RC Auto: “Sconfitte le assicurazioni, salve le carrozzerie; ma è stata dura”

Stralciato: l’articolo 8 del decreto Destinazione Italia che aveva suscitato la sollevazione in massa delle carrozzerie contro lo strapotere delle assicurazioni è stato tolto dal testo, mettendo in salvo così la sussistenza di migliaia di aziende e dei loro dipendenti. Contro l’articolo 8 era stata indetta una manifestazione nazionale a Roma che aveva visto una folta e decisa partecipazione di carrozzieri livornesi associati alla Cna, sostenuti dall’adesione alla causa dei parlamentari locali con cui l’associazione è stata a stretto contatto. “L’impegno e il lavoro assiduo delle associazioni nazionali di categoria dei carrozzieri, CNA in testa, hanno prodotto il risultato che tutti gli artigiani chiedevano. I carrozzieri indipendenti potranno continuare a svolgere la propria attività liberamente, senza dover sottostare ai diktat delle compagnie di assicurazione che avrebbero dettato, ovviamente a loro favore, costi, tempi e qualità degli interventi di riparazione”. Lo dichiara Daniele Cecconi, Coordinatore provinciale del settore autoriparatori della CNA.
“E’ risultata vincente la scelta del dialogo istituzionale e della forte mobilitazione territoriale e nazionale  – sottolinea Cecconi – realizzata attraverso le numerose iniziative territoriali, che ci hanno permesso di spiegare le ragioni della categoria ai parlamentari locali, e soprattutto la riuscitissima manifestazione nazionale del 15 gennaio al teatro Capranichetta. E così siamo riusciti a convincere il governo a fare marcia indietro sulla parte del decreto che riguarda la riforma della Rcauto. Da Livorno la partecipazione era stata forte e convinta e cogliamo l’occasione per ringraziare i parlamentari di zona che avevano immediatamente sposato la nostra causa per sostenerla nelle sedi competenti. Ora il 18 febbraio abbiamo in programma una nuova manifestazione di tutte le categorie, affinchè il Governo prenda immediatamente misure concrete a sostegno delle piccole e medie imprese, vera spina dorsale del territorio”.

Riproduzione riservata ©

1 commento

 
  1. # Beppone

    Come automobilista…Contento?, per niente…perchè il costo mostruoso delle assicurazioni in Italia, si sà sono delle tasse, ma anche dei cosidetti incidenti fasulli, di cui, sono colpevoli, sopratutti i soliti furbi, medici e carrozzeria comprese…è si!..anche le carrozzeria, perchè è li che vengono gonfiati i danni, con la complicità anche dei periti delle assicurazioni…perchè dico questo…perchè un danno di poche centinaia di euro…300 di materiale e mano d’opera, causato da un auto in retromarcia che usciva da un parcheggio, e toccando un SUV, che si era messo dietro….passando dalla carrozzeria è diventato 3750 euro, …per il SUV, …ah! dimenticavo all’utilitaria, nessun danno accertato solo uno sgraffio sul paraurti posteriore.

I commenti sono chiusi.