Si spaccia per il capo dei vigili urbani e deruba l’anziana. L’identikit dei due truffatori

I malviventi sono stati descritti uno sulla cinquantina, 1,75 di altezza, barba e baffi brizzolati. L'altro sui 25-30 anni, capelli castani corti, 1,80

Mediagallery

Due truffe nella mattinata di ieri sono andate a segno ai danni di altrettanti anziani a Livorno in due diverse zone della città, con il solito metodo dei finti addetti del gas e finti vigili urbani. In entrambi i casi i truffatori sarebbero italiani. I malviventi sono stati descritti uno sulla cinquantina, 1,75 di altezza, barba e baffi brizzolati. L’altro sui 25-30 anni, capelli castani corti, 1,80.
Nel primo caso, avvenuto alle 10.40, a truffare un ottantenne in via delle Sedie, al quale sono stati sottratti un orologio d’oro e alcuni monili preziosi, insieme al un finto addetto del gas e’ intervenuto in seconda battuta anche un complice che si e’ spacciato per capo dei vigili urbani.
Il finto vigile, mostrando all’anziano un paio di cornici prelevate poco prima dal suo appartamento senza che se ne accorgesse, ha raccontato di un furto nel palazzo facendosi indicare il luogo in cui l’uomo custodiva i suoi beni per controllare se ci fosse tutto: beni che poi appunto sono spariti dopo che i due uomini si sono dileguati.

Nel secondo caso, avvenuto intorno alle 11 in via Machiavelli, ad essere truffata e’ stata un’anziana di 79 anni che ha aperto la porta a due finti addetti del gas che si sono presentati con la semplice scusa del controllo del contatore. Poco dopo i due si sono congedati e alla donna, che si e’ accorta di essere stata derubata di una teca con alcune medaglie d’oro, non e’ rimasto altro che denunciare il fatto alla polizia.

 

 

 

Riproduzione riservata ©

10 commenti

 
  1. # Roby

    BASTA SALVAGUARDIAMO LE PERSONE ANZIANE

  2. # Gino

    “”In entrambi i casi i truffatori sarebbero italiani””…..non e’ vero!!

  3. # alberto

    approfittano del fatto che se per caso gli andasse male se la cavano con poco grazie al buonismo delle nostre leggi……denuncia e arresti domiciliari. Delinquenti incalliti a cui Pannellone dedica lo sciopero della fame perche’ poverini son stretti. Italiani o no

  4. # Marco

    Bisogna fare qualcosa per queste persone anziane, purtroppo l’informazione non e’ sufficiente a tener lontano questa feccia che vigliaccamente se la rifanno con queste persone che vivono spesso da soli in casa. Bisogna avere proprio il cuore di pietra per avere il coraggio di derubare queste persone che vivono molte volte con pochi soldi di pensione, vergogna.

  5. # princi53

    e allora cosa vuol dire “sarebbero italiani”? Come vedi ci sono già tanti italiani delinquenti, che non c’è proprio bisogno di avercene anche extracomunitari!! Comunque sarebbe ora che si prendessero dei provvedimenti più duri contro chi imbroglia i poveri anziani, fosse per me gli taglierei le mani

  6. # jonny

    come fai a sapere che non è vero?

  7. # liburnico

    Reati esemplari, certezza della pena e immediatezza!!! Approfittarsi di un incapace…siete dei codardi vigliacchi…

  8. # Malizioso Troll

    Le leggi chi le ha fatte? Il Parlamento. In molti casi denuncia ed arresti domiciliari sono effetti collaterali delle leggi che la Casta si è autoapprovata per assicurarsi l’impunità. Mi raccomando, continuate a votarli e a lamentarvi del buonismo.

  9. # Patrizia

    Mi chiedo se in Italia verrà mai garantita la certezza della pena !
    Temo che il moltiplicarsi di questi episodi vergognosi sia in stretta relazione con la consapevolezza che tanto i delinquenti se la caveranno sempre con poco !

  10. # mg

    Speriamo se li debbano spende di medicine

I commenti sono chiusi.