Controlli antidroga, in tre finiscono in manette

Mediagallery

Tre arresti. E’ l’esito dell’attività antidroga che, nel pomeriggio di martedì 24 settembre, ha consentito ai carabinieri di identificare i tre pusher ed altrettanti consumatori.
A finire in manette con l’accusa di spaccio di sostanze stupefacenti sono stati Massimo Terreni, pregiudicato 51enne, di Livorno; Denise Carlini, 40enne di Livorno e  Hassen Zidi, 23enne di origine tunisina ma domiciliato a Livorno.
In particolare Massimo Terreni, attualmente agli arresti domiciliari, è stato sorpreso dai carabinieri mentre, approfittando delle quattro ore di permesso giornaliere concessegli, era intento a cedere alcune dosi di eroina in via Garibaldi a due uomini successivamente segnalati alla Prefettura come assuntori di stupefacenti.
Identica sorte è toccata agli altri due pushr, Carlini e Zidi,  entrambi sorpresi, sempre in via Garibaldi, a cedere una dose di eroina ad un 60enne livornese. Quest’ultimo, anch’esso segnalato all’autorità prefettizia, è stato anche denunciato in stato di libertà per il reato di favoreggiamento, avendo reso ai militari, al momento del controllo, false dichiarazioni sull’attività di spaccio. Le successive perquisizioni estese anche alle abitazioni dei tre arrestati, hanno poi consentito di sequestrare ulteriori 7 grammi. di eroina, una bilancina di precisione nonché la somma contante di 1.300 euro, ritenuta provento dell’attività di spaccio.

Riproduzione riservata ©

36 commenti

 
  1. # Tazzio

    toh, questi sono italiani! sentiamoli ora i benpensanti livornesi!!!

  2. # mario3

    se invece degli arresti domiciliari li tieni 10 ore al giorno a tappare le buche delle strade pulire la città, giardini etc…etc avrebbero meno tempo per continuare le attivià criminose e costerebbero meno allla comunità.

  3. # wilem

    a mio modesto parere non meriti commenti Tazzio, e’ sotto gli occhi di tutti che da quando la Comunità Europea ha aperto i cancelli e da quando, anni fa, sono iniziati gli sbarchi nel sud del paese , la tipologia di reati è aumentata sia nella quantità ma anche nella qualità.
    E non se ne può più !! Levateceli di torno e rimandate, chi delinque, a casa propria con una bella pedata senza ritorno.
    Razzista o non razzista non me ne frega una mazza.

  4. # Lukas

    Gli Italiani in galera e il Tunisino a Tunisi, semplice no?

  5. # eto55

    ci mancava il solito commento del buonista Veltroniano ………….

  6. # Vutti

    Ma perché non vi fate un paese ad hoc dove la vostra tolleranza, il vostro buonismo, il vostro illuminato altruismo possa adattarsi a quella parte della popolazione estranea al nostro contesto sociale che vive di espedienti o reati per vivere. Costruitevi il vostro Eden multietnico aperto e conciliante con i più deboli. Possibilmente il più lontano da qui.

  7. # RGQ

    Moralisti alla riscossa … il Tunisino non manca mai …

  8. # RGQ

    Mi verrebbe da di ” come ci godo ” ma un lo dio vai

  9. # Il Moralizzatore

    Ariborda, arresti domiciliari, pregiudicati, una pacca sulle spalle e via… bisogna buttare via la chiave!
    Ci sono criminali recuperabili e quelli inrecuperabili, non si possono mettere tutti nello stesso calderone, quelli irrecuperabili bisogna metterli dentro a vita stop, sono un pericolo per la società.

  10. # POVERALIVORNO

    Mi sembra che questo tazio non sappia nemmeno leggere casomai gli italiani sono due e l’altro e’ tunisino e poi non si capisce bene dal momento che non contenti dei nostri spacciatori li abbiamo anche dovuti anche importare dei nuovi

  11. # lorenzo

    Il mercato del traffico degli stupefacenti e quello dello spaccio e’ maggiormente ad appannaggio degli stranieri, extracomunitari in primo luogo.
    Questo e’ un dato di fatto incontrovertibile, inutile esaminarne le cause e le origini perche’ si aprirebbero altri pesanti temi sociali e politici.
    Fare il tifo per una etnia od un’altra al fine di dimostrare la maggiore o la minore inclinazione a delinquere e’ assurdo e pericoloso.

  12. # star

    non si sente nessuno perchè sono Italiani o meglio Livornesi, quindi non possono ricominciare con la solita tiritera del “mandiamoli a casa loro”…………..

  13. # Victor

    Allora lo dico io ….TUTTI A CASA LORO..Dal primo all’ultimo.
    Riprendiamoci la nostra citta’

  14. # Barbarica

    4 ore di permesso… Te le darei io 4 milioni di pedatone nel … a te e a tutti quelli che delinquono… Con queste leggi del kaiser… Ma basta siamo seri a iniziare dalle pene esemplari..
    Io rimetterei i lavori forzati.. Deh no!!

  15. # Antò

    Ma infatti tazio, ci bastano i nostri e sono anche troppi.

  16. # michedora

    per quanto riguarda lo spaccio puoi avere anche ragione, sarebbero comunque da controllare le statistiche delle forze dell’ordine in merito di fermi connessi agli stupefacenti e non le pagine dei giornali.
    Ben altra cosa è il “traffico” a cui fai riferimento, questo in Italia è totalmente, o quasi, appannaggio della criminalità organizzata che ha stretto accordi con i vari cartelli e che spesso utilizza gli stranieri come manodopera a basso costo.
    Nonostante il problema legato ai reati commessi dagli immigrati ci sia (aggravato da quella porcata della Bossi-Fini), a mio avviso, sarebbe opportuno, mentre si contrastano i sintomi, andare a cercare l’origine del problema

  17. # Antò

    La cosa che più mi fa schifo è che stiamo a parlare anche di 60enni!!!

  18. # Extra Omnes

    Guarda caso però in questo genere di crimini c’è sempre lo straniero di mezzo. Ci sono anche gli italiani delinquenti e questo è appurato che sono anche tanti, ma a maggior ragione non dobbiamo farci carico anche degli stranieri. Capisco che sono state aperte le frontiere, però per cosa gli pare se ne fregano, vedi il caso dei francesi quando noi italiani si ebbe il bum di Libici e noi si volevano mandare un po’ in tutta europa. La Francia chiuse Ventimiglia e ce li siamo dovuti puppare noi. ITALIA AGLI ITALIANI, LIVORNO AI LIVORNESI. FUORI TUTTI!!!!!

  19. # princi53

    appunto visto che ci sono già gli italiani non abbiamo bisogno di altri delinquenti stranieri

  20. # Dario

    Figurati, non lo capiranno mai. Vivono superficialmente e generalizzando. E’ l’unica cosa che sanno fare perchè più semplice. Mica puoi sperare che la gente capisca eh?
    Ah dimenticavo, in risposta in genere commentano con, portali a casa tua, sono amici tuoi, sei un buonista ecc… solo perchè non hanno ancora capito che noi, a differenza loro siamo contro la delinquenza a prescindere dalla nazionalità, ma vediamo tanti altri stranieri che sudano e lavorano onestamente. Ma ripeto, meglio generalizzare, si dura meno fatica ed energie celebrali

  21. # Bruno

    E TE PAREVA CHE NON CI SCAPPAVA ANCHE IL TUNISINO DI MEZZO, CHE STRANO!!!!

  22. # lorenzo

    Vuoi dire che gli spacciatori sono vittime del nostro sistema?

  23. # lorenzo

    La bella notizia non fa notizia ed in secondo luogo direi che QUEGLI stranieri che sudano e lavorano e vanno a scuola non fanno altro che fare una cosa normale come tutte le persone normali; mica sono diversi dagli altri.
    Non vedo perche’ sottolineare la normalita’, io lo faccio da 50 anni e nessuno mi ha mai detto bravo.

  24. # Boldrini-kienge

    Anche nello spaccio di sostanze stupefacenti dobbiamo introdurre delle quote riservate agli extracomunitari per tutelarli dalla concorrenza sleale degli italiani ed avere cosi pari opportunità di lavoro per tutti.

  25. # El Guero

    Ma datti una patta….è arrivato il fomentatore di piazza!HAHAHAHAHA

  26. # Il Moralizzatore

    è per contratto.

  27. # Il Moralizzatore

    Quoto, presentiamolo per decreto legge.

  28. # lomack62

    Non capisco perchè quando li vedete a spacciare sotto casa o ai giardini, non fate un filmatino coi telefonini magari senza che vi vedano e poi lo portate in questura, vedrai che non possono dire c’è la privacy !! ecco forse la soluzione, se tutti facessero così si starebbe come a padova, dove i cittadini si sono riappropriati della loro città sottraendola ai nigeriani che spacciavano in pieno centro !! le forze dell’ordine sono poche e male equipaggiate e fanno quello che possono coi mezzi e le leggi italiane, facciamo anke noi qualcosa invece di parlare e basta, siamo livornesi e il coraggio non ci manca!!

  29. # roberto5

    e vai ancora un tunisino siamo 1000 a 5 1000 extracomunitari 5 livornesi mica male…

  30. # Malizioso Troll

    Quoto. Quelli che fanno la faccia feroce contro i delinquenti, gli extracomunitari e altri spauracchi tirati fuori volta per volta (omosessuali, talebani, zingari) sono gli stessi, e lo dimostrano anche i recenti avvenimenti legati alla decadenza del senatore Berlusconi (Lega e PdL che si schierano a fianco del “capo” senza se e senza ma), che sostengono l’impunità di una persona condannata al terzo grado di giudizio per frode fiscale. In qualsiasi altro paese del mondo un politico che si trova al centro di un processo (spesso anche solo se sospettato di aver commesso un illecito) dà le dimissioni immediatamente, da noi no. E facciamola finita con la balla delle “toghe rosse”, per favore. E’ lampante che sono gli ambienti di Massoneria, “stay-behind” e compagnia bella a volersi liberare di Berlusconi, divenuto ormai impresentabile. Ci hanno provato con la scissione nel PdL (ricordate la lite del “che fai, mi cacci” tra Fini e il Cav), hanno proseguito con l’alleanza Fini-Casini-Monti… E intanto, leggi ad personam ipergarantiste che hanno fatto la felicità di ogni delinquente, nostrano e d’importazione. Svegliatevi!

  31. # ramon 56

    ….ma levati!

  32. # bruno tamburini

    non riesco a capire alcuni commenti, sembra che avere beccato due italiani in qualche modo giustifichi la presenza del tunisino, la frase piu’ diretta e chiara e’ quella di Lukas. gli italiani in galera e l’extracomunitario a casa sua.

  33. # nicola

    Ma stai bono voi piu del razzista non sapete scrivere e vuoi ragiona’?
    Qui non si tratta dello straniero che suda lavora, dove lavoro io è pieno di stranieri e non ho nessun motivo per dire “mandiamoli via”ma per tutti gli altri fuori dalle….
    Te ho qualcu’altro mi dia una spiegazione logica di questo accanimente nel difendere l’indifendibile perdonare qualsiasi reato sia comnesso, a tutti questi spacciatori cosa dovremo fare, dargli un lavoro ben pagato una casa acqua luce gas telefono gratis, questa sarebbe integrazione!
    Integrazione vuole dire parlare la nostra lingua rispettare le nostre leggi la nostra cultura e tradizioni e naturalmente la nostra religione, e prendendo come riferimento quwllo che il “compagno”putin ha dichiarato al duma,”l’italia non a bisogno delle minoranze straniere, sono le minoranze straniere ad aver bisogno dell’Italia.

  34. # El Guero

    Peccato che il tunisino è domiciliato a Livorno….quindi è già a casa sua! Fareste meglio voi del Comune a fà una girata….ma lontano anche!

  35. # nedo

    A caa serve mette un tossico ai domiciliari (o in galera) prima o poi qualcuno me lo deve spiegà…

  36. # suria

    ……….

I commenti sono chiusi.