ma se tagliamo il 70% per cento dei politici non
    è meglio e chi lavora e vigila si incrementa?

  43. # marco

    In un mondo in cui la nostra vita e quella dei nostri figli si è spostata da un parco giochi ad un parco giochi virtuale quale è quello di internet chiudere un organo tale che vigila sulle frodi sul web, ma anche su contraffazioni bancomat e la maggior parte di truffe cui, complice la crisi, siamo sempre più sottoposti è qualcosa di inammissibile!! VERGOGNA!

  44. # stefdam

    Ma sì, diamo una mano a pirati informatici, pedofili, clonatori; chiudiamo la polizia postale: del resto è classico in Italia. Quando una cosa funziona la si abolisce….

I commenti sono chiusi.