Nel circolo una discoteca con 400 ragazzi, maxi multa. Blitz di Municipale e Finanza

Il gestore del circolo Rubik multato per oltre 6 mila euro. E la polizia sospende per 15 giorni l'attività di una baracchina in piazza Garibaldi

Mediagallery

CHIUSA PER 15 GIORNI BARACCHINA IN PIAZZA GARIBALDI – LEGGI QUI

Nella notte tra sabato e domenica 2 marzo è stata effettuata un’operazione congiunta tra Polizia Municipale di Livorno ( Sezione di Polizia Commerciale), Guardia di Finanza Comando Provinciale di Livorno, Inps, Ispettorato del Lavoro, Inail e SIAE. L’ispezione è stata effettuata nei confronti del Circolo Privato Asd Rubik Dance Acsi Club in viale Provinciale Pisana. All’interno del locale si stava svolgendo un evento danzante (discoteca) alla presenza di circa 400 ragazzi.
Il sopralluogo ha consentito la individuazione di 17 lavoratori irregolari con conseguente applicazione di una sanzione amministrativa di 1.950 euro da parte di Ispettorato del Lavoro, Inps ed Inail, che comporterà la chiusura del locale che non potrà riaprire fino all’oblazione della sanzione.
Il gestore del circolo è stato sanzionato dalla sezione di Polizia Commerciale della Municipale per oltre 6 mila euro per aver aperto un’attività di somministrazione di alimenti e bevande congiuntamente ad attività prevalente di sala da ballo senza aver preventivamente presentato la relativa Scia; è stato inoltre contestata l’apertura di una discoteca senza autorizzazione e l’aver emesso musica oltre l’orario consentito dal Regolamento Comunale.
La Polizia Municipale ha rilevato inoltre che l’immobile, in cui si stava svolgendo l’evento, non era stato sottoposto al controllo da parte della competente Commissione Tecnica che è deputata a verificare la solidità e la sicurezza dell’edificio e l’esistenza di uscite pienamente adatte a sgombrarlo prontamente in caso di necessità e per tali motivi il Presidente del Circolo verrà deferito all’Autorità Giudiziaria per la violazione dell’art. 681 del Codice Penale.
Da parte della Siae veniva rilevata la mancanza di documentazione fiscale per l’attività di guardaroba e somministrazione e la mancanza del possesso dei registri, documenti previsti per un’attività commerciale. La Guardia di Finanza contestava l’omessa installazione del misuratore fiscale applicando una sanzione edittale di 1.377 euro. Tale attività ispettiva congiunta rientra in un ambito di controllo del territorio per la sicurezza e l’incolumità pubblica.

 

Riproduzione riservata ©

64 commenti

 
  1. # Giovanni

    No via…. Ma a Livorno un siete boni a aprì una discoteca con tutte le norme di sicurezza giuste e tutto in regola? Hanno chiuso di tutto e ora anche il Rubik che era l’unico rimasto… Oimmena gente ma svegliatevi, prima o poi vi controllano e se non è tutto a posto pagate, e vi ci sta bene!!

  2. # livornesepuro

    A casa sua no eh ?

  3. # polemico

    se rispetti tutte le leggi e leggiucchie non apriresti mai. oh chiudiamolo un occhio ogni tanto verso queste micro-imprese per utilizzare le risorse contro i grandi evasori.
    se rubi poo ti beccano se rubi tanto un ti fanno nulla…

  4. # Francesco

    Hanno fatto bene a multare il Rubik se non sono in regola!

  5. # FACCE DA

    la solita filosofia dell’illegalita che a livorno regna ma alla fine sempre le legnate andate a prendere….cari miei come vi pare non ci potete fare…..anarchici a comodo.

  6. # andrea

    Per 17 lavoratori al nero devi chiudere anche più di un occhio…..

  7. # gino

    ma li nei stessi paraggi della discoteca ci sono tre grossi magazzini cinesi pieni di oggetti probabilmente fuori norme di sicurezza (giocattoli, utensili da lavoro ecc, ecc,) come mai non vengono controllati?

  8. # BENITO

    La realtà dei fatti è che qualsiasi attività imprenditoriale conviene farla all’estero.
    L’Italia è area off limits per il business grazie all’intricatissima burocrazia e all’inaudita pressa fiscale che uccide fin dal principio qualsiasi iniziativa… Questo discorso ovviamente vale solo per chi non è “ammanigliato”… in caso contrario il discorso cambia e vale quel vecchio detto che diceva “con i soldi e l’amicizia si va in …alla giustizia!”

  9. # simo

    e poi se per un corto circuito brucia tutto compresi i ragazzi che ci sono dentro te lo immagini la polemica del “chi doveva controllorare perchè non lo ha fatto?”

  10. # Rubicone

    E’ senz’altro giusto che, se c’è violazione delle leggi, cosa tutta da dimostrare, il locale in questione venga sanzionato. Mi sembra,dal tono dell’articolo, che tra l’altro sembra quasi scritto dagli stessi che hanno elevato le sanzioni, che il processo sia già stato fatto. Forse un buon giornalista, magari avrebbe la professionalità di sentire anche l’altra parte.
    Ad ogni modo siamo proprio sicuri che i problemi che affliggono Livorno, siano riconducibili tutti ai circoli? Sugli Scali Novi Lena, c’è un concentrato di malvivenza incredibile, che si è scatenata Venerdì sera, e nessuno interviene perrisolvere la situazione. Probabilmente è più facile, per le forze dell’ordine e per il questore, farsi forti e un pò di pubblicità in mezzo a 400 ragazzini, che affronatare situazioni più complicate.

  11. # Marta

    Mah dove siamo finiti? illegalità? ma che state dicendo!!! l’illegalità è ben altra a livorno!!! ma smettiamola con queste buffonate!! Qui c’e lo zampino di qualche “spia” invidiosa!! aò belli!!!

  12. # FACCE DA

    bravo continua con questa filosofia dell’illegalita’ a favore dei compagnucci

  13. # FACCE DA

    la spia non esiste se le cose si fanno legalmente e correttamente. Cosi’ dicendo sei complice della tua ignoranza e prepotenza tipica di chi non si comporta secondo le regole pur di andare sempre conto alla normale attivita’ legale.

  14. # polemico

    già detto in questa sede: meglio 17 ragazzi al nero, che 17 ragazzi a casa…
    tanto non è che il “padrone” si intasca i contributi per ingrassare il suo portafoglio, qui si tratta di poter mantere la ditta o no.
    continuiamo con questo buonismo-catto-comunista tipico livornese: tutti bravi se il lavoro ce l’avete!!!

  15. # Marta

    Ma comunque sia, le regole vanno rispettate!! TUTTI O NESSUNO

  16. # Umberto

    Ma stiamo ruzzando? avete idea di cosa significhi il rubik per centinaia di adolescenti? Era l’uncia occasione di svago, spesso molti di loro aspettavano 2 settimane per potersi prendere un sabato di libertà e il comune decide di multarlo così, a caso (infatti era da tanto che si sapeva di questa attività illecita)..comunque, così va l’Italia, le cose belle si chiudono, quelle che danneggiano la società vanno avanti. RUBIK LIBERO!

  17. # Marione

    La giustizia non ha gradi distintivi, la situazione sugli Scali Nova Lena è assolutamente disdicevole, così come sarebbe giusto controllare i magazzini cinesi. La cosa più grave di tutte è dare la possibilità a qualsiasi attività (a prescindere da cosa tu faccia) di METTERE IN BILANCIO LE SANZIONI.. Aprite gli occhi, questa multa (che a onor del vero sarebbe moolto meno sostanziosa da quanto dichiarato in questo articolo) è stata sicuramente valutata dai gestori del locale.. conviene più pagare una multa all’anno o regolarizzare ??? Conviene più chiedere la fattura o pagare meno al nero ?? Basterebbero solo questi due punti a determinare la decadenza italiana degli ultimi 50 anni..

  18. # Rosso di Sera

    in primis i cirdoli ASD non pagano le tasse, (per cui hanno più guadagno)
    inoltre non potrebbero effettuare la Discoteca con 400 persone dentro (per legge), per cui magari assicurare i ragazzi che ci lavoravano era il minimo !!
    direi che gli è andata bene anche per troppo tempo!
    la legge la devono rispettare tutti non solo i piccolissimi imprenditori (come la sottoscritta)
    c’è chi raggira le regole per troppo tempo e prima o poi fa quasta fine
    mi dispiace ma sapeva bene a cosa andava incontro
    e visto l’incassi poteva benissimo permettersi di mettere almeno in regola i ragazzi

  19. # Gianca

    Ma cosa c’entrano i negozi dei cinesi? Lo straniero è proprio un argomento che non vi va giù eh?!? Ridicolo.

  20. # Gianca

    ora questi bimbettini vogliosi di ubriacarsi dove andranno? (In quanto minorenni un dovrebbero nemmeno sentì l’odore dell’alcol)
    Il lato positivo è che così il sabato e la domenica non sentiremo più i classici discorsi ‘boia che botta c’avevo ieri’, detto da bambini che dovrebbero studiare e invece puzzano di alcol e sigarette come un 60enne irlandese.

  21. # BANDITO

    Ma si scherza?….dovrebbero chiudere queste attività che fin quando va tutto bene sono tutti contenti e con le tasche piene, ma quando succede qualcosa allora si piange…..è vero che è meglio lavorare in nero che non lavorare, ma almeno le autorizzazioni…e se ci andavano anche i nas che succedeva?? spero tanto che il titolare, dopo aver pagato la multina, capisca qual è l’errore, regolarizzi i dipendenti, paghi le dovute tasse e permessi, faccia gli scontrini e che poi…….venga chiuso per almeno un mese………non si tratta di fare la spia o no, si tratta di lavorare nelle regole…e basta poi con questi club affiliati ai circoli arci, acsi ecc….per camuffare la vera destinazione ….

  22. # FACCE DA

    e anche se non ve lo volete sentir dire e’ una pessima abitudine tutta livornese.

  23. # FACCE DA

    e che vuoi fare andare contro alle tradizioni catto comuniste di livorno?

  24. # LEO2

    e se poi succede qualche cosa
    prende fuoco e vi rimane qualche ragazzo ?

    non è meglio controllare ?

    e poi tutte le tasse non dichiarate ?

  25. # Nedo

    E poi tutti a meravigliassi per le feste illegali (rave o altro che siano)

  26. # leo g

    mi sa che venerdì sera andrò da qualche altra parte.se hanno sbagliato è giusto che paghino ma di sicuro dispiace che a livorno non ci sia una discoteca…speriamo si mettano presto in regola con i premessi e possano riaprire. ma la vedo dura. Rubik chrediamo in te fai scatenare ancora il popolo della notte

  27. # Disco

    Hanno fatto bene a multarlo se non è in regola è giusto che chiuda!!! IL CAROSELLO CHE è una discoteca e paga tutti i permessi cosa c ha scritto scemo!

  28. # Diego

    La verità è che con questi circoli privati acsi pensano di fare i furbi… invece poi li scoppiano. Non posso non aggiungere.. Bene!!!

  29. # capino

    se scoppiava un incendio e c’erano 400 morti?

  30. # capino

    sia il nome che l’intervento non mi sembrano da compagnucci

  31. # morgiano

    a parte che un commento del genere più che polemico è volutamente provocatorio….credo proprio che ti sfugga il significato del termine catto-comunista….nulla a che vedere con il contesto della notizia e dei commenti…

  32. # capino

    ma vi rendete conto di quello che dite? se dite per fare delle battute è un conto altrimenti c’è da mettere in dubbio la vostra stabilità mentale.

  33. # Francesco

    Rurik libero quando si sarà messo in regola!

    Non è che siccome il locale “va forte” oppure ” a livorno non c’è altro” allora può lavorare con 17 dipendenti irregolari,senza autorizzazioni,ecc

    LE REGOLE DEVONO VALERE PER TUTTI

  34. # Gianca

    Eh si Marta, hai ragione!!!!! E’ solamente invidia, tempo fa vidi anche delle persone di Milano, Milano Marittima e un mio amico mi ha detto erano arrivati anche da Londra e NY, solamente per spiare i segreti del successo del Rubik di Livorno. Per esportate il prodotto altrove! Non posso ancora crederci che l’abbiano chiuso. Ora spero sinceramente che non riapra mai più!

  35. # Andre

    400 persone???? 400000€ di multa!!!! 17 dipendenti irregolari??? 17000 € di multa!!! Evasione fiscale???? Chiuso!!! Vedrai che alla gente gli passa la voglia di fare così!Basta!

  36. # il polemico

    Finalmente! con questa storia dei circoli le tasse a livorno non le paga nessuno!!! per andare a fare una serata ti devi fare 15 tessere: 1 per l’aperitivo 1 per il ristorante (andiamo a controllare anche quelli?) 1 per ballare etc.

    Il circolo non esiste più!!!!!

  37. # luc

    Fanno chiudere tutti per molto meno e il rubik
    una multa che pagherà in un baleno e continua
    ad essere aperto chissà chi conoscono in alto
    ….CHISSA’!!!

  38. # roberto1

    Ma quale estero ed estero…i famosi circoli ASD non pagano una lira di tasse !! Ed attenzione, da qualche anno anche le palestre o pseudo-palestre son diventati tutti circoli ASD. Sarebbe bene che la finanza e le autorità indagassero bene sul fatturato delle palestre e che iniziassero anche ad indagare su chi ci lavora dentro in nero !

  39. # TOXICO

    Perchè non vanno ai ristoranti che si fingono circoli e non pagano un ciufolo di tasse?

  40. # Ombretta Lazzeri

    Un plauso alle forze dell’ordine, ma questi interventi dovrebbero coinvolgere anche quartieri fatiscenti ridotti a discarica, accertamenti a immobili da finire e o lasciati come scheletri usufruendo degli incentivi regionali patrimonio di tutti , controllo della pericolosità di queste zone per la salute e l’incolumita’ pubblica .O c’è’ un veto a farlo????

  41. # Alice

    Credo che gino volesse intendere che la legge é uguale x tutti. Come si fanno i controlli per queste discoteche, locali, o simili (non dimentichiamoci ” Re Matto”), andrebbero fatti anche per altri esercizi. Se ho sbagliato correggetemi.

  42. # manubrio

    caro benito,vedrai se il locale era un circolo arci non gli facevano nulla

  43. # maiconrenzi

    Questo lo dice anche Renzi: meglio non garantiti che a casa! (ossia: eliminiano l’ art. 18) Oh, Polemico, … hai capito di cosa si tratta, sì? Se pensi di essere un “compagno” arrenditi. La verità è che bisogna combattere per le cose giuste.

  44. # mau

    I tempi son cambiati..ai mia c era l’imperiale di Tirrenia da dove veramente ci veniva tutta Italia mica sto sgabuzzino quadrato e la polizia finanza cera tutte le sere..quante ova dovete bė

  45. # fidanzato di veronica:detto il cnghiale

    qualcuno dice che a livorno non ci sono discoteche

    no, a Livorno non ci sono imprenditori che aprono discoteche REGOLARI

    è molto molto diverso

    cari concittadini, poco da fare, la città in ginocchio piu’ di altre, apatica, seppellita d’idee e coraggio dal suo conservatorismo opprimente
    bella livornesità…(come dicono da queste parti)

  46. # mata

    E’ L’ORA DI FINIRLA CON QUESTI PSEUDO CIRCOLI,CON QUESTE TESSERE DI ASSOCIAZIONI A FINI DI LUCRO ,TUTTE LEGATE AI PARTITI! NON PAGANO TASSE E FANNO PAGARE PREZZI PIENI AI CLIENTI BASTA ,O FATE GLI IMPRENDITORI O FATE FESTA!!!

  47. # Malizioso Troll

    Uno dei tanti “giochetti” cui siamo purtroppo abituati in questo paese: ristoranti e discoteche “mascherati” da associazioni culturali, lavoratori dipendenti “mascherati” da partite IVA. FACCIAMOLA FINITA CON QUESTO CARNEVALE!

  48. # traf

    deh ombretta….hai visto un film alla radio

  49. # Umberto

    Visto che non capite, proverò ad esplicarvi i concetti fondamentali del mio pensiero, a quel punto non esiste contraddizione:
    -è meglio avere 17 lavoratori al nero o 17 persone a casa? Rispondete seguendo il vostro istinto di persone, e non di quello di falsi moralisti giuridici! Il lavoro nero c’è sempre stato nei tempi di crisi e sempre ci sarà, si deve sopravvivere in qualche modo!
    -leggo tanti”plauso alle forze dell’ordine”..ma plauso de che? Da quanto tempo secondo voi erano a conoscenza di tale fenomeno e hanno deciso di arginarlo solo ora?!..allora finchè l’ ha fatto comodo l’hanno tenuto in piedi..ora per qualche motivo a noi oscuro hanno voluto chiuderlo
    -Invece di ragionare da persone over 30 per le quali questa notizia non dovrebbe fare nè caldo nè freddo, ragionate con la mente di adolescenti per i quali il Rubik rappresentava una sorta di paradiso, un luogo dove poter vivere determinate esperienze, e al diavolo le norme! Il comune e lo stato non campano di certo con gli affari di un circolo di 400 persone, sono ben altre le cose che andrebbero cambiate a Livorno e in Italia.
    Ribadisco: FREERUBIK# !!!

  50. # Claudio

    Massimo supporto a coloro che lavoravano al rubik, in Italia non è possibile essere pienamente a norma… E’ ridicolo fare queste mega multe, perché chi veramente truffa il prossimo in Italia rimane impunito!

  51. # Fabio

    NON E’ COMPLETAMENTE LE ASD SONO UNA COSA DIVERSA DAI CIRCOLI, PAGANO LE TASSE ED IN PARTICOLARE L’IVA ED I BILANCI DEVONO CHIUDERE IN PARI, DEVONO SVOLGERE UNA DISCIPLINA SPORTIVA RICONOSCIUTA DAL CONI E L’INGRESSO AI LOCALI, ALLO SVOLGIMENTO DELL’ATTIVITA’ E ALLA CONSUMAZIONE DEVONO POSSEDERE LA TESSERA DELL’ASD.

  52. # Matteo

    È come dire: “rubo 1000 euro in un supermercato invece che 10000 in banca”

  53. # Matteo

    se tutti ragionassero come te e si starebbe freschi..ma quant’anni c’hai? 12? Ma si chi se ne importa delle norme, in fondo se in un buco ci moiono 3 persone che me ne frega? non sai l’iter che seguono delle indagini e delle perquisizioni delle forze dell’ ordine, non l’hanno chiuso per fare un dispetto a te non la prende sul personale. Ps: è giusto che io pago le tasse e te no?

  54. # luc

    Caro Umberto si vede che figli non ne hai in un garage
    Non puoi far entrare 400 ragazzi le norme di sicurezza
    vanno rispettate li un sabato si è uno no si rischia
    una tragedia poi voglio vedere chi si prende la colpa….

  55. # paolo

    Le ASD sono società sportive, non c’entrano una “parolaccia” con quello che intendi dire sui circoli ACSI o ARCI o altro, laddove se fanno le cose in regola e rispettano le leggi sono benvenuti, danno lavoro, fanno servizi. Dov’è il problema? Ti rode il “parolaccia” perchè tu non lo fai? E fallo pure tu, ti renderai conto che non potendo fare utili e dando lo stipendio regolare a tutti, ti verrà la voglia di rimettere su una attività fuori da tali associazioni e tali regole continuando ad evadere/eludere fin quando possibile.

  56. # paolo

    fallo anche te se ti sembra conveniente. vai alla ACSI e chiedi l’iscrizione, non te la nega nessuno, vedrai che ti stendono il tappeto. Parlate senza conoscere e senza sapere. Se fanno le cose in regola ben vengano, danno lavoro, non fanno lucro e pagano poche tasse. Ma forse è proprio il connubio fare le cose in regola/non fanno lucro che le fa tanto additare dagli “IMPRENDITORONI” o sedicenti tali” ai quali ovviamente convienene criticare invece che entrarci.

  57. # paolo

    E bravo Umberto ! meglio 17 lavoratori a casa piuttosto che dipendenti al nero. Se non hai lavoro datti da fare, anche al nero, ma da solo, non sfruttato. questo è come la vedo io.
    E bravo Umberto ! voglio vedere i tuoi commenti quando un locale non a norma prenderà fuoco.
    E bravo Umberto ! i controlli è meglio che non vengano fatti, mandiamo a casa tutti i finanzieri, ispettori del lavoro, polizia, ecc. Dichiariamo l’anarchia ufficialmente. Non mi dire che hai un’attività, non mi dire che ti hanno rubato, non mi dire che devi girare armato…. Poi sono “parolaccia” tuoi !
    I ragazzi andrebbero edotti e gli andrebbe insegnata la legalità, vadano al Calafuria che dopo varie multe e chiusure si è messo in regola e funziona bene, guadagna, è legale. Vadano negli altri posti in regola, quelli non in regola devono evitarli a priori. RICORDATEVI, GLI ACSI, LE COOP, AICS, ARCI, ecc se sono in regola che problema c’è? SONO LEGALI, SEGUONO LE REGOLE, PUOI FARLI ANCHE TU. PERCHE’ NON LI APRITE ANCHE VOI CHE LI CRITICATE?

  58. # polemico (quello vero)

    la smetti di rubarmi il nickname? c’è un copyright depositato presso la sede di quilivorno

  59. # Matteo

    Cosa sarebbe successo venerdì sera sugli scali novi lena scusa?!? io c’ero, e nn mi sembra che sia successo proprio niente di che…

  60. # Matteo

    Non è obbligatorio che tu vada in ristoranti o locali che fanno parte di un’associazione culturale (come lo chiami te “circolo”), puoi sempre andare in locali commerciali “normali”….

  61. # Vale C.

    Direi di mollà con il fatto “non è possibile essere pienamente a norma in Italia” perchè non regge. Non regge perchè in provincia di Livorno di discoteche ce ne sono e nemmeno poche, soprattutto l’estate. Ma non sono circoli, son DISCOTECHE. Ci buttano i soldi, le fanno crescere, ci lavorano tante persone. Non sei a regola paghi, pochi discorsi. L’unica cosa che mi sento in disaccordo è la normatica comunale ( der 15′-18’…) che impedisce la musica dopo un certo orario. Esiste solo a Livorno. Se il rubik era 200 metri dopo e quindi Stagno (sotto il comune di Collesalvetti), qualche multa l’avrebbe scampata.

  62. # roberto1

    Paolo, due cose: intanto rileggi bene ciò che ho scritto, non ho parlato di ASD come qualche cosa di negativo, ma semplicemnte che la finanza controlli le palestre che dovrebbero aver partita IVA, non esser dei circoli ricreativi. Da come mi hai risposto mi confermi che se la finanza facesse un giretto in palestre ASD se ne vedrebbero delle belle ! Buona giornata

  63. # roberto1

    Stai criticando in più post ripetutamente tutti quelli che chiedono legalità ! Mi sa che hai molta polvere sotto il tappeto….

  64. # il polemico

    Perchè ne esistono ancora? Ma pagate le tasse!

I commenti sono chiusi.