Cala del Leone, soccorso anziano caduto dagli scogli

Mediagallery

Soccorso un anziano alla Cala del Leone. L’uomo, 82 anni, al mare con il figlio stava percorrendo l’ultimo tratto di scogliera quando ha perso l’equilibrio ed è caduto. E’ accaduto intorno alle 17. Subito soccorso dai bagnanti che hanno assistito alla scena, poco dopo sono arrivati i volontari della Misericordia di Antignano con medico a bordo. L’anziano, cosciente, è stato trovato choc e non era possibile trasportarlo via terra. Così, come da prassi, è stato fatto arrivare il gommone dell’unità nautica Estate Sicura della Misericordia di Antignano. L’82enne è stato poi nuovamente preso in consegna dalla ambulanza al moletto di Antignano e trasportato in ospedale. I volontari della Misericordia di Antignano insieme ai colleghi di Montenero hanno anche soccorso poco dopo un altro bagnante a Calafuria colpito da una crisi epilettica. L’intervento di soccorso è stato possibile proprio grazie ad un intervento congiunto via mare  e via terra per poi trasportare il paziente all’ospedale.

Riproduzione riservata ©

13 commenti

 
  1. # mima

    ma come si fa ad 82 anni ad andare alla cala del leone?

  2. # zanzo

    SONO UN GRANDE FREQUENTATORE DELLA CALA DEL LEONE E NELL’ULTIMO PEZZO FINITI GLI SCALINI SCOLPITI NELLA PIETRA CI VORREBBE UNA BELLA RINGHIERA DI ACCIAIO INOSSIDABILE PER PORSI AIUTARE NELLA SALITA E NELLA DISCESA

  3. # Biko

    Io non c’è l’ho mica con lui …..ma suo figlio non poteva portarlo agli scogli piatti? forza nonnino rimettiti presto

  4. # thebest

    Il gommone era sempre della Misericordia di Antignano mentre l’ altra ambulanza era la Misericordia di Montenero.

  5. # Carlo

    Come spesso succede (per non dire sempre) i vigili del fuoco hanno risolto brillantemente una situazione d’emergenza e per di più senza farsi tanta pubblicità sui giornali e alla televisione.

    Strano che la Capitaneria non appaia nell’articolo………….

    Purtroppo i VVFF lamentano tagli finanziari alle apparecchiature e ai mezzi; comunque sia sono sempre in prima linea a risolvere problemi.

    Bravi anche ai volontari sia della misericordia che della S.V.S.

  6. # liburnico

    82 anni alla Cala… complimenti ma de’… poverino… speriamo guarisca in fretta e ci possa tornare anche l’anno prossimo 😉

  7. # elio

    Certo che il su figliolo ha capito tutto della vita…..Portarlo a quell’età alla cala è da geni…

  8. # Antonio

    Ma e mai possibile che lungo tutta la nostra scogliera non ci sia una discesa al mare attrezzata senza dover rischiare l’osso del collo tutte le volte che si vuol godere delle nostre bellezze naturali ? Grazie Comune…

  9. # Markino

    Le persone anziane vanno portate in posti dove non c’è pericolo, possibilmente sulla spiaggia!!

  10. # Fra

    Ieri ero come di consueto a Calafuria e vi posso assicurare assistere questo ragazzo in preda ad una crisi epilettica e’ stato veramente choccante. Qualcuno ha notizie in merito ?

  11. # mau

    L’ho sempre detto alla Cala ci vorrebbe un bell’ascensore tipo montacarichi…ogni Volta una sudata di nulla! Se il sindaco la promette Vince a mani basse le prossime elezioni!!

  12. # Eljs

    Se facessero strutture idonee per la discesa a mare secondo voi quanti invece di fare abbonamenti ai bagni approfitterebbero della comodità di fare un po’ di mare senza spendere cifre assurde, specie in tempo di crisi….non le faranno mai per questo motivo. Chi va a gratis deve patire questa e’ la loro politica.. Auguri al signore che si è ferito e ricordo a tutti che la vecchiaia e’ brutta ma anche a 80 anni ci si può sentire capaci di fare molte cose, mi auguro di arrivarci e di essere in gamba come tanti anziani che vedo, peggio e’ non arrivarci o precludersi la vita solo per un dato anagrafico

  13. # Eljs

    È aggiungo che leggiamo spesso che a cadere sono anche giovani…

I commenti sono chiusi.