Circolo privato trasformato in discoteca, proteste dei residenti e blitz della polizia

Il questore ha disposto la sospensione dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande per 15 giorni al circolo privato “Sonora Caribena” in via Gherardi del Testa

Mediagallery

Il questore ha disposto la sospensione dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande per 15 giorni al circolo privato “Sonora Caribena” in via Gherardi del Testa. I controlli sono scattati nella notte fra venerdì e sabato a seguito dei numerosi esposti dei residenti per via della musica elevata e schiamazzi degli avventori spesso in stato di ebbrezza e soliti lasciare rifiuti e materiale organico vario in strada.
All’atto del controllo è stato riscontrato che nel circolo, privato, si poteva accedere fruendo di un vero e proprio servizio di biglietteria con affiliazione estemporanea degli avventori. All’interno il locale, si legge nella nota della polizia, era stato allestita una vera e propria discoteca in cui si stava svolgendo una festa danzante, alla presenza di circa una sessantina di persone, prevalentemente di nazionalità dominicana, animati da un disc jockey, con annessa consolle stereofonica posizionata su di una struttura in muratura che diffondeva musica ad altissimo volume e luci psichedeliche particolarmente affievolite. Al locale si accede mediante una scala costituita da venti gradini e da una porta, entrambe prive di illuminazione.
La polizia ha riscontrato, inoltre, l’assenza di una via di fuga all’ingresso, la mancanza di estintori e la presenza di numerosi tavolini e sedie che, in caso di pericolo avrebbero costituito un sicuro intralcio allo sgombero del locale.
Nonostante si ravvisasse il grave pericolo per l’incolumita’ pubblica, gli agenti non hanno disposto l’immediata interruzione dello spettacolo e lo sgombero dei locali poiche’ la situazione avrebbe creato ulteriore pericolo per la sicurezza delle persone, nonché notevoli problemi di ordine pubblico, visto la presenza di alcune donne incinte e che molte persone si presentavano in stato di “particolare euforia”.
Il presidente è stato invitato ad abbassare il volume della musica, a non somministrare alcolici a quanti si presentassero in stato di ebbrezza ed a procedere ad una attenta vigilanza anche nelle immediate vicinanze del locale.
Dal controllo delle autorizzazioni in possesso del titolare del locale è emerso chiaramente che l’effettuazione di serate danzanti non era contemplata nei titoli previsti, che il locale risultava privo dei requisiti minimi di sicurezza, quali vie di fuga oltre l’ingresso e relativa segnaletica luminosa, della presenza di estintori e di illuminazione.
Pertanto, oltre all’irrogazione dell’art. 100 del tulps, disposto dal questore per motivi di sicurezza dei cittadini, il titolare del circolo verrà sanzionato per aver consentito lo svolgimento di spettacolo senza il titolo autorizzatorio, per non aver sottoposto i locali al controllo preventivo da parte della locale commissione di vigilanza, per la violazione del divieto di somministrazione a persone non socie e per mancanza del nulla osta di impatto acustico. Si procederà, inoltre, anche al deferimento per disturbo alla quiete pubblica. Già lo scorso novembre il locale era stato sottoposto a sanzioni molto rilevanti.
Tutti gli atti saranno inviati ai competenti uffici per l’accertamento della eventuale elusione delle norme tributarie, fiscali e sul lavoro. I controlli della polizia amministrativa continueranno nel prossimo periodo.

 

Riproduzione riservata ©

22 commenti

 
  1. # Yuri

    E la dovete finire di fare i Livornesi furbi….. le regole vanno rispettate..capito rispettate!!!

  2. # Fox65

    Solo 15 giorni?togliere le licenze ai locali del centro che sono fuori dalle regole……la gente lavora e vuole riposare….andate a villa del colle

  3. # Daniela1

    Ma che legge è quella italiana? Ma stiamo diventando ridicoli! Qui non è questione di Livorno ma di leggi italiane ridicole! Poi rubano un pezzo di pane vanno in galera e questi gli bloccano la feste per 15 giorni almeno mi sembra, io non ci capisco più niente sarò strana io eh può darsi.

  4. # maus

    e tra 15 giorni ? di nuovo punto a capo!!!

  5. # classe1973

    A breve anche in Via Della Pina D’Oro?

  6. # simo

    Tanti anni fa da quelle parti non c’era Il Tiffany? Se lo ricorda qualcuno?

  7. # siggino

    ragionano tutti bene perche non lo fanno a casa sua, vorrei vedere alle quattro di notte che ti giri nel letto e tra un’ora devi recarti a lavoro e tutte le mattine devi lavorare e la notte dormire…..i circoli stranno bene al cisternino non in città,anche perche non si rispetta gli altri.

  8. # marco2000

    Certo che me lo ricordo…
    Una vita fa…

  9. # Ighe

    Roba da torte.

  10. # Paolo C

    Sembra la prova pratica di un concorso per vigili… vediamo se ci azzecco: 666 codice penale, 681 codice penale; art 103 L.R. 28/05 ; 659 codice penale. Cosa dimentico?

  11. # ir mario

    De’ ma ‘un era ir tio pepe? Allora è un pelo che è senza uscite di siurezza.

  12. # m

    a me pare che quel fondo ellì abbia visto nel tempo i raggi B balenare nel buio vicino alle porte di Tannhäuser…e si svegliano ora? hahah

  13. # matteo

    Come dico ogni volta in post del genere : non è che questi locali fanno i furbi è che dato che il comune non da i permessi da discoteca per qualche assurdo motivo le scelte sono 2 : o si fa morire livorno facendola diventare una città per vecchi (che già è ) oppure si usano i circoli…. finche durano. La prossima volta eleggete qualcuno che ci capisce realmente, che capisce le potenzialità turistiche che ha la città se viene animata e poi ne riparliamo.

  14. # GS

    Dopo il primo controllo con multa a novembre sono passati tre mesi di musica a tutto volume e ubriachi per strada fino alle cinque del mattino. Sabato scorso, la sera dopo il secondo controllo da cui è scaturita la chiusura, c’è stato casino come al solito fino quasi alle sei di domenica mattina. Ma per vigili e polizia passarci vicino (non importa davanti, tanto lo sentono da cento metri!) tutte le sere è uno sforzo così terribile?

  15. # Nedo

    CHISSA PERCHE’ POI CI TOCCA FARE I RAVE!!! DATECI UN CAPANNONE DOVE POSSIAMO TENERE LA MUSICA ACCESA QUANTO VOGLIAMO SENZA DOVER PAGARE MIGLIAIA DI EURO ALLA SIAE PER NON AVERE I PERMESSI DAL COMUNE (82625 enti) E VEDRAI I RAVE UN SI FANNO PIU.

    FINCHE’ CONTINUERETE A CHIUDERE LOCALI COME FOSSERO IL MALE DELLA CITTA’ I RAVE VE LI MERITERESTE IN QUESTURA!!!

  16. # Boscorelli

    Confermo, per lavoro sono spesso di notte nei pressi del mercato e quasi tutte le notti ci sono schiamazzi fino alle 05,00 di mattina.Una ventina di giorni fa ho assistito ad una rissa tra donne straniere ubriache che urlavano e si picchiavano in mezzo a via del Testa. Senza dimenticare inoltre che circa tre mesi fa , un gruppo di balordi stranieri usciti dal locale , entrarono all’interno del mercato centrale, terrorizzando i commercianti.

  17. # Fox65

    vattene a villa del colle invece di sballarti con i rave….oppure trovati la fidanzata che la passera è meglio della droga

  18. # Sabrina

    E poi tutti a offendere i residenti in Venezia per i soliti motivi “ma la gente si deve divertire”. Ora tutti scandalizzati. Ma la musica alta fino a mezzanotte con tanto di folla in mezzo alla strada a far casino in Venezia va bene? da noi non ci abitano? cominciate a far aprire locali fuori dal perimetro delle abitazioni che anche noi nel quartiere Venezia vogliamo dormire

  19. # matteo

    a villa del colle mettano tiziano ferro e company, per cosa ci dovrei andà?

  20. # Fox65

    Allora sei rimasto indietro,evidentemente devi ancora smaltirla….trovati una donna che sei acido

  21. # vinicio

    abbiamo paura anche a gettare l immondizia e c è il coprifuoco a una certa ora fino a mattina tarda

  22. # GS

    Fra un paio di giorni scade il provvedimento di chiusura del ‘circolo’: voglio vedere se anche stavolta lo fanno andare avanti per altri tre mesi prima di controllarlo di nuovo…

I commenti sono chiusi.