Operazione antidroga, quattro arresti. Dormivano e spacciavano nel bosco

Mediagallery

Nuovo colpo dei Carabinieri di Livorno nella lotta contro il fenomeno dello spaccio di sostanze stupefacenti in atto nelle zone boschive e collinari lungo il confine con Cecina. I militari della Compagnia di Livorno, unitamente ai colleghi di Cecina, hanno eseguito una serie di servizi finalizzati a contrastare l’attività di spaccio di droga nell’area boschiva ricompresa tra la località Gabbro e via di Popogna.
L’intera attività ha visto, inoltre, il prezioso supporto dei Carabinieri paracadutisti del Reggimento “Tuscania”, particolarmente adatti ed abituati ad operare in zone impervie e difficilmente accessibili grazie anche alle sofisticate strumentazioni in loro uso. Più che positivo il bilancio finale dell’operazione che ha registrato l’arresto di 4 cittadini nordafricani, il rinvenimento e sequestro di oltre 75 grammi di cocaina e di ulteriori 6 grammi tra hashish e marijuana, nonché il sequestro di 460 euro in contanti, provento dell’attività di spaccio. Nella circostanza sono stati anche denunciati 2 giovani livornesi, accusati di favoreggiamento nei confronti degli arrestati.
I quattro nordafricani, tutti di origine marocchina (dai 22 ai 37 anni), sono stati sorpresi, in più occasioni, a cedere diverse dosi di stupefacente ad altrettanti acquirenti. Gli extracomunitari, come accertato, utilizzavano come base proprio l’area boschiva interessata, pernottandovi anche per più giorni e nascondendovi lo stupefacente, sicuri di poter agire assolutamente indisturbati. A finire nei guai anche i due giovani livornesi, il 30enne T. B. ed il 33enne T. C., entrambi denunciati dai Carabinieri in quanto ritenuti responsabili del reato di favoreggiamento personale. I due, infatti, aiutavano i nordafricani nell’attività di spaccio accompagnandoli nei loro spostamenti con il ciclomotore. I quattro marocchini sono stati trasferiti nel carcere di Livorno.

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # lorenzo

    Se avessero dovuto dormire nei boschi per lavoro si sarebbero licenziati.. ma anche per molto meno.

  2. # Nedo1

    Complimenti ai carabinieri e a tutte le forze dell’ordine che si impegnano ad arrestare delinquenti e spacciatori, ora la magistratura applichi le pene previste evitando le scarcerazioni facili e la denuncia piede libero quando invece sarebbe prevista la detenzione in carcere.

  3. # waze

    Poverini, vanno integrati, vanno capiti, vanno inseriti, poverini…

  4. # Jobbee

    Complimenti ai Carabinineri per l’ operazione. avanti cosi!!!

  5. # Roger

    Non preoccupiamoci troppo. Tra pochi giorni saranno ai domiciliari… Metterli a lavorare i campi o ripulire le boscaglie delle nostre colline resta un’idea impensabile? Si intente! Livornesi compresi!!!
    Se gli piace tanto la natura unite la passione alla punizione e ci godiamo tutti!!

  6. # Nocchi

    CompAgno, niente da dichiarare a questo giro?!?

  7. # matrix

    questa (insieme all’ 80% delle notizie di nera) non si può commentare, altrimenti qualcuno si risente e dice che siamo razzisti ed intolleranti…

  8. # voglio piu pulito

    invece di cacciare i cinghiali dovrebbero addestrare i cani da cerca spacciatori … vedrai che nei boschi non ci starebbero più ..

  9. # Lorenzo65

    Visto che dormivano nei boschi perché senza dimora, le nostre buoniste autorità politiche provvederanno subito a metterli in graduatoria urgente per le case popolari!

I commenti sono chiusi.