Maltratta la mamma e la nonna in cerca di soldi per la droga. “Cacciato” da Livorno

Mediagallery

Maltrattava la mamma e la nonna per ottenere soldi e comprarsi la droga. E’ per questo motivo che, a seguito dell’attività condotta dalla Squadra Mobile diretta da Marco Staffa, il giudice per l’indagine preliminare del tribunale di Livorno ha deciso di “cacciarlo” con un provvedimento di misura cautelare che gli impedirà di vivere nella provincia di Livorno.
L’uomo, Z.E, 33 anni, residente a Collesalvetti, con precedenti penali in materia di stupefacenti e minacce, non aveva rispettato una precedente ordinanza (dicembre 2013) di applicazione della misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare a seguito dei maltrattamenti in famiglia ai danni della madre (B.R. nata a Livorno, classe 1957) e  della nonna materna (R.M. nata a Livorno, classe 1936).
Secondo gli inquirenti, il fine di questi maltrattamenti perpetrati era quello di procurarsi denaro per soddisfare il suo bisogno di stupefacente. Il 33enne, nonostante fosse già colpito come detto da un provvedimento di allontanamento, aveva continuato ad abitare con la famiglia, iniziando perfino a molestare gli altri familiari che vivono nello stesso condominio con il solito scopo di procurarsi denaro contante per la droga.
Alla fine la Mobile, consegnando tutto il materiale raccolto alla magistratura, ha ottenuto che l’uomo fosse definitivamente allontanato da casa in modo tale da non nuocere più alla sua famiglia.

Riproduzione riservata ©

33 commenti

 
  1. # compAgno

    Questo povero ragazzo va aiutato non cacciato…ma che modo è di recuperare e reinserire chi ha problemi..mah

  2. # cuccy

    Spero che sia un commento ironico.

  3. # Sniper70

    Z.E.??….e dovete mette nome e cognomeeeee!!!!

  4. # Lapi Dario

    Fai una cosa: “recuperalo” te alloggiandolo a casa tua…

  5. # Alfredo

    Compagno, ritieni regolare il suo comportamento? Da quanto in qua si difende chi delinque? Bo??

  6. # scompIglio

    Bene, vai dal giudice che lo ha allontanato e dichiaragli la tua disponibilità ad ospitarlo, recuperalo e reiserirlo. Immagino,leggendo i tuoi commenti, che tu ci abbia già pensato da solo……… facci poi sapere tra qualche mese lo stato delle cose.

  7. # ciccio

    compagno ovvia…

  8. # silvia

    …e che sia lo stesso trattamento per italiani e non!
    Fuori i delinguenti, i violenti , i cattivi , che siano essi bianchi , verdi o a quadrettini arancioni! Che vengano da Livorno ,Pisa o dall’Oltre Po’, dalla terra o da Marte ! Basta e basta!

  9. # Lapi Dario

    …però lo stesso trattamento di “allontanamento” di altri soggetti che abitualmente delinquono nei loro paesi di origine no?

  10. # compAgno

    Ma sapete leggere o siete solo vittime del vostro odio e dalla vostra cattiveria…il ragazzo ha problemi con la droga, quindi va recuperato in comunita’, mi spiegate cosa vuol dire allontanarlo?? Pensate che vivere in un altro luogo lo aiutera’ a stare meglio e a non delinquere per comprarsi la droga…mamma mia che ignoranza, siete solo dei beceri giustizialisti!
    Mi meraviglio che nesuno di voi abbia scitto di dargli l’olio di ricino…..

  11. # FACCE DA

    Cari compagni e compagne come si vede il confino non era solo una pratica del ventennio ma e’ nata prorio dai vostri cari sovietici tanto amati a livorno, che mandavano la gente in siberia al confino.

  12. # dario

    leggiamo tra le righe per favore, credete davvero che qualsiasi ragazzo normale, picchierebbe propria madre e la propria nonna ?
    Sicuramente non sarà un santo, ma in parte ha ragione, il problema non lo risolvi con l’allontanamento, è la società che va cambiata.

  13. # Senza Parole

    Compagno, gli puoi sempre andà a fa compagnia…

  14. # Alessio

    Allontanato da Livorno?? Questa gente qui va messa dietro le sbarre!!!

  15. # lorenzo

    Questa mania di sapere nomi e cognomi non la digerisco, per quale scopo? Quando l’ho saputo che faccio? Perché mettere in piazza i drammi di una famiglia? A parte la drammaticita’ del fatto non posso fare a meno di provare tanta tristezza per questa madre e per questa nonna. Bisogna soltanto sperare che nessuno di noi si trovi in una situazione analoga, immagino che quale sforzo richieda sopprimere i vincoli di sangue per far valere la gravita’ dei reati.

  16. # lorenzo

    Per la prima volta condivido il commento di compAgno..

  17. # franco

    ma come siete bravi ad accanirvi con le persone più deboli di voi.voglio vedè se era il vostro figliolo se parlavate in questa maniera.recuperare come dice compagno vuol dire anche metterlo nelle strutture adeguate.a già ma siamo in italia!!!!

  18. # onesto

    C’e’ la gente che non ha salute chissà cosa farebbe per averla;
    questi hanno avuto il dono di avercela e se la vogliono rovinare…

  19. # ognitanto

    E no CompAgno, mi dispiace, son compagno anch’io… Ma chi arriva a picchiare mamma e nonna, reiterativamente, non è solo un “povero ragazzo” da recuperare. E’ un potenziale delinquente, con droga o senza, e va anche un pochino..pochino..pochino “punito”, io penso. Nella droga non si inciampa per caso, la DROGA LA SI SCEGLIE! Smettiamola col nostro solito buonismo peloso che ha portato soltanto sempre più gente a pensare che “droga è essere ganzi”. CompAgno, DROGA E’ MAFIA, E’ DARE SOLDI ALLA MAFIA CHE LA GESTISCE…. basta giustificare chi ne fa uso! Combattiamola anche noi, piuttosto!

  20. # piratatirreno

    Non sei degno di chiamarti “Compagno”. Per piacere cambia il tuo nick.

  21. # Stefano

    Gente che non merita, almeno che non rovini la vita a chi, purtroppo e per natura, deve stargli accanto….

  22. # illy

    ok gli si impedisce di vivere nella provincia di Livorno, considerando che abitava a collesalvetti gli basta anda’ a Fauglia! mah

  23. # scompIglio

    Non te la prendere compagno, tu sei uomo saggio, di cultura e contrariamente agli altri avrai sicuramente letto quanto ho scritto rispondendo al tuo commento iniziale. Sono sicuro che il ragazzo è in buone mani……..Mi raccomando tienici informati.

  24. # cuccy

    Qui si sta girando nel manico! è stato allontanato per evitare che continui a minacciare la mamma e la nonna. Comunque il problema rimane, se torna e fa una strage. In Italia mancano le tutele, il tizio andrebbe inserito in un percorso di recupero e messo in condizione di non nuocere a se stesso e a gli altri

  25. # inok

    il fatto non è ritenere giusto o meno il fatto in se. il punto della questione è: quale è il metodo migliore per prevenire questi episodi? e qual’è il metodo migliore per evitare che questi si ripetano? io penso che si può trovare/provare molte soluzioni, ma fra queste NON c’è in alcun modo la repressione. e questa non è una mia opinione, questo è un DATO DI FATTO!! perchè anni ed anni di repressione verso i tossicodipendenti non hanno portato ad alcun miglioramento della società. il soggetto in questione per esempio forse non creerà più problemi a nonna e mamma, ma vai tranquillo che li creerà a qualcun’altro. io ritengo che un ottimo modello da seguire sia quello porteghese, che da essere lo stato europeo con più tossici è passato ad essere quello con i migliori programmi di recupero e prevenzione.

  26. # inok

    sai perchè vogliono sapere tutti nome e cognome? perchè se sei fortunato domani puoi sparlare un po’ al bar di cosa ha fatto questo e quello. se invece il tizio non lo conosci dopo 30 secondi ti sei gia scordato il nome.

  27. # Il Messicano

    Ora voglio di, questo ragazzo s’era fatto tutte le amicizie a Livorno e ora l’hanno estradatio e deve ripartire da zero, con tutti i problemi che ha sul groppone…..ma un era meglio se estradavano su ma e la su nonna che un l’hanno mai agguantato in tutta la vita?

    Fate voi…

  28. # Enrico

    io pongo una domanda al giornalista che ha fatto il servizio. Ma non poteva domandare cosa significa “allontanare da casa”? Significa inserirlo in una comunità di recupero? O farlo vivere all’aperto? Se ci pensava lui a toglierci il dubbio… Bho, si vede fa comodo all’audience…

  29. # hobbit

    …ma fai la burletta?! :-O
    Chissà “quali” mai saranno le amicizie da cui l’hanno sradicato, eh!

  30. # Michy

    Mettetevi per una volta anche nei panni della mamma e della nonna, credo che per loro sia una grandissima sofferenza vedere allontanato il ragazzo, ma non credete che fino ad ora non abbiamo provato con qualsiasi mezzo a recuperarlo e ora siano disperate e senza aiuti?

  31. # Sanchez

    Ma per andare in galera cosa bisogna fare ?

  32. # inok

    a parte chi l’ha detto che la mamma e la nonna siano delle sante me lo dovete spiegare. siamo bravi a commentare usando la fantasia invece dei fatti

  33. # vinicio

    gente….,calma,recuperare????recidivo come è????mi meraviglio non sia scappato il morto,ma fatela finita,la droga non ti viene incontro,di droga si muore ma anche si fa del male agli altri anche in maniera irrecuperabile, per cui dentro….

I commenti sono chiusi.