“Multato mentre compro il biglietto”. E scrive a Striscia

Mediagallery

Spett. Redazione,
vorrei comunicarvi la disavventura che mi è capitata e denunciarla pubblicamente. Il giorno 24 giugno stavo camminando in via Donnini ritornando dall’Auto Italia a stagno dove avevo portato la macchina a riparare.
Nel frattempo incontro anche 2 miei amici e mi metto a chiacchierare con loro. Dopo un po’ che son lì vedo che mi passa l’autobus nella corsia opposta e lo prendo al volo (io abito verso piazza Roma) per evitare di farmi una scarpinata. Di corsa salgo, cosciente di non aver il biglietto ma di farlo a bordo, dalla porta posteriore. Nel mentre che col portafogli in mano vado dall’autista mi accorgo che in contemporanea son saliti anche i controllori e uno di loro mi fa: “Eh no, lei doveva pensarci prima. Chissà dov’è salito”. Mi dia un documento.” Io, ingenuamente, glielo do subito convintissimo di non essere in torto perché ero salito insieme a loro spiegando le mie ragioni. C’erano solo 2 signore anziane e io le chiamo in causa dicendo. “Signore son salito ora non mi avete visto? Ah noi non abbiam visto niente”. Scandaloso.
Parlo con l’autista : “Mi scusi ma lei dallo specchietto non mi ha visto? No sinceramente ero distratto”. Ottimo.
E’ bene ricordare che la procedura di 2 controllori in servizio li obbliga a entrare da porte separate in modo da avere sotto controllo tutta la situazione invece questi sono saliti entrambi dalla porta davanti. Morale? Mi fa incredibilmente la multa. Chiedo il nome del controllore e mi risponde: “Non importa il mio nome c’è il mio numero di matricola sulla multa”.
In quattro e quattr’otto con un giramento che non vi dico appena torno a casa chiamo i miei amici che mi testimoniano via email di essere salito a quella fermata e faccio immediatamente ricorso sia via email che per raccomandata. Nonostante questo mi arriva la seguente risposta via email il 2 luglio: dopo attenta valutazione non sussistono validi motivi per la cancellazione del verbale. Nel frattempo sono decorsi i primi 5 giorni per pagare 41,20 la multa e adesso l’importo è già di 81,20. Pensate sia finita qui?
Eh no. Intanto questa storia è già arrivata per mail agli uffici del Codacons, Adiconsum, Striscia la Notizia, sindaco. I miei legali dicono che potrei tentare la citazione in giudizio però solo per iniziare sono 37 euro + 23 euro di bollo + le spese dell’avvocato. Mi conviene? Spero che chi di dovere legga questa avventura e applicando i principio del buon senso mi annulli questa multa scandalosa o mi consigli su come risolverla.

G. G. (il lettore ha chiesto di non pubblicare il nome per intero)

Riproduzione riservata ©

0 commenti

 
  1. # lorenzo65

    Hai sbagliato a parlare in italiano ai controllori. Con un accento straniero manco ti consideravano ! Provate per credere.

  2. # LoLLe

    Così la prossima volta si ricorderà che la porta sul retro è riservata agli ABBONATI…

  3. # BASTEREBBE UN NIENTE ....

    Basterebbe – come avviene in qualsiasi parte del mondo, Ghana compreso – che la salita fosse effettuata esclusivamente dalla porta anteriore in modo tale che il conducente possa provvedere a verificare il possesso di biglietto, di abbonamento e/o emettere, su richiesta, il ticket a bordo.
    C’è da inventare poco. SI ridurrebbero i “portoghesi” e – con la riconversione ad altri ruoli dei controllori (che non avrebbero più senso) si potrebbero corrispondere agli autisti emolumenti maggiori in relazione ad un mansionario più ampio….
    Inoltre, sempre come avviene da altre parti, la salita esclusiva anteriore permetterebbe di installare un semplicissimo sistema di telecamere a tutela sia dell’autista, sia dei passeggeri a bordo.

    Saluti.

  4. # sergio

    ma…..sicuramente è andata come scritto, comunque parecchie coincidenze,da mettersi nei panni anche di chi deve controllare.

  5. # Beppone

    Sono d’accordo con te!….in tutto il mondo si entra davanti, l’autista non si muove finchè non gli fai vedere il biglietto o l’abbonamento, vedrai che chi è abituato a salire senza pagare…la strada se la farebbe a piedi, e le casse dell ATL o CTT, sarebbero meno vuote.

  6. # Alex

    Basterebbe un po’ di buon senso.
    Al cliente pagante si ricorda che la prossima volta deve salire dal davanti.
    Visti i milioni di passeggeri paganti ne avrebbero guadagnato uno…. La multa potevano evitarla… L’ottusità non fa bene a nessuno.
    Poi non parliamo della durata del biglietto, sono in ritardo che è fuori tema ma è solo per dimostrare come l’azienda che noi cittadini finanziamo ci tratta!

  7. # Semplicemente

    ….semplicemente ti dovevi fingere extracomunitario….così non solo non ti avrebbero fatto la multa ma ti avrebbero anche dato 40euri più vitto e alloggio….che paese di ….da che siamo diventati…

  8. # AB

    A chi gestisce il trasporto pubblico della città di Livorno, consiglierei di fare un salto a Londra o Edinburgo, per capire come funziona la gestione dei biglietti e la loro imissione, che avviene a bordo del veicolo.

  9. # Ugo

    Ma uno che non ha mai preso il pullman in vita sua (come me e ne sono ben lieto) sa na’ semplice che la porta di dietro e’ riservata agli abbonati, ovviamente l’ATL si deve sempre distinguere per “comprensione” ed altruismo verso gli utenti, poi brontolano perché la gente non prende il pullman.

  10. # Barbara

    Allora il verbale va fatto anche ai cari controllori che sono saliti dalla stessa pirta invece che uno da una parre e uno da l altra come dice la legge. Ma anche in queste piccole cose la legge non è uguale per tutti

  11. # ste

    Per me il signore è il classico furbone…….monta senza biglietto pensando di non farlo, quando si è accorto della presenza dei controllori ha fatto la scenetta.
    Dico ma quando è montato non ha visto che alla fermata c’erano anche i controllori?Giààààààà è montato al volo figuriamoci se li vedeva….c’era un sacco di gente….ma va va hai fatto la furbata e ora zitto e paga.

  12. # Francy

    La salita è anteriore ma la maggior parte degli autisti andando troppo avanti alle fermate ti costringono a salire di fondo e ,come è successo anche a me,devi attraversare tutto l’ autobus per fare il biglietto ( quando ce l’ hanno).

  13. # ombretta luna

    Trattandosi di una persona adulta nessuno mette in dubbio la buona fede, tanti, uomini specialmente NON SANNO USARE IL MEZZO PUBBLICO, usando esclusivamente mezzi propri pur di non sottostare agli orari , quindi figuriamoci se sanno salire dalla parte giusta,se io fossi stata sul mezzo come mia abitudine di onesta persona avrei VISTI il signore salire e testimoniato forse non c’erano livornesi a bordo ,inoltre ci vorrebbe una certa tolleranza e non escludere a priori la buona fede delle persone, sicuramente il Sindaco Nogarin, che vorrebbe dare il mezzo pubblico addirittura gratis per tutti, intercederà dopo aver letto la lettera a lui indirizzata per conoscenza …….

  14. # Andrea

    Che i controllori ATL avessero comportamenti assurdi è cosa risaputa.
    Prendo l’autobus quasi ogni mattina, tralascio il fatto che tutti i giorni si lasciano “scaricare” in posti dove la fermata non è prevista, vi racconto quello che mi è successo.
    Salgo sull’autobus dalla porta anteriore, c’è controllore di fianco all’autista, chiedo un biglietto con i soldi già in mano e l’autista mi risponde che li ha terminati.
    Seguito dall’autobus c’è un altro autobus (e anche qui potrei aprire una discussione) e decido di scendere alla fermata successiva e di prendere quello immediatamente dopo…purtroppo dopo 5 secondi il controllore, che chiaramente ha assistito alla scena, mi chiede il biglietto!
    Cerco di interpellare l’autista che chiaramente fa finta di nulla…allibito gli rispiego quello che è successo, nel caso in cui non l’avesse capito, e lui mi chiede documenti per farmi il verbale.
    Io mi rifiuto e alla fermata scendo.
    Capisco che il ruolo di controllore non sia facile ma alcune situazioni potrebbero essere evitate!

  15. # Antonella

    Esatto, e il biglietto si fa prima di salire!!

  16. # sergio. 1

    Sono d’accordo con Te, in tutti i paese che ho visitato, anche quelli che noi consideriamo meno avanzati, tutti saldano dal davanti, l’autista controlla ed eventualmente fa il biglietto, tutti pagherebbero e i controllori ad altro ruolo, diminuirebbero le spese e maggiori gli incassi. Una cosa cosi semplice da fare, alcuni dicono ma l’autista deve fare l’autista, si ma se gli preme il posto di lavoro è bene che controlli e si adegui, invece di fare scioperi che tanto lasciano a piedi chi non ha colpa.

  17. # lasemmy

    Mio.caro sfortunato ..ti chiamo cosi perche lo sei…se cerchi appoggio a chi era sull autobus perdi tempo…io ti sostengo..vergogna a chi a multato..ma. lo sai a Livorno siamo di cuore quendo gli pare…per me la multa andrebbe annullata…ma mi sa.che è una causa persa mi dispiace

  18. # brunolibero

    Chi vuole comprare il biglietto deve salire dalla porta anteriore in modo da farsi vedere dall’autista. Troppo spesso accade di vedere persone che se ne ricordano solo quando vedono una divisa.

  19. # 4luglio68

    Una tecnologia troppo complicata questa!

  20. # Marcovaldo

    Se ti frugavi, facevi più bella figura….

  21. # Tazio

    Non pagarla
    Chiediti se uno straniero la pagherebbe

  22. # Lupo Alberto

    CAMBIA PAESE!!!!!!! Non basta la rivoluzione del voto, l’Italia ormai non è più un paese serio e va lasciato morire con quel tipo di persone.

  23. # Giorgino

    Secondo me hai torto, dovevi salì da davanti,è inutile che chiami tizio caio e sempronio, tanto hai toro lo stesso. Se la pagavi prima ci guadagnavi di salute. Bonaaa

  24. # Ioannis

    Scusate, ma l’autista che ha detto di essere distratto, distratto da cosa? dal telefonino? dato che se ne vedono tanti che telefonano mentre guidano oppure da un giornale, oppure parlava con qualcuno? ma l’autista durante le fermate non deve sempre tenere sott’occhio le porte? altrimenti come fa a sapere quando chiuderle o no?. Altrimenti si rischia di chiuderci qualcuno in mezzo come è capitato a me tempo fa. Meditate signori dirigenti e controllori C.T.T.

  25. # èsemplice

    Basterebbe, come fanno in molti paesi, che la salita fosse esclusiva dalla porta anteriore con biglietto già fatto o soldi da inserire nella macchinetta che fa aprire la sbarra di accesso accanto all’autista. L’autista è isolato da un vetro blindato e non ci sono contatti. Sono le persone dietro che ti fanno scendere se non fai aprire la sbarra !. Molto elementare e si risparmiano anche tutti i soldini per i controllori e si evitano qualsiasi tipo di contestazione. Se sei organizzato monti, altrimenti vai a piedi……..

  26. # roberto5

    certo i controllori fanno il suo dovere….ma solo con i cittadini italiani è vergognoso…
    mi dispiace per e te e ti capisco..lavoro vicino alla stazione e tutti i giorni vedo salire a bordo degli autobus extracomunitari senegalesi filippini cinesi ecc ecc che entrano di corsa e si mettono a sedere senza biglietto….per non parlare degli zingari che non sanno nemmeno che cos’è un biglietto…invece noi poveri italiani che abbiamo da perdere paghiamo sempre…anche per loro…a già dimenticavo siamo in italia e non c’è da meravigliarsi……..

  27. # antonio

    Ma tanto ora c’è nogarin che metterà le corse gratuite per tutti!!
    E comunque vuoi fare anche l’offeso? paga vai! Anche perché se siete entrati alla stessa fermata loro non ti hanno visto?
    loro non ti hanno visto entrare, non ti ha visto l’autista.. non ti hanno visto le vecchiette.. insomma o sei un fantasma oppure sei superman che ci sei volato dentro!

  28. # Al Burro

    Lo scandalo non sono i controllori ma le due signore. E l’autista non poteva confermare?

  29. # Pina

    Condivido pienamente con il lettore, il servizio urbano di Livorno secondo me è pessimo, più di quello extraurbano.. corse che partono in ritardo e addirittura corse che non passano. E loro non possono aspettare un secondo. Poi al contrario di noi cittadini “corretti” che ci impegniamo a prendere il biglietto o l’abbonamento ogni santo giorno o mese, ci sono SEMPRE persone che viaggiano giorno dopo giorno sprovvisti di titolo di viaggio, e non sono solo stranieri, ma anche Livornesi. E’ vergognoso..

  30. # gina

    Vai avanti…..anche se ti ci vogliono gli avvocati!
    Inoltre chi dice che doveva entrare da davanti, sappia che è l’autista che decide qual porta aprire.
    Sono i controllori devono entrare dalle due porte a garanzia di tutti!

  31. # Pina

    L’Italia dovrebbe prendere spunto da altri paesi.. All’estero il sevizio costa meno e rende di più, come mai?! Qui non ci sono servizi notturni! In una città dove (dovrebbero perché stiamo perdendo anche quelle) scendono navi da crociera, alle 20 chiudono i negozi e smettono i servizi.. Durante una manifestazione al porto due signori “stranieri”,mi fermano in via grande e mi chiedono dove potessero prendere l’autobus per arrivare all’ardenza dove alloggiavano… Io propongo loro di prendere l’autobus n.1 (non quello R), questi scocciati dalla scortesia trovata in città, mi chiedono se anche io prendessi quello, ma purtroppo per loro rispondo di no… Successivamente mi chiedono se ci sia un autobus alle 20.30 e io rispondo che ci potrebbe essere (le ultime corse sono verso quell’ora) e poi uno per tornare a casa verso le 23.30/00.00 e io che cosa rispondo? No, purtroppo qua non ci sono servizi la sera… E loro: ma come fate ad andare in città la sera? Io: beh, qui i negozi sono chiusi, aprono solo una volta a settimana… MI SONO VERGOGNATA

  32. # robinson

    Episodi come questo, autisti che telefonano mentre guidano, orari mai rispettati, percorsi assurdi, vetture fatiscenti …. E poi vorrebbero che si usasse i mezzi pubblici???!!!!

  33. # Gallo73

    Che vergogna…. Prendo l’autobus ogni giorno e a bordo troviamo sempre chi (vorrei vedere il loro biglietto) è alla ricerca di qualche portafogli, cani senza museruola, persone che chiedono di acquistare il biglietto a bordo (e puntualmente gli autisti non ne hanno…. alla faccia di chi continua a fare l’abbonamento…) e poi si impuntano su una cosa del genere… vergogna!!!!

  34. # mauro

    Ma chi è Ayeye Brazu?

  35. # Nerd

    Il verificatore,erroneamente chiamato controllore non è un pubblico ufficiale,quindi teoricamente non può chiedere il documento con tono imperativo ma al limite dovrebbe chiamare le forze dell’ordine per fare esibire il documento e lei si sarebbe preso comunque la multa per mancanza di titolo di viaggio,ma se non è cambiato niente lei poteva a sua volta denunciare il verificatore per sequestro di persona in quanto non le ha permesso di scendere all’eventuale fermata successiva,e se questi fosse sceso con lei si sarebbe aggiunta anche la persecuzione personale.

  36. # ema

    …extracomunitari esclusi…

  37. # Topa Gustavo

    Non doveva mostrargli i documenti, loro non potevano trattenerlo, poteva scendere alla fermata successiva

  38. # Al Pesto

    …… e poi una domanda: aveva portato l’auto a riparare a Stagno e era in via Donnini. Tutto a piedi?? Strano in quanto dice che ha preso l’autobus per non farsi una scarpinata!! E perché non l’ha preso subito a Stagno?

  39. # Baccello

    Su tutti gli autobus sta scritto vicino alle porte che gli utenti senza biglietto devono salire davanti c’è poco da scusarsi e da fare ricorso o chiamare il Gabibbo. Sei uno dei tanti che non appena si accorge che ci sono i controllori o fa le rincorse per gettarsi fuori o per fare il biglietto all’autista. Stavolta ti è andata male.

  40. # Livornese

    C’è scritto grosso come una casa vicino alla porta “INGRESSO RISERVATO AGLI ABBONATI” nella porta posteriore. Basta leggere

  41. # Augusto

    Ma scusate, chi glielo fa fare ai controllori di multare extracomunitari e stranieri col grosso rischio di prendersi dei vaffa’ ……. e magari qualche schiaffone? Meglio multare qualche italiano tranquillo, si corre meno rischi e facendo la multa si fa bella figura coi propri superiori.

  42. # chilly

    Sono tante cose da vedere comunque basta anche un cartello, che indica che all’entrata posteriore stop …

  43. # Tino

    Interessante questa discussione.
    Se non altro ho imparato molte cose.
    Questo perche’ non uso spesso l’ autobus e non conosco le procedure livornesi, la prossima volta so almeno come comportarmi.
    Per chi viene da fuori, ovviamente alle fermate ci sono le istruzioni d’ uso dei mezzi pubblici. Ovviamente all’ ingresso della portiera posteriore c’e’ scritto “Ingresso riservato ai soli abbonati”.

  44. # eto

    Nerd ti sbagli i verificatori o controllori sono Pubblici Ufficiali a tutti gli effetti con sentenza della Corte di Cassazione n°38389/2009 te lo dico perché sono un autista /verificatore…riguardo alla lettera ho qualche dubbio a riguardo
    i verificatori montano sempre uno dalla porta anteriore per controllare le persone che devono scendere alla fermata previa visione dell’abbonamento o biglietto mentre l’altro monta dalla parte posteriore ed inizia la verifica quindi se sono montati insieme sono per forza montati uno davanti e uno di dietro…se erano gia a bordo l’hanno visto montare….e quindi fare la multa mi sempra poco probabile c’è qualcosa che non torna

  45. # lupicante

    No … il biglietto si puo fare anche a bordo con sovrapprezzo.

  46. # ignoranza liburnica

    ma le scritte non servono perche i soliti livornesi non sanno leggere e fanno i furbi, ma vengono puntualmente bastonati.

  47. # Valerio

    No,comunque ogni tanto mandatela una lettera contro li autisti Atl eh….un vi peritate…

  48. # corazzi

    morale della favola … andiamo a piedi !

  49. # polemicone

    Si vai a dirlo anche agli zingari che montano ai cimiteri della misericordia…..

  50. # Matteo

    Solo in Italia succedono queste cose.
    All’esterno ( Londra,Amsterdam etc…) qualsiasi mezzo pubblico si sale dall’unica porta aperta accanto all’autista che fa pure da controllore. Se non smarchi o acquisti il biglietto NON SALI. Cosi sei obbligato a pagare e si risparmia i controllori. Come mai in Italia non funziona cosi ???

  51. # Patrizia

    Fermo restando che io sono abbonata da anni alla linea urbana dell’ATL,
    anch’io trovo assurdo ridursi ad acquistare il biglietto dall’autista,
    considerato che in città esistono tantissimi punti vendita dei biglietti
    a cominciare dalle edicole dei giornali.
    Non siamo mica all’Abetone dove effettivamente i biglietti li vendono giusto
    all’azienda soggiorno e turismo o in un negozietto sito nella piazzetta !
    Inoltre se si compra il biglietto dall’autista costa anche di più !
    Ne vale la pena ?

  52. # Accio

    Tipico esempio di RAZZISMO al contrario,poichè ormai noi ITALIANI siamo una piccola minoranza facile da identificare e facile da perseguire.

  53. # problemazero

    Ieri sera ho mangiato due scaloppine ho visto un po’ di sana televisione e sono andato a letto…stamattina quando mi sono svegliato ho letto della cronistoria di un signore che non ce ne può fregar di meno tanto quanto la mia ingestione di 2 scaloppine…se ti hanno fatto la multa è perchéc’erano i ppresupposti. Facciamola finita.

  54. # humdrum

    E’ vergognoso che alcuni si scagliano solo contro gli stranieri, la maggiorparte dei porteghesi sono gli stessi livornesi.

  55. # edo

    vedi, è per colpa della gente inopportuna come te che tanti immigrati non riescono ad integrarsi. Mi spieghi la pertinanza di questo commento razzista?

  56. # roberto5

    caro eto controllate gli extracomunitari e zingari vediamo se vi danno il documento…ma fammi il piacere….

  57. # edo

    I VOSTRI COMMENTI MI INORRIDISCONO… MA COME MAI SIETE COMPLESSATI DAGLI EXTRACOMUNITARI? SIETE COMPLESSATI???

  58. # chiticaca

    baccello tutto verissimo quello che dici

  59. # chitica

    cara franci ti faccio presente che per 2 giorni ho fatto la linea di livorno collesalvett e il giorno prima la mattina nessuno mi ha chiesto il biglietto come mai il giorno dopo la solita utenza che va ha lavorare ha guasticce mi ha chiesto il biglietto vuoi sapere il perche il pomeriggio hanno controllato la linea e hanno fatto qualche verbale

  60. # eto

    io non faccio distinzioni le multe si fanno a tutti e ho chiamato anche i carabinieri e polizia in alcuni frangenti, libero di crederci non ho nessun problema se poi mi dici che gli zingari ed extracomunitari ci fanno gli aereoplanini e non le pagano io non ci posso far niente

  61. # Silvia

    A me fa inorrdidire chi difende gli extracomunitari solo perche’ sono extracomunitari, li giustifica sempre anche quando sono dei delinquenti e li mette davanti come diritti agli italiani….cos’è questo un complesso o becero buonismo….continuate con questa mentalita’ buonista e sinistroide e alle prossime elezioni vincera’ l’estrema destra. Te lo dice una che non è mai stata di destra!!!!
    La gente è esasperata!!

  62. # Gianpiero

    Leggi la lettera a modo …E’ SALITO DI CORSA QUINDI NON HA POTUTO LEGGERE UN TUBO!!!!

  63. # roberto5

    allora se vuoi fare le multe a raffica vieni alla stazione ne vedi montare a centinaia….ma che dico lo sapete benissimo ma avete paura….

  64. # Nerd

    Probabilmente da quando è subentrata la nuova azienda,ai tempi di ATL so per certo che non era così,ad oggi non mi posso esprimere con certezza.

  65. # Gabriele

    Carissimo concittadino …..essendo un tassista ti potrei suggerire LA PROSSIMA VOLTA CHIAMA UN TAXI invece di incappare in un destino sfortunato la corsa da la concessionaria a piazza roma ti sarebbe costata al massimo 15€ dico AL MASSINO,,,,invece si sa a LIVORNO i cittadini sono allergici a i taxi e cosi si rischia un’avventura da VERNACOLIERE………

  66. # Patrizia

    Beh l’ATL avrà tanti difetti ma…il prezzo del biglietto a tempo di una corsa semplice
    è di appena 1,20 euro con la maggiorazione di 50 cent. se il biglietto si acquista a bordo.
    Il prezzo medio della corsa in taxi si aggira appunto sui 15 euro !

  67. # roberto5

    cara patrizia non sei davvero al corrente delle tariffe dei taxi….ma che centrano i taxi??? allora parla degli ncc…magari non sai nemmeno che cosa sono
    i taxi non sono mezzi pubblici veri e propri perchè sono autogestiti invece i bus sono proprio dei mezzi pubblici al 100% perchè sostenuti dai noi al 100%
    poi il taxi ti accompagna sotto casa il bus no…..
    e come se vai dal paninaro e al ristorante e vuoi pagare la stessa cifra
    prima di parlare sempre male in qualche modo dei taxi informati come al solito vedo che c’è sempre qualcuno che butta fango su questa categoria di lavoratori…sarà mica invidia ingiustificata??

  68. # Gabriele

    Si Patrizia hai ragione sono di parte ma capisco il disagio sociale di questi momenti e 15€ possono essere pesanti ma giustificati ( Se pensi che ti vengo a prendere e ti porto a destinazione dove vuoi) ma se ti capita un imprevisto nella vita e hai fretta…con noi risolvi il problema…..con un autobus ti ci vuole più di 1 ora cambiare più autobus….non è che tutti i giorni questo va a la concessionaria a lasciare la macchia!!

  69. # Francy

    Mi dispiace contraddirla ma non sempre montate uno davanti e uno dietro. Mi è capitato piú di una volta di essere sull’autobus e vederli montare insieme preferibilmente dalla porta davanti.

  70. # beppe

    I controllori possono salire e scendere dove vogliono in modo da poter “scoppiare” più furbetti possibili come te!!

  71. # beppe

    Su dieci, 8 non pagano il biglietto, altro da aggiungere.

  72. # Franco

    Evidentemente non hai capito il senso della frase,studia l’italiano prima di fare commenti a pipa di cocco

  73. # mauro

    il fatto è che il signor Ayeye Brazu era salito senza biglietto e,ha voluto fare il furbetto

  74. # EDO

    No è vero… Spiegamelo te che sei bravo Franco!
    Nessun discorso a “pipa di cocco”, ho capito benissimo. E confermo che il commento sulla nazionalità non è pertinente

  75. # EDO

    Il mio ragionamento è diverso: la notizia parla di un cittadino(livornese) multato perché non ha fatto il biglietto da un controllore (pare livornese anche lui). L’argomento del contendere è “non dovevo essere multato perché …bla bla bla” . Allora mi chiedo: come mai andiamo a parlare di extracomunitari? Io non voglio proprio difendere nessuno, ma non capisco perché si debba sempre mettere in discussione questo argomento anche quando si parla d’altro!
    (Spero che in sig. franco abbia capito il mio discorso…)

  76. # riccardo

    Non è vero che esiste la scritta alle porte, solo in taluni casi.
    Ho controllato le scritte degli autobus che mi passavano davanti in piazza Cavour e si e no 1 su tre portava la scritta.
    Vero è che spesso i verificatori salgono entrambi dalla porta anteriore anche per dare il tempo a chi non è in regola di farlo
    Come diceva uno di loro: prevenire ed educare è meglio che reprimere
    Si era messo accanto all’ autista e osservava il comportamento di ci saliva.
    A mio avviso strategia intelligente, ma non tutti fanno così

  77. # mauro

    Ma sei proprio sicuro che le siano andate come dice il probabile portoghese?

  78. # mauro

    Boia de ma siete proprio malfidati, dopo avere fatto a piedi da stagno a via donnini si è sentito stanco ed è salito sull’autobus, guardacaso proprio insieme ai controllori

  79. # Patrizia

    In primo luogo a Livorno le tariffe dei TAXI risultano essere più alte rispetto ad altre città.
    Ma soprattutto c’è una bella differenza tra il costo di un biglietto del bus e la tariffa del TAXI.
    Vuoi negare anche questo ?
    Ad ogni modo capisco che ciascuno porti acqua al proprio mulino…

  80. # eccome

    verissimo.. si fa cosi in tutto il mondo.!!!

  81. # roberto5

    cara patrizia …..si vede che parli per sentito dire…purtroppo non sei informata e fai dei paragoni imparagonabili….un saluto

  82. # Patrizia

    Ah parlo per sentito dire eh ??
    Vabbè…

  83. # alberto ,lari

    tingiti la faccia di nero vedrai non ti fanno nulla

  84. # Nerd

    Quindi se ha chiamato i carabinieri e la polizia conferma quello che ho detto nella scritta precedente e se lei avesse impedito al portoghese di scendere prima dell’arrivo di questi ultimi ( i quali non credo fossero alla fermata successiva) l’utente avrebbe semplicemente preso la multa per non avere il titolo di viaggio ma lei avrebbe potuto prendere a sua volta la famosa denuncia per sequestro di persona.

  85. # Marchino

    Caro Eto come vanno le cose ora non lo so ma circa 20 anni fa quando andavo a scuola io e i miei compagni avevamo tutti un secondo diario con un nome inventato o peggio ancora di qualcuno che ci stava poco simpatico e se veniva il controllo si faceva la faccina seria e si mostrava il diario finto e ti garantisco che per 5 anni ha funzionato e i soldi che babbo ci dava per l’abbonamento si spendevano in altro modo.Che tempi.

  86. # Andrea

    Mio caro Beppe il suo commento è completamente fuori luogo…prendo l’autobus regolarmente ogni mattina da ben 6 anni…rilegga bene il mio commento, perchè se non se ne fosse accorto, appena salito dalla porta anteriore, ho chiesto all’autista un biglietto.
    Per quanto riguarda la salita/discesa dei controllori in zone diverse ripetto alle fermate, mi riferivo al fatto che l’autobus ogni mattina si ferma in viale italia all’altezza della sede atl per far scendere/salire autisti e controllori…

  87. # Sisto

    Solo ora leggo questo sfogo del signor GIGGI
    secondo me ci sono delle evidenti incongruenze:
    Visto che è salito con iverificatori perché non lo diceva subito a loro.
    Non prende mai lautobus:uno che si trova nella sua situazionr come minimo dice subito allautista che non ha biglietto.
    Dal 24 giugno sono passati 20 giorni.
    Infine , sullautobus, in prossimita delka porta posr c’è una telecameta di sorveglianza…se dice il veto bastaca farlo presente..
    Meditate…mmmm

  88. # Franco

    Per me se questo tizio scrive a tutti e paga anche i soldi per la raccomandata e scomoda anche i suoi amici per testimoniare e farsi annullare la multa non credo sia dalla parte del torto. Si sente raggirato. Non mi sembra ci sia niente di così strano. Che sian passati 20 giorni è perché prima sperava che gli annullassero la multa con l’iter normale no? poi senza aver trovato soluzioni becco e bastonato sta tentando il tutto per tutto.
    E’ chiaro che se ha avuto la fulgida idea di salire al volo dalla carreggiata opposta della strada non poteva fa’ i salti mortali o la ruota tipo kaori del philadelphia e entrà dalla porta davanti. Al massimo poteva bussa’ all’autista dal lato sinistro e pagare dal finestrino tipo casello autostradale rischiando di farsi schiaccià in mezzo di strada. Fare il biglietto a bordo è un suo diritto anche se i controllori salgono quasi in contemporanea mentre lui si sta avvicinando all’autista non han diritto di fargli la multa dichiarando che lui è montato mille fermate prima. Se fosse stato un furbone ed era già a bordo sarebbe sceso e non faceva questa sceneggiata.
    Il furbone è stato il controllore che pur di far cassa (e vedrai ci piglia anche la percentuale) è stato rigido sulle sue posizioni e negligente l’autista che si è distratto e che poteva testimoniare subito e evitargli il peggio.
    Però se esiste davvero la telecamera cosa che dubito, ma lo dice questo Sisto, consiglio al signore di insistere e far valere i suoi diritti chiedendo di far visionare il filmato.

  89. # Sasha

    …è anche vero che queste scene medievali si possono vedere solo a Livorno. A Firenze se non hai biglietto basta mandare un sms all’ataf prima di salire.

  90. # Sandro

    Anche io ho l’impressione che se uno vuole scomodare Striscia e i giornali per una multa sull’autobus si senta raggirato, non credo che menta. È stata una circostanza sfortunata (autista distratto, passeggeri che non hanno visto nulla), e questa persona vuol far valere la sua voce. Credo che ne abbia tutto il diritto

  91. # Stella

    Oggi medesima storia. Salgo sull’autobus (ero uscita per rinnovare l’abbonamento), mi siedo e cerco il mio portamonete, sapevo di avere i soldi contati per il biglietto, li trovo e mi dirigo verso la macchinetta (intanto siamo arrivati alla fermata successiva dista circa 40 secondi di autobus da quella dove ero salita) , e sfortunatamente salgono i controllori, io tranquilla dico che sto facendo il biglietto (ero in piedi vicino la macchinetta) ma non hanno voluto storie e mi hanno multata: 65 euro regalati! Tra lacrime e tremori da rabbia sono poi scesa e ho rinnovato l’abbonamento 75 euro. Io quotidianamente vedo stranieri che non vengono neanche interpellati, e noi schifosi pezzenti che paghiamo per loro! Ho il vomito per la rabbia.

  92. # Yana

    Hai ragione povero sfortunato, e quanti ce ne sono tra di noi…sapete soltanto perché, perché quelli chi fanno queste leggi ci fregino di comune mortali, perché i politici e i governatori hanno fatto il paradiso per se sulla terra e non vogliano rinunciare ai propri vizi. Pagate, pagate, dategli tutto ai questa banda mafiosi e imbroglioni, dategli non solo i vostri soldi, ma anche i vostri voti… cosi vi faranno la vita ancora più terribile….povera gente, ma se fosse noi ci riunivamo e dicevamo STOP, andateci voi in autobus, vivete su uno stipendio e pagate le multe….sarebbe un bellissimo cambiamento!! Finché ogni singolo ci batte il capo da solo, nessuno lo ascolterà. Tutti giorni vi raccontano in TV le favole,con i discorsi democratici che servono per trattenere la gente, per mandare avanti questa ruota…e voi credete a tutto come i bambini, come questo povero ragazzo a chi avevano fatto la multa.