Si finge una dipendente dell'Inps e ruba all'anziana i risparmi di una vita

La truffatrice è riuscita a far sparire una busta con 20mila euro in contanti

Mediagallery

LIVORNO – In un colpo le ha portato via i risparmi di una vita. E’ accaduto sabato mattina in corso Mazzini dove un’anziana signora nata nel 1926 è stata raggirata e derubata di ben 20mila euro. A bussarle alla porta infatti una donna di circa 45 anni alta intorno al metro e sessantacinque centimetri che si è spacciata per una dipendente dell’Inps. La truffatrice ha chiesto di poter entrare e vedere contanti e gioielli per eventuali accertamenti. Così l’87enne le ha mostrato una busta contenente la bellezza di 20mila euro in contanti. La scaltra ospite ha chiesto così all’anziana di andare a prendere un documento in camera da letto e ha effettuato uno scambio di buste, lasciando sul tavolino una uguale con dentro il portafoglio vuoto della signora e intascando quella giusta con il bottino in contanti. Poi i saluti e la fuga.
Stando alle denunce arrivate in questura, neanche un’ora dopo, un’altra truffa ai danni di un’anziana signora. Stavolta siamo in via Umbria a Coteto e la vittima è una donna di 89 anni.  Questa volta per farsi aprire la porta la donna si è finta rappresentante di prodotti per la pulizia della casa. Dopo alcune domande fatte alla padrona di casa per capire su quali prodotti usasse, con la scusa di far provare un olio per un massaggio al collo, la finta addetta dell’Inps le ha fatto togliere la collana che l’89enne indossava.
Finito il massaggio però la donna si è accorta che  la truffatrice si era allontanata da casa con la collana. A quel punto non è rimasto altro da fare che denunciare il fatto alla questura

Riproduzione riservata ©

18 commenti

 
  1. # giorgio

    due considerazioni:
    1) come hanno fatto a sapere chi dove e quando colpire? Chi ha dato loro queste informazioni?
    2) possibile che queste anziane non siano mai state messe sull’avviso da nessuno? Comune, Volontariato, Forzse dell’Ordine, non sarebbe il caso di fare una MASSICCIA campagna di informazione e prevenzione?

  2. # bimbone

    sicuramente era qualcuno che sapeva che c’erano tutti quei soldi in casa…e comunque queste belle personcine dovrebbero vergognarsi..truffare anziani…credo sia proprio da vigliacchi…!

  3. # alberto

    D’accordo Giorgio su tutti i 3 punti….pero’ ci vorrebbe che queste persone… una volta prese non fossero messe ai domiciliari ecc ecc. Questa feccia umana andrebbe punita severamente…fanno più male loro che i rapinatori di banche…invece abbiamo chi fa lo sciopero della fame perché stanno stretti…e il garante dei detenuti…che poi guardiamo chi è…VERGOGNE ITALIANE son queste…no’ che stanno stretti !

  4. # alberto

    pero’ una domanda mi sorge spontanea…..pure la signora a quella età… ti tiene in casa 20.000 euro?

  5. # Sorgentiii

    Ruberie di 30 anni fa… La gente è poco informata.

  6. # fran

    all’alba dei 90 anni non tutti hanno la lucidità di ricordarsi sempre di vivere barricati in casa in uno stato di polizia. Poi questi bastardi sono molto abili a raggirare soggetti deboli.

  7. # Stella

    Ovviamente tutta la mia solidarietà ed umana comprensione alle signore truffate.
    Però, mi sorge una domanda: ma delle persone anziane, che ovviamente ne hanno viste e sentite di tutti i colori nella loro vita, e quindi sono esperte delle cose del mondo, come diavolo fanno a cascare in questi trabocchetti così ingenui?! Mia madre ha 86 anni, ma è tosta, e non ci cascherebbe mai! E non dite che le truffatrici erano disinvolte e dotate di buona parlantina: per me potrebbero anche recitarmi la Divina Commedia; io apro la porta con la catena, in casa non ci faccio entrare nessuno, e se mi gira gliela sbatto pure in faccia, la porta! E mia madre fa esattamente lo stesso!!

  8. # vasco

    ma se tutti questi malviventi, una volta presi, invece di rilasciarli dopo 5 minuti li portassero sull’Isola di Montecristo, non staremmo più tranquilli?

  9. # Patrizia

    Hai assolutamente ragione !
    Forse c’è una spiegazione nel caso della malcapitata:
    può essere che lei non abbia parenti che si occupano di lei…
    Come ahimè accade a tante persone anziane, sarà stata lasciata sola.

  10. # Patrizia

    E se sapessero nuotare ?? 😀
    A parte gli scherzi, ci vorrebbe una bella prigione di massima sicurezza come quella di Alcatraz…

  11. # Patrizia

    Ah guarda, non mi fare pensare a quel tizio che fa lo sciopero della fame
    perchè i detenuti stanno stretti …
    che mi viene una rabbia !
    Mi sembra veramente il colmo dei colmi !

  12. # Gino

    Questi anziani sempre piu’ soli in balia di questi truffatori che fanno di questi le vittime preferite…

  13. # lorenzana

    Sta a noi più giovani informare i nostri cari più anziani sulle tipologie di truffe che vanno di moda…e comunque non bastano…le persone anziane si lasciano abbindolare molto facilmente…questi truffatori prima di colpire s’informano bene sulle vittime…striscia la notizia e’ un programma che fa vedere le varie truffe…

  14. # alberto

    Guarda che 30 …40 anni fa prima che arrivasse molta spazzatura a Livorno si teneva la chiave nella porta….Ora dobbiamo mettere le inferiate alle finestre…grazie al nostro spirito di accoglienza…Questo è il risultato…poi per l’amor di dio abbiamo pure un notevole aumento di delinquenza nostrana…e qua la colpa si può cercare pure in una forma di giustizia garantista… e menefreghista…perché se quando veniva pizzicato qualcuno…gli si faceva passare la voglia.. gli altri ci avrebbero pensato 2 volte

  15. # Gino

    PER VASCO ESEMPIO BANALE ED ELEMENTARE:
    SE TU RUBI UNA MELA IN UN NEGOZIO ED IL NEGOZIANTE TI BECCA E TI SGRIDA, TU FAI PASSARE UN PO’ DI TEMPO E LO RIFAI TANTO UNA SGRIDATINA COSA VUOI CHE FACCIA, MA SE IL NEGOZIANTE TI PIGLIA E TI FRANTUMA TUTTE LE DITA DELLE MANI…STAI TRANQUILLO CHE NON LO FAI PIU’, MORALE DELLA FAVOLA:
    FINCHE’ ABBIAMO QUESTE LEGGI DA CIRCO LA DELINQUENZA NON SPARIRA’ MAI!

  16. # Brontolo

    Per una persona di 90 anni è difficile capire che la pensione la possono ricevere direttamente in banca e poi usare carta o bancomat per prendere i soldi che servono per vivere e pagare bollette o spese con rid bancario, ma la colpa nn è sua è della tecnologia che per loro è difficile capire e poi le banche con tutte queste spese nn ci aiutano per niente….

  17. # ALESSANDRA

    Poveretta ma come si può essere così crudeli per non aggiungere parolone dovrebbero marcire in carcere

  18. # vasco

    infatti ora si pensa all’indulto, così se ne liberano altri di questi delinquenti. Ribadisco il mio elementare concetto. Buttiamoli tutti su di un’isola, mettiamoli ai lavori forzati e facciamogli costruire un bel carcere con le loro stesse mani. Su quell’isola ci manderei anche chi non fa rispettare la legge o chi fa leggi raggirabili. Sono delinquenti allo stesso modo.

I commenti sono chiusi.