In gruppo salgono a bordo senza biglietto, treno bloccato per un’ora

Mediagallery

Volevano andare ad un rave party, nella zona di Cecina, senza però pagare il biglietto del treno che li avrebbe portati a destinazione.
E’ accaduto sabato, intorno alle 20, alla stazione di Livorno. Protagonisti una sessantina di ragazzi. Il gruppo, formato da 20enni, è salito a bordo senza il biglietto. Il capostazione ha cercato di far capire loro che non potevano farlo, ma non c’è stato modo di convincerli. A quel punto è scattato l’allarme.

Sul posto, visto l’elevato numero di persone presenti, sono intervenuti polizia e carabinieri. Alla fine le forze dell’ordine, dopo una estenuante trattativa, sono riuscite a convincere i giovani che dovevano comprare il biglietto. Erano le 21 quando il treno ha potuto riprendere la corsa con buona pace degli altri passeggeri. Ora la polizia indaga per interruzione di pubblico servizio.

Riproduzione riservata ©

38 commenti

 
  1. # Carlo

    Quando il gregge è folto le pecore si sentono leoni.

  2. # Marco Sisi

    Avete visto un bel mondo, e intanto che vedevate, i vostri genitori si sono dimenticati di somministrarvi adeguata dose di nocchini. Scusate, sarò anche poco politically correct, ma prendere il treno senza pagare il biglietto adducendo scuse patetiche tipo rave party, partite di calcio e simili mi scatena tali ragionamenti. Quando poi, come è successo, controllori inflessibili ti omaggiano di verbali chilometrici e minacciosi perché la macchinetta obliteratrice ha finito l’inchiostro e non ti ha “annullato” il biglietto… Ma è facile prendersela con una persona tutto sommato civile, che ha comunque pagato il biglietto; qualche decina di bamboccioni desiderosi di viaggiare a spese della collettività evidentemente fa più paura.

  3. # Marco

    Rave party? in galera per aver rotto le balle a viaggiatori onesti con biglietto alla mano…

  4. # Alex

    Forse i genitori non glielo hanno mai spiegato che si paga il biglietto…poveri ragazzi!!

  5. # alina

    ecco ma i genitori di questi ragazziniminkia(evvia dai concedetemelo senza censure!)che cosa hanno fatto in tutti questi 19 anni addietro invece di educare la prole?

  6. # Lorenzo Il Censore

    E non veniamo a dire “Sono ragazzi..”, sono semplicemente dei maleducati senza rispetto per gli altri e le regole. Sono un 24enne ma mi vergogno di far parte di questi nuovi giovani, che tremo al pensiero di vedere procreare ed educare altri bambini che diventeranno a loro volta maleducati, e così via… (drammatizzo ma è un rischio forse reale)

  7. # Jack

    Dopo una lunga trattativa… Tutti in questura altro che trattative!

  8. # Il Moralizzatore

    Nel branco lupi da soli pecore = ventenni livornesi

  9. # Samarcanda

    Vergognoso….solo in Italia.

  10. # Cristiano

    Probabilmente molti genitori di quei ventenni sono ferventi sostenitori delle spese proletarie a carico del gestore del supermercato.

  11. # memedesima

    treno fermo 1 ora… non so come hanno fatto i passeggieri a resistere. situazioni sbagliate a prescindere, e gestite male poi, il rimborso del biglietto era il minimo.

  12. # marco

    Andate a lavorare e vergognatevi

  13. # Samarcanda

    Credo invece che i genitori abbiano dato loro sicuramente dato dei soldi anche ai fini del viaggio ma che loro li abbiano destinati a qualcos’altro…..chi ha orecchie per intendere intenda.

  14. # VentenneLIVORNESE

    Il 90 % dei ventenni livornesi si comporta come dici tu ma non siamo tutti uguali per fortuna …io sono ventenne e non mi permetterei mai di fare una cosa del genere ….tutto dipende dall”educazione…. ir mi babbo m’avrebbe riempito di storcioni !!!

  15. # livorneseDOC

    c è tantissima gente che non paga il biglietto! compresi gli zingari che chiedono le elemosina sui treni (è un reato penale chiedere soldi sui mezzi pubblici) e nessuno ce li becca mai. io sono pendolare e ho sempre pagato il biglietto regolarmente. e l ho sempre preso nel baugigi visto quanta gente la fa franca.

    piu’ sicurezza e piu’ controlli. cosi’ date anche posti di lavoro.

  16. # simona

    “Punirne uno per educarne 100”

  17. # alinoooooooooooooooooooooo

    un genitore che manda un figlio a un rave party del genitore ha molto poco

  18. # ste

    Vergognoso, comunque è una notizia di ieri…

  19. # giulano

    Forse si sono sbagliati,pensavano di salire su un autobus,dove puoi fare quello che vuoi.

  20. # Cristian

    Mi auguro che abbiano preso i nomi di tutti quanti e adesso facciano una bella denuncia per interruzione di pubblico servizio

  21. # Brontolo

    Livornesi non c’entra nulla quando sono in gruppo sono tutti uguali italiani e stranieri…

  22. # Garoso

    Bravo ! volevo scriverlo ma mi hai preceduto. Trattativa ????????
    Roba da sotto il sole.

  23. # Alpassa

    Una volta quei pochi disgraziati che si permettevano tali atteggiamenti venivano portati via con la forza e denunciati assicurando la libertà agli altri viaggiatori. Oggi mi meraviglio che non siano stati fatti scendere gli onesti col biglietto. E comunque il lavoro per identificarli e denunciarli è tempo sprecato la magistratura ha da pensare a “ben altro” figurati se perde tempo con queste sciocchezze…fino a che regge!

  24. # canna

    come odio i rave party.

  25. # francesca

    i soliti figli di genitori livornesi!! sono una maestra e ne potrei raccontare a migliaia!!!una sola parola VERGOGNA!!!

  26. # alberto

    hai c’entrato il problema… questi presi uno per uno se la fanno nelle mutande, stesso discorso vale per quelli che la notte dopo la discoteca si ritrovano in zona leccia e mezzi rintronati si ritrovano a rompere alla gente che dorme

  27. # alberto

    e una domanda mi sorge spontanea….abbiamo una brigata di carabinieri( a tutti gli effetti) paracadutisti ben addestrati..perche non intervengono in queste situazioni?? in 10 minuti era tutto risolto…il treno partiva…loro tornavano a letto…

  28. # Siamo obbiettivi

    Ci vorrebbe un sistema all’americana, dove il giudice può anche decidere per il contrappasso: condannati a ripulire i treni, bagni compresi, fino all’esaurimento della condanna per interruzione di pubblico servizio (sempre che gliela diano). Vedrai che la prossima volta ci pensano.

  29. # nanto

    ci vorrebbe che senza biglietto neanche ci arrivi a montare sul treno.

    poi mi chiedo: possibile che abbiano dovuto aspettare che quei 60 deficienti facessero il biglietto? se io trovo una fila kilometrica in biglietteria per fare l’abbonamento (è successo giusto il primo di agosto) il treno se ne va ed io mi arrangio

  30. # Roberto

    non voglio pensare a come saranno i figli di questi furbi, quando prima o poi diventeranno madri e padri, spero di essere già morto per quel tristissimo periodo… 🙂

  31. # Francesca.M

    quindi fatemi capire: se io monto sul treno senza biglietto, scatta al volo la multa e se protesto mi fanno scendere dal treno (in anni ne ho visti a decine essere accompagnati all’uscita),ma se montano senza biglietto 60 esagitati il treno si ferma per un’ora e la polizia deve FARE DELLE TRATTATIVE ESTENUANTI per convincere i poveri bimbini che il biglietto va fatto… perchè una volta arrivata la polizia, non ha multato tutti quelli senza biglietto,e non ha lasciato ripartire il treno con a bordo L’UTENZA PAGANTE?!

  32. # rut

    Te invece “maestrina” di dove sei? Chi sputa nel piatto dove mangia è una persona che non vale niente!

  33. # Stefano

    Uhm…Massima di infelice retaggio!!

  34. # Sandro

    SenzaBigliettoSenzaBiglietto!!! ahaha, la mamma degli stolti è sempre incinta (60 volte)

  35. # jonny

    in un paese NORMALE non si tiene fermo un treno un’ORA per convincere dei ragazzi a comprare il biglietto, ma si fanno SCENDERE e il treno PARTE in ORARIO senza di loro.

    (scusate il maiuscolo, è per enfatizzare il concetto)

  36. # Franco

    … avresti fatto la gioia di un qualche magistrato che avrebbe avuto l’occasione di rifarsela con i carabinieri o meglio ancora i paracadutisti…denunciandoli alla procura ecc. ecc…. senza considerare tutto il resto di prese di posizioni politiche……

  37. # Dario

    Oltre al loro biglietto gli avrei fatto rimborsare tutti quelli dei viaggiatori che, a causa loro, sono stati li ad aspettare ingiustamente. Ma è così difficile applicare le pene? Mi mettessero a capo delle punizioni esemplari, Livorno sarebbe una città anche troppo per bene

  38. # Anonymous

    La parola rave deriva dal verbo inglese to rave, che significa “entusiasmarsi” ma anche “farneticare”, “recriminare”[1]. Queste due caratteristiche distinguono la musica rave e i rave party (svolti sempre all’aperto) dal resto del genere elettronico e dalle serate in discoteca, in quanto il rave nasce dallo spirito di protesta e contestazione propri degli anni ottanta.

    “Per il Fatto, lo Stato spende 225 milioni l’anno per il servizio di scorta con 4000 agenti a 600 persone. Praticamente 375000 euro a testa.” Scrive su Twitter il giornalista Marco Castelnuovo. Fra queste 600 persone c’è anche Silvio.

    Berlusconi, non è più Senatore in quanto condannato in via definitiva per frode fiscale, nonostante sia in attesa di altri giudizi pendenti per cui è già stato anche condannato in primo grado a 7 anni di reclusione, nonostante sia stato cacciato dal Senato della Repubblica Italiana in quanto pregiudicato, nonostante tutto il signor Berlusconi Silvio come semplice cittadino italiano continua a girare indisturbato per il Paese con auto blindate e decine e decine di uomini di scorta. Tutto a spese della collettività. Una quarantina di uomini divisi in due squadre di 20 ciascuna e due auto blindate per una spesa superiore ai 200mila euro al mese

    FATELI PAGARE A GENTE COME SILVIO I TRENI…NOI AVANZIAMO UN FUTURO GRATIS PER TUTTE LE TASSE CHE SONO STATE INGIUSTAMENTE DETRATTE AI NOSTRI ANTENATI….

    GIOVANI IL FUTURO E’ NOSTRO

I commenti sono chiusi.