Stagno, centro socio sanitario: arriva l’ok anche dalla Commissione Regionale di Controllo

Mediagallery

Dopo l’inaugurazione del nuovo Centro Socio Sanitario di Collesalvetti, avvenuta lo scorso 30 aprile, il 2013 segna un altro importante risultato per il Comune di Collesalvetti nel panorama dell’offerta sanitaria: nelle scorse settimane infatti, a seguito dell’ispezione da parte della Commissione Regionale di Controllo, il Centro Socio Sanitario di Stagno è stato accreditato e potrà così continuare a svolgere la propria funzione.

“Si tratta di un importantissimo risultato raggiunto per i cittadini della frazione di Stagno e per tutto il territorio comunale” ha dichiarato l’Assessore ai Servizi al Cittadino Donatella Fantozzi.

Nei mesi passati, diverse voci si erano levate in merito ad una paventata chiusura del centro di Stagno, voci che sono state smentite dai fatti: “Per noi, dopo anni di impegno per mantenere la struttura aperta nella consapevolezza di quanto gli abitanti della frazione abbiano effettivamente bisogno di risposte ‘a filiera corta’, si tratta davvero di un grande successo, del quale mi sento di ringraziare in primis la ASL nella figura del Direttore Generale Porfido ed il consigliere regionale Marco Ruggeri, che è stato sempre al nostro fianco in questa battaglia” ha dichiarato il Sindaco Lorenzo Bacci.

Proprio il Direttore Porfido nella giornata di oggi ha effettuato un sopralluogo presso il Centro insieme al Sindaco Bacci e all’Assessore Fantozzi, ribadendo la scelta dell’Azienda Sanitaria livornese di tornare ad investire su Stagno anche con alcuni interventi dedicati agli spazi interni, che permetteranno di ampliare la gamma dell’offerta di servizi al cittadino.

Sindaco, Assessore e Direttore Generale, infine, hanno voluto esprimere univocamente un sentito ringraziamento ai professionisti che operano all’interno della struttura, “mostrando da sempre di essere un punto di riferimento fondamentale per i cittadini, oltre che elemento imprescindibile per la qualità dell’offerta erogata”.

 

Riproduzione riservata ©