Guida a zig zag sul viale Petrarca, inseguito dai carabinieri: nei guai 45enne

Massiccio piano di controllo nell’area del centro con particolare attenzione a piazza della Repubblica e Scali Novi Lena. Arrestato un pregiudicato marocchino, 33enne, per spaccio

Mediagallery

I militari della Compagnia di Livorno hanno dato vita nel weekend ad un massiccio piano di controllo nell’area del centro città, con particolare attenzione a Piazza della Repubblica e Scali Novi Lena, zone di riferimento della “movida” livornese.

Arrestato per spaccio – L’attività, volta alla prevenzione e repressione dei reati in genere ed al controllo dei locali pubblici, ha visto impegnati numerosi militari coadiuvati anche da unità cinofile del locale Comando Provinciale della Guardia di Finanza. Nel corso dell’attività, i carabinieri hanno tratto in arresto un giovane pregiudicato marocchino, Jarmouni Abderraham, 33enne, sul quale pendeva un ordine di carcerazione per reati inerenti lo spaccio di sostanze stupefacenti. L’uomo, che dovrà scontare un anno di carcere, alla vista dei militari ha cercato di sottrarsi alla cattura tentando la fuga. Nella circostanza, il giovane nordafricano ha colpito con calci e pugni i militari operanti i quali, dopo una breve colluttazione, sono riusciti ad immobilizzarlo ed ammanettarlo.

Guida a zig zag – L’operazione ha interessato anche i controlli alla circolazione stradale, ove è stata posta particolare attenzione alle violazioni inerenti la guida di autoveicoli in stato di ebbrezza alcolica. Decine i conducenti di autoveicoli e motocicli controllati e sottoposti al test alcolemico.
Tra questi, è stato denunciato a p.l. il 45enne L. U., di Livorno, sorpreso alla guida in stato di ebbrezza. In particolare, l’uomo, un pregiudicato, transitava a forte velocità e “zigzagando” in viale Petrarca, tanto che una pattuglia del Radiomobile era costretta ad inseguirlo e bloccarlo. Al termine del controllo con l’alcol-test, il 45enne è risultato positivo con un valore pari a 1,88 mgl., venendo pertanto denunciato con contestuale ritiro della patente di guida. L’attività, che si protrarrà anche nei prossimi giorni, è poi proseguita con il controllo di molti locali pubblici, al fine di riscontrare eventuali violazioni amministrative.

 

 

Riproduzione riservata ©

19 commenti

 
  1. # Nedo

    “il giovane nordafricano ha colpito con calci e pugni i militari operanti i quali, dopo una breve colluttazione, sono riusciti ad immobilizzarlo ed ammanettarlo”. SE IO IN NORD AFRICA PICCHIASSI UN POLIZIOTTO, NON SOLO MI STRAPPEREBBERO COME UN GIORNALINO, MA MI DAREBBERO 15 ANNI DI CARCERE…MA SI SA IN ITALIA TUTTO SI PUO FARE…. PICCHIARE LE FORZE DELL`ORDINE POI…CHE VUOI CHE SIA….VERGOGNA!

  2. # Sergio

    In questo caso mi auguro che la legge e la giustizia facessero i loro passi fino in fondo, basta intransigere! E’ il momento che la legge detti legge e che si faccia rispettare! Ora solo perche’ questi era un pregiudicato si e’ sentito in diritto fare quello che ha voluto fare?? Ah gia’ chiedo venia…….siamo nel bel paese pardon.

  3. # Antonio Caprai

    Intervallo. Senza parole.

  4. # LazzarOne

    Mi chiedo perchè la gente continui a fare lavori onesti, se lo spaccio e la resistenza all’arresto vengono puniti con un solo anno di carcere (e non credo neanche che lo sconterà tutto) allora probabilmente darsi alla malavita in fondo non è un idea cosi malvagia… In Italia il crimine paga. Questo sempre ammesso e non concesso che se l’arrestato fosse stato un italiano il trattamento sarebbe stato differente… La mia fiducia nello stato ha smesso di vacillare già da tempo, si è spezzata e frantumata in mille pezzi e ogni volta che leggo queste cose è come camminare scalzo sui suoi frammenti.

  5. # Antani

    È nova….

  6. # Roberto-Bobbe

    Ma le forze dell’ordine parlano arabo? Ormai si occupano e prendono botte solo da loro… Che brutta fine ha fatto la nostra amata Livorno…

  7. # princi53

    marocchino, pregiudicato al volante ubriaco, spacciatore e poi basta? Ma di sicuro levano punti dalla patente a noi se abbiamo bevuto magari un ponche, a lui che dovrebbe essere preso impacchettato e rimandato a casa sua, una denuncia e via, cosi’ va l’Italia grazie Boldryenge

  8. # Marco

    Benvengano questi controlli! Vogliamo girare tranquilli nella nostra città!

  9. # Danielmaries

    Dobbiamo arrenderci. Ormai ha vinto la Boldrni- Kienge : dobbiamo rassegnarci a subire in silenzio le violenze e soprusi degli extracomunitari. Altrimenti se ci lamentiamo ci mettono a noi in carcere per istigazione al razzismo…..

  10. # sirvia

    Mi dispiace solo per i carabinieri che fanno il loro lavoro, ne prendono anche e poi…..i soggetti interessati in poco tempo sono nuovamente sulla starda a delinquere.

  11. # cialboc

    botta di “taser” e via…de’ no…ma te votatici anche i le scatole…

  12. # Roberto-Bobbe

    Cialboc: botta di taser? Ma sei matto? E poi li senti i buonisti: razzisti! xenofobi! La pistola elettrica contro i poveri emigranti!!! Anche noi eravamo migranti! Ma dove va la nostra accoglienza livornina!!! Io sarei più spiccio Cialboc: niente taser! Una bella P38 parabellum!!!!!

  13. # Luciano

    Bene, continuate a fare controlli e a multare denunciare questi criminali, compreso quello che guidava ubriaco…chi guida dopo aver bevuto è un criminale per se e per gli altri.
    Le forze dell’ordine sono l’ultima speranza di giustizia in questa Italia che ha perso la rotta

  14. # stefano

    Viva la Kyenge, Sel e Letta…

  15. # roberto5

    Ancora?? Ho commentato poco fa l’articolo del marocchino ubriaco…non ce la fa a stare dietro hahahaha solo una cosa un forte e affettuoso abbraccio all’arma dei carabinieri che veglia su di noi forza ragazzi…

  16. # Sniper70

    un grandissimo “Grazie” alle forze dell’ordine per quello che stanno facendo,ce ne vorrebbero di piu’,ma si sa’….se i politici spendono di piu’ per carabinieri e polizia,poi se ne mettono di meno in tasca loro…e quindi è meglio risparmiare….a buon intenditor…;-)

  17. # Fabrizio

    Io sono daccordo con te ma molti se parli cosi poi ti danno del razzista.. Non capisco…

  18. # AndyBlacks

    Tutti in galera i delinquenti e buttiamo via le chiavi…giustizia giusta e severa e inflessibile…e vedrai che serviranno meno carceri e meno forze dell’ordine perché chi è adesso in Italia per fare quello che vuole impunemente sceglierà altre mete…

  19. # DANIELA

    Viaggiando tanto per lavoro , mi sono proprio dovuta dire da sola :- che la legge Italiana sulla guida è veramente bassa, bassa , in altri posti se non rispetti il codice stradale sono mazzi, e credete li devi rispettare per forza perché non scherzano davvero ! Quindi tutto torna a che in Italia c’è leggi poco rispettate perché poco puniti. Vedrai te come si andrebbe piano e in fila indiana , muti e zitti, poi in alcune città italiane ci sono i militari a vigilare . La legge italiana è bassina in tutto.

I commenti sono chiusi.