Furto nella notte al distributore. I ladri svuotano le slot con dei picconi

Da un controllo esterno è emerso che nella parete era stato praticato un foro che permetteva l’accesso ai locali

Mediagallery

Furto al distributore Esso in via di Levante. Intorno all’una la sala operativa della questura è stata allertata dalla Vesuvio.
Da un controllo esterno è emerso che nella parete posteriore della struttura era stato praticato un foro che permetteva l’accesso ai locali.
Qui i malviventi hanno forzato alcune slot machine con l’aiuto di alcuni picconi, ma non il cambia monete né la cassa probabilmente disturbati dall’attivazione dell’allarme. Inoltre era stata anche danneggiata la recinzione posta sul retro del distributore che dà l’accesso al deposito Ctt e alla struttura Asl di via Peppino Impastato. Sul posto è intervenuta anche la polizia scientifica alla ricerca di tracce utili per risalire agli autori dei fatti. Sul posto, all’arrivo delle volanti, era già presente anche il direttore per constatare il furto.

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # w la moglie del ratto

    in un certo senso hanno fatto bene così li tolgono di mezzo le slot machine e i giochi di azzardo di stato messi in locali dove non dovrebbero essere, ma sai lo stato e’ il primo biscazziere e pappone.

  2. # Vincenzo

    Ma un po’ di Vigilanza Privata no!!!! Di questi periodi bisogna appoggiarsi a tutti

  3. # ALEX

    Ma guarda caso ogni volta che c’e’ un cantiere aperto dopo qualche giorno avvengano dei furti Vedi benzinaio, vedi ASL oppure a qualche abitazione vicino sono un abitante della zona quindi sto dicendo cose veritiere, chiedete agl iabitanti di Via del Giaggiolo, Via della Valle Benedetta, Via Merli e Via di Salviano. Ma mi viene da pensare male ma a giro non ci sono troppi operai non italiani a svolgere questi lavori…..

  4. # bene

    ben gli stà a chi fà il “ruffiano” di uno stato assetato di soldi che incentiva il gioco rovinando intere famiglie, giocano sulla crisi e la disperazione chi crede di risolvere la propria miseria con le slot o i gratta e vinci. Sono e sarò sempre dalla parte dello stato ma non in questo.

  5. # curva nord

    Apparte che il distributore è appoggiata da un istituto di vigilanza, poi che discorso è hanno fatto bene perché la gente ci si rovina, la colpa è di chi ci butta i soldi, basta prenderlo come un piccolo passatempo di poche decine di euro, come sono le scommesse sportive, no che ci butti lo stipendio.

  6. # bene

    vorrei darti ragione, ma non è cosi!

  7. # Simone

    Carissimo ” curva nord” si, e’ vero bastano poche decine di euro, ma chi ci gioca o ci ha giocato, ricordati che sono dei giocatori compulsivi, i quali vanno alla ricerca di un qualche cosa che poi con il passare dei giorni e delle volte ti porta alla dipendenza, e ad inseguire una vincita che non arriverà mai!!!! Dai oggi o domani, ci giochi tutto, così vale per tutti i giochi, dal lotto, Superenalotto, slot, scommesse sportive.. Quindi un consiglio,NON giocateci, neppure 1 euro…

  8. # Simone

    i giocatori di slot sono dipendenti dal gioco, lo stato ci guadagna tantissimo, e le vincite che loro erogano non sono mai paragonabili alla somma di denaro che ci infilate dentro.. Ma non solo
    Le slot creano dipendenza, anche il lotto super ENALOTTO, scommesse varie… Quindi occhio oggi giocate poco e poi dopo un po’ vi infilate nel tunnel del gioco della dipendenza, alla ricerca di una vincita che non avverrà mai… Un ex giocatore..

I commenti sono chiusi.