Ruba in chiesa mentre il prete recita il rosario, inseguito e messo in fuga dal sacerdote

Il parroco di Santa Maria del Soccorso: "L'ho rincorso fino al sagrato, poi è scappato insieme ad un complice"

di gniccolini

Mediagallery

LIVORNO –  La crisi, è il caso di dirlo, gioca brutti scherzi e non c’è peggior peccato di chi prova a rubare in chiesa. E’ successo all’interno della parrocchia di piazza della Vittoria (Santa Maria del Soccorso) quando mancava ancora qualche minuto all’inizio della messa delle 18. Il parroco, padre Andrea Conti, stava recitando le ultime battute del rosario insieme ai suoi fedeli quando con la coda dell’occhio si è accorto di un uomo che stava percorrendo avanti e indietro per le navate della chiesa. “Mentre stavo pregando – spiega padre Andrea – mi sono reso conto di una persona sospetta che si aggirava tra i candelabri e le cappelle della nostra chiesa di Santa Maria del Soccorso. Ad un certo punto, però, l’uomo con fare disinvolto, si è caricato in spalla il candelabro che ha incorporata la cassetta delle offerte e si stava avviando verso l’uscita che dà sul monumento ai caduti in piazza della Vittoria. A quel punto – continua il sacerdote raggiunto al telefono ieri sera – mi sono alzato dalla panca sulla quale ero seduto in mezzo ai parrocchiani e ho gridato iniziando a rincorrerlo”.
E’ a questo punto che il ladro ha lasciato cadere il “prezioso ingombro” dandosela a gambe e raggiungendo un complice che era fuori, a mo’ di palo, sul sagrato ad aspettarlo. Padre Andrea lo ha inseguito fino a che non ha visto allontanarsi i due tra le vie del centro cittadino alle spalle della “sua” chiesa.
“E’ stata una cosa davvero spiacevole – ha commentato per concludere il parroco – spero che non si verifichi mai più. Sicuramente d’ora in avanti sarò costretto a chiudere la porta durante le funzioni lasciando aperto solo l’ingresso di fianco all’altare”.

Riproduzione riservata ©

25 commenti

 
  1. # Bruno

    e’ questo l’effetto svuota-carceri assolutamente discutibile, ogni giorno sempre peggio, sarebbe bene che si faccia sul serio qualcosa!.

  2. # pino

    chiudendo la porta si danneggiano solo i fedeli che spesso entrano in chiesa, magari per una breve preghiera

  3. # lety

    SIAMO VERAMENTE ARRIVATI AL FONDO DEL PENTOLONE PER RUBARE IN CHIESA è COME RUBARE AD UN BAMBINO !!!

  4. # Sde

    Molto semplicistico tirare sempre in ballo la crisi, qui c’e’ un’attitudine a delinquere di fondo.

  5. # Il Moralizzatore

    ma cosa centra la crisi? i ladri ci sono sempre stati.

  6. # liburnico

    se chi delinque non paga, ecco il risultato, per certi reati non occorre la galera, pene alternative, li obblighi a lavorare, a impararsi un mestiere, e cosi’ si possono pagare gli avvocati passati gratuitamente, le spese processuali etc etc etc, ci mangiano un po’ troppini su questi brutti ceffi

  7. # Topazio Frittelli

    bah…e menomale la chiesa vòle aiuta’ i poveri…

  8. # Marcio Chiappatonda

    SI…AD UN BAMBINO MILIARDARIO !!!

  9. # Riccardo

    V E R G O G N A !!!!!!!

  10. # Andrea

    È sempre esistito che la gente rubasse in chiesa.Sicuramente non è colpa delle carceri svuotate…100 anni fa in carcere c’era posto per tutti,ma in chiesa si rubava lo stesso.

  11. # Marco Sisi

    Anche Giovanni Paolo II la pensava così, vero?

  12. # lalò

    Come nei Miserabili di Victor Hugo, solo che lì il prete capisce che cosa siano disperazione, bisogno e miseria e regala i candelabri a Jean Valjean, innescando così un processo che porta alla sua redenzione (rivedetevi la scena qui http://www.youtube.com/watch?v=4DlLi_bL4xk). Ai funerali di Hugo, “il più illustre rappresentante della coscienza umana“, prese parte nel 1885 un milione di persone. E non aggiungo altro.

  13. # livorneseDOC

    io son d’accordo con te. ma ora la gente nn ruba piu’ perché ha fame, ruba per comprassi la droga e l’iphone 5s…..

  14. # Sorgentina

    Vero, ma è colpa del parroco o del ladro se si arriva a certe soluzioni? Non è al prima volta che le cassette delle offerte delle varie parrocchie spariscono dalle parrocchie o peggio ancora che vengono portati via ex-voto od addirittura candeladri e lumini… e dire che spesso basta chiedere ai parroci ed i soldi od i vestiti si ottengono lo stesso ed in maniera legale…

  15. # Sorgentina

    Non confondiamo i parroci di quartiere con i prelati miliardari…

  16. # Vento di Libeccio!

    Io posso capire (e lo giustifico) chi, preso dalla fame, entra in un supermercato e “ruba” un pezzo di formaggio o una (due, tre ) buste di prosciutto ma non candelabri in chiesa perchè non mi risulta che i candelieri siano commestibili . . .

  17. # marco2000

    …ma si possono sempre vendere…

  18. # Ceccobeppe

    non capisco l’atteggiamento del prete…se rubava lo faceva perchè ne aveva bisogno…certo, non è detto che chiunque abbia bisogno debba per forza rubare ma certamente un prete dovrebbe capire meglio degli altri… il suo pensiero avrebbe dovuto essere quello di perdonare e non di chiudere a chiave la chiesa per paura che si ripeta questo popò di episodio…immagino che Gesù avrebbe detto e fatto le stesse cose, sissi… Con atteggiamenti del genere avete fatto scappare dalla chiesa una marea di gente… ora chiudete anche le porte così fate meglio…aoh! D’altra parte anch’io cosa mi stupisco a fare innanzi all’ennesimo controsenso della chiesa…

  19. # Ceccobeppe

    concordo con te… molto toccante lo spezzone del film… grazie per il link.

  20. # Guerriero di corea

    Le chiese dovrebbero aprire i cesti della questua settimanale e darlo alla gente che lo viene a chiedere, basta ori e ricchezze alla chiesa!

  21. # vasco

    Hai propio ragione ….immagino che se venissero a rubare a casa tua gli offriresti pure il caffè oltre che perdonarlo e spalancargli la porta …..

  22. # Ceccobeppe

    I pollicini rossi su certi commenti sono sintomo che l’articolo è molto letto e ultra commentato da gente di chiesa e i pollicini rossi, specialmente sul messaggio di Lalo’ che ha linkato un filmato di indubbio valore cristiano, stanno a dimostrare la loro incorreggibile ignoranza.

  23. # luigi corti

    Prima di criticare dovremmo chiederci se ognuno di noi fa qualcosa per gli altri affinchè si riduca la povertà .

  24. # ceccobeppe

    la differenza tra me e il prete è fondamentale, e cioè che io sono solo peccatore, per altro non credente e non praticante, e che lui dovrebbe essere il portavoce di Dio e invece mi pare anch’egli attaccato ai beni materiali come tutti.

  25. # ceccobeppe

    non dovresti chiederlo a me cosa farei ma possibilmente dovresti fare la stessa domanda a Dio visto che il ladro è entrato in quella che è la SUA casa e non quella del prete. Caro Dio, se un ladro ti porta via un candelabro, te cosa fai? Lo rincorri e te lo riprendi? Dopodichè lo scacci e chiudi la tua casa a chiave con doppie mandate? Prova, vai e senti cosa ti risponde.

I commenti sono chiusi.