In due in bici contro auto: uno dei ragazzi vola sul cofano, grave

Mediagallery

Auto contro bicicletta. E’ successo in via Campania all’incrocio con via Piemonte intorno alle 19. Una Yaris, guidata da una donna sui 45.50 anni con a bordo la figlia, percorreva via Campania in direzione della caserma dei vigili del fuoco quando una bicicletta con a bordo due ragazzini, 12 e 18 anni, proveniente dalla direzione opposta nello svoltare verso via Piemonte ha urtato violentemente contro la vettura. Un brutto volo per chi ha visto la scena. Uno è volato sul cofano della vettura per poi rovinare a terra, l’altro, il più grande, è finito direttamente sul marciapiede battendo la testa e la colonna vertebrale. Le sue condizioni sono serie.
Sul posto due ambulanze dell’Svs, una con medico a bordo, che hanno portato i due amici all’ospedale. I vigili urbani si sono occupati dei rilievi dell’incidente.

Riproduzione riservata ©

24 commenti

 
  1. # alla frutta

    Troppo spesso si vedono ragazzi in bici fare manovre azzardate. Ora in questo caso uno ha 18 anni ed è grandicello ma vedo in giro per strade anche molto trafficate , bimbi di 10-11 anni passare da sensi unici o con il rosso o passare gli stop senza neanche rallentare. Occhio bimbi la vita è una sola e anche i genitori si accertino prima di mandarli tranquillamente a destra e sinistra di come vanno in bici. Auguroni ai bimbi.

  2. # Nedo

    Porca miseria, un augurio di pronta guarigione ai due ragazzini, ogni giorno ce n`e` una……..

  3. # Giovanni L

    Confermo

  4. # Samarcanda

    naturalmente niente casco niente catarifrangenti niente lampadine la mentalità dei ciclisti livornesi è questa (e nel caso in questione dei genitori che li mandano a giro cosi)

  5. # Kika

    Speriamo si rimettano presto questi bimbi e che stiano bene, però più che “auto contro bici” parrebbe “bici contro auto”..già esserci in due non doveva aiutare molto la manovrabilità. Non so quanta colpa abbia la donna alla guida, chissà che spavento!

  6. # DANIELA

    In bocca al lupo ai bimbi. Spero si riprendano presto. Avrete avuto 12 anni pure voi e 18 anni oppure siete nati grandi, meglio chi porta i bimbi di 3 anni sulle pedane dei motorini uhm… E come vanno veloci , frenate a secco, curve sparati a fionda, almeno loro erano da soli senza controllo dei genitori, e chi non è andato in bici così da ragazzi oh via !

  7. # DANIELA

    Sono stato sprovveduti come tutti a quell’età , e sfortunati. Ora nessuno di noi andava in due in bici e i nostri genitori ogni sera guardavano il fanalino se andava… È altro! O eravamo noi a dire si e’ rotto il freno , la lampadina, per poi farcela aggiustare dal papà , ma via via non si diceva, 12 e 18 sono età molto particolari tra ragazzetto e ragazzo ! Ora direte no no sono irresponsabili e dovrebbero fare questo e quello e noi lo abbiam fatto o si faceva…

  8. # Susanna

    speriamo che i bimbi si rimettano presto e confermo quanto detto prima di ragazzini che fanno manovre azzardatine in biciclette ed inoltre chissa’ poveraccia che spavento si e’ presa la conducente della yaris…..

  9. # Simone

    ..Mi spiace quando sento queste cose, ma a volte se le cercano… Ad esempio vi è mai capitato di percorrere una strada a senso unico e trovare, persone adulte di tutte le razze,da italiani a stranieri, a giovani ad anziani che percorrono la strada in senzo contrario senza neppure preoccuparsi delle auto che percorrono la strada… Io penso, e se un giorno per una sbadatezza di qualcuno ne viene atterrato uno? Che succede???

  10. # silvia

    Auguri di pronta guarigione ai bambini…oggi giorno la bicicletta e’un mezzo pericoloso…non e’piu’la citta’dtrenta anni fa..quando potevamo andare tranquillamente in giro con la bici..

  11. # Tutelate i ciclisti!!

    Tralasciando questo caso in cui pare che l’auto non ha colpa…. Ma il comune deve tutelare i ciclisti livornesi!! Non ci sono abbastanza piste ciclabili e le bici continuano a crescere in questa città, cosi come i casi di incidenti, talvolta mortali come quello di pochi giorni fa; non è ammissibile che in certe strade chi usa la bici sia costretto a pedalare sulla carreggiata accanto a auto, furgoni motorini e camion

  12. # DANIELA

    Brava Silvia , hai detto bene non è più come trent’anni fa, ma che i bimbi non vadano in bicicletta oppure qualsiasi persona non va bene , corriamo troppo ecco perché e per uno sgraffio alla vettura c’è tragedie tipo picchi coltelli , ma diamoci una calmata tutti per riportare un po’ di serenità . La bici fa bene pure alla salute perché non possiamo essere liberi di andare tranquillamente . Ieri uno scooter passo con il rosso e una bici a rischiato di essere travolta in pieno, con il rosso e neanche piano . Le persone non sopportano le bici ti strizzano per superarti non hanno pazienza e ti prendi mille offese calmi calmi!

  13. # DANIELA

    Si, si, si! Meno meno! Come le prostitute sono li ma nessuno va con loro !!!! Uhm… Quanto ci piace raccontare le favole e ci piace pure crederci! Buona giornataaaaaa .

  14. # mario

    auguroni bimbi..!!

  15. # DANIELA

    Cara redazione pubblicate pure , che il mondo va alla rovescia perché non siamo coerenti e sinceri. Per prendere pollici verdi. Qui scrivono 100 persone e tra queste tutti pieni di se e pieni di perbenismo. Poi scrivano che se un bimbo cade dalla A IN PIAZZA ATTIAS gli ci starebbe bene! Se la notizia era e’ caduto ed e’ grave, povero bimbo colpa di chi a fatto la A , ma la parola coerente sapete che vuole dire… Ma tutti li a giudicare perché si dimentica la gioventù ! Ed e’ vero chi scrive che a Livorno i giovani si annoiano non c’è niente, siamo ridicoli ! Si pensa al linciaggio ma poi lo dite da voi stessi chi viene linciato? ! E poi non è con la violenza che si risolve i nostri guai ! Cercate di capirlo e di guardare più alle cose vostre.

  16. # Il Moralizzatore

    Manca il commento di “memedesima” che dice che son ragazzi…

  17. # alla frutta

    Daniela io non ho 90 anni… ne ho la metà e quando ero bimbo io c’era per le strade si vedeva una macchina ogni 5 minuti ed il traffico non era quello di ora tra l’altro anche esasperato e nevrotico. Comunque sia io girottolavo nei pressi di casa mia senza andare su strade pericolose che potevano essere più trafficate della mia.

  18. # ramon 56

    ….a Livorno dopo il calcio lo sport più preferito dai livornesi è….l’incidente stradale !!!

  19. # DANIELA

    Ciao , possiamo essere d’accordo sul traffico intenso di adesso, certo e’ cambiato tutto , siamo cambiati pure noi folli di arrivare nei posti ! Forse c’era pure più attenzione! Ma i ragazzetti rimangono tali con le stesse voglie nostre di un tempo io ho meno di te c’era più traffico , ma pure buon senso , e se andavo a prendere un gelato fuori dal cortile andavo in bici , e non mi sembra giusto che critichiamo i bimbi alla play che ingrassano che non socializzano , gli stiamo togliendo il diritto della bici per fare sport, amicizia e ridere , sono stati sfortunati e basta.

  20. # Giovanni L

    No no ti guardano anche male , sembrano che dicano “non lo vedi sono in bici”, fammi passare.

  21. # Salvo

    Pensa un po`..oggi all`incroco del ponte dell`ardenza alle 16,35 circa, una cretina e` passata in bicicletta con il semaforo rosso e a momenti la stiro con la macchina meno male andavo piano..e nonostante tutto voleva avere ragione lei….se mi stai leggendo carissima cretina, invece di perdere il tempo a farti il ciuffetto multicolore in testa, leggiti un po` il Codice Della Strada……

  22. # troppabiada

    se tutti applicassero alla lettera il codice della strada non ci sarebbero più incidenti,ma quanti di noi lo fanno sempre e con scrupolosità? Boia ho inventato l’acqua calda.

  23. # DANIELA

    Volete mettere in testa che la bici ha il sacrosanto diritto di girare come voi in auto e scooter , e che fa bene a tutti . Bambini e ragazzi che stanno alla play e televisione , anziani , cura pure le malattie alla circolazione vene , per la riabilitazione, ma insomma dovremo non andare chi lo dice? Alcuni di voi ! E perché? Non inquiniamo ! E poi se una non rispetta il codice stradale e’ un altra cosa! Ma perché dovremmo posare le bici.?!? Per farvi spazio per correre di più perché snervante stare dietro la bici ! Ma và! Se ci possiamo andare perché non andare perché se no state dietro a suonare , urlare, eccetera … Uhm… Abbiamo lo stesso diritto come voi.

  24. # piratatirreno

    i due ragazzetti, appartenenti non so a quale campo nomadi, sono solititi rubacchiare biciclette (visto che un giorno si ed uno no ne hanno una differente) nel quartiere.
    Inoltre hanno come divertimento principale spaccare tergicristalli e specchietti (con pedate ed altro) alle auto in sosta nel quartiere, così tanto per divertirsi.
    Adesso cosa dovrei dire, che sono dispiaciuto per la loro salute?!……………Scusate ma non sono abituato a dire bugie.

I commenti sono chiusi.