Si impicca in camera da letto e scrive l’addio sui mobili: “Non pagate i miei debiti”

Mediagallery

Si è impiccato a volto coperto, in camera da letto, lasciando una lettera indirizzata ai familiari e un messaggio d’addio vergato con un pennarello sui mobili di casa: “Non pagate i miei debiti”. E’ questo il grido straziante di addio di un uomo di circa cinquant’anni che si è tolto la vita all’interno del suo appartamento nel quartiere Corea.
Sul posto, ieri 6 marzo, intorno alle 17,30,  due volanti della polizia e i volontari della Pubblica Assistenza i quali non hanno potuto far altro che constatarne il decesso.

Riproduzione riservata ©

31 commenti

 
  1. # boh

    come hai potuto …addio amico

  2. # PEPE

    grazie stato guarda come hai ridotto i tuoi cittadini . pensaci nuovo sindaco non sa come farai a risolvere questi problemi in una città senza lavoro

  3. # Stefano

    Ma come può lo stato ridurre il popolo a questo!!! Condoglianze alla famiglia!……e svegliamoci prima che sia troppo tardi!!

  4. # PEPE

    non dobbiamo fare così bisogna lottare come hanno fatto i nostri babbi e i nostri nonni lo so che non è facile quando le banche ti portano via tutto e poi senza lavoro non c’è più dignità. Ma dobbiamo lottare contro chi ci ha portato così i nostri governanti e anche i nostri sindaci

  5. # poveragente

    Premetto: faccio le mie condoglianze alla famiglia. E dopo chiedo (mi chiedo): debiti per cosa? ..mancanza di lavoro? ..gioco? Comunque una tragedia, penso. Sulla quale riflettere

  6. # Gaetano

    Sentite condoglianze alla famiglia

  7. # Giovanni

    Ciao … Ho un nodo in gola che quasi non respiro. Riposa in pace, ti porterò sempre nel mio cuore.

  8. # Marcomix

    Mi vergogno di essere Italiano in questa Italia in cui non mi riconosco piu…..
    R.I.P

  9. # bigduccio

    Un altro uomo che se ne va nella tristezza di questi tempi…
    dobbiamo reagire o continueremo a leggere queste tristi notizie…dal 2013 ad oggi se ogni suicida avesse portato con se 2 membri della casta, adesso non avremmo più pensieri su chi ci ruberà il nostro futuro e quello dei nostri figli!! Ma qui siamo solo chiacchiere e ponci….serve la rivoluzione se vogliamo svoltare pagina.

  10. # lorenzo

    Tragedie sociali! La mia banca mi sta chiamando da giorni per il conto in rossissimo ed io non rispondo…

  11. # Alla Frutta

    Sono d’accordo. Un altra vittima da imputare allo stato Italiano. Un uomo che nella vita aveva perso tutto e sommerso dai debiti

  12. # Alla Frutta

    È vero ma quando vedi buio davanti a te e dura. Io sono in una situazione bruttissima e spesso mi vengono brutti pensieri ma mia figlia di 8 anni e mia moglie mi stanno dando la forza di andare avanti e spero di resistere. Ma non mi posso meravigliare di gesti estremi .. è dura porca miseria. Banche agenzia delle entrate e equitalia mi e ci stanno rovinando nell’indifferenza totale di stato comuni e autorità di ogni genere. Addio amico , ti capisco e non è facile lottare in certe situazioni. R.I.P

  13. # Ester

    Condoglianze alla famiglia

  14. # VANIA

    MI VERGOGNO DI ESSERE UNA CITTADINA ITALIANA !!! IL LAVORO COME LE CASE GLI DANNO AGLI STRANIERI E I NOSTRI FIGLI UOMINI E DONNE INTANTO SI TOLGONO LA VITA , SIAMO NOI ITALIANI AD ESSERE IN UNO STATO STRANIERO , SI STRANIERI IN CASA NOSTRA VERGOGNAAAAAAAA
    UN POPOLO CHE CHINA LA TESTA è ALLA MERCè DI UNO STATO DITTATORIALE E FATISCENTE COME QUESTO VERGOGNA! VICINA ALLA FAMIGLIA E NON POSSO COMMENTARE OLTRE

  15. # sessantenne

    a volte la disperazione ci porta a fare certe cose,ma lo stato se ne frega ,tanto i loro familiari stanno bene, con i soldi che rubano a noi, mi dispiace ,condoglianze alla famiglia.

  16. # Teseo

    Chi ci ha ridotto così? Governanti e sindaci va bene, ma anche sindacati che ci hanno abbandonato, anzi “venduto”. E poi questa malattia che si chiama “europa” e che ci succhia il sangue.

  17. # liburnico

    siamo arrivati a un livello di rassegnazione cosi’ alto che ci siamo abituati anche a questo genere di notizie… a livello nazionale non si fa nulla e meno ancora a quello comunale, ecco il risultato… un’altra giovane vita che se ne va… RIP

  18. # Libero 1°

    Premetto che mi associo al dolore della famiglia e degli amici,ma a chi come lei afferma di sentirsi straniera a casa sua,Le vorrei ricordare che c’è un partito (la Lega) che le cose che dice oggi lei,loro le dicevano 20 anni fa. Signora,lei per chi ha votato in questi 20 anni?

  19. # albertoa

    Grande dolore e condoglianze alla famiglia, 52 anni!!! E ancora ci sfiniscono con chiacchiere vuote, convegni, conferenze facendoci vedere il nulla davanti a noi, VERGOGNATEVIIIII

  20. # Rosso52

    Sentite condoglianze alla famiglia. Un monito a chi ci governa: io non deciderò mai di togliermi la vita, sia ben chiaro se dovessi arrivare a tanto prima di me ne voglio veder partire molti.

  21. # ????????

    Il dolore che si prova in questi casi è immenso…io lo so perche ho vissuto la stessa cosa ….. e l’ultima cosa che volevo in quel momento era leggere sul giornale articoli inventati come questo…e vietai ai giornali di divulgare la notizia….Quest’uomo era molto depresso ma non per debiti che NON aveva…. non scrivete niente piuttosto fate più bella figura!!!! Un abbraccio a tutta la famiglia

  22. # elio

    Sembra che i commentatori conoscano nello specifico le reali motivazioni del gesto estremo assai meglio dell’articolista. Rendeteci dunque anche noi edotti narrandoci l’intera vicenda.

  23. # anna

    ma ai problemi di depressione o debiti di gioco non ci pensate? informatevi prima di scrivere

  24. # lorenzo65

    Tanto la nostra classe politica ruba, corrompe, distrugge, indebita , spende e si fa le pensioni d’oro sulla pelle di tutti. E quando li beccano con le mani nel sacco entrano in depressione evitano cosi il carcere. e si rincmoncia da capo a rubare di nuovo.

  25. # Bruno

    Non voglio fare il cinico anche se lo sono. Ma sapete almeno i debiti a cosa sono dovuti?
    Detto questo è comunque una tragedia ma prima di fare certi discorsi sarebbe bene sapere almeno prima di cosa si parla

  26. # Samar...

    Chiudi la bocca che fa riscontro….

  27. # gino

    Alla frutta ti rispondo:
    Faresti solo il loro sporco gioco, e’ quello che vogliono, vorresti dargli la soddisfazione di farla finita? noooooooo e poi la tua famiglia cosa farebbe senza di te? Li lasci nella me….? E’ uno stato che ricatta ma dobbiamo tenere duro con la speranza che torneranno tempi migliori. Posso solo assicurarti che nella storia non avverra’ mai che un politico si possa suicidare perche’ non arriva a fine mese, e’ semplicemente vergognoso ed aggiungo che non ho mai sentito un commiato dei nostri politici (votati dal popolo sovrano) nei confronti delle famiglie delle vittime di queste persone disperate

  28. # gaetano

    Lega Lega Lega ma avete dimenticato gia’ i vostri espulsi perche’ hanno portato soldi all’estero? oppure soldi spesi in macchine, diamanti ecc ecc ecc?

  29. # ????????

    Ho scritto quello che ho scritto perche so per certo che le scritte che ha lasciato non parlavano assolutamente di debiti….non so dove l’abbiano tirato fuori tutto ciò e non intendo assolutamente dire quello che ha realmente scritto chi lo sa è perche lo conosceva bene chi non lo sa continuerà a non sapere

  30. # Paola

    La mia azienda è fallita nel 2007 chiuso fallimento nel dicembre 2013 ora ci stanno pignorando lo stipendio poi cosa succederà? Si sono presi tutto ! Sbagliare per chi non ha niente non è consentito solo chi ha soldi può combattere!

  31. # Andrea

    Consideriamo pero’ una cosa: 30 anni fa una casa costava 200milioni di lire, oggi 200mila euro, esattamente il doppio (dei debiti)! E doppio e’ lo scoramento per la vita in cui viviamo. Mio padre ha perso il lavoro tre volte (e lo ha ritrovato 3 volte!), ha visto la cassa integrazione (che il mio contratto non prevede!), oggi e’ serenamente in pensione (noi l’avremo?).
    NON SCORAGGIAMOCI pero’ e COMBATTIAMO PER I NOSTRI DIRITTI!!!
    In piazza a cacciare questi “signori”, prima che davvero non si riesca piu’ ad invertire la rotta!!

I commenti sono chiusi.