Aggredita e picchiata sotto casa dall’ex fidanzato: 35enne finisce in ospedale

La donna lo aveva già denunciato per minacce e percosse

Mediagallery

 Ha deciso di aspettarla sotto casa, intorno alle 15 del pomeriggio di martedì 25 giugno, per poi aggredirla e riempirla di botte. E’ accaduto nel cuore della Venezia, sugli Scali del Pesce, alla luce del giorno, davanti agli occhi di due testimoni che sono rimasti attoniti e immobili di fronte all’atto di violenza durato pochi ma interminabili secondi. La vittima dell’aggressione, una ucraina di 35 anni, è rimasta a terra dopo i ripetuti colpi sferrati dall’ex fidanzato, un albanese suo coetaneo. I due passanti, che hanno visto la scena, hanno lanciato l’allarme e il 118 che ha inviato sul posto un’ambulanza.  L’aggressore se l’è data a gambe riuscendo a far perdere le proprie tracce tra le strade del quartiere.
Sul luogo dell’aggressione, oltre ai volontari del 118, sono arrivati anche due agenti della polizia municipale che hanno raccolto le testimonianze dei due cittadini che hanno assistito alle percosse subite dalla donna. La stessa, ha raccontato agli agenti, di aver già denunciato il suo ex fidanzato a gennaio per minacce e percosse.
L’ucraina, in stato confusionale, ha comunque riferito alle forze dell’ordine il nome del suo aggressore e ha fornito tutti gli elementi utili per poterlo trovare quanto prima. La 35enne è stata poi trasportata al pronto soccorso dove ha ricevuto le cure del caso. Ha riportato un trauma cranico ma le sue condizioni non sono gravi. La polizia municipale è già sulle tracce dell’aggressore.

Riproduzione riservata ©