Muore investito da un'auto, una "Ghost Bike" sul luogo della tragedia

Attorno alla bici, illuminata da alcune candele, si sono raccolti i familiari di Carlo Bondi in un momento di preghiera

Mediagallery

Una bicicletta bianca, Ghost Bike, in memoria delle vittime della strada. E’ quanto posizionato intorno alle 19 dalla associazione livornese dei Pandaciclisti del WWF di Livorno (nelle foto di Simone Lanari) dove ha perso la vita Carlo Bondi, l’uomo di 63 anni travolto da un’auto ieri mattina in piazza San Marco. Attorno alla bici, illuminata da alcune candele con la presenza di un mazzo di fiori, si sono raccolti i familiari di Carlo Bondi in un momento di preghiera. “Basta morti sulla strada”, hanno detto i rappresentanti dell’associazione. Una cerimonia di alcuni minuti ma estremamente toccante celebrata di fronte ad automobilisti e passanti visibilmente colpiti. 

LA CRONACA DELL’INCIDENTE
Incidente mortale in via Mastacchi, all’angolo con piazza San Marco. E’ accaduto ieri 22 settembre intorno alle 10. Una donna di 54 anni alla guida di una Honda Jazz grigia ha investito e ucciso un ciclista di 63 anni, Carlo Bondi, in pensione da alcuni anni da operaio metalmeccanico prima alla Spica e poi alla Trw, deceduto in ospedale dopo un tentativo disperato da parte dei medici chirurghi di salvargli la vita. Il ciclista, dopo essere stato investito, è stato trascinato dall’auto per circa 50 metri prima che questa finisse la sua corsa contro il palo del semaforo. Sembra che dopo l’impatto la 54enne abbia provato a scappare tentando di passare tra un’auto ferma al semaforo di via Mastacchi e il muro della vecchia stazione ferroviaria causando gravi danni alla struttura e alla macchina. La sua corsa però è finita contro il palo del semaforo stesso. La conducente verosimilmente verrà sottoposta ad esame tossicologico. Alcuni cittadini, prima dell’arrivo dei pompieri, hanno sollevato l’auto per consentire ai volontari della Misericordia di Livorno di prestare i primi soccorsi all’uomo che in seguito è stato trasportato d’urgenza all’ospedale  e dopo aver lottato per rimanere in vita non ce l’ha fatta a causa delle gravi lesioni riportate. La donna, in evidente stato di shock e secondo i soccorritori e chi è intervenuto sull’incidente “non in condizioni di stare alla guida” , è stata soccorsa dai volontari della Misericordia di Montenero. Molti i passanti infuriati che alla vista dell’incidente si sono avvicinati all’abitacolo della 54enne chiedendole se si era resa conto di ciò che aveva fatto. La donna ha rischiato il linciaggio. In ospedale è finito anche l’autista del veicolo fermo al semaforo in via Mastacchi e urtato dalla Honda Jazz. Per lui fortunatamente, dimesso nel pomeriggio, soltanto un colpo di frusta. La Municipale ha sequestrato i  veicoli rimasti coinvolti nell’incidente. Bondi lascia la moglie e un figlio. Viveva in via Fratelli Bandiera a Shangai e la bicicletta era il mezzo con il quale si spostava più frequentemente.

Riproduzione riservata ©

124 commenti

 
  1. # Antani

    È nova….

  2. # alla frutta

    Che gente. Questa cadetta deve finire in carcere e la patente non la deve piu vedere. Speriamo bene per lo sfortunato ciclista. Auguri

  3. # Uccio

    voglio dire……

    no via fammi sta’ zitto !!! auguri al povero ciclista .

  4. # antani

    giustizia divina!! speriamo non la passi liscia questa …

  5. # Orso

    non ci sono parole se non : GALERAAAAAAA!!!ma ci deve invecchià li dentro!!!…ma mi rendo conto di sognare, almeno spero che gli levino la patente a VITA!sarebbe il minimo!

  6. # mal

    Speriamo che il ciclista se la cavi! In quanto alla “signora” che la legge la punisca in maniera esemplare, perché sbagliare è umano ma scappare e non assumersi la propria responsabilità è da persone vigliacche e per niente dotate di senso civico…e sono stato bono!!

  7. # Nestore31

    Quel semaforo sul marciapiede! La”dama della carità'” in questione potrebbe anche chiedere il risarcimento del danno subito dalla sua vettura,vero?

  8. # Jobbee

    Non ho parole… questa donna è pazza! E se è lucida è delinquente!!! In galera. Solidarità al ciclista e un augurio di pronta guarigione

  9. # Alessio

    Ci vuole la pena dell’OMICIDIO STRADALE!!!
    Perchè non esiste ritardo o fretta che giustifichi l’attentare alla vita di altre persone. Auguri al Signore in coma…

  10. # biscottino

    Ora qualcuno dirà: poverina era sotto shock ! Ormai hanno imparato: se riesci a scappare hai risolto, se non riesci e ti accappiano rischi poco, ma mooooooolto poco. La giungla a noi ci fa un baffo, prepotenti, arroganti furbi (i peggiori di tutti) e violenti la fanno da padrone, ma attenzione questo è il viatico a storici cambiamenti, diamoci una regolata che poi si piange tutti.

  11. # Liliputz

    Naturalmente dovremo conoscere maggiori dettagli, ma resta il tentativo di fuga e la solita bici sotto le ruote. Andare in bicicletta è sempre più pericoloso!

  12. # Carlo

    Il fatto è grave. Credo che la conducente, una volta investito il conducente sia stata colta dal panico che l’ha portata ad un comportamento impulsivo ed irresponsabile dal quale però nessuno può ritenersi del tutto immune. Premessi i dovuti auguri al ciclista vittima dell’incidente, auspico che quella signora trovi la strada giusta per uscire da questo tunnel e che trovi bravi professionisti che la seguano nel percorso.

  13. # Antonio

    vergogna!

  14. # max bandana

    … capace era col cellulare all’orecchio….
    la mattina per lavoro dalle 8.00 alle 12.00, sono sempre in giro con la pandina…. su 10 auto con donne, 11 sono al cellulare……
    augurissimi al ciclista

  15. # gemma

    Riguardo a quella delinquente, con la giustizia che c’è a giro o cosa vuoi che gli facciano? gli sospenderanno la patente per un po’, una bella denuncia e via come niente fosse successo! Anche se non legittimo mai l’uso della violenza, qui era meglio se i passanti du’ storcioni dati bene glieli davano! che schifo!

  16. # amaranto67

    invece di fare la revisione alle macchine dovrebbero fare una volta all’anno esami di idoneità alla guida, sia verificando l’attitudine che le buoni condizioni generali di salute.

  17. # arpuli

    purtroppo l’incidente può succedere ma scappare no,e va condannata per questo gesto,

  18. # Lorenzo Il Censore

    Tutti che parlano senza sapere nulla. E se fosse il ciclista in torto? Vanno in bici pensando di essere i padroni della strada (così come gli automobilisti). Resta il fatto del tentativo di fuga, cosa vile ma anche comprensibile purtroppo se entra in gioco la paura. Auguro al ciclista di uscire dal coma e rimettersi presto; E spero che venga fatta luce sulle dinamiche dell’incidente (nonché che venga punito il palese tentativo di fuga). E accettate un consiglio, prima di parlare aspettate di sapere le cose.

  19. # Lorenzo Il Censore

    Sono d’accordo con te, troppe persone guidano con il cellulare all’orecchio (già una sarebbe troppo). Ma ho anche visto spesso gente in bicicletta che parla al cellulare, ascolta musica o si mangia delle roschette appena sfornate. Ci vuole più senso civico e rispetto per le norme stradali da parte di TUTTI, non solo degli automobilisti (e lo dico pur essendo un ciclista.)

  20. # il pragmatico

    è da denuncia anche chi gli ha firmato la patente perché sicuramente se si scava nel passato della signora verrà fuori una qualche ” non idoneità”

  21. # Francesco R.

    Patente a coriandoli a vita, ricca denuncia e qualche giorno al fresco. A regola le cose dovrebbero andare così…

    P.S.: (Poi vedi l’altro giorno quello straniero ubriaco al volante che a momenti faceva una strage e ti ci vien da ridere sapendo che non gli è stato fatto nulla.)

  22. # Antonella

    Solo le donne stanno attaccate al cellulare? Ci stanno anche gli uomini…ma io anziché contarli sto attenta a guidare per bene.

  23. # Sandra

    Io se fossi in te invece di guardare se le donne sono al cellulare GUARDEREI DAVANTI ! Clamoroso fare un commento sul sesso di chi è alla guida! Sempre peggio. Sono stata investita in bicicletta… Ferita sulla testa…braccio rotto…riabilitazione…tutto a mie spese…Il gentile motociclista che mi ha volato è scappato. Non so se era uomo o donna, bianco o arancione. Per certo so solo che era un deliquente.

  24. # Jack

    Perché non è stata linciata? In questi casi sarebbe tanto meglio…

  25. # Lorenzo Il Censore

    Tanti ciclisti, se è per questo, sono colpevoli di TENTATO SUICIDIO STRADALE.. Non si rendono conto di essere su due bastoni di ferro incrociati, e che purtroppo ogni minimo impatto può essere mortale. Se giri per la città ti renderai conto di questa verità: sono pochi i ciclisti che hanno paura di andare a giro, o perlomeno ci mettono la giusta dose di prudenza. In mancanza di piste ciclabili degne di questo nome BISOGNA avere paura ad andare in bici e stare bene sulla destra (non in mezzo alla strada) e avere mille e uno occhi.

  26. # mario

    anche gli uomini stanno con il cellulare all orecchio mentre guidano sicchè non parliamo per dare fiato

  27. # Stefano T.

    La legge parla chiaro: omissione di soccorso uguale arresto. Auguri al ciclista.

  28. # Urdo

    Senza se e senza ma…fai un incidente e scappi? Sei una persona di …
    A questa vigliacca vorrei solo chiedere, se ci fosse stato tuo figlio con la testa sotto la macchina?? Subito in galera!

  29. # Urdo

    Nome cognome e foto di questa disgraziata!

  30. # Stefano

    E’ vero hai proprio ragione su 10 almeno 11 se non di più… intanto il povero ciclista è morto. Cosa farà la giustizia ora?!

  31. # iono

    L’uomo è deceduto. Per la tizia: galera, io direi.
    Che succeda a tutti noi un incidente del genere può anche essere possibile, ma che si scappi no, eh! SCAPPARE E’ INUMANO, è da delinquenti, da da persone di m…!

  32. # Mik

    Max, hai ragione ma non è un difetto di genere. Io sono uomo e per lavoro percorro circa 40.000 km l’anno e ti assicuro che di uomini che guidano disinvolti con il telefono all’orecchio ne vedo a quintali! Soprattutto di ESCLUSIVAMENTE MASCHILE è il vizio di appiccicarsi al sedere delle auto per chiedere strada …con o senza il telefono all’orecchio!

  33. # iono

    Dimenticavo, scusate: condoglianze alla famiglia.

  34. # iono

    ..anche 11 i uomini su 10, se è per questo (compresi gli autisti del CCT, ex ATL). Per il resto la penso come te.

  35. # libero 1°

    rischiano tutti il linciaggio,mai uno che viene “tonfato”,che città di samaritani!

  36. # Gex

    “Rischiato il linciaggio”…ma quante volte si legge??spesso in questi casi…come piacerebbe leggere
    “Il conducente e stato linciato e reso alla giustizia.
    Auguri per il malcapitato ciclista.

  37. # Susanna

    poveraccio riposi in pace

  38. # Fruzzy

    Confermo quello che dice Max….e la dovete smette col cellulare alla guida . l’altro giorno t ‘ ho visto una c’aveva il parasole sul finestrino del lato guida

  39. # io me

    tonfaaaaaa

  40. # Andrea

    Abitiamo in zona, la donna stamani era sicuramente in stato di shock!! Ma era altrettanto sicuramente era con un forte odore di alcol. O forse era un pessimo profumo…. Tanti auguri al povero malcapitato di riuscire a fercela!!

  41. # Gabriel

    Incredibile cosa può succede !!!! Ti svegli vai a fatti una pedalata e per colpa di una pazza matta di fori come i terrazzi …

  42. # Mattia

    Potremmo anche fare come fanno i comunisti in Cina. Lavori forzati per il resto della vita. Anche perché i “bravi professionisti” di sicuro saranno a carico della collettività.

  43. # Claudio66

    Non si può continuare a morire sulle nostre strade non e’ accettabile. Risulta evidente che la mancanza del rispetto delle più elementari regole del codice della strada aumentano i rischi. Ognuno di noi si dovrebbe fare un esame di coscienza oltre ad un controllo maggiore delle forze dell’ordine in città che sembra in preda ad un delirio anarchico!

  44. # ugo

    io son passato di li e non ci si ‘apisce nulla …ma caa’ voleva fa leilì, galera un è nulla tanto poi esce sicchè…in garage incatenata e in mano ai familiari del poveretto….’APITOOOOO! AUGURONI AL CICLISTA e famiglia…….

  45. # De ma De !!!

    Morto !!!! Speriamo la Signora abbia TUTTO il tempo di riflettere in carcere , per TUTTA la vita.

  46. # ugo

    Se il coccio a destra è del ciclista imbarcato… ma a che velocità andava per piegare il montante del vetro?

  47. # Mirko

    Dovrebbero istituire l’omicidio stradale

  48. # Francesco L.

    Zio… purtroppo non ce l’hai fatta. Altro non so dire, pensare o fare. Avrei voluto dirti in modo diverso da questo quanto eri, anzi, sei speciale… magari con un ultimo abbraccio. Riposa in pace.

  49. # mau

    che cosa brutta, magari anche madre in che mondo siamo!

  50. # ilaria

    Io dico. …..a questa donna buttiamoli via la patente stramaladetta ma come si fa a non soccorrere bisogna esser pazzi! Condoglianze alla famiglia sono molto dispiaciuta. …

  51. # Roberto-Bobbe

    E la tipa alla guida chi è? Nome, cognome e indirizzo. Se non altro per starne alla larga quando tra poco la rivedremo in circolazione…

  52. # max bandana

    ciao Francesco, innanzi tutto condoglianze a tutta la famiglia…. un domanda, lavorava all’ASA?… se si, è stato un ex collega…. e se è lui, è una tragedia che si ripete in famiglia 🙁

  53. # Margot

    Condoglianze alla famiglia del ciclista….per la donna minimo il sequestro di patente per il resto penso che sia già tanto il peso di aver ammazzato una persona….

  54. # nanto

    Condoglianze…

  55. # giovane

    e poi siamo noi giovani il pericolo della strada….

  56. # arpuli

    Carlo, abbiamo lavorato insieme per 36 anni. Ti auguro di riposare in pace. Non ho più parole

  57. # assurdina

    perchè non mettete i nomi? Vogliamo i nomi di chi combina questi “capolavori” E non mi dite che è un fatto di privacy…e la privacy per le vittime allora non c’è? Di loro mettete nome cognome età e tra pochino indirizzo e codice fiscale, di quelle brave persone che vanno a giro ad uccidere e poi vigliaccamente scappano no.
    Potrei sapere perchè?

  58. # nanto

    Io direi che in mancanza di piste ciclabili BISOGNA tenere presente che in strada ci sono veicoli più lenti che non tutte le strade permettono di sorpassare e che hanno lo stesso diritto di percorrere la stessa strada dell’automobilista frettoloso.

  59. # ci sono anch'io

    e vai ora ci pensano gli avvocati, la difendano e poi arresti domiciliari cosi se la cavano ( E AI PARENTI DEL CICLISTA CHI CI PENSA!)

  60. # Jack

    noi tanto a fare i buoni a parlare e poi non si passa mai alle maniere con certa gente…

  61. # mal

    Io spesso usavo la bici, poi dopo che ho avuto un incidente (un’auto mi è finita addosso perché non mi ha visto…) ho lasciato un po’ la bici in garage…a me è andata bene, questo sfortunato signore c’ha lasciato le penne…sono molto colpito dalla vicenda, sincere condoglianze alla famiglia…

  62. # Sniper70

    pover’uomo,che il Signore l’abbia in gloria…le mie piu’ sentite condoglianze alla famiglia :((
    riguardo l’accaduto, non commento…è un film visto e rivisto, finché non metteranno per legge “omicidio stradale”, qui in Italia non cambierà nulla….purtroppo….

  63. # silvia

    Se ha problemi non legati ad assunzione di sostanze, sarebbero da indagare i medici che rinnovano la patente senza neanche alzare gli occhi dai fogli..

  64. # spotteddimerda

    e poi leggi commenti su spotted della gente che vorrebbe fare strike di ciclisti….gli unici a portare rispetto all’ambiente nel quale viviamo!!!

  65. # Jobbee

    L’hai ammazzato!!! Ora la redazione pubblichi nome e cognome di questa Donna, perché ha ucciso una persona ed è giusto che sia identificata dalla collettività. Mi auguro che non vada agli arresti domiciliari come accade da troppo tempo in italia. In America la persona che ha investito qualche mese fa la giovane sposa italiana a Venice beach è sempre in galera e ci rimarrà per molto a lungo, come è giusto che sia. Quella è giustizia.

  66. # Chiara

    Sei un patetico buonista! La fuga non è per niente comprensibile…tu dici alla gente prima di parlare di accertarsi di come sono andate le cose. Io invece dico a te, prima di parlare accendi il cervello…L`hai sparata veramente grossa credimi!!

  67. # Valentina

    Assolutamente d’accordo, bisogna sempre parlare con cognizione di causa. Perciò anche te Censore, prima di scrivere commenti dove ti dici comprensivo verso la paura di chi uccide e scappa, conta fino a duemila… che figura penosa….
    Condoglianze alla famiglia del povero Carlo.

  68. # Don Chisciotte

    Tempo fa sono stato criticato perchè ho detto che questi incidenti somigliavano ad un bollettino di guerra; dopo questa ennesima disgrazia devo ammette che mi sono sbagliato, E’ UN VERO PROPRIO BOLLETTINO DI GUERRA. E ora dico la mia: la polizia municipale, deve ritornare a quello per cui è nata I VIGILI URBANI, BASTA SANZIONARE SOLO LE AUTO IN DIVIETO, TROPPO FACILE FAR CASSA COSI’.

  69. # kamui

    per non parlare di quelli che in motorino vanno a zigzag perchè mandano i messaggini col telefonino…

  70. # Uccio

    R.I.P.

  71. # max

    eh sì vorremmo conoscerne le credenziali che sembrano utili quando fermano e arrestano, meritatamente beninteso, poveri diavoli a rubare ,ma qua mi sembra un pelino più grave, certa gente agli arresti ci dovrebbe restare a vita oltretutto in fuga invece di prestare soccorso, disgraziata!

  72. # Sde

    “Rischia il linciaggio” e’ diventato un disco rotto. E basta! Tanto non e’ mai vero!

  73. # mario

    MA METTETE NOME E COGNOME

  74. # princi53

    si sono d’accordo con te per il carcere, però ci devono andare tutti gli extracomunitari ubriachi e senza patente, che fino ad oggi hanno ammazzato tanta gente. La punizione deve essere uguale per TUTTI

  75. # romy75

    condoglianze alla famiglia del ciclista, spero che questa ennesima tragedia serva finalmente a cambiare la legge chi provoca questi incidenti in stato di ebrezza o sotto effetto di stupefacenti NON DEVE MAI PIU’ GUIDARE NESSUN MEZZO NEANCHE UN MOTORINO O QUELLE NUOVE AUTO CON TARGA COME I MOTORINI CI SONO I SERVIZI PUBBLICI la patente deve essere revocata a vita…..ma siamo in Italia tra tre giorni è libera e può combinarne un’altra…

  76. # ilaria

    Si nome e cognome di questa

  77. # orazzio

    Investire e scappare e’ un gesto infame.

  78. # nicola

    Se guardi le foto vedrai che la ruota della bici accarttorcciata è quella posteriore quindi non credo che il ciclista sia andato addosso alla macchina, poi questa moda di scappare dopo aver causato un incidente non la capisco.
    Gli incidenti con il morto purtroppo ci sono sempre stati e sempre ci saranno, provochi un incidente se non sei drogato ho ubriaco sei assicurato ti fermi chiami soccorsi anche se muore cosa ti fanno, niente al massimo ti levano la patente per un mese, ma adesso andare in auto senza patente senza assicurazione ubriaco/drogato e scappare è glamour.

  79. # roberto5

    che vergogna….. che schifo….

  80. # francy

    cosa vuole dire che non era in grado di guidare? prima o dopo aver ucciso un uomo? chi me lo può spiegare?

  81. # liburnico

    poverino lui e poverini tutti i familiari… uno esce a fare un girino in bicicletta, e ti arriva la telefonata a casa o peggio due carabinieri che ti annunciano il decesso… non ho parole… in quanto alla signora, siamo in Italia e non le faranno nulla, omicidio colposo, omissione di soccorso durante un momento di shock, etc etc etc, povero Carlo Bondi possa riposare in pace ovunque si trovi

  82. # FULVIO

    Complimenti alla brava signora nome e cognome no ! Ti dovresti vergognare infame

  83. # Emir Faccardino

    D’accordo con Don Chischiotte, occorre tolleranza zero. Troppo facile fare le multe per divieto di sosta con i vari “vigilini”. Iniziamo a controllare i semafori, passare con il rosso è ormai una abitudine dei Livornesi. Attenzione: si muore!

  84. # adre

    io ero li gli ho tenuto la mano a quel poveretto che non ce l’ha fatta..

  85. # misia

    ho sentito dire che non era la prima volta che aveva un incidente la signora,aveva già sfasciato la macchina!!!!

  86. # yoghi

    ci voleva un commento così intelligente… hai anche le statistiche in base all’età?
    complimenti!!

  87. # yoghi

    ho sentito dire che c’ho ha i vaini se la passa bene

  88. # Jobbee

    Non mi meraviglierei se nei prossimi giorni l’ avvocato della Signora sosterrà che è stato solo un tragico incidente, che la Signora è rimasta sotto shock nell’ impatto e che quindi il tentativo di fuga è da interpretare come la reazione scoposta di una persona che in quel momento non era in grado di intendere e volere quindi non una omissione di soccorso volentaria; che la sua cliente si sente distrutta e addolorata dall’ accaduto; che la dinamica dell’ incidente non è cosi chiara da imputare totalmente le responabilità al conducende dell’ auto ecc ecc e via dicendo per ottenere la libertà e a giudizio puntare su una condanna di omicizio colposo piu lieve. Scrivo cio perche non vorrei che accada davvero ,come gia troppe volte è successo in processi passati su incidenti in italia con sentenze molto vergognose.

  89. # Gianca

    cioè, è morta una persona a causa di una donna che non doveva stare alla guida…e viene tirato fuori il discorso extracomunitari? il rispetto per la persona che non c’è più? ? PRINCI53 FAI RIDE

  90. # mau

    non metteranno mai il nome per tutelare i figli minori che frequentano scuole livornesi e non avrebbero più vita…già averci una madre del genere penso sia abbastanza pesante.

  91. # Me

    Quanti deve amazzarne ancora per levarle la patente?

  92. # Claudia

    Ah complimenti! Questa brava donna ha anche figli? Sicuramente l’istinto materno lo aveva lasciato a casa perche’ una donna vera che ha dato vita ad un figlio non puo’ ammazzare e fuggire, lo shock puo’ lasciarti immobile non reagire ecc ma non scappare…..

  93. # fabio

    i tossicologici sono obbligati in casi di questo tipo, e penso che non ci siano giustificazioni che tengano per comportamenti simili.spero che la giustizia sia esemplare e la condanna pesante!!!!

  94. # ciombercazz

    Non ho parole. .pensiamo a quel pover uomo e alla sua famiglia. ..per lei non esiste perdono per me…anzi

  95. # Io

    Vergognati

  96. # arpuli

    Lavorava alla T.R.W. era in pensione da poco.

  97. # Io

    Princi vergognati

  98. # guga

    mi sono trovata ieri all’incrocio dove questo pover’uomo ha perso la vita
    mi dispiace anche se non ti conoscevo….e penso ai tuoi familiari.
    Vi abbraccio

  99. # dani78

    Rotatorie non ce ne sono lì, anche questo incidente colpa di Bettini o della gente che non sa guidare??!!!!

  100. # fra

    un incidente tragico ed una famiglia nella disperazione; anche se non la conosco, le sono vicino. Troppi incidenti gravissimi in questa città; ci dobbiamo interrogare e soprattutto si devono interrogare gli amministratori di questa città “sgangherata” e spesso incivile per quanto attiene alla circolazione stradale; questo, è sotto gli occhi di tutti!

  101. # stefy

    Non si può morire…..r.i.p… un abbraccio alla famiglia…

  102. # princi53

    no forse non hai capito, ho soltanto detto che alla signora oltre la galera va strappata anche la patente. Ma lo stesso trattamento lo devono avere anche nei confronti di stranieri che uccidono come ha fatto la signora, ma che invece gli danno i domiciliari (vedi quello che ha ucciso tutti quei ciclisti). Quindi io non ho niente di cui vergognarmi dicendo solo la verità, mentre te e gli altri due siete talmente ottusi o impappati dal partito dhe non vedete oltre al vostro naso

  103. # masi

    Non temere, quella sarà sicuramente la strategia difensiva dell’avvocato …

    Bisogna che venga inserito nel nostro codice il reato per OMICIDIO STRADALE, non è possibile che questi tipi di reati vengano classificati come omicidio COLPOSO.

  104. # Gianluca

    il sindaco e l’amministrazione comunali dovrebbero, lo ripeto sempre, andare in Romagna a vedere COME SI RENDE POSSIBILE AI CICLISTI CIRCOLARE SENZA RISCHIARE LA VITA. A Livorno ci sono solo piste ciclabili fatte male, inadatte e che mettono in competizione ciclisti e pedoni e purtroppo in molti tratti di strada non ci sono. Fermo restando che certo Cosimi non è responsabile di questo OMICIDIO, sappia però che la condizione “al posto sbagliato” che compone il dramma de “l’uomo sbagliato, al posto sbagliato, nel momento sbagliato”, è stata invece dettata proprio dall’incapacità sua e dei suoi assessori di regolare il traffico di una piccola cittadina come Livorno. Dunque o si dà la possibilità ai ciclisti di viaggiare su una carreggiata apposita, altrimenti, l’alternativa è quella di esporli deliberatamente a dei rischi di vita, visto le persone che guidano la macchina.

  105. # Ceccobeppe

    che poi questi soggetti qui, il linciaggio lo rischiano sempre ma non lo subiscono mai…

  106. # tudor

    razzista

  107. # paola

    Pienamente d’accordo con te, in Italia siamo buonisti e si adottano due pesi e due misure; non si capisce perchè gli extracomunitari debbano fare il comodo loro, viaggiare con auto antidiluviane e spesso senza assicurazione, però non è questa la sede in cui affrontare l’argomento, purtroppo siamo di fronte all’ennesima tragedia dovuta all’indisciplina degli automobilisti che non prestano attenzione ai mezzi a due ruote, mi dispiace per il ciclista e per la famiglia.

  108. # nanto

    sottoscrivo, parola per parola.

  109. # cristina 62

    voglio essere vicina alla famiglia Bondi. Mio Padre e mio zio morti a distanza di un anno per tumore erano cacciatori della cigna e del gruppo dei cinghialai di Salviano, durante la loro malattia il vostro congiunto li accompagnava sempre con la jeep nei luoghi delle battute di caccia, mio padre infatti mi parlava sempre di questo Carlino così sempre gentile che con serenità faceva trascorrere momenti unici a chi si stava spegnendo piano piano. Saranno tutti e tre a far battute nei boschi dell’eternità.

  110. # jAnE

    Morire per la colpa degli altri nel 2013 mi sembra assurdo… nessuno puo levare la vita a nessuno!!!

  111. # Mighe

    Dispiace per quell’uomo….non commento il gesto della donna perché non ha giustificazioni…ma mi chiedo e vi chiedo perché’ e’ tre giorni che si parla dell’accaduto e non è’ stato ancora messo il nome dell’omicida????? Perché???? Forse moglie o parente di qualcuno importante???? Che vergogna!!!

  112. # Sam81

    Grazie, Carlo per me e la mia famiglia è e sarà sempre una persona unica…….

  113. # romy

    Secondo me in questo caso le piste ciclabili non ci combinano niente anche se è vero che nella nostra città sono fatte male (vedi viale Italia che devi camminare guardando se dietro uno in bici non ti investe) questa se aveva a che fare con uno in motorino l’ ammazzava lo stesso c’è da dire che va cambiata la legge sulle patenti e sono accessibili a tutti perchè per averle si paga i

  114. # max

    Per il diritto di cronaca dovreste mettere anche nome e cognome della “cosa”.

  115. # Gino Rossi

    ma il nome “dell’educata” signora lo possiamo sapere? non tanto perché ha ucciso una persona, ma perché è scappata ed ha omesso il soccorso…..forse non è la prima volta che causa un incidente mortale?

  116. # Luciano

    avete detto tutto, grande dispiacere, un abbraccio alla famiglia, e la consapevolezza di come sia facile morire per la strada….ogni giorno ho sempre più paura….fra tossici alcolizzati impasticcati per la depressione stressati boriosi che passano con il rosso etc c’è solo da cambiare paese per allontanarsi dagli Italiani ( ooooè son Livornese da 6 generazioni)

  117. # nina

    Scusate ma sapere nome e cognome cambia qualcosa?? Più che nome e cognome devono approvare l’omicidio stradale e mettere in galera chi ammazza la gente…… condoglianze alla famiglia…..

  118. # michele Bondi

    salve a tutti sono BONDI MICHELE il figlio dell’uomo barbaramente ucciso,
    siamo distrutti, una moglie senza piu’il marito, un nipote di 18 mesi senza piu’ il suo adorato nonno,una nuora che lo amava e un figlio che è rimasto orfano di suo padre, questo è quanto.
    grazie per avercelo portato via cosi, grazie per aver tentato di fuggire…
    ce l’hai strappato per sempre, se mai leggerai queste poche righe sappi che dovrai vivere le tua inutile vita nel rimorso di cio’ che hai fatto!!!
    se credo nella giustizia? si in quella divina…
    scusate lo sfogo

    michele

  119. # giacomo

    condoglianze a tutta la famiglia.

  120. # fede

    persona buona e generosa … non meritavi una fine così assurda !!! ogni volta che vedrò passare la jeep bianca alla puzzolente non potrò che pensare a te e al tuo immancabile saluto. Ciao carlino… un abbraccio e soprattutto d lassù dai coraggio alla famiglia. Ci mancherai…

  121. # francesca

    tanto è durata di molto quella davanti al Comune.
    Pezzo dopo pezzo, neanche il telaio è rimasto…
    Che tristezza..

  122. # Gianluca

    romy, se la pista ciclabile fosse su un’apposita carreggiata, i ciclisti non rischierebbero la vita.

  123. # Massimo

    Condoglianze Michele… conoscevo babbo, bravissima persona, onesto…. abbiamo lavorato insieme alla Trw….. amico di vecchia data di mio padre, fatti forza per tuo figlio….. CIAO CARLINO….

  124. # pino scotto

    Sei tristissimo.

I commenti sono chiusi.