Lavoro nero, licenza sospesa in tre bar

Mediagallery

Nelle ultime 24 ore i carabinieri della Compagnia di Livorno hanno dato vita ad un vasto piano di controllo nell’area del centro città, con particolare attenzione a piazza della Repubblica e Scali Novi Lena, zone di riferimento della “movida” livornese.
L’attività, finalizzata a prevenire e reprimere i reati in genere, ha visto i militari impegnati soprattutto nel controllo di soggetti pericolosi e facinorosi noti alle forze dell’ordine.
Molti anche i controlli effettuati nei confronti di alcuni locali pubblici, nel corso dei quali i militari, coadiuvati anche dai colleghi del Nucleo Ispettorato del Lavoro, hanno proceduto alla verifica amministrativa all’interno di locali operanti nel settore della ristorazione. Nella circostanza tre bar sono risultati irregolari a causa di anomalie amministrative e per la presenza di lavoratori stranieri assunti in “nero”. Pertanto per loro è scattata la sospensione della licenza.
Particolarmente intenso il monitoraggio dei numerosi soggetti sottoposti agli arresti domiciliari, al fine di verificarne l’effettiva presenza in casa, e a misure di prevenzione. In tale ambito è stato arrestato dai militari del Nucleo Radiomobile della Compagnia un pregiudicato residente a Firenze, responsabile del reato di violazione della sorveglianza speciale con obbligo di soggiorno.
L’uomo, il 57enne Angelo De Benedettis, è stato infatti fermato per un normale controllo in Piazza della Repubblica; gli immediati accertamenti consentivano di appurare che il De Benedettis, oltre ad essere gravato da numerosi precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e contra la persona, era destinatario della misura della sorveglianza speciale nel Comune di Firenze. La sua immotivata presenza a Livorno, in ordine alla quale l’uomo non ha saputo fornire alcuna valida giustificazione, ha fatto pertanto scattare nei suoi confronti l’immediato arresto.

Riproduzione riservata ©

22 commenti

 
  1. # Antò

    E quali sarebbero questi bar?

  2. # birillo 58

    Credevo che la “movida” fosse una situazione allegra e tesa godimento della vita e non quella cosa brutta..brutta…brutta che c’è in piazza della Repubblica la notte.
    Dimenticavo; vorrei anticipare i soliti che se la prendono con gli stranieri tanto per non guardare in casa propria, chi ha commesso l’infrazione e forse anche qualche reato è chi li ha pagati al nero, che probabilmente sono indigeni o quanto meno autoctoni. Ai lavoranti in nero di solito non viene in tasca niente se un italiano non paga le tasse e i contributi sul loro lavoro

  3. # Piero

    La sua immotivata presenza a Livorno……boia de’ e lo controllavano per benino a Firenze eh?

  4. # enrico

    Ma i controlli rigorosi, severi, tolleranza zero contro i criminali che fanno FURTI in APPARTAMENTO ed IN VILLETE no???????????????? Perche?????????? Prendersela con chi lavora e lasciare indisturbati vermi notturni che terrorizzano livorno

  5. # Pluto

    E’ vero che ci vogliono i controlli contro chi ruba negli appartamenti e villette, ma caro Enrico anche chi fa lavorare la gente al Nero commette reato. Reato contro la collettività perché non paga tasse e contributi, ma reato anche reato contro quelle persone che ha assunto senza tutele e protezioni assicurative.

  6. # Il Moralizzatore

    Se non si abbassano le tasse sul lavoro ci sarà sempre più lavoro nero, ma a Roma fanno solo promesse.

  7. # Francesca

    questa non è movida, in piazza della repubblica non c’è la nostra movida. E la venezia? La controllate? La movida è lì, mentre gli scontrini… difficile trovarne uno in venezia..

  8. # roberto1

    Siamo assurdi, non ce ne va mai bene una. Complimenti alla gestione di uno stato di diritto si vede anche da queste cose quindi ben vengano denunce e chiusure su locali bar etc che evadono e pagano in nero.

  9. # io

    il lavoro nero è illegale, danneggia i concorrenti e tutti i cittadini in quanto vengono pagate meno tasse,trovare illegale solo quello che fa comodo non mi sembra proprio corretto

  10. # Il Moralizzatore

    Personalmente trovo anche illegale che per uno stipendio di 1000 euro percepito da un dipendente, al datore di lavoro costi 2000.

  11. # birillo 58

    Caro amico, morale è pagare le tasse dovute non pagarle è rubare a tutti che è peggio di rubare ad un singolo. Se tutti le pagassero, poche o tante che siano si potrebbero abbassare od avere servizi migliori che poi è la stessa cosa, parafrasando Gaber “una morale.. una morale se potessi mangiare una morale avrei fatto la mia rivoluzione” e Gaber è stato senza dubbio uno dei primi a superare la logora e anacronistica contrapposizione destra/sinistra che ora va tanto di moda

  12. # birillo 58

    Per un imprenditore pagare gli stipendi e le relative tasse e contributi non è un costo ma un investimento per ottenere un lecito ricavo, chi non li paga è solo un ignobile ladro, l’impresa è una nobile attività.

  13. # asciuttino

    L’operazione “mare nostrum” rende bene …. Per gli Italiani il lavoro non c’è perché “pretendono” di essere messi in regola. Un grazie ai Carabinieri, fedeli come sempre ai loro doveri istituzionali, con un consiglio: controllate le cucine dei ristoranti ed anche e soprattutto i cantieri edili!

  14. # io

    giusto ma questo non autorizza ad usufruire di personale al nero, che viene sicuramente sottopagato, e questo lo trovo ingiusto.
    Visto poi che con le tasse vengono pagati i servizi di pubblica utilità, magari pagandole , ci potrebbe essere qualche controllo in più.

  15. # Pino

    E LE TASSE……E LE DEVONO PAGA’ TUTTI !!!!!! CHE SIAMO PIU’ C….I NOI???

  16. # Francesco

    vado spesso a bere in venezia e mi fanno sempre lo scontrino

  17. # Metternik

    Il lavoro nero non sostituisce il lavoro regolare ma la disoccupazione. Purtroppo!

  18. # Patrizia

    Dirò una cosa impopolare, ma meglio lavorà in nero che non lavorà. Non è bello ma capisco chi si trova in questa situazione. Tanto più a Livorno che il lavoro non esiste.

  19. # matteo

    Bravo birillo 58, come sei perspicace, come sono cattivi questi italiani, pensano solo a se stessi e agli immigrati poverini che sono tanto bravi buoni e belli vengono trattati così male in questo paese… Poveri piccinini

  20. # Il Moralizzatore

    Non ho detto che hanno fatto bene, ho solo detto che trovo illegale queste tasse sul lavoro cosi alto. io prima di pagare in nero preferisco non assumere.

  21. # Il Moralizzatore

    Mastai scherzando? Ma che lavoro fai? lo sai che un dipendente ti costa minimo 25000 di cuimla metà di tasse e palro di minimo. ammettimao che gestisco un bar e mi serve un aiuto al bancone, per giustificare una spesa perchè di spesa si tratta e non investimento, di 25000 euro devo avere minimo ma dico minimo un ricavo di 50000 dal suo lavoro. sai quanti caffè deve fare quel ragazzo per ritenersi un investimento?

  22. # Il Moralizzatore

    Caro birillo se fossi soltanto più informato sapresti che le entrate fiscali italiane sono le più alte d’europa, quindi la domanda non è come avere più entrate è come vengono spesi questi soldi. su un stipendio lordo di 2000 euro la metà sono di tasse non sarebbe + equo che 3/4 rimanessero nelle tasche del dipendente per poterli spedere in un economia reale? il problema in italia è che paghiamo un sacoc di tasse pe ri finanzimenti ai partiti, per i vari riborsi e i loro vitalizzi. il caro amico Ciampi percepisce uno stipendio di 53000 euro al mese, vedi sono queste le vere ingiustizie.

I commenti sono chiusi.