Ladri in azione mentre i fedeli pregano

Mediagallery

di Roberto Olivato

Furto questa mattina alla chiesa, in Venezia, di San Ferdinando dei padri Trinitari nel corso della S. Messa delle 11 celebrata dal vicario del vescovo monsignor Ivano Costa. Mentre i fedeli erano in preghiera, al piano superiore del convento i ladri hanno raggiunto le stanze dei frati servendosi di una scala ed una volta all’interno hanno asportato tutto quello che hanno potuto.
Amareggiato il superiore padre Cosimo Bleve: “Sono anni che siamo sottoposti a ‘visite’ da parte di malviventi, molte volte sono ubriachi o zingari, ma i furti si limitavano alle elemosine. Mai avevano pensato di salire al piano superiore. Siamo molto preoccupati ed amareggiati anche per i danni che hanno fatto alle porte. La piccola somma di denaro che avevamo in un cassetto serviva per fronteggiare le richieste di famiglie bisognose”.
Effettivamente la chiesa di S.Ferdinando è stata soggetta più di una volta a furti ed a atti di vandalismo. Forse un più mirato controllo del territorio da parte delle forze dell’ordine potrebbe limitare i danni e la preoccupazione dei tre frati che questa notte non dormiranno sonni tranquilli. Ad aumentare la loro apprensione è anche l’annuncio della prefettura che nel mese di settembre dovrebbero essere trasferiti, nell’ex collegio dei Trinitari annesso alla chiesa, un centinaio di emigranti trasferiti dal sud Italia.

Riproduzione riservata ©

4 commenti

 
  1. # DIEGO

    Caro padre Cosimo, deve sapere che le istituzioni ci hanno abbandonato, quindi inutile piangere sul latte versato.

  2. # Stefano L

    Siamo nelle mani dell’ultimo padrone… 🙁

  3. # Pasqua

    Ovviamente si fara’ presto ad associare alla parola emigranti la qualifica di ladri. Vi sembra giusto? Rifugiati, profughi…

  4. # frenio

    Il sindaco cosa intende fare? Ogni giorno che passa è sempre peggio.

I commenti sono chiusi.