Bimba di tre anni soccorsa sul traghetto al largo di Capraia. Il capitano della nave lancia l’allarme

La piccola è stata trasportata d'urgenza all'ospedale pediatrico Meyer di Firenze grazie all'elisoccorso del 118

di gniccolini

Mediagallery

LIVORNO –  Una bambina di tre anni è stata soccorsa questo pomeriggio sul traghetto Corsica Ferries diretto sull’isola francese quando la nave si trovava in mare aperto a tre miglia dalla Capraia. A lanciare l’allarme è stato proprio il capitano del traghetto avvertito da un membro dell’equipaggio al riguardo di ripetuti malori manifestati a bordo da parte di una piccola passeggera di appena tre anni.
Da quanto sembra la bambina, partita dal porto di  Livorno oggi insieme ai suoi genitori, era caduta questa mattina battendo la testa all’interno dell’albergo dove era ospitata insieme al babbo e alla mamma che si trovavano in ferie qui in città.
Forse sottovalutando l’evento i due genitori avevano deciso di imbarcarsi lo stesso verso la Corsica ma il viaggio in nave non è stato dei più tranquilli. La piccola infatti lamentava di continuo dei mancamenti e degli svenimenti sospetti e inquietanti e segni di malessere diffuso come il vomito.
Così la decisione di lanciare l’allarme quando l’orologio segnava le 16.58. A raccogliere l’Sos i volontari della postazione isolana di Capraia dell’Svs che, con medico al seguito, si sono imbarcati sulla motonave della Guardia Costiera e hanno raggiunto il traghetto al largo dell’isola.
Una volta sul posto hanno trasportato la bambina di tre anni a bordo della motonave con tutte le precauzioni e le procedure di sicurezza del caso. Nel frattempo l’elicottero Pegaso del 118 era già arrivato sull’isola atterrando all’elibase in paese. La piccola, sbarcata con i soccorritori al porto dell’isola e trasportata d’urgenza verso l’elisoccorso, è volata all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze dove toccherà ai  medici di turno effettuare le analisi del caso per capire a cosa siano dovuti i ripetuti malesseri manifestati dalla bambina.

Riproduzione riservata ©

17 commenti

 
  1. # Gianfranco Borghetti

    Auguri di tutto cuore, piccola 🙂

  2. # Boia-deh

    Ma come si è permesso il Capitano di interrompere la vacanza a questi due genitori modello?
    Ovviamente ironizzo per non usare parole sconvenienti nei confronti di chi, i figli, non sa nemmeno da che parte si cominciano a tenere.
    Auguri alla pulcina…anche di avere genitori meno superficiali…la testa battuta non si sottovaluta mai!

  3. # Claudia

    Non credo sia molto carino il tuo commento in merito al comportamento dei genitori, cosa ne sai tu come e’ caduta e cosa puo’ essersi fatta? Magari e spero con tutto il cuore che il malessere della bimba sia extra caduta e un semplice virus, magari sono genitori modello e tu li giudichi, auguri piccola e auguri ai genitori che le sono accanto

  4. # vale

    Auguri piccola!!!!!

  5. # scopaia

    io ho 2 figli, di cui uno sempre in terra…..se dovessi portarlo all’ospedale ogni volta che cade dovrei cambiare la mia residenza.poi ci sono cadute e cadute….

  6. # cristina

    Auguri di tutta guarigione alla piccina……..e un ringraziamento a tutte quelle persone che prestano la propria opera lavorando al servizio degli altri ….

  7. # Claudia

    Comunque sembra che la bambina sia caduta sul traghetto non in hotel come scritto, quindi sarebbe meglio astenersi a volte da considerazioni troppo affrettate incolpando i genitori di essere incoscienti

  8. # GIANLUCA

    boia deh…..quanti figlioli hai te????

  9. # liburnico

    Tutto il bene possibile alla piccolina e una guarigione immediata

  10. # Giovanni fabbri

    Grande Capitano! Ha fatto bene a chiedere l ‘intervento sanitario!Finalmente qualcuno che si è assunto la responsabilità di una operazione che va contro gli eventuali dettami commerciali! Interrompere la navigazione di questi tempi non è cosa da poco!

  11. # ma caa dici

    Ti rendi conto del tuo commento? un bimbo che sviene vomita e la mattina è caduto sbattendo violentemente la testa lo tieni in casa tranquillamente? mah…. io propiro non vorrei essere tuo figlio se la considerazione e la tua preoccupazione è questa,

  12. # GIANLUCA

    tanti auguri cucciola a te e i tuoi genitori!!!!!!!!!!

  13. # Claudia

    Mi dispiace per te ma mio figlio in 4 anni non gli e’ mai mancato niente e tanto piu visite private per un banale congiuntivite, non mangio io ma mio figlio viene prima di tutto, quindi continui a fare commenti fuori luogo, ripeto che la bambina e’ caduta sul traghetto ha avuto i primi soccorsi e poi hanno visto che non era il caso di tenerla li, volevo vedere te che sei tanto bravo se ti fossi trovato in un paese non tuo e in quella situazione, ma tu c’eri? No e nemmeno noi quindi e’ inutile che fai l’avvocato del diavolo

  14. # Claudia

    Bravo finalmente un commento intelligente

  15. # Antonio

    Alla redazione di Qui Livorno quale è la giusta versione dei fatti.
    Bimba di tre anni si sente male a bordo del traghetto Corsica Marina II, a sette miglia dalla Capraia, e viene soccorsa dall’elicottero Pegaso. È successo alle 16 mentre la nave era in navigazione da Bastia verso Livorno.
    La piccina, una bimba francese a bordo con la mamma, è stata presa in affidamento dalla Capitaneria, che ha gestito tutto il soccorso prendendo la piccola a bordo di una motovedetta per poi portarla nell’ambulatorio medico della Capraia. Da lì la bimba è stata caricata con la mamma sull’elicottero Pegaso del 118 che l’ha portata al Meyer a Firenze. Come ricostruito dalla Capitaneria, la piccina era caduta a bordo del traghetto in mattinata, battendo la testa.
    Sul momento non sembrava niente di grave, ma poi nel pomeriggio la bambina ha iniziato a vomitare e a perdere conoscenza. Dei medici che erano a bordo l’hanno visitata e hanno consigliato alla famiglia di portarla in ospedale. Quindi il comandante della nave ha chiesto aiuto alla Capitaneria che ha attivato il Cirm, Centro internazionale medico radio. Sul posto in Capraia è intervenuta anche la Svs col medico che ha vistato la piccola.

  16. # Miki

    La caduta è avvenuta la mattina in hotel in Corsica e niente ha da spartire con una caduta in nave (domanda: se se la bimba fosse caduta la mattina sulla nave ed è sbarcata dalla stessa alle 17.30 circa…quanto cavolo è durato questo viaggio??).
    Ero sulla nave, sono stato testimone di tutto l’accaduto, ed ho parlato con il padre della bambina in quanto sono stato tra i soccorritori che hanno risposto alla chiamata del Commissario di bordo perché medico.

  17. # lorenzo

    Signori, la bambina non e’ affatto caduta da nessuna parte.In realta’, durante l’attesa del traghetto in banchina a bastia, accidentalmente, il padre ha chiuso fortemente lo sportello dell’auto mentre la bambina si apprestava a scendere ; la testolina e’ rimasta a contrasto. Queste sono le testimonianze di altri turisti di ritorno a livorno.

I commenti sono chiusi.