Paura al passaggio al livello, auto sui binari

Mediagallery

Hai scaricato la NUOVA APP di Quilivorno.it?

Sono stati minuti di paura ieri pomeriggio 21 dicembre, intorno alle 15, quando una vettura è rimasta bloccata sui binari al passaggio a livello in via Provinciale Pisana. L’episodio ha causato alcuni ritardi alla circolazione in entrambe le direzioni. Il conducente dell’auto ha tentato di superare le sbarre che si stavano abbassando finendo per rimanere tra i binari e mettendo così a repentaglio la sua vita e quella dei passeggeri del convoglio. Sul posto è intervenuta la polizia che ha multato il guidatore.  Dopo 20 minuti di attesa, appena il passaggio a livello è tornato percorribile, il treno è potuto ripartire.

Riproduzione riservata ©

27 commenti

 
  1. # Carlo

    Il titolo è fuorviante: detta così, auto bloccata, fa pensare ad un improvviso guasto meccanico durante il passaggio sui binari, in realtà, a quanto si legge è un vero atto di incoscienza. Per risparmiare 10 minuti l’automobilista ha sfiorato la catastrofe. La prossima volta, sempre che non le sia strappata la patente, se ha tutta questa fretta, passi dal cavalcavia.

  2. # Mirko

    La mamma dell’imbecilli e sempre incinta

  3. # Samarcanda

    solo multa? va denunciato per tentata strage

  4. # LEO

    vedrai che la prossima volta non ci passa con il rosso

  5. # Nedo

    Classica azione alla livornese…le sbarre si abbassano…deh un m’ importa nulla deh….io passo perché son ganzo.. Un me lo deve di nessuno cosa devo fa… son livornese ir più’ furbo di tutti…

  6. # Sniper70

    ma questo/a è fuori di testa,ha sfiorato la strage….e visto che è andata bene,adesso spero che gli facciano un [email protected]@ come un paiolo!!

  7. # Ilio

    Il gesto è gravissimo,tuttavia in realtà il passaggio a livello è studiato anche per questo,l’area tra la sbarra e i binari è calcolata appositamente per poter lasciare spazio sicuro quando accade una cosa del genere.In passato era molto frequente una cosa del genere (non è un plauso ma purtroppo accadeva) e non è mai accaduto assolutamente niente in quanto ci sono svariati metri nell’area di sicurezza che deve esserci di legge la quale non è concepita per i furbetti ma per ovviare ad un guasto improvviso o qualcosa del genere.

  8. # Antonio

    Bella gara

  9. # Jobbee

    Poteva far deragliare il treno e innescare una strage ( tentato disastro ferroviario) ma si sa, l’ italia è un paese di buonisti con un ordinamento giuridico che premia chi delinque:-) quindi va perdonato anche questo cittadino!!!!
    Vi dirò di piu, trovo la Multa una punizione Eccessiva, se paragoniamo il fatto che il nostro Stato due giorni fa ha concesso un permesso premio a un serial Killer dopo pochi anni di galera. In America o in Russia o in Cina se qualcuno commette un omicidio di primo grado prende dai 30 ai 50 anni di galera, senza sconti o senza premi o buone uscite. Quella è giustiza!!!!!!!!!!!!

  10. # hypnos

    Art. 340 c.p. interruzione di servizio pubblico. Vediamo un po che succede

  11. # titti

    Moltissimi anni fa al passaggio a livello a Coteto uno attraversò mentre le sbarre si stavano abbassando, fu colpito in pieno dal treno. L’auto fece un giro su se stessa. Lui si fece poco male, la moglie ricordo aveva la faccia devastata e la figlia fu ritrovata incastrata tra i sedili dopo un po’ dai soccorritori che nell’immediatezza non l’avevano vista….. a quei tempi era di moda prima della chiusura definitiva.

  12. # ale

    MA COSA DITE TRA TUTTI, TENTATA STRAGE? MA DI DOVE? TRA I BINARI E LE SBARRE DEL PASSAGGIO CI SONO LI SPIAZZI CENTRA UN CAMION E I TRENI PASSANO TRANQUILLAMENTE

  13. # Ilio

    Pienamente d’accordo,come ho citato prima gli spazi ci sono,questo non deve giustificare un gesto così incoscente ma in caso di guasto o quant’altro potrebbe servire,inoltre la sbarra se spinta con l’auto dall’interno verso l’esterno dovrebbe essere incernierata in modo tale da aprirsi orizzontalmente verso l’esterno.Poi in caso estremo preferirei comunque sfondare la sbarra di latta o di alluminio che sia che rimanere sui binari qualora lo spazio disponibile fosse poco.

  14. # Ilio

    Ricordo benissimo quel passaggio a livello,era di tipo automatico,cioè lungo i binari vi erano dei sensori che quando il treno era a circa due minuti da esso le barriere si abbassavano per riaprirsi subito dopo il passaggio del treno.Era molto comodo e veloce e probabilmente era meglio quello che il giro pesco che bisogna fare adesso per andare da quelle parti.L’unico suo problema inerente alla sicurezza era il fatto che le sbarre erano soltanto nella corsia di marcia,pertanto alcuni idioti passavano dall’altra corsia incuranti del fatto che il treno passasse quasi subito.

  15. # SanMarco

    Si dai, prova al passaggio a livello di via P.Pisana, quando lo fai chiamami, voglio godermi la scena!!!

  16. # paolino

    C’e’ da dire che prima che le sbarre si abbassano si accende il semaforo rosso che indica di fermarti immediatamente, solo un demente o un daltonico ignora il pericolo sia per se’, sia per le persone che viaggiano con lui ma soprattutto per il sopraggiungere del treno che a seconda dell’ora ci sono anche i Frecciarossa che se ti prendono in pieno di te non ci rimane neanche l’anima!!!

  17. # Jack Alcatraz

    E ci risiamo coi buonisti! A leggere i commenti su Quilivorno.it è la parola più ricorrente dopo “rotatorie”. Che poi, se ci pensi un attimo, le leggi che definisci “buoniste” (e sono quelle che i magistrati devono applicare) sono state varate dai governi dove c’erano la Lega Nord e AN, che buonisti non sono davvero, e che magari hai anche votato. Ridicolo. Pensa piuttosto che la cosa scandalosa non è certo la multa all’imbecille che ha voluto passare nonostante la luce rossa e le sbarre che si stavano abbassando ma, a proposito di incidenti ferroviari, la piega che sta prendendo il processo per la strage di Viareggio, dove ci sono stati 33 morti che stanno ancora attendendo giustizia.

  18. # io

    i soliti incivili e menefreghisti!!!!!!!!!!!

  19. # Jack Alcatraz

    Se l’auto è stata colpita in quella maniera, probabilmente, è perché aveva voluto passare dalla corsia di sinistra. Il passaggio a livello di via dei Pelaghi aveva le sbarre che chiudevano l’ingresso, non l’uscita, proprio perché non esisteva lo spazio per “appoggiare” una macchina che fosse eventualmente rimasta bloccata sui binari a causa di un guasto. Era uno dei primi automatici, si attivava quando i treni erano usciti da Ardenza o da Livorno Centrale, quindi c’era tutto il tempo di uscire in casi simili. Molti, però, facevano i furbi ed entravano dall’uscita, e quello lì, me lo ricordo bene, manca paco ci restava, lui e tutta la famiglia.

  20. # fox65

    Che c’entra?

  21. # Jack Alcatraz

    C’entra, perché se Jobbee definisce buonismo l’aver multato questo, il fatto che per la strage di Viareggio, come per altre stragi, normalmente i responsabili, ammesso che qualche tribunale condanni qualcuno, vengono puniti con uno scappellotto o giù di lì come lo dobbiamo chiamare?

  22. # Ilio

    Ascolta,probabilmente ora una bischerata simile fa notizia,ma sai quante volte negli anni 80-90 ho visto delle auto rimanere dentro magari per il traffico e queste rimanevano tranquillamente nello spazio interno per ripartire quando aprivano le sbarre.

  23. # Ilio

    Ora probabilmente il semaforo del passaggio a livello funziona ma un tempo mi ricordo rimaneva perennemente rosso e le rotelle che suonavano rimanevano incantate.

  24. # Yuri

    Ecco tu sei l’ esempio del classico Livornese….. vuoi sempre aver ragione tu e vai contro le regole….Sicuramente sei il classico tuttologo

  25. # Ilio

    Io sono tutto meno che livornese,poi se legge in maniera attenta non ho elogiato il gesto ma ho detto soltanto la verità,lo spazio esiste e se rimaneva dentro non accadeva niente di pericoloso,ma in tempi di crisi le regole sono importanti perchè un’infrazione simile frutta una bella multa e se non le fosse ancora chiaro non voglio difendere quel tipo che è rimasto nel passaggio a livello ma neppure reputarlo un serial killer perchè magari ha avuto un guasto.Dimenticavo siete tutti degli autisti provetti e ligi al codice in maniera maniacale almeno a parole,quindi negli anni 80 eravamo tutti criminali quando si andava in moto senza casco,in macchina non c’erano le cinture e compagnia bella.Io vivevo meglio,mi sentivo più libero e succedevano meno incidenti di oggi.Amen.

  26. # Elena

    Mamma mia che livello…mai letto così’ tante cose insensate tutte insieme….inutile replicare

  27. # Giulia

    io ci passo ogni tanto, e proprio l’ultima volta, circa 20 giorni fa mi è capitato di fermarmi perchè era rosso e stavano già scendendo le sbarre, mi sono vista sfiorare uno scooter a 70 km/h, la prima sbarra era ancora abbastanza alta per lo scooterista, ma l’altra l’ha sfiorato di un pelo infatti questo “irresponsabile” lo ha schivato abbassandosi, mi sono vista la scena come in un film rimanendo a bocca aperta

I commenti sono chiusi.