"Tre ore di attesa per visitare mia figlia. Siamo andati a Pisa". L'Asl: "Ecco la nostra ricostruzione". Il padre replica: "Siamo delusi". Pioggia di commenti

Avviata un'indagine intera da parte dell'Asl per far luce sull'accaduto

Mediagallery

Mia figlia Francesca che ha compiuto da pochi mesi 18 anni venerdì scorso (27 settembre) è stata operata di tonsille a Pisa. Ci avevano avvisato che data l’eta’ era molto importante , nel caso si fosse presentato sanguinamento, di recarci subito al piu’ vicino ospedale.
Stasera (venerdì 27, ndr) alle 21,10 mia figlia ha iniziato a sangiunare e a respirare male , io ero stavo rientrando da Torino per lavoro, mia moglie con mio figlio sono corsi quindi al pronto soccorso di Livorno, mio figlio ha portato in collo la sorella, mia moglie ha spiegato al personale di accoglienza cosa aveva la ragazza ma cosa piu’ importante che era reduce da una tonsillectomia da una settimana. La risposta è stata: l’otorino a quest’ora non c’è, ci sarà domani mattina e qui i tempi di attesa sono sulle tre ore prima che sia visitata.
Sottolineo che mia figlia aveva sangue dalla bocca e non respirava bene , fatti che sono stati riferiti al personale (uomo). Il codice che gli era stato assegnato era giallo. Mia moglie a quel punto ha chiesto cosa era meglio fare e gli e’ stato risposto che decidesse lei. Mia moglie quindi ha portato Francesca a Pisa dove dove e’ arrivata alle 22,00 , dopo la visita che e’ stata effettuata immediatamente veniva deciso di operarla subito per risolvere il problema. Nel frattempo sono arrivato anche io, Francesca e’ stata operata. Alla luce di quanto sopra ho appreso “ ad intervento effettuato “ quanto sia stato negligente superficiale e irresponsabile la valutazione fatta della situazione di mia figlia costretta a percorrere in quelle condizioni 20 km per raggiungere Pisa. Ho anche appreso che l’otorino anche se non c’e’ e’ reperibile ed in ogni caso andava fatta vedere subito come codice rosso. Sono sicuro che capirete quanto grave sia la cosa e quanto hanno fatto rischiare a mia figlia mettendola in gravissimo pericolo. Voglio che siano presi i dovuti provvedimenti nei confronti di chi e’ responsabile di tutto quanto accaduto, riservandomi comunque di sporgere una denuncia querela nei confronti del personale del pronto soccorso.

Alessandro

IL COMUNICATO STAMPA DELL’AZIENDA SANITARIA: “ECCO LA NOSTRA RICOSTRUZIONE DEI FATTI”
In relazione a quanto apparso sulla stampa relativamente al caso del servizio sanitario offerto dal Pronto Soccorso di Livorno a seguito di un caso di sanguinamento post-operatorio per intervento eseguito presso altra struttura sanitaria, l’Azienda USL 6 tiene a fare alcune precisazioni.
La ragazza è arrivata senza ambulanza al Pronto Soccorso alle ore 21.18 riferendo che dal pomeriggio, quindi già da alcune ore, aveva una sanguinamento in regione tonsillare. Il personale impegnato nel triage ha provveduto a registrare i dati della paziente, attribuendo codice verde in quanto non erano presenti, a un primo esame, segni di impegno delle vie aeree o segni di deterioramento emodinamico. Alle 21.24, quindi dopo 6 minuti, il personale ha richiamato ripetutamente la paziente per completare la valutazione di triage, ma, non ottenendo risposta, ha dovuto registrarne l’allontanamento spontaneo. Il personale impegnato nel triage nega di avere invitato la paziente a rivolgersi ad altro ospedale, aspetto per altro non riportato nella documentazione di reclamo ma esclusivamente nell’’articolo del giornale, in quanto la struttura livornese è perfettamente in grado di gestire casi come quello in questione.
L’infermiere ha correttamente informato la paziente che sarebbe stata dapprima visitata dal medico di Pronto soccorso il quale avrebbe provveduto, se necessario, a far intervenire lo specialista reperibile.

LA RISPOSTA DEL PADRE DELLA RAGAZZA
“Avremmo preferito non tornare sull’argomento dato che nostra figlia sta meglio ma, vista la risposta della Asl, siamo molto delusi del fatto che ancora una volta si voglia non riconoscere l’evidenza dei fatti, che si arrivi a dare una descrizione che non corrisponde alla verità, il tutto con l’intento di scaricarsi delle responsabilità. Capiamo, che essere sbattuti sul giornale sia stato poco simpatico ma rispondere così è vergognoso. Siamo sicuri che i lettori sapranno valutare i fatti e trarne le loro conclusioni. Sbagliare è umano ma quando si può evitare e non lo si fa allora vuol dire che il pesce puzza dalla testa e se la testa è troppo potente rispetto a quella del semplice cittadino, queste sono le conseguenze.”
Alessandro

Riproduzione riservata ©

132 commenti

 
  1. # VALE56

    VERGOGNA ,E SPERO CHE UN’INDAGINE INTERNA FACCIA CHIAREZZA SULL’ACCADUTO….

  2. # vasco

    l’ennesimo esempio di cosa sta succedendo alla sanità livornese. Per motivi puramente politici/economici è stato deciso da anni a livello regionale che Cisanello sarà il primo ospedale d’europa e che l’ospedale di Livorno sarà ridotto a semplice ambulatorio. Il nuovo Ospedale programmato a Montenero rientra in questa prospettiva, in quanto i posti letto saranno notevolmente ridotti rispetto all’attuale. Il fatto grave è che il bacino d’utenza livornese è più del doppio rispetto a quello pisano. Noi livornesi abbiamo accettato questo sistema non andando a votare il referendum contro la costruzione del nuovo ospedale, ci siamo fatti abbindolare dai nostri politici locali. Ok, fare 30 km in più non sarà un dramma per nessuno. Auguratevi solo di non avere un infarto, un aneurisma, una urgenza grave….

  3. # Laura

    E non sei il solo è sempre così attese anche di 10 ore, ti buttano all’intero su una barella e se quando passano non sei morto sei fortunato, anche a me hanno risposto che il dottore non c’era di notte e dovevo tornare domattina, ma la reperibilità si paga e devono correre!!! Non c’è alcuna umanità ed e completamente privo di privacy, la gente viene buttata là uno accanto ad un altro, non ti guardano nemmeno in faccia, giovani e anziani che si lamentano, urlano dal dolore e niente, mio padre l’hanno fatto urlare dal dolore per 6 ore prima che un dottore lo guardasse!!!! Che schifo, fa bene a fare la denuncia, facciamola tutti!!!

  4. # Carlo

    Sarebbe utile ed interessante, visto che ci sarà una indagine interna, conoscere anche il motivo delle preventivate tre ore di attesa, quanti codici bianchi o azzurri stazionavano in sala di attesa ingolfando anche loro una situazione già precaria. Parlando in generale, il triage,(l’accettazione del Pronto Soccorso), paga, essendo in prima linea, una situazione di schiere di specialisti assenti o reperibili, frutto di tagli, ma anche di generosi premi elargiti ai dirigenti che raggiungono chissà quali obiettivi.

  5. # sara

    Il Pronto soccorso di Livorno….oi oi….

  6. # Ceccobeppe

    si, ma… quando ci sarà l’ospedale nuovo tutti questi problemi spariranno… sissi… auguri alla ragazza.

  7. # Lorenzo

    Io se mi sento male vado direttamente a Cisanello da anni

  8. # stefanobolgheri

    denuncia l’azienda per omissione di soccorso,poi vai dal direttore e stringigli…la mano!ma stringila bene!

  9. # gemma

    molto grave e inammissibile. Nemmeno in centro Africa (dove ho fatto la volontaria per una onlus) c’è questo lassismo.

  10. # wilem

    le parole non servono, basta questa testimonianza. “Bella” mi Livorno, fai acqua un po’ ovunque.

  11. # livornese

    E’ vergognoso un ospedale come quello di Livorno nemmeno le bestie vengono trattate cosi. E’ possibile che dobbiamo andare a Pisa per trovare l’efficienza e l’eccellenza ospedaliera e qui non avere neppure un pronto soccorso.
    Livorno è una città vergognosa

  12. # nino

    che vergogna poi si lamentano delle persone si vanno a curare a pisa con costi che ricadano sull’ Asl di Livorno. Fareste meglio di far lavorare di più il personale dell nostro ospedale. Anch’io sono uno di quelli che si cura a Pisa. Perché non mi fido del nostro ospedale.

  13. # biscottino

    Niente di nuovo sotto il sole. Anni fa mia figlia, allora piccola, si ferì ad un occhio. Andai al pronto soccorso (era sempre quello vecchio) e mi misi in attesa. Poiché sanguinava chiesi quanto ancora dovevo aspettare, mi fu risposto che c’erano diverse persone prima di me. Allora presi la macchina e andai a Pisa dove fu subito medicata e curata. Tornando indietro mi fermai di nuovo al pronto soccorso di Livorno perché c’era una persona che conoscevo ed era in attesa di essere curata. Era sempre in attesa ed il mio turno sarebbe stato dopo il suo.

  14. # Stef.

    Invece di fare l’ospedale nuovo, formassero meglio il personale , specialmente al pronto soccorso . Povera Livorno !!

  15. # dino

    Che schifo

  16. # DANIELA

    Ciao, mi dispiace per tua figlia e spero si rimetta al più presto. Quando per tanti casi ho detto la mia , magari pure duramente , e’ sembrato che io avessi un qualcosa contro di loro , ma purtroppo e’ così e devono cambiare qualcosa perché è di estrema importanza che si lavori un po’ più calmi e in po’ più responsabili e disponibili così non va proprio. Oh vai a farlo capire ! Mah! Dico sempre per esperienza vissuta , ma non viene capito finché non succede a noi stessi.

  17. # pink

    Uno schifo! Ospedale di Livorno e dipendenti del pronto soccorso da rinnovare!!!! !La ragazzina ha rischiato tanto! Ospedale di Pisa tutta la vita! Vergogna!!!!!!

  18. # marcello

    … ma si, facciamo anche l’ospedale nuovo, così chi è in turno ci sta anche meglio… ma va là!

  19. # Robe

    La prima cosa da combattere all’ospedale di Livorno (se non in tutta la sanità Toscana) sarebbe l’arroganza, la presunzione e la saccenza del personale medico e soprattutto infermieristico. Se non gli piace e non si dedicano con il dovuto rispetto al proprio lavoro, lascino farlo a chi è più in grado di farlo con amore e pazienza, e magari vadano a fare cose più consone alla loro indole. VERGOGNATEVI!!!

  20. # un lettore

    denuncia in procura. non servirà a nulla lo stesso, ma almeno aiuterà l’indagine interna….

  21. # Sniper70

    l’avessero fatto alla mi figliola,mi sarei fatto dare nome e cognome del tizio e l’avrei denunciato subito ai carabinieri e alla dirigenza dell’ospedale….codice giallo??…roba da matti…VERGOGNA!!!

  22. # Sniper70

    ps un augurio di buona e rapida guarigione alla ragazza ed un’abbraccio a tutta la famiglia :))

  23. # Stefano

    ho avuto un problema simile con l’otorino, sempre all’ospedale di Livorno.
    anche io mi sono rivolto a Pisa, problema risolto ed in meno di 1 ora ero già a casa……non è per fare sempre i disfattisti ma qui invece di costruire un ospedale nuovo, non era meglio investire sul personale (quantitativamente ma sopratutto qualitativamente) !?

  24. # Fabrizione

    A Livorno non c’è’ più’ niente, forse c’è lo meritiamo, discorsi ne facciamo tanti, ma fatti pochi, l’ospedale e’ allo sbandò e nessuno dei politici fa niente!

  25. # Marco A..

    Caro Alessandro, è tuo dovere denunciare il personale che ha visto tua figlia al pronto soccorso per far si che queste “persone” in futuro siano un pò più accorte.

  26. # marce

    questo perchè c’è l’ospedale vecchio… con quello nuovo non sarebbe successo…

    questo dimostra che il problema della sanità a Livorno non sono certo i muri, meglio fare un grande poliambulatorio e per ogni caso più serio andare a Pisa

  27. # Alice

    Ma non era all’avanguardia il nostro PS?
    Siamo alle solite. ci vogliono MEDICI all’accettazione!!! come negli altri ospedali.
    Mi recai al PS di Modena e al bancone c’erano i MEDICI. non infermieri, che per la maggior parte delle volte sono pure maleducati. Per quanto tempo ancora vogliamo essere la barzelletta della sanità toscana?

  28. # Paolo

    E’ una vergogna. Ha tutta la mia solidarietà.

  29. # ugo

    Perché ci speri?

  30. # ugo

    e contiunano a fare malanni

  31. # kristicci

    Credo che una delle grosse problematiche del pronto soccorso di Livorno sia che la responsabilità del codice da assegnare non sia data ad un dottore, ma ad un infermiere…che quindi ha il compito di interpretare i sintomi e di valutarne la gravità e quindi formulare una diagnosi, responsabilità che dovrebbe essere solamente del dottore. Non ho idea di come funzioni nelle altre strutture, ma mi sembra paradossale che questa sia la prassi da seguire.
    In bocca al lupo alla giovane ragazza e alla sua famiglia.

  32. # FrancescO

    Il problema è che chi da i codici all’accoglienza sono infermieri e non dottori,quindi non capisco come può un infermiere valutare! Inoltre a mio parere ci vorrebbe un codice particolare per quanto riguarda i bambini.

  33. # lorenzana

    Il problema e’ che non succede niente alla classe medica
    ..i dottori incompetenti se la cavano sempre senza provvedimenti disciplinari da parte dell’ente di appartenenza…anche se secondo me visto che hanno a che fare con la vita delle persone dovrebbero smettere di praticare…

  34. # Carlo

    Già perché i medici sono infallibili… Perché non metterci al bancone anche un equipe chirurgica bardata di tutto punto pronta ad intervenire? Perché gettare discredito su tutta una categoria di professionisti in base ad una ricostruzione dei fatti narrata solo da una parte?

  35. # DANIELA

    Ma almeno in questo caso abbiate rispetto e smettete di mettere meno meno vai! Siamo ridicoli! Le infermiere devono stare calmine e serene! E pure alcuni medici! E non iniziate con la crisi , il personale , e che andiamo al pronto soccorso a fare due chiacchiere ! Questo e’ un lavoro di massima responsabilità crisi non crisi va fatto BENEEEEE! Tra poino ci dicono scegliete voi se vi volete operare o no ! Non vogliano responsabilità . D’accordo con chi dice le infermiere non possono dire e dare giudizi se uno sta male oppure no. Ci vuole un medico a fare l’ accettazione .

  36. # Robylivo

    A cosa serve l’ospedale di Livorno?
    Ormai conviene chiuderlo così la sanità risparmia anche i soldi!

  37. # nutella

    Vergogna, solo a Livorno succedono queste cose

  38. # Nini

    Ringrazia Dio che c’è stata umiltà da parte del personale consigliando Pisa!!! Io sarei contento e non lo scriverei su quiLivorno! Non c’è altra soluzione tanto, sempre i soliti discorsi! Ospedale nuovo vecchio..quando ci sono queste problematiche soprattutto con i bambini non si esita neanche un minuto Pisa o Firenze! Quando ci sono cose serie come queste bisogna essere ascoltati da persone competenti che poi agiscono!!! A Livorno purtroppo è così e si evita. Punto!

  39. # ema

    Poi brontolano se qualcuno “alza le mani”

  40. # mario

    parola d’ordine a livorno NEMMENO UN CALLO mi farei levare!!
    e’ una follia, l’ignoranza l’incopetenza e la cialtroneria la fanno da padroni.
    e vi assicuro che non e’ qualunquismo, a livorno TUTTI si lamentano del’asl..a Pisa NESSUNO…ci sara’ un perche??? o’…un son pisano per l’armor di dio…anzi!!

  41. # marco

    BASTEREBBE SOLO SPENDERE I SOLDI DEI LIVORNESI A LIVORNO,PISA A DUE OSPEDALI,NOI MEZZO FACCIAMO CHE LE RISORSE DEL SANTA CHIARA SIANO DESTINATE A LIVORNO INVECE DI FINIRE A PISA
    L’OSPEDALE DI LIVORNO SERVE CIRCA 200000 PERSONE PRETENDIAMO IL RISPETTO DI TUTTI QUESTI CITTADINI PERCHE’ NON E’ POSSIBILE CHE CI SIANO SOLO 2 ASTANTERIE,POI SE QUALCUNO SBAGLIA SI DEVE PRETENDERE PROVVEDIMENTI,MA E’ FACILE AVERE RISORSE PER DUE OSPEDALI E NOI NIENTE,CHE SI SVEGLINO I NOSTRI POLITICI

  42. # Orso

    piu che l’ospedale nuovo ci vogliono I MEDICI NUOVI!!!se ne sentono troppe ormai!!!

  43. # Genitore

    FATEGLI I TAGLI ALLA SANITA’ !!!!!!! E ALL’ OSPEDALE DI LIVORNO…..

  44. # DANIELA

    Perché non parliamo pure di quando andiamo a togliere il sangue e a portare campioni biologici! Regna un’ignoranza allucinante e un’impazienza da parte infermieristico. Urlano e sbraitano come fossimo bambini all’asilo e poi non sanno manco leggere sulle richieste mediche! Annoiate, svogliate, e senza voglia di lavorare. Sembra ti facciano un favore ma io mi domando gli verrà insegnato quando studiano a stare calme le prime loro?

  45. # vasco

    scusate se vi rimando al mio primo post. Ma pensate che a Livorno il personale sia medico che infermieristico sia ignorante e a Pisa siano tutti bravi e buoni? Non è così! A Pisa ci lavorano moltissimi livornesi. La percentuale degli ignoranti e dei cafoni è la stessa in tutti i posti. Sono le condizioni che cambiano. A pisa ci sono i mezzi economici per essere efficienti, a Livorno no. Ma la colpa di tutto ciò è di noi livornesi che abbiamo permesso che questo accadesse. Ora non ci piangiamo addosso. Sarebbe l’ora di fare una unica USL tra Livorno e Pisa, in modo che i soldi che stanzia la regione siano distribuiti meglio anche sul territorio livornese. Ma non lo faranno mai, perchè si dovrebbero tagliare decine di dirigenti doppioni. E la casta non molla l’osso.

  46. # sara

    un c’ho capito nulla…..boia deh mettile due virgole son gratisss……….

  47. # princi53

    caro babbo di Francesca faccia una bella denuncia, perchè chi sbaglia deve pagare, spesso c’è troppa superficialità nel giudicare e poi ci ritroviamo di fronte a decessi assurdi. Un caro augurio di pronta guarigione

  48. # Lungo

    Se ha valutato come codice giallo una cosa del genere vuol dire che non e’ in grado di fare quel lavoro,in lavori del genere ci vuole veramente capacita’ di valutazione anche perche’ si gioca con la vita delle persone!!!

  49. # Boldrini-Kienge

    Siamo veramente amareggiate del sistema sanitario nazionale e dei servizi che presta ai cittadini. Proponiamo che nei casi di grave necessità, la struttura pubblica possa accordare la stessa priorità, gratuità ed urgenza della quale oggi beneficiano i nostri ospiti extracomunitari anche ai cittadini livornesi.

  50. # Il Moralizzatore

    Si parla di scarsi finanziamenti, si parla di strutture indadeguate, ma qui il vero problema è il personale inadeguato

  51. # Il Moralizzatore

    Non sono certo infallibili, ma visto i loro studi dovrebbero essere più capaci di fare una diagnosi.

  52. # donatella

    è vero ci sono errori umani che a volte sono inevitabili ma l’ospedale di Livorno è alla deriva ci sono pochi infermieri soprattutto al pronto soccorso e fanno anche il lavoro dei medici vedi codici bianchi i dottori sono pochi e a volte incompetenti quelli bravi se ne vanno comunque ance pisa non è meglio ho sentito che ci sono stati svariati casi di infezioni da sala operatoria e questo vuol dire che sono sudice non ci sono scuse

  53. # gagarin

    Ve lo immaginate se disgraziatamente la ragazza era stata operata a Livorno?

  54. # GRAZIA

    VERGOGNA LA DOVETE SMETTERE DI GIOCARE CON LA VITA DELLE PERSONE…SIETE IN UN PRONTO SOCCORSO,E SE VIENE UN CASO URGENTE COME QUESTO SI CHIAMA IL MEDICO …((((( DEVE ESSERE SEMPRE REPERIBILE IN CASI DI URGENZA COME LO ERA QUESTA PAZIENTE,ALTRIMENTI CHE PRONTO SOCCORSO E’ ??? ))))) VERGOGNATEVI SIETE LI PER LAVORARE E DARE SOCCORSO AI MALATI E FERITI …NON PER DORMIRE …SE IN QUESTI 20 KM DI STRADA PER ARRIVARE AD UN ALTRO VICINO OSPEDALE FOSSE SUCCESSO IL PEGGIO… COSA AVREBBE DOVUTO FARE LA MADRE DELLA PAZIENTE ??? UN CASO COME QUESTO NON PUO’ E NON DEVE ESSERE SOTTOVALUTATO PASSATO INOSSERVATO,MA DENUNCIATO …DOVETE PRENDERVI ED ASSUMERVI LE PROPRIE RESPONSABILITA’ … E VERGOGNARVI !!! BASTA CON QUESTI CASI DI MALA SANITA’ !!!!

    Il

  55. # midiverto

    Il personale che opera in ospedale, dottori , infermieri , ecc…… se non è in grado di svolgere la professione va mandato via subito e avanti un altro. Non si gioca con la vita delle persone. E’ l’ora di finirla.

  56. # Pasqua

    Sabato la mia vicina di casa ultraottantenne e’ andata al Pronto Soccorso qui a Livorno
    , le hanno fatto tutta una serie di esami, sono stati (a dire di lei) bravi e professionali, era tutta soddisfatta. Certo ci e’ stata parecchie ore, ma e’ tornata sabato sera soddisfatta e stamattina e’ tornata per ulteriori esami. Cosa volete che vi dica…

  57. # Franco

    Carlo… sei un infermiere vero ???

  58. # DANIELA

    Ma beata la tua vicina , almeno hanno fatto le cose perbene, io pure a Pisa non mi sono trovata bene concordo con altri lettori. Sono dovuta andare molto ma molto più in là… Comunque spero vivamente per gli anziani e gente impossibilitata a muoversi che si faccia attenzione tanto la vita e’ una e se non sappiamo valutare bene si vada a preparare i cinque e cinque no mica , buona giornata a tutti.

  59. # sirvia

    e considerate che quando arrivate laggiù siete in un pessimo ospedale uguale, dove dopo una settimana dall’intervento siete di urgenza di nuovo a farvi rioperare.

  60. # yuri

    bravo, hai abboccato

  61. # Lia

    Come sempre ci facciamo prendere in giro da tutti!Vogliamo un Nuovo ospedale quando non abbiamo personale competente a valutare le situazioni di urgenza.I dottori che devono essere reperibili dove sono???? E molto spesso ci rivolgiamo a Pisa perche’ non abbiamo piu’ fiducia nei nostri operatori!!!!!

  62. # Crociato

    Colui (Rossi) che ha organizzato in questo modo, che a quanto pare non vi piace, la sanità toscana è l’attuale Presidente. Peccato che lo avete votato voi. Solo perchè c’aveva scritto PD in fronte…

  63. # giovanna

    mia figlia fu portata dal lavoro con ambulanza svenuta varie volte con intossicazione da monossido di carbonio,per una stufa difettosa dove lavorava, il medico dell’ambulanza fece presente del fatto la ((brava dottoressa)) del pronto soccorso non ha dato le cure neccessarie e mia figlia dopo quasi 3 anni ne soffre ancora….e colmo dei colmi l’ha dimessa con sindrome infuenzale…….,

  64. # Alessandro

    Dal punto di vista “politico” hai perfettamente ragione. Riguardo allo specifico caso, fatta salva la piena solidarietà ai genitori della ragazza, abbiamo questi elementi:
    1) La ragazza era stata operata a Pisa (ma lì sono bravi a prescindere: per cui se sanguina gli dicono di presentarsi al primo Pronto Soccorso più vicino; se ha sanguinato probabilmente vorrà dire che proprio tutto bene non deve essere poi andato. Il classico detto: l’intervento è perfettamente riuscito, noi siamo bravissimi, ma il paziente è morto per colpa sua o degli osedali periferici più vicini: noi siamo infallibili!!).
    2) Gli è stato assegnato un codice giallo: nel nostro Ospedale significa: “Mediamente critico, priorità intermedia”.
    3) Avrà sbagliato l’addetto al triage? I genitori si saranno impauriti forse eccessivamente?
    4) Ha fatto bene la Usl a richiedere la documentazione del secondo intervento prima di intervenire.
    In ogni caso a Pisa sono stati bravi perchè hanno fatto un intervento con una complicazione seria, ma poi sono stati bravissimi perchè hanno risolto questa complicazione (vorrei anche vedere: si tratta di una ragazza di 18 anni!!!); a Livorno sono stati inefficienti perchè non hanno curato in tempo la complicazione che hanno provocato a Pisa!!! Non speculiamo sulla salute…

  65. # ZENEROS lento soccorso

    Siccome mi è successa una situazione simile con mia moglie (ore attesa 6.30 e alle fine ce ne siamo andati dalla rabbia e presentati la mattina dopo CONOSCENDO UN MEDICO IN REPARTO!!!) bisogna assolutamente denunciare lo stato pietoso del pronto soccorso e soprattutto l’attribuzione dei codici che NON VIENE FATTA DA MEDICI… Inoltre la comunicazione degli addetti è quantomeno IRRISPETTOSA, ma uso un vocabolo molto molto blando. In situazioni del genere il cittadino pretenderebbe almeno COMPRENSIONE UMANA.

  66. # pietro.f

    Chissà perché tanto livore quando si parla di Sanità e di errore in Sanità. Chissà perché è sempre sufficiente a tanti benpensanti acquisire il punto di vista del paziente per condannare un medico o un infermiere senza prendersi la pena di considerare che anche questi ultimi potrebbero avere argomenti validi a loro favore. Se è vero, come ho letto da qualche parte, che al Pronto Soccorso di Livorno accedono 70.000 persone all’anno, per fare solo l’1% di casi da malasanità dovrebbero esserci 700 titoloni sui giornali ogni anno, 700 denunce, 700 emissioni di avvisi di garanzia che dovrebbero essere moltiplicati per il numero degli operatori raggiunti: chi se la sente di dire che i numeri sono questi? E se i numeri non sono questi di cosa ci dobbiamo continuare a lamentare? Non trovate che chi è accusato di errore abbia diritto ad un giusto processo? E perché generalizzare con le accuse di incompetenza e continuare ad offendere anche chi lavora con impegno e dedizione nonostante il continuo ridursi delle risorse umane e strumentali? Io continuo a dire che è più saggio giudicare quando si conoscono tutti gli elementi e sempre con la giusta umiltà quando si affrontano argomenti che riguardano un mestiere difficile e che non è il nostro.

  67. # Carlo

    Ci sono tante strutture private, accoglienti, efficienti e professionali. Personalmente mi sono trovato benissimo in una di queste. Rinuncio al ristorante il sabato sera, al cane, al SUV ma mi curo bene.

  68. # lorenzana

    Per fare il medico serve una vocazione … DEVI fare del bene … Non puoi giocare con il tempo ( in alcuni casi ) … I medici devono fare un giuramento!! I medici secondo te possono sbagliare come una commessa può sbagliare a fare un resto..? Io dico di no …!!! La commessa viene licenziata…un medico il giorno dopo si rimette il camice… !!!

  69. # la semmy

    Andare all ospedale aapettare sette ore con codice bianco…perche secondo loro non era abbastanza importante… dato che parlavano delle ferie da fare…. premetto che il mese era giugno…sentirmi rimproverata perché stavo consumando troppo ghiaccio….il risultato?!…distaccamento e frattura del tallone…ma per i dottori non era niente….sapete che vi dico…TUTTI A CASA….PIU’ PERSONE COMPETENTI E CHE AMANO IL PROPRIO LAVORO

  70. # Lisa

    Le lauree vengono regalate…..siamo in mano all’ultimo padrone

  71. # valina

    Perché mettete i negativi? La sua è una battuta ironica, ha ragione Ugo! Sperare nel senso che anche se faranno una indagine, a ben poco servirà!

  72. # Carlo

    nel fare triage conta esperienza, occhio clinico e adattabilità, indipendente da curricula universitari.

  73. # princi53

    infatti hai ragione, secondo me ci vorrebbero dei medici per giudicare caso per caso e non infermieri, inoltre chi fa questo lavoro lo dovrebbe fare con tanta passione e non per il 27, voi giocate con le vite degli altri ricordatevelo

  74. # paolino

    parole saggie basta strutture pubbliche obsolete La qualità va pagata

  75. # marty

    Le negligenze ci sono da tutte le parti non ci siamo noi livornesi a criticare il PS viene usato come medico Famiglia fa più notizia una brutta che una bella solidarietà a Francesca chi sbagli paga. Ma l’intervento sbagliato è stato fatto a pisa

  76. # Antonio

    VERGOGNA! DOVE VANNO I NOSTRI SOLDI??? QUANTA SUPERFICIALITA’, ANCHE QUANDO SI TRATTA DI VITE UMANE! FATE I MEDICI E INFERMIERI NON GLI IMPIEGATI DI POSTA!

  77. # nino

    ora trovano tante scuse non vi si crede

  78. # Livorno

    se invece doveva farsi fare una diagnosi per un ‘incidente falso con tutti d’accordo passava subito!!!!

  79. # giovanna

    chi ha meno di 400 euro al mese non può andare dai privati……

  80. # armando

    non ho capito se sono morente e non vengo portato all’ospedale con l’ambulanza, non mi ca..no nemmeno?

  81. # vale

    L’ indagine non porterà a niente riusciranno ad insabbiare tutto basta vedere la risposta

  82. # vale

    È tutto successo anche a me 7 anni fa, fui ricoverata per dei dolori addominali fortissimi e mi mandarono in chirurgia attaccata ad ina flebo. Dopo due giorni lamentai dolori al braccio dove avevo la canna della flebo. Mi dissero che non era niente e visto che i dolori addominali erano passati mi mandarono a casa. Fortuna vuole che andai dal mio medico per il certificato per il lavoro. Appena vide il mio braccio si accorse che era in corso una tromboflebite e che rischiava di morire per il distacco di un embolo . Scattò subito la denuncia e facemmo richiesta della cartella clinica, ce la consegnarono dopo una settimana, riveduta e corretta ad arte.

  83. # Il Moralizzatore

    ok buono a sapersi che la laurea non servono a niente neanche in medicina. Ragazzi smettetela di perdere tempo sui libri date retta al signor Carlo!
    Signor Carlo forse ci saranno non laureati capacissimi, ma visto che non è possibile accertarlo, la laurea serve proprio per dare garanzie di capacità, altrimenti anche il muratore di casa mia potrebbe firmar ei progetti per un palazzo.

  84. # vale

    … Notturne prontamente mi era stato controllato il braccio ed effettuato il cambio della canna all’ altro braccio. Falsamente perché in realtà,avevo anche una testimoni , me la posero solo al mattino dopo. In conclusione la denuncia è andata a vuoto.

  85. # Il Moralizzatore

    certo, come ti sei permesso di non gravare sui costi della sanità recandoti da solo all’ospedale? (per i duri sono ironico)

  86. # stef79

    Pronto soccorso di Livorno un si smentisce mai! Io ci credo che quell’infermiere o chi sia abbia risposto così alla mamma della bimba ce l’hanno ma di molto di vizio di rispondere svogliati sembra sempre che gli rompo i così detti ! Ma cambiate lavoro

  87. # Luca

    Negli ultimi 12 mesi ho avuto a che fare per 3 volte con l’ospedale a Livorno: una maternità (anzi… una paternità…) e 2 interventi al pronto soccorso.
    E devo dire che è andato tutto bene. Un po’ di attesa una volta al pronto soccorso per avere dei risultati, ma ci è sembrato tutto efficiente.
    Per la maternità poi… non vorrei fare confronti con la struttura fatiscente che è ancora al Santa Chiara di Pisa…

  88. # roberto5

    Ho avuto diverse disavventure all’ospedale di livorno…se non è per estrema necessita assolutissimamente non ci metto piede..in molti settori scarsa professionalità e maleducazione a non finire..niente a che vedere con il cisanello di pisa che a confronto di livorno sembra una clinica svizzera…. Anche se sono livornese e prenderò molti negativi devo dirlo…….a pisa sono 30 anni in più di noi…come accoglienza educazione professionalità….ci sono passato diverse volte lo dico per esperienza..saluti

  89. # Sorgentiii

    Se sono scappati a Pisa dall’interno del pronto soccorso di Livorno un motivo c’è stato di sicuro. Sicuramente, a Livorno non hanno trovato la giusta professionalità ed accoglienza. E’ davvero imbarazzante per me, leggere queste notizie. La direzione sanitaria dovrebbe vigilare di più sul modus lavorandi di tutti i suoi dipendenti.

  90. # pietro.f

    Addirittura l’apologia della violenza. Questo mi sembra veramente esagerato e pericoloso. Addirittura 2 pollici in alto, incredibile!

  91. # pietro.f

    Hai mai fatto parte di una commissione di laurea?

  92. # pietro.f

    Nel momento in cui lo sto leggendo questo commento ha 3 pollici in basso e non capisco perché visto che è solo il resoconto di esperienze positive: forse che i commenti favorevoli non hanno diritto di essere espressi? Forse che stonano con i pregiudizi di chi non ha esperienze dirette da raccontare?

  93. # pietro.f

    … un motivo c’è stato di sicuro …
    Non hai elementi per giudicare ma sei certo (o certa) che l’errore c’è stato. E’ questo modo di pensare che mi spaventa perchè è questo il modo di pensare che usa chi impicca o lapida dopo aver messo un velo sulla sua mente.

  94. # Sonia

    Io neanche un unghia incarnita mi faccio vedere all’ospedale di Livorno . Mia figlia all’età di 13 mesi le avevano diagnosticato un reflusso bilaterale del 3-4 grado , con un rene già compromesso . A Livorno volevano curarla fino all’età di 5 anni col solfamitico Bactrim . Quando l’ho portata a Pisa , perché la cosa non mi convinceva , il prof. Bani neufrologo della pediatria , iniziò a dare di matto dicendo che a Livorno non capiscano niente …mia figlia la mandavano in DIALISI !!! Ci consigliarono di portarla a farla operare urgentemente a Marsiglia . Ora ha 25 anni ed è mamma di uno splendido bimbo , e sta benissimo , grazie alla pediatria di Pisa

  95. # alessio

    Perché se ti operata a Pisa sei andata a Livorno???? Se andavi direttamente a pisa magari risparmiavi un oretta bona!!! Visto che a Livorno un son boni a nulla a quanto dici…w l ospedale di Livorno…

  96. # veronica

    io a Livorno sono stata mandata a casa con una presunta gestosi in atto a pisa il solito giorno mi hanno ricoverato per 2 mesi dove poi ho partorito pensate voi per loro stavo bene !!!

  97. # Riccardo

    Forse se i livornesi si dedicassero un po’ meno al calcio e un po’ di più alla vita politica della città, probabilmente ci sarebbero meno sprechi e più servizi adeguati. Livorno in serie A, sanità in serie D!!! Apriamo gli occhi e andiamo un po’ meno allo stadio.

  98. # Franco

    caro paolino sai quanti euro mi decurtano dallo stipendio ogni mese ??? Il 40 %… se faccio dieci ore di straordinari posso arrivare al 50 %.
    Ti dovresti solo vergognare per la tua frase che trovo addirittura offensiva.
    Obama sta cercando in tutti i modi di creare una sanità pubblica tipo la nostra negli avanzatissimi USA e noi la vogliamo eliminare…
    dimmi un pò: chi prende 400 euro al mese, magari di pensione, che dovrebbe fare ??? Curarsi con un bel volo dal ponte di calignaia ???
    Io che ne prendo 1600 e con tre persone a carico non posso andare dal dentista per una cavolo di carie… Mia suocera a pagamento la tac al ginocchio nn può farsela… la farà tra 9 mesi a Cecina ( se ce la porto io )… se non si rompe lo strumento…

  99. # lila

    queste cose si verificano in Italia perchè, non so per quale motivo, il medico si sente su un piedistallo dal quale non scende……per parlare con le persone, per spiegare loro (e mi riferisco a malati e parenti dei malati) quello che sta succedendo. Loro, i medici, si sentono superiori a tutti e quindi non spiegano niente perchè gli altri non capirebbero mai! Come giustamente è stato detto da altri lettori, fare il medico dovrebbe essere una vocazione, non è un mestiere come un altro, non si può intenderlo come un lavoro per riscuotere lo stipendio alla fine del mese….I medici dovrebbero essere prima di tutto persone portate per quel mestiere, quindi avere una formazione psicologica tale da sapere relazionarsi con gli altri senza sentirsi onnipotenti; io giro il mondo per lavoro, ho vissuto neli Usa, in Svizzera, in Olanda e ho avuto a che fare con medici e strutture ospedaliere di questi paesi e Vi assicuro che non ho mai visto la presunzione e l’arroganza dei medici italiani che hanno molto da impaare dai loro colleghi stranieri che sono modesti e umili e svolgono il mestiere con coscienza. Mi dispiace dover dire queste cose, ma purtroppo è la verità…..e questo atteggiamento da parte dei medici italiani determina continuamente incomprensioni con pazienti e parenti dei pazienti; ovviamente il personale paramedico non fa altro che assecondare l’atteggiamento del medico e quindi ecco che si verificano episodi come quello della povera ragazzina e i suoi famiiari. Bastava che ci fosse un approccio gentile e rassicurante, ma in Italia siamo ancora molto lontani da tutto questo e i dottori ancora per molto si pavoneggeranno nei loro camici con la consapevolezza che, anche se sbagliano, mai nessuno li condannerà.

  100. # lila

    sono in giro perchè quando hanno finito il loro turno, se ne fregano….andate a vedere cosa dicono le statistiche…la maggior parte dei casi di malasanità si verficano durante il cambio turno!

  101. # lila

    io non li giudico sotto l’aspetto professionale, ma li giudico sotto l’aspetto umano e la maggior parte di loro sono arroganti

  102. # tubino federica

    Tutti noi livornesi conosciamo il nostro pronto soccorso…
    .tanti auguri di buona guarigione a Francesca.

  103. # Mattia

    Non è il periodo giusto per paragonare Livorno e Pisa. Ci salviamo solo nel calcio. Per il resto è il classico paragone tra cacca e cioccolata.

  104. # Mattia

    Io invece dal veterinario… è già meglio e non mi costa benzina

  105. # Mattia

    caratteristiche che evidentemente non hanno

  106. # mariateresa

    Non era un errore ma una possibile complicanza di cui la paziente eta stata giustamente e correttamente avvisata. La barchetta magica non ce l’ hanno neanche a Pisa.

  107. # Ilio

    Mi perdoni ma le suggerisco di riformulare il discorso in maniera più chiara altrimenti il suo concetto rischia di non essere capito o addirittura travisato.

  108. # leghorn47

    Nonmi meraviglio dela cosa, a me è capitato che avevo una visita per un “fondu oculi” alle ore 8,30 presso il distretto di Fiorentina ed alle 7,45 venivo chiamato per dirmi che “l’esame non si poteva fare perchè l’oculista era in FERIE, si avete letto bene in FERIE, e CHE dovevo telefonare al CUP per prendere un’altro appuntamento” che avevo preso 69 giorni prima.
    Per risolvere la questione sono andato al distretto ed alle 10,30 un’altro oculista mi ha fatto l’esame dopo che, parlando con il responabile della struttura gli avevo detto che da lì sarei uscito con l’esame fatto o con i Carabinieri.

  109. # Pedrito

    L’ospedale di livorno è inqualificabile.. A partire dall’ortopedia che ti ingessano la gamba destra quando ti rompi la sinistra a casi più gravi e recenti come la ragazza che non gli hanno completato un raschiamento e questo inaccettabile episodio di totale maleducazione, ignoranza e negligenza che ha messo in serio pericolo la vita di una 18enne… Lo vogliamo capire che questa è una struttura di ripiego??? Prendiamo le analisi…a parte le classiche emocromo, transaminasi ecc ecc…tutte le altre le impacchettano e le spediscono a pisa, tante addirittura nemmeno le eseguono.. Sono gli stessi dottori che in confidenza ti dicono di andare a pisa a farti curare.. Ma è normale??? L’ospedale ormai è rimasta una struttura che ci deve essere in un paese, come una chiesa, una banca, la posta e la stazione dei carabinieri…

  110. # Claudio66

    Che tristezza!!! Paghiamo l’incapacità politica di chi amministra questa città che ha portato il nostro Ospedale a perdere alcune eccellenze come la Chirurgia Pediatrica tutto a discapito delle strutture sanitarie livornesi a favore di Pisa e Firenze.

  111. # asciugati

    ma come mai al pronto soccorso il cittadino normale ci passa delle ore e non ci si trova mai un politico, un amministratore importante etc. Un sarà mia che loro usano un altro triage!

  112. # Carlo

    meno SUV, meno tatuaggi, meno cani, meno telefoni da 1000 euri meno pottate, la ricetta per noi livornesi è questa. Se uno può spendere in simili futilità, può spenderli anche per curarsi in centri dove ti trattano con i guanti bianchi. Per gli indigenti così ci sarebbe meno fila e tutto filerebbe liscio.

  113. # Daniele

    C’è poco da dire, un questi casi bisogna denunciare alle autorità competenti. Il pronto soccorso a Livorno deve cambiare !

  114. # Matteo

    E’ giusto che ci sia indagine interna per determinare se c’è stata colpa o meno…detto questo, è inutile fare confronti con Pisa. E’ un ospedale universitario a cui vengono elargiti milioni di euro per la ricerca e la formazione. L’ospedale di Livorno purtroppo deve combattere con questa situazione; ha meno soldi, meno personale e un utenza maggiore di quella di Pisa = meno efficienza.

  115. # DANIELA

    Cara redazione, proprio stamani in via levante mio marito ha portato un campione biologico per un esame specifico. Non volevano accettare il campione, le gentile signora urlava pure cosa c’era scritto di esami da fare senza mantenere la privacy , mio marito ha dovuto chiamare il laboratorio di Cecina dove gli e’ stato detto che la richiesta andava bene e dovevano mettere un codice che in via levante non conoscevano . Abbiamo dovuto ripagare l’esame quando una settimana fa abbiamo portato lo stesso campione e non era stato fatto l’esame richiesto ma ciò che loro avevano deciso di fare. Se questa e’ la sanità giusta e ci sono le persone giuste, non è affatto normale tutto questo a dire poco e’ raccapricciante e preoccupante.

  116. # vale

    La devono far finita bisogna cambiare tutto dal direttore alla ditta di pulizie

  117. # BUDIULIKKE

    VI RICORDATE QUEL RAGAZZO CHE CADDE DI MOTO E FU LASCIATO MORIRE CON LA MILZA ROTTA , accadde nel vecchio pronto soccorso , ma evidentemente i sistemi sono rimasti quelli vecchi , non servono ospedali nuovi servono i responsabili nuovi .

  118. # BUDIULIKKE

    ABBASSIAMO GLI SPIPENDI DA NABABBI DEI RESPONSANSABILI E FINAZIAMOCI L’OSPEDALE.

  119. # DANIELA

    Ma cosa hanno risposto? Non è arrivata in ambulanza? Ma perché se arrivi in ambulanza cosa succede? Vieni messa sulla barella per ore senza che un infermiere ti guardi neanche . Vi aggrappate agli specchi!!!!!!!! Ma per favore . Le infermiere hanno il ghigno strafottente e sicuramente gli date la possibilità di fare così e sembrare Professori! Ma poveracci replicano anche.

  120. # DANIELA

    Non ci sono controlli! Sono tutte Professoresse piene di sé. E noi cittadini ci trattano come pezzenti ! se non prendete provvedimenti seri, e’ la fine! Ma poi anche per loro stessi ma saranno capaci di lavorare in fabbrica dove c’è controlli e se reagisci perdi il posto . Vi sentite troppo in alto abbassate le ali e fate i seri si parla di vita e salute .

  121. # giugiu

    Portammo mio suocero due anni fa al pronto soccorso di Livorno, vomitava quando mangiava ed era costipato da diversi giorni, ci dissero che era un po’ ripieno e stando a digiuno avrebbe risolto. Dalle analisi i linfociti erano altissimi ma lo dimisero lostesso. Non convinti la stessa notte lo portammo a Pisa fu ricoverato subito, fecero i dovuti controlli e la diagnosi fu Linfoma. Purtroppo lui oggi non c’è più e non possiamo dimenticare tutto questo.
    Non è solo un problema di struttura o di stanziamenti, ma è proprio il personale inadeguato e impreprarato tralascio il discorso maleducazione che ormai ahimè ci siamo quasi abituati.

  122. # floyd

    Mi ha detto mio “cuggino” che una volta andò al PS di Livorno perché aveva una malattia mortale con sintomi manifesti. Ebbene, il personale sanitario lo rimandò via dicendogli che si trattava soltanto di una puntura di zanzara, tutto questo mentre urlavano continuamente:boia deh! Prese il taxi per l’ospedale di Pisa ma morì durante il percorso, i familiari vollero comunque farlo visitare. I medici di Pisa lo resuscitarono immediatamente e furono gentilissimi. Ha detto mio “cuggino” che non andrà più al PS di Livorno, neanche per una puntura di zanzara.

  123. # mario

    V.E.R.G.O.G.N.A.T.E.V.I. ! Era molto meglio se non lo facevate il comunicato
    V.E.R.G.O.G.N.A.T.E.V.I.!

  124. # Ceccobeppe

    Ripensandoci ora ci rido ma al momento fu roba da matti. 5 anni fa: bimbo di due mesi, avendo portato durante il giorno una borsa a tracolla o qualcosa del genere a mia moglie si erano induriti i seni, tipo mastite, si erano infiammati i dotti tanto che il latte usciva giallo (aibò). Il bimbo prendeva solo latte materno. Tre di notte: piange. E ora? Il latte si da o non si da? (dubbi dell’inesperienza). Telefoniamo in maternità all’ospedale. Risponde una signora alla quale spiego sommariamente il problema, mi fa delle domande, cerca di capire meglio, e alla fine mi risponde: “mah…io non glielo darei…” e io “ho capito…e come possiamo sfamare il bimbo?” “ah, questo non lo so… le passo il dottore” “mi passa il dottore? Perché, lei chi è?” “io sono il centralino” “ e allora cosa cavolo mi fa tante domande! Me lo passi si, il dottore!”. Il dottore mi dice di non dare il latte e di andare a comprare quello in polvere…avevamo fatto tanto per evitarlo però… gonfio come una zampogna mi preparo per andare alla farmacia in via Fiume… prima di uscire però, mia moglie, poco convinta della soluzione del problema, vuole sentire un’altra campana. Telefona all’ospedale di Pisa e la risposta è: lo allatti pure e anzi, più lo allatta meglio è perché tirando le scioglie il nodulo. Così fu e tutto andò bene.

  125. # vale75

    Al peggio non c’è mai fine!

  126. # DANIELA

    Ceccobeppe sei stato fortunato , io tuttora pago le conseguenze , e né Livorno né Pisa sono stati così bravi , ecco perché mi indigno tanto e mi arrabbio così, da novembre che sono a casa operata ri operata ri operata ri operata e in attesa di essere nuovamente operata ! Giuro per un problema che potevamo tranquillamente risolvere in un altro modo meno drastico , io non parlo per sentito dire ma per esperienza ! E ora quando vado a fare le analisi trovo pure da discutere con chi agli sportelli non conosce i codici per etichettare i campioni e si incavoli pure . Un saluto.

  127. # lorenzana

    Caro crociato ma tra quanto ci vai in Texas…? Questo non e’un problema di organizzazione visto che gli altri ospedali toscani funzionano…e’ un problema di personale livornese menefreghista e ignorante…(non tutto il personale)…

  128. # il pragmatico

    finché la sanità è legata alla politica non avremo mai un ospedale efficiente !!!! pisa ha un regime universitario non politico.

  129. # Teseo

    Se non ricordo male qualche settimana fa comparve proprio qui un thread con commenti pieni di encomi verso il pronto soccorso di Livorno. Ma dov’è la verità?!

  130. # Stella

    Infatti, il problema è tutto lì!! Interessi, interessi, interessi: cioè i maledetti soldi al posto del bene della gente. Se si farà (speriamo) un’unica provincia con Pisa, non è che si potrà riunire anche questo aspetto sanitario, e vedere qualche miglioramento? E inoltre, ma è proprio necessario buttar via soldi per il nuovo ospedale, quando quello vecchio è stato anche rinnovato e sistemato in molte parti? Chi ci guadagna?! Io sono stata una delle poche livornesi ad andare a votare CONTRO il nuovo ospedale, quando ci fu il referendum; complimenti e tutti quelli che se ne sono strafregati, si vedono i risultati, e, come si dice a Livorno, ora si ‘onta i noccioli.

    Altra cosa che vorrei far notare: qui tanti dicono “piglio la macchina e vado a Pisa..”: e chi il mezzo proprio non ce l’ha?! Col sangue che cola o un braccio rotto vado a prendere il treno? Oppure telefono a Pisa che mandino un’ambulanza a prendermi? Mah!!!

  131. # Davide

    Il problema qui non sta tanto nel fatto dell assegnazione sbagliata o meno della classe di rischio da parte del triagista alla ragazza, quanto nel fatto che una situazione del genere (complicanza nota e possibile anche in caso di intervento perfettamente riuscito) poteva rapidamente sfociare in un quadro emorragico molto grave e di conseguenza non mi focalizzerei tanto sul giallo o sul rosso quanto sul fatto che la ragazza doveva essere visitata immediatamente da un otorino o se non disponibile, da un chirurgo generale che sicuramente era in PS. Prima di gettare fango sulla professionalità di un chirurgo, di un infermiere professionale o di un medico bisognerebbe sapere di che cosa si parla e in che condizioni certi miei colleghi sono costretti a lavorare, fermo restando che la ragazza doveva essere visitata subito anche se non c erano criteri di gravità evidenti (astenia pallore tachicardia etc ). So per esperienza personale come testimone oculare che grossi pasticci sono stati fatti anche a Pisa, non solo a livorno, anche se, essendo un ospedale universitario, chiaramente il livello di specializzazione é piu alto.

  132. # alex

    Le indagini interne non portano a nulla…..ci vuole la magistratura!!

I commenti sono chiusi.