Oltre 1000 pasticche sequestrate, smascherata maxi rete di spaccio: 6 arresti

Sequestrati bilancini di precisione, contanti, otre un migliaio di pasticche MDMA e stupefacente (tra cocaina, marijuana ed hashish) per un valore di 30 mila euro

Mediagallery

Stamani 22 ottobre i finanzieri del Comando Provinciale di Livorno hanno concluso un’articolata attività di polizia giudiziaria, dando esecuzione a 5 misure cautelari nei confronti di altrettante persone, tutte responsabili del reato di spaccio di sostanze stupefacenti.
La citata attività di servizio – denominata “Operazione The Wharf” – costituisce la fase finale di laboriose indagini condotte dalle Fiamme Gialle nell’ambito del territorio della Val di Cecina, eseguita sviluppando elementi acquisiti nel corso di pedinamenti e appostamenti, nei confronti di un giovane di Donoratico, che era dedito allo spaccio di sostanze stupefacenti agli adolescenti della zona.
Da quel momento, sono state eseguite indagini più approfondite coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Livorno – nella persona del Sost. Proc. Dott. Massimo Mannucci – anche con l’esecuzione di prolungate intercettazioni telefoniche su varie utenze.
Tale attività ha consentito di individuare, non solo i canali di approvvigionamento degli stupefacenti, ma soprattutto un ramificato gruppo di giovani dedito allo spaccio di droga non solo leggera, ma anche e soprattutto sintetica, nella città di Livorno.
Il quadro probatorio acquisito dalle Fiamme Gialle è stato condiviso dalla magistratura inquirente che ha richiesto ed ottenuto dal Giudice per le Indagini Preliminari misure cautelari personali nei confronti di 5 persone.
Il principale soggetto indagato, organizzatore dello spaccio e fornitore della sostanza stupefacente, è attualmente detenuto nella Casa di Reclusione di San Gimignano (SI), perché già condannato in secondo grado in seguito proprio all’arresto in flagranza di reato operato dai Finanzieri della Tenenza di Cecina, allorquando lo colsero nell’atto di spacciare droga ad alcuni giovani nel piazzale antistante la stazione ferroviaria di Livorno.
Durante l’operazione, sono state eseguite anche diverse perquisizioni domiciliari delle abitazioni private in uso ai soggetti indagati effettuate anche con l’ausilio di unità cinofile antidroga del Comando Provinciale, che hanno consentito di sequestrare bilancini di precisione, denaro in contanti e complessivamente oltre un migliaio di pasticche di MDMA (MetilenDiossiMetaAnfetamina), di chetamina e di efedrina, nonché sostanza stupefacente (tra cocaina, marijuana ed hashish) che sul mercato avrebbero fruttato oltre 30 mila euro.
La descritta operazione di servizio si inquadra in un più ampio contesto di attività di controllo del territorio, svolta dalla Guardia di Finanza di Livorno per contrastare condotte criminose che possono avere riflessi anche sotto il profilo economico finanziario.

 

Riproduzione riservata ©

13 commenti

 
  1. # serpe

    VOGLIAMO NOMI COGNOMI E FOTO GRAZIEEEEEEEEEEEE

  2. # nino

    e ora cosa li fanno nulla come al solite ci vogliono pene severe per queste persone in modo che non possono delinquere altre volte senno siamo daccapo un’altra volta.

  3. # ANNA MARIA

    Pene piu’ severe per questi delinquenti portatori di morte per i nostri figli!! Molti incidenti mortali sono da attrribuire proprio all’uso di queste sostanze stupefacenti.
    Ora che ce li avete, non fateli piu’ uscire altrimenti gia’ domani inizieranno a spacciare di nuovo. Ovviamente un grazie di cuore alle forze dell’ordine che a dire il vero stanno facendo tanto per questo problema che ci affligge.

  4. # mandrakke

    bravissimi bel colpo,via la spazzatura

  5. # la livorno oltre il boia deh!

    BRAVI! e complimenti per il vostro impegno, anche quando qualche giudice troverà mille appigli per rimetterli in libertà, Voi non vi fermate la gente onesta e ce nè tanta, è con voi!

  6. # alla frutta

    che sul mercato avrebbero fruttato oltre 30 mila euro – A parte il fatto che spacciare quelle schifezze o addirittura ingerirle è da malati di cervello… e poi io vorrei rischiare il carcere per un ricavo di 30 mila euro?? un domani decido di rischiare perche perdo il cervello non è senz’altro per un ricavo di 30 mila euro. ao’ polli

  7. # silas

    Anni di esperienza ed ancora l’Italia non ha imparato che quello delle droghe dovrebbe essere competenza del ministero della sanità prima ancora che di quello della giustizia. Oggi si fanno gli arresti e domani si ricomincia. Il Portogallo lo ha capito dal 2001 ed è passato ad essere il paese con meno tossicodipendenze, mentre prima era il più alto. Parliamo di percentuali naturalmente.

  8. # Malizioso Troll

    I giudici fanno il loro lavoro: applicano le leggi. Basta che il Parlamento faccia le leggi giuste, ma fino a quando avremo in giro deputati e senatori che votano che “è vero, Karima Al Marrough (Ruby Rubacuori) è la nipote di Hosni Mobarak”, c’è poco da sperare. Non dimentichiamoci che a Palazzo è pieno di cocainomani. Volete che si freghino con le loro mani incarcerando i fornitori? Dai, su…

  9. # rolando

    Siamo in un mondo di m… aiutano i nostri bambini ad non caderci dentro

  10. # silas

    Dovete capire che bisogna cambiare politica sulle droghe, tutti questi anni di proibizionismo hanno portato all aumento del consumo di ogni tipo didroga, al riempimento delle carceri e all arricchimento di pochi criminali. Il DPA guidato da serpelloni ha fallito su tutti i campi. La forza ed il pugno duro non sono mai serviti in secoli di storia

  11. # silas

    e ci tengo a precisare che se i vostri figli fanno uso di droghe la decisione è solo ed esclusivamente loro. ci tengo inoltre a precisare che, si è vero molti incidenti mortali sono dovuti all’uso di droghe, ma è anche vero che sono molti di più quelli causati dall’alcol. questo può solo voler dire che l’attuale metodo di prevenzione di uso di sostanze stupefacenti è sbagliato. anche perchè di prevenzione non se ne vede traccia, c’è solo repressione. e non sto solo parlando di cannabis per la quale auspico una completa liberazione entro breve termine, ma anche delle droghe pesanti, per le quali reprime ed arrestare non porta a soluzioni. questi sono fatti, non opinioni.

  12. # moscawalza

    vorrei essere una moschina per vedere una volta che sai i nomi e visto le foto cosa fai. tiri fuori il capello di walker texas ranger la bisaccia di jack bauer e ti lanci nella mischia?

  13. # alla frutta

    Aaaaaaaahhhhhh grande

I commenti sono chiusi.