Resti di biciclette accanto alle Poste e i turisti fotografano, cosa aspettano a toglierli? FOTO

Mediagallery

Vorrei sapere il Comune o chi è preposto cosa aspetta a togliere quegli avanzi di biciclette poste nella rastrellieria posta in via del Tempio a fianco delle poste centrali, oltretutto occupano spazio. Alcuni croceristi divertiti le hanno anche fotografate. Non è una bella immagine per il decoro della città.

Ivano Barabotti

Riproduzione riservata ©

9 commenti

 
  1. # Francesca.M

    ci sono passata ieri, e sulla rastrelliera resta al momento solo la bici bianca..
    Tra l’altro non so se qualcuno si ricorda la storia di quella bici: fu posta davanti al Comune come memento dei morti sulla strada a bordo delle bici.
    Esistono in tutte le grandi città, New York compresa, ma si sa… le “bicirette” le portan via i livornesi..

  2. # Samarcanda

    ma perché volete toglierle?? è arte naif… semmai facciamo pagare i turisti per poterle fotografare brodi….

  3. # labronico

    quella rastrelliera è la meglio tenuta di tutta Livorno!!!!!!!!
    Propongo di fare una documentazione fotografica di tutte le altre, e poi sfidare il sindaco a metterici anche solo una bicicletta ……. poi ci lamentiamo se troviamo le biciclette legate sui marciapiedi …….. a pezzi anche quelle!!!! Ma i vigili quando passano non le vedono, non potrebbero segnalarle, o vedono solo i divieti di sosta, quelli li vedono tutti!! …….. belli Livorno è su una via senza ritorno con questa amministrazione, quella del totale degrado!

  4. # elisa

    Fossero solo quelle sulla rastrelliera di via del tempio, ma perchè quelle sparse per tutta livorno legate sui marciapiedi sono carine da vedersi?? Io proporrei un ripulisti generale da parte del comune e se parcheggiate sui marciapiedi toglierei anche quelle nuove cosi si insegna un po di educazione civica

  5. # Marco Sisi

    Le biciclette lasciate lì ad arrugginire non sono certo un bello spettacolo, e oltretutto portano via spazio che potrebbe essere utile a chi usa la bici per davvero, spostandosi per lavoro, per andare a fare la spesa o nel tempo libero, e crede nell’importanza di far crescere la cultura delle “due ruote”. Ogni tanto, in nome del decoro urbano, viene fatta un po’ di pulizia, ma non ho idea di che fine facciano le carcasse. Io suggerirei di mettere su una collaborazione con qualche associazione no-profit sensibile al tema, fornendo uno spazio adatto (qualche magazzino o deposito comunale, ce ne sono in stato di abbandono ovunque) per la ricostruzione delle biciclette tolte dalla strada (con un telaio recuperato qua, un sellino preso da un’altra parte, ruote provenienti da un’altra parte ancora si può ricavare una bici a costo zero), da potere in seguito regalare a chi ne avesse bisogno. Ci sono, un po’ ovunque in Italia, le cosiddette “ciclofficine popolari”. Un esempio che potrebbe essere raccolto anche dai livornesi.

  6. # Il Moralizzatore

    è arredo urbano ignoranti! :-PPP

  7. # elisa

    Spero che qualcuno della nostra amministrazione ti legga perchè sarebbe proprio un’ottima soluzione !!!

  8. # Stella

    Io tempo fa ho fatto un giro del quartiere (Ovosodo), ho fotografato TUTTI e dico TUTTI i maledetti rottami di bici che arrugginiscono su marciapiedi e rastrelliere (andate in piazza XX settembre e vedrete!), le ho stampate e mandate ai vigili. Lettera morta!!! Ho visto un camioncino coi vigili solo una volta in 5 anni che sto qui, e anche allora hanno preso una bici sì e cinque no, e tutto è rimasto com’era! Oltre che ai vigili, vorrei appellarmi ai concittadini: volete abbandonare una bici, senza ammattire ad andare all’isola ecologica? Ok: mettetela appoggiata al muro, APERTA E SENZA CATENE, con un blglietto appuntato sul sellino: “bici abbandonata”. Così chi passa se la può prendere e magari la ricicla, la smonta, la ripara e la usa, e comunque sia LA TOGLIE DALLA STRADA! Mi dite perché chiudete coi lucchetti una bici, se la volete abbandonare?!

  9. # Pro

    Perche’ una bici allucchettata viene rubata il 60% in piu’!

I commenti sono chiusi.