Furto sventato all’ospedale dalla pattuglia della Liburnia

Mediagallery

A soli 10 giorni dal precedente furto presso il distretto sanitario di via della Fiera di Sant’Anonino, i malviventi ci riprovano colpendo questa volta gli uffici del “Cup” presso il Poliambulatorio passando dall’interno dell’ospedale di Livorno. Infatti, poco dopo le una della notte tra il  24 e il 25 agosto presso il Poliambulatorio dell’ospedale la pattuglia di servizio dell’Istituto di Vigilanza Liburnia, durante il secondo passaggio di controllo, ha notato la finestra degli sportelli del Cup sfondata.La centrale operativa della Liburnia richiedeva l’intervento della polizia e del referente di turno, i quali provvedevano a verificare internamente che i box del Cup risultavano messi a soqquadro, ma le casseforti e il bancomat per il pagamento del ticket risultavano integre.

Da una prima verifica sembrava pertanto non mancare nulla, a seguito di un controllo più accurato, nella prima mattinata è emerso che i malviventi avevano tentato di forzare il bancomat per il pagamento ticket. Anche questa volta, i malviventi non sono riusciti a completare l’opera come nel precedente tentativo di furto presso il distretto sanitario di via della Fiera di Sant’Anonino risalente a soli 10 giorni fa, dove ricordiamo, sfondarono la porta ma non ebbero il tempo di portare via alcunché, probabilmente disturbati ancora una volta dalla pattuglia della Liburnia.

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Francesco R.

    L’Ospedale no, almeno quello lasciatelo stare. Rispetto a chi sta peggio di noi. VERGOGNATEVI.

  2. # gabriele

    la direzione sanitaria deve istituire un servizio di vigilanza continuo nelle aree ospedaliere, ed impedire l’accesso alle strutture sanitarie, da parte di nomadi, balordi, venditori abusivi , tossici e chiunque metta in pericolo la sicurezza di pazienti e personale medico sanitario

  3. # LazzarOne

    Questa gente deve essere fermata e la punizione deve essere esemplare per scoraggiare altri dal riprovarci…

    Non mi stupirei se fossero gli stessi che hanno rubato i televisori al reparto di cure palliative…

  4. # sergio

    Chi non ha rispetto di questi luoghi, non è degno di nessuna compassione, spero che qualcuno di questi delinguenti venga preso al più presto e spero che i giudici dimostreno severità senza problemi e si invetino cercato nelle leggi una punizione esemplare.

  5. # Siriano

    Complimenti al collega e la Centrale Operativa,voglio inoltre segnalare a tutti che noi: G.p.G dobbiamo far rispettare regolamenti per cui siamo pagati e molte volte invece veniamo trattati male(fino alle offese) da molta gente,solo perche facciamo rispettare i regolamenti di utenti che ci pagano e allo stesso tempo ci danno il lavoro.

  6. # alberto

    svegliaaaaaaaaaaaaaaaa

I commenti sono chiusi.