Scivola nelle docce dei “Nettuno”, bagnante soccorso dalla Svs

Mediagallery

LIVORNO – L’allarme è scattato verso le 11,30 quando dall’interno dei bagni Nettuno sul viale Italia è partita una telefonata al 118 perché una donna era scivolata facendosi male ad una gamba.
Inizialmente si era mosso per il soccorso anche il gommone dell’Svs in quanto in un primo momento sembrava che la bagnante si fosse infortunata su di uno scoglio in mezzo al mare.
Poi, alcuni minuti dopo, si è capito che la donna era scivolata all’interno delle docce procurandosi una brutta ferita alla gamba. Così sono intervenuti i volontari dell’Svs a bordo delle moto in dotazione per l’immediato soccorso estivo e un’ambulanza da via San Giovanni che ha trasportato al donna al pronto soccorso.

 

 

 

Riproduzione riservata ©

7 commenti

 
  1. # CRISTINA CHITI

    poveretta,spero si rimetta presto…piu’ sicurezza negli impianti

  2. # anonimo

    con le moto a far che?

  3. # Heli

    Le moto (in gergo moto-mediche) sono mezzi di soccorso che in particolari periodi dell’anno o in concomitanza di viabilità alterata permettono di intervenire più velocemente rispetto ad un ambulanza o ad un automedica. Questo perché, o sono già in pattugliamento in una determinata zona (come credo di aver capito sia il caso in questione) oppure la viabilità è talmente compromessa che un mezzo a quattro ruote dura molta fatica ad arrivare..In Italia esistono diversi esempi dove le moto-mediche (allestite con farmaci e presidi) sono in servizio con medici o infermieri del 118. Qui mi sembra di capire che le abbiano in dotazione i volontari dell’Svs ma il meccanismo dovrebbe essere lo stesso. In molte realtà estere l’utilizzo delle moto per il soccorso sanitario è frequentissimo, soprattutto in ambito urbano. Bene che l’Svs le abbia è che vengano usate.

  4. # giorgio

    Piu sicurezza negli impianti?? ma da quando scivolare nella doccia è indice di poca sicurezza? ma via, e anche quilivorno ma che notizia è?

  5. # rossana

    Basterebbe pensare che dove arriva l’acqua si crea una zona piu’ scivolosa. E’ quindi preferibile attrezzarla con una base ruvida…almeno credo! Lascio ad un ingegnere o architetto…

  6. # anonimo

    Heli, grazie della spiegazione, vista la tua competenza profonda in materia sarai sicuramente parte integrante dell’enturage sanitario Labronico. Un plauso alla nostra realtà cittadina, anche se la mia era solo una domanda, per quanto mi riguarda potevate mandarci anche un elicottero ai bagni Nettuno. Ringrazio la testata giornalistica qui Livorno per aver fornito prontamente i miei dati personali ad svs.
    Comunque il mio nome è LELLI DANIELE.

  7. # Anto

    Che commenti strani fate
    Si doveva lasciare li?

I commenti sono chiusi.