La sinistra voti Ruggeri

Domenica 8 giugno, voteremo Ruggeri ed invitiamo il popolo di sinistra a fare altrettanto perché con il voto, si decideranno le sorti della città per i prossimi cinque anni. Noi speriamo nella maturità dei livornesi, non possiamo permetterci un salto nel buio, non possiamo permetterci di perdere un solo anno, occorre un taglio netto con il passato; ma questo da solo non basta, è indispensabile “fare”. Fare in fretta interventi che rilancino la città e creino posti di lavoro. Occorre dare fiducia ai cittadini investendoli direttamente nella partecipazione alle scelte. E’ necessario sburocratizzare snellire, rendere più efficiente la macchina comunale e sprovincializzarsi, aprirsi: il mondo non finisce a Quercianella e Stagno. Questo sarà possibile solo con Marco Ruggeri sindaco, non certo nell’altro caso. I grillini hanno dimostrato di non tenere di conto della partecipazione dei cittadini, chiamano “cittadini” i loro pochi iscritti che decidono cosa fare e disfare basandosi solo sui loro pronunciamenti sul proprio blog. Voti raccolti sul web da un unico server controllato dal cerchio magico di Grillo, alla faccia della trasparenza e della democrazia. Chi non pratica la democrazia all’interno del proprio movimento come può praticarla nell’amministrare? Per amministrare occorrono capacità e competenze, una bella squadra ed idee. Nel confronto tra i due candidati abbiamo sentito, da parte di Nogarin proposte del tutto vaghe e incerte, molti “no” ma nessuna proposta supportata da argomenti concreti. Il solito pressapochismo uno dei più deleteri aspetti della vecchia politica che viene fatta passare per nuova. Sono berlusconate! Non per nulla i partiti di destra invitano a votare Grillo, ci si riconoscono, ora più che mai dopo l’accordo in Europa con la destra xenofoba e nazionalista . A Livorno, essi sostengono, ed è vero, che esiste un’oggettiva convergenza tra i loro programmi e quelli del Movimento 5 stelle. Infatti, è semplice accordarsi sul nulla o sulla sterile protesta che non costruisce alcunché. Quello che ci impressiona è che anche qualcuno che si definisce di sinistra, animato da rivalse personali e dalla voglia di affermare vecchie divisioni, inviti a votare Nogarin. E’ la logica del “tanto peggio, tanto meglio”, che ha sempre rafforzato la destra e distrutto la sinistra.

 SEL Livorno

Riproduzione riservata ©

10 commenti

 
  1. # noncistò

    A furia di appoggià il PD guardate che percentuali vi hanno dato gli elettori !

  2. # noncistò

    Veramente mi sembra che la sinistra si sia distrutta da sola perchè a Livorno di tanto meglio se n’è visto poco ma s’è visto moltissimo tanto peggio !

  3. # Marcello_n

    ANCORA CO STA SINISTRA TRABALLANTE E STERILE, TANTI LIVORNESI SI SONO “CONVERTITI” IN MEGLIO ORMAI NON HA PIU’ NESSUNO FIDUCIA IN VOI, BASTA DEMAGOGIA ED ARRUFFIANAMENTI PRE-ELETTORALI……BUONA FORTUNA NE AVRETE BISOGNO.
    MARCELLO N.

  4. # LEONARDO

    Per amministrare occorre comperenza
    Infatte e quella che avete avuto voi in questi anni
    Mi dispiace ma non mi avete convinto
    Voglio provare
    Il mio voto non ve lo do

  5. # DIEGO

    ancora?????? lasciateci in pace…basta!!!

  6. # noncistò

    Veramente a livorno nel tanto peggio ci ha portato la sinistra con i suoi rappresentanti. E l’elettore l’ha punita severamente sperando di andare verso il tanto meglio !

  7. # carla

    se Ruggeri vince dategli una buona scusa per l’ospedale al quale siete contrari.

  8. # "scorpione "

    Settant’anni un vi son bastati pe prova’, vanti ne’ volete ancora !!! Se un sete stati boni finora , lasciate ir posto a un arto, mi sembra anche giusto… o no !!!

  9. # Voldy

    no scusate avete letto l’articolo? ci sono delle uscite da far venire i brividi per pressappochismo, luoghi comuni, menzogne e malalfede..lo dico per esperienza, SEL a Livorno è roba da torte, con quel segretario poi…meno male non vi vota più nessuno e in consiglio comunale ovo come tutti i vostri colleghi IdV&C

  10. # Marco Sisi

    Avete votato Tafazzi, ahivoi. Una lista di sinistra unita e un PD senza stampelle avrebbero significato un ballottaggio Raspanti-Ruggeri e le cose sarebbero finite in ben altra maniera.

I commenti sono chiusi.