Picchiata e rapinata nell’androne di casa

di gniccolini

Mediagallery

Una donna di circa 60 anni è stata aggredita, picchiata e rapinata all’interno dell’androne del palazzo. E’ accaduto, intorno alle 13,30, di venerdì in piazza Cavour.
La vittima, che solo sabato ha denunciato il fatto alle forze dell’ordine, stava rientrando a casa quando si è sentita strattonare. Il portone si era appena chiuso e l’aggressore ha avuto tutto il tempo di agire indisturbato prendendola a schiaffi e pugni in testa. Il malvivente le ha poi rubato il portafogli dalla borsa ed è scappato.
Con tutta probabilità l’uomo l’ha pedinata. Adesso è caccia all’aggressore di cui però la donna, ancora in stato confusionale e con diversi traumi e una ferita ad un occhio, ha saputo fornire pochissime indicazioni.

Riproduzione riservata ©

30 commenti

 
  1. # Francesco R.

    E che ca..o si può dì? Ma è possibile? Ogni giorno, ogni notte sempre così… AIUTATECI PER FAVORE RIVOGLIAMO LA NOSTRA LIVORNO!!!

  2. # De ma De !!!

    Quale’ la soluzione a tutto questo?

    Un augurio alla signora e che si riprenda al piu’ presto.

  3. # ci sono anch'io

    non siamo più padroni di noi stessi che società di…

  4. # Patrizia

    Ma…come caspita è potuta succedere una cosa così orribile addirittura in pieno giorno ma soprattutto in pieno centro ??
    Forse quel delinquente ha approfittato dell’orario in cui generalmente c’è meno gente in giro per via del pranzo ?
    Spero che venga fatta piena luce sull’episodio e soprattutto che venga reso noto qualche dettaglio in più.

  5. # pincoepalle

    l’unica soluzione è che ci possa essere benessere per tutti. però bisogna iniziare a sistemare le cose dall’alto e scendere verso il basso, non viceversa. finchè ci sarà miseria ci sarà delinquenza, non c’è soluzione, o si cambia noi per primi o ci dobbiamo abituare

  6. # erik62

    Lasciamo perdere la miseria chi fa queste cose è un delinquente ci vogliono pene esemplari, non c’è più l’effetto deterrente della pena

  7. # Ilaria

    A proposito del presente articolo, non è la prima volta che capita una
    cosa del genere.
    Qualche settimana fa è successo un episodio simile ad una signora all’incirca
    della stessa età in via S. Fortunata, pieno centro a Livorno.
    In quel caso gli aggressori erano due ed è stato rubato un orologio. La
    signora è stata picchiata in viso ed era appena entrata nell’androne di casa
    alle 11.15 circa di mattina. Anche in questo caso i due soggetti si sono
    infilati nel condominio approfittando dell’ingresso della povera signora.
    Ma di questo fatto nessuno ne ha parlato. La signora è rimasta sotto shock per
    diversi giorni e credo che abbia sporto regolare denuncia.
    Forse i due casi possono collegarsi? Sarebbe giusto che qualcuno indagasse …

  8. # Amica

    Ilaria sì!! Credo proprio che stiano indagando..
    E lo spero bene.. Da cittadina ed amica dell’ultima e spero ultima signora mi INDIGNO di fronte a tanta CATTIVERIA e MALVAGITÀ!! È sbagliato a priori PICCHIARE e ancor di più PICCHIARE una donna…voleva rubare?!ok, prenditi la borsa il portafoglio e poi grazie ed arrivederci!!! MA MASSACRARLA COSÌ..no, non ci sto!!!!
    DOVE STIAMO ANDANDO?!?! Dobbiamo per caso uscire scortate in pieno giorno perchè sennò rischiamo di essere aggredite?!?!!

  9. # Patrizia

    Vorrei consigliare chi ci legge di fare attenzione quando si cammina per strada, guardandoci di tanto in tanto anche alle spalle per vedere se qualcuno ci segue…
    In tal caso è meglio contattare le forze dell’ordine…

  10. # Luca79

    non capisco tutti questi pollici rossi,vorrei che uno di quelli che li ha messi mi spiegasse cosa ha detto di male…

  11. # roberto1

    Provengo da una famiglia in cui mio nonno, assieme a mia nonna, per mantenere propria famiglia si alzava alle 4 di notte per andare nei campi (NON SUOI) e poi andare al mercato per cercare di venderli per sfamare i propri figli; una volta finita l’attività del mercato mia nonna andava OGNI GIORNO a lavare le scale fine alle 6 del pomeriggio. Ora vorrei domandarti se questi personaggi che rapinano (sia extra comunitari che non) le persone anziane, se hanno secondo te un millesimo di voglia di lavorare come moltissimi facevano 50 anni fa !! Ecco perchè si spollicia color rosso, BASTA BUONISMI !

  12. # lupo

    si, la cultura del terrore e del sospetto, la via giusta per vivere meglio

  13. # alex

    Mah…senza parole….. !!!! Povera donna…. credo nelle forze dell ordine e nel loro operato….anche se…in questa città odia tanto la divisa….

  14. # simo

    Io penso che la miseria non giustifica certe azioni… se uno non è delinquente dentro anche se è in miseria non commette certe cose

  15. # alberto

    io non ho messo pollici rossi..ma il suo discorso va bene fino ad un certo punto……da retta questa è gentaglia…non è la miseria mancanza di lavoro ecc ecc uno che fa queste cose le farebbe sempre…..queste sono m…. se mio figlio ha fame e non ho sodi trovo altri sistemi non picchio una anziana…ma cosa cacchio dite !

  16. # pincoepalle

    è la chiara dimostrazione che ho ragione, questi non saranno certo criminali, ma se non capiscono un ragionamento cosi semplice se c’è criminalità è anche colpa loro. perchè anche pagare un lavoratore in nero è essere criminali, meno grave, ma è tutto collegato, e questo porta a quello. in italia siamo i peggio deliquenti, su tutti i fronti e questa gente c’ha il coraggio di lamentarsi solo degli immigrati, gente che sicuramente sbaglia, ma che ha visto e sta vivendo una miseria ed un disagio che la stragrande maggioranza di chi sta dietro al pc a mettere giu commenti e pollici non ha nemmeno idea di cosa sia. in che stristezza di mondo siamo finiti

  17. # AndreA

    Ma se per rivolere la nostra livorno dobbiamo togliere dalle scatole i livornesi (se di livornese si parla)…qualcosa non torna

  18. # claudio

    ……sindaco…….ci deve scappare il morto?

  19. # Ale

    Cos’ ha detto di male? Se moi di fame non prendi a picchi una signora che magari ha la spesa del giorno, se lo fai sei un bel delinquente, sei un vigliacco e un bel figlio di…..! Vorrei vede fosse la tu mamma cosa avresti detto!! Tutti perbenisti a Livorno, finchè non si tocca il proprio orticello!!!

  20. # Sniper70

    un po’ di tempo fa’ vidi un documentario dove facevano vedere che negli Stati Uniti esiste un paese dove il 95% degli abitanti gira armato(armi detenute legalmente e denunciate)…ebbene,la criminalita’ è vicina allo zero…..e badate bene,non ci sono stati casi di sparatorie non so’ da quanti anni….e vorrei anche vede’…se io fossi un delinquente,col cavolo che andrei a ruba’ o ad aggredire qualcuno lì…

  21. # Luca

    Bel discorso contornato dall’inno russo (che è uguale a quello del livorno calcio e/o viceversa) e da falce e martello. Certo, come dice il detto la miseria giustifica i mezzi. Allora appena rimarrò in miseria andrò a picchiare e rapinare. La soluzione è una: tolleranza 0! I lavoratori (anzi ormai ex) delle fabbriche che perdono il posto non vanno a fare rapine, al massimo vanno a tirare qualche sassata alle istituzioni e quello è più che conprensibile, ma questa è delinquenza vigliacca della peggior specie e in quanto tale ingiustificabile

  22. # Daniela

    Una vergogna, povera Signora, cosa sta diventando questa povera Livorno . Ci vuole un piano contro la criminalità che si è sviluppata negli ultimi anni. Basta guardare! Ma agire… Basta con il coprifuoco e il paraocchi basta! Hanno paura ad uscire queste povere Signore picchiate violentemente …

  23. # Donna Letizia

    Livorno…Detroit sta dietro l’angolo!!!!

  24. # pincoepalle

    una cosa è giustificare i comportamenti e non l’ho fatto. una cosa è cercare di capire come siamo arrivati a questo e cercare di rimediare alla base. sono due cose ben diverse. nel frattempo chi sbaglia è giusto che paghi, ma la tolleranza zero non porta ad alcun tipo di soluzioni. non è un opinione questa, è realtà

  25. # pincoepalle

    io vedo tanti italiani violenti, rissosi, maschilisti, ignoranti, irrispettosi delle regole, sempre pronti a venirti sul muso etc. prendi questi elementi e spostali in una realtà in cui sono fuggiti da uno stato e sono in un altro paese non accettati, privi di documenti e di soldi, senza conoscere la lingua, senza alcun diritto, praticamente ghettizzati e vedi un po’ cosa ne esce fuori. quindi secondo me il problema non sono “loro”, la soluzione non è la tolleranza zero. il problema è ben più grave e finchè non saremo noi a cambiare non ci sarà soluzione. se non lo volete capire non ci posso fare niente, siete voi che vi lamentate, quindi continuerete a farlo perchè nulla cambierà

  26. # Giuliana

    Non si può più vivere tranquilli! VERGOGNA! L’altro giorno alle 19:00 da Piazza Cavour dovevo raggiungere Piazza Garibaldi. Sono passata lungo i fossi e GIURO che in neanche 5 minuti, mi sono ritrovata non so quanti tunisini (tipo tre volte mi è successo in 5 minuti) che mi disturbavano con frasi spinte e classici complimenti da morti di t…a…… Ora, io dico, non è niente di che, non c’entra neanche tanto con questo fatto ma comunque è sempre una cosa che c’entra… Cacchio non si può stare più tranquilli neanche alle 7 di sera!!! E’ UNO SCHIFO TOTALE!!

  27. # Patrizia

    C’è da chiedersi se questi delinquenti siano venuti appositamente da altre regioni immaginando che la nostra città sia un’isola felice oppure se ce li ritroviamo in mezzo alle scatole ( per usare un eufemismo), a causa del decreto svuotacarceri ?

  28. # Patrizia

    Che tu sappia, le signore che presumibilmente sono state inseguite da quei delinquenti che poi le hanno aggredite erano a piedi ?

  29. # Giulia

    si ha ragione giuliana, anche io quelle poche volte che mi è capitato di andare a piedi in centro, non riesco più a camminare tranquilla come anche 15 anni fa, vedi questi gruppi di due, tre o di più di extracomunitari che camminano con espressione sospetta, vi giuro che a me vengono i brividi, ed è una cosa inaccettabile.

  30. # bud spencer

    Ahaha ma sei mai uscita da Livorno? Questo commento ha dell incredibile

I commenti sono chiusi.