Venezia, ecco il “the day after… movida”

Mediagallery

Torna a far parlare la sporcizia nel quartiere della Venezia dopo le serate di picco del venerdì e del sabato sera quando il rione è preso d’assalto dai giovani tra pub e locali.
La protesta, ancora una volta, è dei residenti della zona che al risveglio spesso e volentieri trovano tutto lo sporco lasciato sul posto dalla sera precedente.
Ecco la segnalazione corredata da un ampio servizio fotografico (clicca sul link in fondo all’articolo per vedere le immagini) di una nostra lettrice residente nel quartiere.

“Buongiorno, questo è viale Caprera stamattina, sabato 26 settembre. Povera Venezia!
Onestamente non trovo neanche le parole per esprimere ciò che si prova dopo l’ennesimo venerdì notte (che solo noi residenti possiamo capire). Svegliarsi per andare al lavoro e camminare in mezzo ad una discarica a cielo aperto…
Schiamazzi, spazzatura… che vergogna!
Stanno distruggendo un quartiere e nessuno interviene in alcun senso….
Ora aspetto il furbo di turno che dice che noi residenti ce ne dobbiamo andare….
Ma perché non ve ne andate voi… magari direttamente in una discarica che è il posto più adatto alle vostre abitudini…”.

Una residente della Venezia

Riproduzione riservata ©

23 commenti

 
  1. # Dredd

    Sono passato in bicicletta stanotte alle 3.00 dal luogo che dice la lettrice. Per prima cosa in piazza del luogo pio c’erano una decina di macchine parcheggiate in mezzo alla strada della serie uno guida e si trova in mezzo un parcheggio. Per non parlare poi del casino che ubriachi e non stavano facendo nei dintorni. Bottiglie di vetro e sporcizia ovunque. Purtroppo la sera, specialmente di Venerdi, Livorno, soprattutto certe zone, sono ostaggi di giovani maleducati ed incivili. Le forze dell’ordine che non intervengono è come dicessero: FATE PURE QUELLO CHE VOLETE!

  2. # Gianluca

    quell’acqua fa da specchio alle bestie che stanno là fuori nelle serate di movida. Sono dei grandi zozzoni incivili… c’è poco da fare. Non so come facciano i residenti là in zona a sopportare quello schifo. Ma poi è la stessa gente che si sposta di locale in locale, che lascia le auto in doppia file etc… nella piena incuranza della polizia locale che è buona solo a far le multe ai motorini fuori dalle scuole o a prendere i caffè al meta mare.

  3. # freefree

    Ve lo dico io cosa dovete fare per evitare il ripetersi di queste cose , però poi dovete stare con le finestre chiuse ! Comprate nelle mesticherie la CREOLINA , la diluite in un secchio d’acqua e la spargete dove di solito questa gente staziona , è un disinfettante dall’odore non molto simpatico , e sicuramente chi lo sente se ne andrà da un’atra parte .

  4. # Viva Stalin

    C’hai ragione… Per i nostri poveri babbi… Siamo tutti comunisti

  5. # residente|

    condivido e’ una vergogna.
    ed questa e’ la parte di viale caprera una parte della venezia!

    ..disturbano i ragazzetti che girano sotto casa sgassando con questi scooterini smarmittati ad ore. ed e’ sempre il solito od i soliti perché’ il rumore e’ sempre il solito costante non cambia, gira gira gira ripresine su ripresine , non e’ che trovano posto e si fermano, no girano in continuazione con quei catorci.
    Hai rotto!!!!
    Ma e’ possibile che nessuno non interviene!.
    Il codice della strada deve esser fatto rispettare come l’ordine pubblico da chi di competenza. Polizia , carabinieri e polizia municipale. Accostare prego e verbale.
    Qui e’ un inferno.
    Ps aspettiamo queste telecamere speriamo che non sia peggio, fatta la legge trovato l’inganno, magari l’unico varco di accesso possibile sarà’ strippato .
    Magari venissero solamente a piedi si respirerebbe almeno!.

  6. # Perplesso sempre di più !!

    Me ne guardo bene di andare a controllare……ma mi chiedo: CI SONO ABBASTANZA CESTINI LUNGO LA SPALLETTA ???

  7. # Rino

    Livorno sarebbe un posto bellissimo…..Ha solo un grande problema…..I Livornesi!!!! Non tutti eh…Una buona parte Si però!!!!

  8. # ugo

    no no proprio tutti

  9. # Irene

    Sono d’accordo con chi ha scritto la lettera nell’articolo…sono anch’io una residente però ti dico che non è importante che gli altri arrivino a comprendere il nostro disagio, come hai detto tu solo noi lo possiamo capire. A me interessa essere compresa dalle istituzioni, cosa che non accade ed è disarmante. Io credo fortemente che se tutti insieme fossimo uniti ci potremmo riuscire ..fare esposti ..documentare le ‘tranquille’ nottate che passiamo..le soste selvagge …le risse..gli atti vandalici alle auto e via discorrendo ed intasare la posta al comune, prefettura, questura…chiamare la TV locali e non …qualcosa cambierebbe. Se stiamo in silenzio ..ed ogni uno di noi interviene per conto proprio non avremmo mai una risposta dalle istituzioni ..facciamo prima ad andare via dal quartiere e forse dalla città.

  10. # kristy40

    “Senso del ridicolo” stasera e domani sera (sabato e domenica) due eventi agli antipodi Cultura letterale quartiere Venezia e Rock fortezza Vecchia……..

  11. # sabri

    Da residente…non avevo neanche voglia di scrivere…stamani dopo che sono uscita da casa e ho visto la desolazione davanti ai miei occhi…solo tristezza…sporcizia..bottiglie…bicchieri..cicche…che brutta città e quanta maleducazione. Livorno che tristezza.

  12. # Ugoz

    Movida? Ma chiamarli semplicemente alcolizzati e’ politically incorrect?

  13. # floyd

    È vero. Il rumore di questi scooter è insopportabile e si sente anche in altre zone di Livorno, ad ore assurde.

  14. # karl

    Toc Toc. Sig.ra Prefetto se esiste batta un colpo.

  15. # andrea

    Allora bisogna chiudere i locali.

  16. # Bastiancontrario

    Premesso che condivido lo scoramento del lettore e che penso che una buona parte dei livornesi (giovani e vecchi) non abbia a cuore il decoro della città, mi pongo le seguenti domande:
    1) Non è che questa situazione è figlia anche del porta a porta con la conseguente mancanza di cassonetti e cestini (mi sembra di notare dalla foto la totale mancanza di cestini per l’immondizia)
    2) Sono stato recentemente a Barcellona e sulle Ramblas, cuore della movida, al mattino squadre di spazzini provvedevano a pulire cestini e cassonetti con l’idropulitrice, lavare i pavimenti con le camionette predisposte, sciacquare i vicoli maleodoranti…….perchè l’AAMPS non provvede in egual modo ?

  17. # adriano

    semplice come 30 anni fa alle 01 della notte locali chiusi senza eccezioni, sarebbe semplice,
    specialmente in inverno la gente se ne andrebbe a casa, ne gli anni 80 era così si andava nei locali alle22 e alle una a nanna
    ora questi bamboccio in estate non vanno manco al mare per uscire la notte, chiamali furbi…….

  18. # Alessandro

    Il problema non si risolve chiudendo i locali, perché altrimenti andrebbe chiusa tutta la città, perché queste persone, sono quelle che lasciano sporcizia ovunque vadano, nelle spiagge, nei boschi, in città facendo defecare il proprio cane ovunque senza raccogliere le feci, purtroppo questo è la mancanza di educazione e di rispetto per le cose altrui che i genitori non gli hanno insegnato, per cui non esiste una soluzione , ma solo rimedi temporanei, come far passare l’amps di primo mattino e pulire i luoghi delle movide, e delle sonore multe per chi porta questo degrado alla citta’

  19. # Al dolce

    Il prefetto dovrebbe per ordine pubblico disporre ordinanze ad hoc per orari di chiusura e di vendita e consumo di alcol. Chi contravviene a queste ordinanze multe tanto salate che per pagarle bisognerebbe chiedere un mutuo.

  20. # mauro

    Figuriamoci se i pub al loro interno non hanno cestini dove buttare i rifiuti.
    E comunque, se anche non ci fossero abbastanza cestini, è giustificato gettare sporcizia in terra?
    Basta con questa idea che il privato cittadino sporca, tanto poi passa il pubblico a pulire. Iniziamo a provare a non sporcare che ci sarà meno da pulire

  21. # ettoro

    I soliti discorsi. La societa’ di oggi e’ questa, eppoi quando si concentra gran parte delle attivita’ in una zona maggiore e’ l’evidenza del degrado e dell’inefficienza dei servizi, perchè chi ha fatto queste scelte avrebbe dovuto sapere che queste erano le conseguenze. E allora prima di fare il porta a porta, che puo’ essere cosa positiva, l’amps si organizzi per ripulire. Poi spieghi come ha fatto ad aver tutti i milioni di euro di debiti. I dirigenti?

  22. # valeria

    Innanzitutto l’Aamps dovrebbe provvedere a pulire OGNI MATTINA come succede, ad esempio, dopo un festival o un evento eccezionale, invece mi sembra che la sporcizia debba essere pulita dai privati cittadini.
    Per il resto non sono per niente daccordo con la letterea del lettore: rendetevi conto che la città è di tutti e quindi se la movida si è spostata in Venezia non si può fare altro che accettarlo. Ovviamente l’inciviltà è una brutta bestia da debellare, ma lo è anche il discorso “questo pezzettino di marciapiede è mio perchè ci abito io, andatevene tutti a quel paese”. Allora i residenti del Viale Italia l’estate dovrebbero riempire il comune di esposti perchè ci sono troppe macchine e troppe persone??? Ma che discorsi sono???
    Senza contare che in passato sono stati creati locali al picchianti o in altre zone lontane, e o sono falliti o sono stati chiusi dallo stesso comune per il rumore o per altre irregolarità.
    Io consiglierei di mettere più cestini della spazzatura, qualche volante della polizia, fare più multe e pulire più spesso.

  23. # Alberto

    Tutto giusto…ma che dire dell’Attias, centro cittadino, dopo le 19,30 dei sabato e domenica in particolare è poi per tutti gli altri giorni?!?!?!?!?

I commenti sono chiusi.