Romano: Liberare e riqualificare la costa livornese garantendo il libero accesso al mare

Nell’ambito del confronto per le primarie, è necessario affrontare il tema del piano di riqualificazione della costa livornese a partire dall’esigenza sentita da molti cittadini di poter usufruire di accessi al mare liberi lungo tutto il nostro tratto costiero. Più volte si è parlato di affrontare il problema ma non si è mai arrivati ad una pianificazione concreta ne’ ovviamente all’attuazione di un progetto globale, nonostante il sottoscritto abbia presentato anche appositi atti ispettivi come consigliere comunale. E’ arrivato il momento di sbloccare la situazione con un piano che innanzitutto garantisca punti di accesso liberi tra una concessione e l’altra, senza più privare di lunghissimi tratti di costa quella parte di popolazione che non intende usufruire forzatamente dei servizi offerti dagli stabilimenti balneari. Inoltre, dobbiamo attrezzare il tratto di costa di Antignano per migliorarne la fruibilità e l’accesso, ad esempio con banchine in legno, oltre ad utilizzare ai fini della valorizzazione turistica e culturale beni storici come la Torre di Calafuria, in modo da creare un contesto favorevole sia ai livornesi che chiedono libero accesso al mare, sia a chi sceglie gli stabilimenti ma anche a quei turisti che possono attivare un volano economico e occupazionale nel pieno rispetto delle nostre risorse naturali.

Andrea Romano – Candidato alle primarie per “Livorno Cambia” e Italia dei Valori

 

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # Giulio

    In 10 anni di alleanza col pd vi svegliate ora nella campagna elettorale. Il dubbio di essere completamente fuori tempo non vi viene? Il fatto che qualsiasi realtà prenda più consenso di voi non vi fa riflettere di sbagliare qualche cosa?

  2. # andrea romano

    Ci svegliamo ora? A parte che nell’articolo ricordo le mie interpellanze al sindaco sul tema, ma le faccio presente che siamo stati estromessi più di due anni fa dall’alleanza, perché da altri due anni stavamo insistendo sul rispetto del programma elettorale, opponendoci con forza ad alcuni progetti che non avevano avuto il consenso degli elettori, finché non sono stati eliminati o bloccati.
    Caro Giulio, il suo commento mi sembra un tantino fazioso e mistificatorio, mi scusi se glielo dico. La campagna elettorale qualche anonimo frequentatore di quilivorno.it mi pare la stia facendo molto più di me.

I commenti sono chiusi.