Elicottero precipita in mare, tragedia sfiorata. FOTO

di gniccolini

Mediagallery

Tragedia sfiorata nel pomeriggio di lunedì 5 agosto quando, intorno alle 16 un elicottero è precipitato nel golfo di Baratti in località Cala San Quirico a pochi metri dalla Buca delle Fate.
A bordo due passeggeri, una donna turca di 29 anni e uno spagnolo di 36, e il pilota, un italiano di 40. L’elicottero da diporto, modello “Robinson 44”, che potete vedere nella foto pubblicata qui in pagina, era partito da un piccolo eliporto di Portoferraio ed era diretto a Bologna.
All’altezza del golfo di Baratti è stato il pilota ad accorgersi che qualcosa non stava funzionando a dovere. “Mi sono accorto che il velivolo stava perdendo giri – ha spiegato agli agenti della polizia del commissariato di Piombino intervenuti sul posto con una motovedetta – poi d’improvviso si è spento il motore. Nonostante il dramma non mi sono fatto prendere dal panico ed ho aperto i due gonfiabili in dotazione del mezzo per tentare l’ammaraggio. Per fortuna che nessuno si è fatto male – ha concluso il pilota – è stato un miracolo”.
L’elicottero infatti è riuscito ad ammarare davanti a decine e decine di occhi increduli dei bagnanti che si erano portati nel golfo di Baratti per trascorrere una giornata al mare.
L’abilità del pilota è stata quella di cercare uno specchio d’acqua idoneo per l’ammaraggio di fortuna. Nella manovra sia lui che i passeggeri sono rimasti praticamente illesi.
Sul posto sono intervenuti i vigili del fuoco per le manovre di recupero del mezzo e per mettere in sicurezza la zona. Passeggeri e pilota sono infine stati soccorsi da un’ambulanza che li ha trasportati al pronto soccorso per le cure del caso. Per loro si tratta fortunatamente soltanto di qualche contusione, di un brutto spavento e di una disavventura da poter raccontare.

 

 

Riproduzione riservata ©

12 commenti

 
  1. # Samarcanda

    Ma cos’è quel giocattolino lì?? Fino bologna voleva andare? Io un c’andrei nemmeno alla Terrazza…

  2. # Nano

    E bravo il pilota…..una strage evitata ….BRAVISSIMO

  3. # Antonio

    Bravo il pilota ma a me quel coso mi comunica tutto meno che sicurezza…

  4. # Venio Polveroni

    Pare l’elicottero dei film di 007..

  5. # roberta

    calma e sangue freddo!!! complimenti!!!

  6. # edo

    NON E’ UN TRABICCOLO ! ! !
    Il Robinson R44 è un elicottero leggero monomotore da turismo, quadriposto e con rotore bipala, utilizzato anche come addestratore, prodotto dall’azienda statunitense Robinson Helicopter Company dal 1992 e tuttora in produzione.
    Lunghezza: 9,00 m
    Velocità massima: 240 km/h
    Raggio: 560 km
    Peso: 657,7 kg
    Velocità di crociera: 200 km/h
    Primo volo: 31 marzo 1990
    AH DIMENTICAVO COSTA PIU’ DI 250000 €

  7. # Andrea

    Ero sotto l’elicottero a una decina di metri da dove ha toccato suolo.
    il pilota e’ stato incosciente a dirigersi in una zona scogliosa gremita di persone.
    A maggior ragione essendo dotato di galleggianti.
    A frittata fatta il pilota e’ stato abile/fortunato a non segare a metà nessun bagnante e a fermare il rotore che fortunatamente non si è’ rotto o sbilanciato.
    Io avrei parlato di stallo in seguito a manovre azzardate comunque. Non di atterraggio di fortuna, un atterraggio di fortuna lo si fa in mare o a 20 metri più in la dove c’era una radura.

  8. # ivo di bodda

    EDO sembri bene informato invece fai semplicemente un copia incolla da google.
    Ma smettila…..

  9. # clive

    Andrea, forse non c’eri ma se c’eri dormivi e sognavi di vedere l’elicottero “toccare il suolo”. Stando alle dichiarazioni del pilota il motore si è spento e perciò ha dovuto effettuare l’ammaraggio in autorotazione che non consente ampi spazi di manovra. Parlare poi di stallo senza sapere come stalla un elicottero è da incompetenti.Complimenti al pilota che ha saputo effettuare un ammaraggio di fortuna senza danni ai passeggeri, ai bagnanti e all’elicottero. Ringrazio EDO per la precisa e dettagliata descrizione del Robinson R44.

  10. # enrico

    pare l’elicottero di big jim

  11. # Andrea

    Clive raffreddati l’animo. Chi ti dice che io non sia più competente di te? Magari anche di molto. Ho dato la mia opinione su una esperienza veramente vissuta basandomi su quanto ho visto e quanto ho studiato. Tu per contro hai parlato basandosi sulla parola di altri. Prima di aprire bocca penso che possa essere io il primo a sbagliarmi, fallo anche tu.

  12. # Andrea

    Toccato suolo perché è’ finito su uno scoglio sommerso dall’acqua parzialmente. A fianco dei bagnanti che non potevano muoversi nell’acqua bassa! È’ stata seriamente una tragedia sfiorata.

I commenti sono chiusi.