Vuoi cambiare la città? Parlane con noi mercoledì al museo di via Roma

Mediagallery

La qualità della vita a Livorno sta peggiorando. Tutte le statistiche nazionali lo stanno evidenziando. Cosa possiamo fare per invertire o almeno rallentare questo trend ? Secondo l’Associazione Vivi San Jacopo, nata da circa 6 mesi, e’ possibile contribuire positivamente ricominciando dal proprio quartiere, ricreando quelle connessioni di conoscenze e relazioni umane che possono essere da stimolo per impegnarsi attivamente nel raggiungere questo obiettivo, vivere meglio in una societa’ solidale, avendo a cuore il proprio ambiente , la mobilita’ sostenibile, la propria alimentazione, la propria salute, la possibilita’ di fruire di eventi culturale e la possibilita’ di produrre cultura in loco, sostenendo le scuole di quartiere nei loro progetti culturali arricchenti ed integranti i programmi scolastici. La risorsa dei giovani e degli anziani, a tutt’oggi cosi attivi e vitali, ognuno e’ una fonte di creativita’ ed operativita’ non utilizzata usualmente dalle societa’ attuali. E potrebbero essersi reciprocamente d’aiuto sia come esperienze di vita che come sostegno finanziario. Ed e’ un vero spreco di risorse! Tutto e’ interconnesso e il quartiere e’ la dimensione giusta per poter permettere delle conoscenze reciproche , base per lo sviluppo di progettualita’ multiple e varie. Anche scientificamente e’ appurato che chi vive in una comunita’ solidale vive meglio e si ammala meno. Una comunita’ dove ci sia spazio per la creativita’ del singolo e dei gruppi esistenti, e si percepisca il supporto degli altri nel realizzare gli obiettivi prefissati….e perche’ no? divertendosi anche perche’ il contatto e’ sicuramente fonte di benessere e divertimento, e magari creando occasioni di lavoro e quindi di ricchezza diffusa… L’ Associazione crede che quindi azioni sinergiche e interconnesse abbiano il beneficio di avere un impatto maggiore sulla comunita’ e si inizi a dar voce anche ad obiettivi che singolarmente uno non ha usualmente la forza di proporre e men che meno realizzare. Vuoi dare il tuo contributo? Vieni mercoledi 8 gennaio 2013, alle ore 15.00, al Museo di Storia Naturale di via Roma, l’Associazione Vivi San Jacopo promuove un incontro per scambio di idee e risorse umane per conoscere la ricchezza da cui partiamo e per comprendere insieme quali progetti possiamo attivare. Alle ore 17.00 invece, stessa sede, ci incontreremo specificatamente per parlare del verde del quartiere, con le Associazioni Garden Club Livorno, Orti in Condotta Livorno , negozio FioreSi , Bosco in Citta’ del Centro Macrobiotico, ,al quartiere San Jacopo, wwf livorno. Il presupposto e’ che c’e’ una grandissima ricchezza sia come potenziale umano sia come risorse strutturali, in ogni territorio, spesso sconosciuto reciprocamente, e che “ unire le forze “ e confrontarsi direttamente, e’ realmente molto utile per migliorare la qualita’ del vivere umano. L’associazione per ora e’ costituita da un gruppo di cittadini che si uniscono senza fini di lucro e per uscire dall’immobilismo cittadino che porta solo al lamento e la vittimismo, entrambi poco produttivi.
Sostengono che avere il coraggio di porsi obiettivi “ alti” e sinergici, e non solo settorializzati, e’ possibile , proprio per iniziare a creare la societa’ in cui ognuno vuole vivere!

Riproduzione riservata ©

8 commenti

 
  1. # ugo

    mercoledi alle 15 la gente lavora…..e poi se non ti levi di torno questi politici è una battaglia persa

  2. # dez

    prima di cambiare la citta dobbiamo cambiare la mentalità dei cittadini

  3. # pirrone

    sono d’accordo. Ma, se non ho capito male, l’Associazione Vivi San Jacopo si propone proprio di cambiare la mentalita’ dei cittadini! Complimenti e auguri all’Associazione!

  4. # irene

    Si esatto….vorremmo iniziare a creare un primo contatto e conoscenza tra gli abitanti del quartiere e tra coloro che ci vogliono aiutare in questo percorso…con idee e voglia di fare ….
    siamo già’ contenti di parlarci di più’ tra noi, di incontrarci e condividere di più’…e così cercare di realizzare dal basso ciò’ che ci preme per la nostra salute e per il nostro benessere…

    siamo aperti a tutto e a tutti….siamo inclusivi e collaborativi …ognuno di noi può’ dare qualcosa…Da qualche parte bisogna iniziare….abbiamo quindi deciso di buttarci….forse un po’ allo sbaraglio…ma e’ sicuramente meglio che l’energia si inizi a muovere….piuttosto che stagnare….partiremo da chi e con chi sente questa urgenza di concretizzare il mondo che vogliamo….

  5. # irene

    abbiamo visto che facendolo ad altri orari, c’e’ sempre gente che ha impedimenti vari, e il primo pomeriggio e’ un nuovo tentativo….sperimentiamo ..poi magari ritorniamo alla sera…ma d’inverno le persone hanno difficoltà’ ad uscire ….

  6. # Livio

    Ma io domando a chi ha qualche anno in più: Quante volte avete sentito queste parole??…Quante volte ci/vi siamo chiesti di CAMBIARE???…___”E’ la solita storia del pastore…MANCA UNA SERIA VIGILANZA e poi per carità meno MANFRINE e vedrete che c’è poco da cambiare in questa città….Come diceva il GRANDUCA di Toscana : Se vuoi far come ti pare vai a Livorno………….

  7. # LIbero 1°

    Si,da qualche parte bisogna iniziare. Allora iniziamo a maggio,tanto manca poco,quando saremo chiamati a dare il voto a questi mediocri che fanno precipitare la città sempre più in basso. Ecco,l’unica colpa dei cittadini è questa. Di averli messi li solo x partigianeria.

  8. # Robe

    Bella iniziativa. Ma ci sono iniziative analoghe anche per altre zone della città? Mi piacerebbe sapere a chi rivolgersi e magari organizzarsi in gruppi nelle varie zone per portare avanti i problemi locali e far sentire la propria voce…

I commenti sono chiusi.