Rapina al tabaccaio. “Mi ha tagliato il collo poi è fuggito con l’incasso di 500 euro”

"Nella colluttazione, prima mi ha scaraventato a terra danneggiando uno degli scaffali, poi mi ha rialzato tagliandomi con un coltello. Due punti di sutura"

Mediagallery

“Sono i rischi del mestiere. Ma per fortuna sono ancora qui. Andiamo avanti”. Marco Sicali, 42 anni, livornese, ripercorre i terribili momenti che ieri sera lo hanno visto vittima di una rapina all’interno della sua tabaccheria in via Lussemburgo, civico 40, alla Scopaia. “Come stai marco?”, gli domandano i clienti uno dopo l’altro fra una ricarica telefonica e un pacchetto di sigarette. “E’ andata. E’ andata, signora. Grazie. Sto un po’ meglio”.
“Erano le 19,20 circa – racconta stamani l’uomo –  e stavo chiudendo quando è entrato un uomo incappucciato”. In un batter d’occhio il malvivente si è diretto verso il bancone e ha minacciato il 42enne con un coltello. “Mi ha afferrato colpendomi una prima volta. Poi nella colluttazione prima mi ha scaraventato a terra danneggiando uno degli scaffali, poi mi ha rialzato e mi ha puntato il coltello dietro la nuca tagliandomi”. Sicali ci mostra la ferita incerottata e il referto medico. “Mi hanno dato due punti di sutura. Sì, me la sono vista davvero brutta. E’ la prima volta dal ’98, da quando cioè sono aperto, che mi rapinano. Alla fine sono riusciti a portarmi via l’incasso della giornata, circa 500 euro”.
Sicali finisce la frase al plurale perché il bandito, descritto dal tabaccaio sui 40 anni, alto, corporatura media, accento italiano, forse addirittura livornese, è poi fuggito a bordo di uno scooter di colore nero gudiato da un complice rimasto fuori a fare da palo. “Dopo essermi ripreso dallo spavento ho chiamato la polizia che è subito venuta per rilevare le impronte”.
La tabaccheria è dotata di un sistema di videosorveglianza. Il filmato è al vaglio degli investigatori.

 

Riproduzione riservata ©

22 commenti

 
  1. # Nedo

    Livorno e` sempre piu` un Far West…servono provvedimenti urgenti……..istituzioni se ci siete battete un colpo!!!

  2. # PIO

    alla frutta

  3. # paolo

    Perfetto italiano! Quello, che vor di? Uno lo impara a memoria ed è a posto!…

  4. # mauilmoro

    ecco…aspettavo i vostri commenti…..se fanno le rapine è colpa dell’amministrazione soprattutto del sindaco…..che fantasia!!!!!!

  5. # claudio

    ….le istituzioni si muoveranno sai quando???? Quando toccherà a qualcuno di loro!!!!

  6. # Mirko

    Si arriverà a difenderci da soli

  7. # simone

    non sono tra quelli che difende gli stranieri anche quando sono indifendibili….pero’ pensare che gli italiani siano diventati tutti cherichetti e che tutti gli stranieri delinquono mi sembra una esagerazione….e comunque puoi imparare perfettamente una lingua ma l accento diverso rimane

  8. # Mi vergogno di essere italiano

    Certo, è facile imparare l’italiano,soprattutto se parlato perfettamente! Ma se l’80% dei livornesi non sa coniugare un verbo…ma smetti! Iniziamo già a sparare sentenze?

  9. # Lorenzo65

    Alziamo bandiera bianca. Hanno vinto i criminali. Anche se li denunci e li fermano, poi li mandano a casa con lo svuotacacrceri e così te la fanno pagare per lo “sgarro” ricevuto. Che dire? proviamo a passare dall’altra parte?

  10. # Nedo

    Ma chi ha parlato di Sindaco o di amministrazione comunale, io ho parlato di istituzioni, sai cosa sono?? se sei ignorante in materia studia e informati prima di commentare, cosi` eviti brutte figure!

  11. # nevuoiunmorso?

    ma guarda te se uno deve rischiare la vita per fare il tabaccaio….

  12. # Ighe

    E’ da mo che abbiamo issato bandiera bianca, ora siamo arrivati alle braghe calate. Ce lo mettono a poppa e bisogna stare pure zitti. Che città di m……a

  13. # Danielmaries

    La guerra per la sopravvivenza è appena iniziata. E sarà una guerra senza sconti di vittime o crudeltà. E riguarderà solo poveri o cittadini comuni che dovranno difendere con i denti i pochi risparmi. Per banchieri, imprenditori o politici danarosi , nessun problema. I loro affari li realizzano in uffici o case blindate attraverso il telefono o un pc, e se escono hanno la scorta. Loro di certo non devono stare aperti di giorno o di notte, al pubblico, in quartieri mal vigilati ,ideali per bande di sbandati senza scrupoli.

  14. # Antonio

    Onore ai tabaccai armati che fanno FUOCO

  15. # salvatore

    Ma come e possibile lavorare sempre con la paura? vedo pochi controlli da parte delle forze dell’ordine alla scopaia e la leccia un po’ più controlli non farebbero male!

  16. # quattromori

    il problema è che se li spari dopo che t hanno messo il coltello alla testa ….ti vorrebbero far passare anche da delinquente, te che magari lavori dodici ore il giorno per la tua famiglia

  17. # PIO

    Cosa imprecate? un lo vedete che siamo alla frutta?….Se ne stanno chiusi tutti nei loro uffici……

  18. # Patrizia

    Ogni volta che apprendo notizie del genere mi viene una rabbia in corpo indicibile, al pensiero che i sacrifici di una vita debbano finire nelle mani di questi delinquenti schifosi !
    Anch’io consiglio ai negozianti, tabaccai e non, di munirsi di un’arma
    da avere sempre a portata di mano.

  19. # Boh

    Certo….sono pastori al comando di un gregge !!!!!!! Continuiamo a subire vai !!!!

  20. # Roberto-Bobbe

    E’ un livornese, si , ma di fòra…molto di fora… vedrai se un’è come dio io… A quanto pare, da quer’che si legge, un’ha’perto bocca, quindi…

  21. # mauilmoro

    x Nedo..Visto che te hai stampato il Devoto Oli…dimmi te cosa sono e quali sono le istituzioni…..la scuola cos’è????

  22. # claudio

    Bisogna difendersi da soli!!!!

I commenti sono chiusi.