Si chiude in auto e tenta suicidio, salvato 50enne livornese dai carabinieri

Via Corazzi, il militare che ha risposto alla chiamata è riuscito ad instaurare una conversazione telefonica con l’uomo tenendolo impegnato con una serie di domande

Mediagallery

Dopo essersi chiuso in macchina, con il motore acceso, ha collegato un tubo in gomma dal tubo di scappamento al finestrino lato guida deciso a farla finita.
E’ quanto accaduto nella serata di sabato in via Corazzi, nei pressi dello stadio, dove un 50enne di Livorno, ha tentato il suicidio mediante inalazione d gas di scarico della propria autovettura. Preso dalla disperazione ha quindi chiamato il 112 riferendo all’operatore della centrale dei Carabinieri i propri intenti suicidi. A quel punto, il militare che ha risposto alla chiamata è riuscito ad instaurare una conversazione telefonica con l’uomo, tenendolo impegnato con una serie di domande volte ad identificare l’esatta posizione in cui l’aspirante suicida si trovava.
Nel frattempo, dopo averlo convinto ad abbassare il finestrino, il militare è riuscito a capire il luogo da cui l’uomo stava chiamando così da inviare immediatamente sul posto una pattuglia del Radiomobile ed un’ambulanza del 118 che, dopo pochi minuti, hanno rinvenuto l’auto con ancora all’interno il 50enne ormai in condizioni di grave crisi respiratoria.
L’uomo è stato quindi trasportato all’ospedale di Livorno ove si trova tuttora ricoverato ma fuori pericolo.

 

 

Riproduzione riservata ©

18 commenti

 
  1. # RABAGLIATI DOC

    …………………..grazie MONTI ……………………..

  2. # archimede

    meno male che quest’anno l’economia andrà bene e i suicidi torneranno nella normalità’.
    Noi siamo italiani ,crediamo alle favole !

  3. # Alice

    Grazie monti, fornero, berlusconi, bersani, etc etc….diciamo grazie politica italiana.

  4. # patrizia

    Di Berlusconi, di Monti e della Fornero penso tutto il male possibile ma il suicidio affonda le radici in un disagio molto profondo causato da svariati fattori nonchè da una certa predisposizione.Non è il caso di incolpare la politica questa volta.Tanti auguri al caro amico: che possa trovare una spinta per andare avanti nel miglior modo possibile

  5. # Gianluca

    Risparmiaci di tali idiozie. L’Italia rimane un paese ricco, dove chi vuole, chi si impegna e si sa sacrificare un lavoro lo trova.

    La gente è insoddisfatta perché vive di consumismo. O comprano, o hanno o non stanno bene per finire poi a capire che il vuoto resta anche quando hai la tv, lo smartphone figo e quant’altro.

    Non mi sembra che in africa o nei paesi poveri vi siano suicidi di massa perché là le persone trovano il senso della vita nei rapporti umani e come dar loro torto ?

    Ho visitato diversi paesi poveri ed avuto la possibilità di passarvi diverse settimane. Da nessuna parte ho trovato l’infelicità di un paese consumista che si sta impoverendo.

    Invito la massa che ha risposto vaneggiando prima di me a leggere un bel libro (no, non è un accessorio dei vostri smartphone) : Essere o avere di Erich Fromm.

    Sono certo che tale lettura saprà fornirvi un punto di vista meno ignorante.

  6. # BUDIULIKKE

    o te cosa ci fai in mezzo a questa marmaglia, a dimenticavo quando dici cose intelligenti e di cultura su questo blog aspettati molti pollici rossi , io ho smesso di scrivere da un pezzo mi limito a leggere e a ridere di questa immane catastrofica ignoranza populista che ci circonda , i potenti stanno riuscendo nel loro intento , ainoi.

  7. # esodato

    Prova a lavorare 42 anni in fabbrica.e poi ritrovarti da 4 anni a casa con € 800 il mese con le spese da pagare ecc.prima di fare il moralista fatti un esame di coscienza e poi parla.

  8. # massimo57

    mi sogno tutte le notti di poter eliminare monti-fornero,ma cosa c’entrano con i suicidi non riesco proprio a capirlo.cmq il suicidio è una scelta personale e come tale va rispettata,io rispetto tutto ciò che non nuoce al prossimo.se un giorno deciderò di farla finita lo faccio e basta,senza telefonare a nessuno.

  9. # fabrizione

    Il signor Gianluca sbaglia, anche i più volenterosi nell’Italia di oggi hanno difficoltà a trovare od ad inverntarsi un lavoro, nei paesi poveri non hanno da pagare l’imu o l’affitto, sembra un’idizia questultima che ho detto , ma non lo è, ogni realtà è diversa dall’altra, ma la mancanza di lavoro è davvero una piaga paragonabile a qualsiasi altra piaga del mondo.

  10. # marco

    caro gianluca ripigliati, dammi retta………, l’italia poveri noi e grazie ai signori politici, è soltanto davanti alla grecia e qui t’ho già detto tutto, poi grazie se prendi in considerazione i paesi del terzo mondo allora…….

  11. # MA SMETTIALMOLA

    se le persone avessero messo un pò di soldi da parte forse oggi non si troverebbero in queste situazioni……. se hai lavorato 42 anni qualcosa da parte lo devi aver messo….. a no già ma a Livorno usa sperperare tutti i soldi per apparire (abiti , telefoni di ultima generazione…….)
    comunque 800 € non mi sembrano poi una miseria….. c’è chi non guadagna neppure un euro!

  12. # Alice

    Condordo pienamente con te fabrizione

  13. # El Guero

    dal tuo commento si evince che non hai problemi di soldi senno ti renderesti conto che 800 euro al mese ti permettono al massimo di arrivare a fine mese….e si deve sperare di non avere troppa gente a carico altrimenti ogni giorno è una lotta continua…sicuramente non è per gente come te che si può contare in una svolta!!!!!

  14. # El Guero

    Pienamente a favore di quanto hai scritto….sicuramente non tutti si abbandonano al consumismo, ma si può tranquillamente confermare che la maggior parte adotta questo stile di vita in cui l’apparire conta più dell’essere…e allora meglio l’iphone, il macchinone, le vacanze, vestiti e altre pottaiate invece di combattere per i propri diritti (e in Italia stanno mancando i diritti basilari, mica chissà che cosa di astruso)…..è vero anche che non bisogna vivere con la rabbia in corpo e ogni tanto bisogna allentare un pò la presa e godersi ciò che si ha intorno, e ci possono rientrare anche telefonini e altri beni non necessari….ma purtroppo in Italia non è così!!!!

  15. # El Guero

    Esodato, ho preso le tue difese da quanto commentato da quell’altro/a in cui ti diceva di risparmiare sugli 800 euro….però bisogna che ti critichi un attimo sulla mentalità che adotti e che non è solo la tua: sicuramente lavorare per così tanti anni e guadagnare una miseria è ingiusta come cosa….è più ingiusto che i prezzi in Italia non permettano a chi non ha un buon stipendio di campare decentemente….ma bisogna capire che finchè si sta zitti e ci si lamenta solo al computer le cose non cambieranno mai….prima usava bloccare le fabbriche e le città con manifestazioni ai limiti del tollerabile per mettere un pò di strizza a padroni e sfruttatori….ora è più importante far finta di niente e lottare casomai per fa una vacanza….è chiaro che il risultato è quello che stiamo vivendo!!!

  16. # MA SMETTIAMOLA

    Caro EL GUERO mi dispiace deluderti ma anche io guadagno circa 800 euro al mese mia moglie uguale e abbiamo due bambini a carico ma, cerco di mettermi qualche soldo da parte in modo che, visto i tempi che corrono, se dovessi rimanere senza lavoro avrei un fondo dal quale attingere….. mi sembra che ESODATO avendo lavorato 42 anni in fabbrica non sia un giovincello e non mi sembra neppure che abbia detto che nei 42 anni di lavoro guadagnasse 800 euro il mese quindi se magari nei 42 avesse messo un pò di soldi da parte adesso non starebbe a lamentarsi…… comunque stare a casa e guadagnare 800,00 euro non la vedo una cosa così brutta…. pensa a chi sta a casa e non guadagna 1 euro!!!!

  17. # micche

    Ma cosa ne sai. Magari pene d’amore. Spero possa risolvere i suoi problemi, di qualsiasi natura essi siano.

  18. # Nazario sauro

    Credo che se ci si vuole togliere la vita lo si faccia e basta,senza telefonare a nessuno, con il telefono non ci si uccide…

I commenti sono chiusi.