Arriva in auto e si lancia dal ponte di Calignaia. Muore a 46 anni davanti ai bagnanti

Mediagallery

LIVORNO – Un uomo di 46 anni, operaio livornese ma residente a Orciano Pisano, (inizialmente le prime notizie parlavano di un’età di 30 anni circa) si è lanciato dal ponte di Calignaia, intorno alle 10,30 di ieri 23 luglio, finendo sugli scogli sottostanti, dove in quel momento si trovavano decine di bagnanti che hanno assistito impotenti alla scena avvenuta a pochi metri di distanza.
L’allarme è stato lanciato da due donne che, in transito con la loro auto, hanno visto il tragico tuffo nel vuoto.
Per il 46enne non c’è stato nulla da fare. I soccorsi, pur tempestivi, sono stati inutili: troppo gravi le ferite riportate nell’impatto sugli scogli da quell’altezza.
Sembra che in una tasca dei pantaloni l’uomo avesse la chiave di un’auto, una Citroen C3, ma all’interno della vettura, e a casa, non è stato trovato nessun biglietto d’addio, né lettere che potessero giustificare tale gesto. L’uomo non era sposato.
Sul posto i volontari della Misericordia di Antignano, due volanti della polizia, una pattuglia della municipale, elicottero e motovedetta dalla guardia costiera, e un gommone della polmare. Il recupero e il trasporto della salma è stato effettuato dall’idroambulanza dell’Svs.

 

Riproduzione riservata ©

28 commenti

 
  1. # alla frutta

    PORCA MISERIA POVERINO…… MOLTO PROBABILMENTE ERA ARRIVATO AD UN PUNTO TALE DA NON SOPPORTARE PIU’ LA VITA…. R.I.P

  2. # simone salviato

    è un mondaccio, diceva la mia nonnina… speriamo abbia trovato la pace. condoglianze

  3. # Marco

    Però intanto si pensa alle scritte sui muri…. pace all’anima sua!

  4. # alessio

    siamo arrivati ad un punto tale purtroppo…

  5. # liburnico

    … poveretto…

  6. # chiara

    quando una persona arriva a meditare ciò sarebbe giusto che la cittadinanza si interrogasse sul perchè di tale gesto.

    condoglianze alla famiglia.

  7. # demetrio Paraculis

    La sagra dell’ovvio!!!!!

  8. # massi

    ero la con i miei figli e i miei amici quando è successo, poveretto, quanta disperazione deve aver avuto per arrivare a questo terribile gesto….
    R.I.P.

  9. # valerio

    non e nemmeno un anno che è morto il mio amico che fece il solito gesto, resta solo stare in silenzio. Per rispetto ai famigliari.

  10. # marco65

    quelli che ci comandano un aver paura un lo farebbero mai….chiaramente se sono stati i problemi finanziari a farli fare questo gesto… siamo con te proteggici dal cielo…

  11. # Giulia

    Lo so non ci sono soldi ..però sono davvero sicura che sarebbe obbligatorio almeno una visita all’anno dal terapista/analista, non risolverà i problemi della persona certamente con una sola visita ..però credo che già il fatto di avere qualcuno che ti ascolti, che ti accolga e che ti dia gli strumenti necessari per saper gestire le ansie, forse qualche strano meccanismo che scatta nella mente di ognuno di noi potrebbe fare la differenza e non verificarsi queste tragedie..

  12. # BOBBE

    Aspettiamo di capire quale sia la motivazione di un gesto così impressionante, però che i nostri politici e amministratori continuino a non capire, anzi far finta di non capire in che tipo di situazione siamo e’ ancor piu’ sconvolgente. Spero sia sempre piu vicino il giorno in cui tutti diremo BASTA.

  13. # valeria ottavi

    ma la smettete di chiamarlo poveretto o di fare diagnosi socio politiche…. rispetto, e silenzio. la mamma di enrico.

  14. # valeria ottavi

    chi è valerio, l’ amico del ragazzo di un anno fa? enri nn aveva amici cn questo nome..

  15. # maxlivorno

    ciao amico mio…. r.i.p

  16. # valerio

    non o capito cosa vuole sapere. ?

  17. # valentina

    poverino a volte la disperazione ti porta a fare chissa chè…

  18. # Chico49

    R.I.P.

  19. # anto

    poveretto, molto probabilmente aveva dei problemi suoi. r.i.p
    ma? cosa c’entrano le scritte sui muri i politici la psicoanalisi.
    bho!

  20. # Brontolo

    Comunque ci vole piu coraggio a vive …. RIP

  21. # Teseo

    Ma perché quella rete antisuicidi che hanno messo, non la completano anche agli angoli ?

  22. # amedeo

    meno male che sono intervenuti in tanti a fare chi sa … mancava però l’esercito

  23. # liù

    se uno si vuol suicidare non ci sono reti che tengano.
    e il video pubblicato da un quotidiano locale dove si vede un cretino che si getta per gioco dal ponte, forse ha dato lo spunto a una persona che già questo gesto lo meditava. persona che comunque non era di livorno (quindi i commenti sulla cittadinanza che si deve interrogare sono fuori luogo) e che aveva problemi personali, non sociali. un po’ di rispetto prima di ragionare a vanvera

  24. # amaranto67

    purtroppo chiara a volte non ci sono perche,solo malesseri interiori che non hanno niente a che vedere ne con la sfera affettiva ne con quella economica… e chi rimane si logora con domande e con i “se”.

  25. # marco

    naturalmente non conoscendo la persona non posso dire per quale motivo ha deciso di farla finita, problemi di lavoro, di salute o di cuore (amore), ma molte persone soffrono di depressione, soltanto chi ne soffre o i parenti più stretti magari ne sono a conoscenza, malattia molto seria e per niente facile da sconfiggere, quindi leggendo alcuni commenti poco felici, prego le persone di commentare altri articoli meno pesanti prima di dire cavolate.
    Condoglianze a tutti i suoi parenti e amici.

  26. # erika

    15 mesi fa la mia mamma mi ha lasciato così….nn ci sono parole…solo domande alle quali nessuno saprà risponderti…e tanto tanto dolore che nn vuole andarsene… Un abbraccio alla famiglia di quest’uomo e alla mamma di Enrico

  27. # Teseo

    Certo se uno si vuole suicidare può farlo in qualsiasi modo. Ma se la rete è stata messa contro i suicidi (e così è), biognava completare il lavoro, e non lasciare spiragli già utilizzati in passato per questo scopo.

  28. # Giovino

    Morte e disperazione sono il frutto dei nostri tempi….Un tal gesto è veramente triste e poco giustificabile , ma la vita è un DONO CHE VA RISPETTATO E UNA BATTAGLIA DA COMBATTERE, pensate a chi muore di un male incurabile dopo aver lottato! Senza considerare che poteva andare sopra ad altra gente….in un giorno di balneazione uccidendo un bambino o altre persone! Perdonatemi, ma il gesto non è giustificabile, la vita non si butta, SI VIVE ANCHE SE È DURA! COMUNQUE PACE ALL’ANIMA SUA!

I commenti sono chiusi.