Maxi furto in concessionaria, la refurtiva in vendita su Subito.it: 2 denunciati dalla Mobile

Mediagallery

Cerchi in lega, pneumatici, navigatori satellitari, turbine, gruppi ottici anteriori e posteriori, kit per ricambio ruote. E’ questa la refurtiva asportata dalla concessionaria Toyota in via Firenze il 15 ottobre scorso per un valore di circa 10 mila euro e ritrovata un mese dopo dalla squadra mobile (sezione reati contro il patrimonio) attraverso siti internet specializzati. La squadra mobile ha così rintracciato e denunciato a La Vettola, nel comune di Pisa, le due persone ritenute responsabili del reato di ricettazione continuata in concorso, ovvero coloro che avevano pubblicizzato la vendita della refurtiva sul web.
I diversi servizi di controllo effettuati nei confronti di pregiudicati livornesi, noti ricettatori di refurtiva, avevano dato esito negativo. Basandosi, pertanto, sui diversi dettagli del materiale rubato (codici e numeri identificativi, fotografie ecc…) sono stati controllati vari siti internet specializzati nella vendita on-line (Kijiji.it – Ebay – Subito.it – secondamano.it ed altri ). Le ricerche sul sito www.subito.it hanno dato esito positivo. Infatti sono stati notati annunci di vendita riguardanti materiale identico a quello asportato.
Sono stati pertanto effettuati i dovuti riscontri sui venditori, identificati in R.M, nato e residente a Pisa, classe 1976 e M.D. nato a Cascina ma residente a Livorno, classe 1977, i quali dagli accertamenti è emerso che pubblicizzavano la vendita del materiale oggetto d’indagine.
Il 14 novembre scorso sono state effettuate delle perquisizioni nelle case dei due. Perquisizioni che hanno permesso di rinvenire tutto il materiale.
Nel dettaglio: 24 cerchi in lega di autovettura Toyota, vari Kit di smontaggio ruote, 8 pneumatici, fanali anteriori e posteriori di autovetture Toyota, 2 turbine, più vari navigatori satellitari. Il materiale è stato riconosciuto dal titolare della concessionaria a cui è stato restituito. I responsabili R.M. e M.D. sono stati denunciati a piede libero.  Proseguono le indagini mirate ad individuare gli autori materiali del furto alla concessionaria.

Riproduzione riservata ©

10 commenti

 
  1. # Caterina

    anche loro italiani? Ma che strano… avevo capito che gli italiani sono onesti e vengono per questo vessati dagli stranieri disonesti…

  2. # Nedo

    Denunciati a piede libero….siamo alle solite…..che paese ridicolo l’Italia….

  3. # mau

    Gli stanieri non sono cosî fessi da mettere foto e annunci con cellulare proprio su subito.it…e queste iene livornesi non sono i primi a cascarci

  4. # Nero

    Caterina ma che problemi hai? Hai il chiodo fisso,sei logorroica, ripeti sempre le stesse cose…difendi gli extracomunitari che commettono reati e ti scagli contro gli italiani, ma sei un troll o credi in quello che dici, ma stai serena ragazza……

  5. # Antonio

    hai perso un’occasione, l’ennesima, per tacere.

  6. # mau

    cara caterina, difendere gli extracomunitari che lavorano è giusto ed io sono in prima fila, difendere gli extracomunitari delinquenti e sbagliato. E’ vero ci sono anche italiani delinquenti ma per questo non abbiamo nessun bisogno di importarli anche dall’estero.

  7. # Jack Alcatraz

    Geniali!

  8. # Ponce

    Questi mangiano pane e vorpe la mattina è!!

  9. # alberto

    Sono peggio questi dei professionisti di banche!!!

  10. # Marco

    In un paese dove chi uccide per strada va ai domiciliari e chi uccide per rubare va ai domiciliari lo stesso, cosa ti aspetti? l’importante è ingabbiare Berlusconi tanto …

I commenti sono chiusi.