Pedane degli autobus, la mia odissea quotidiana per mia nipote

Mediagallery

Vi contatto in merito ad un grosso problema che mi trovo ad affrontare tutti i giorni e sarebbe la salita a bordo degli autobus Ctt Nord Livorno con mia nipote disabile che necessita di sedia elettrica per essere piu autonoma ma spesso ci troviamo a discussioni perchè piu della metà del nostro parco bus non vanno le pedane, come oggi. Ho atteso 3 autobus o mi tocca tirarle fuori a mano per riuscire a salire oppure proprio non escano fuori e quelle manuali spesso mi tocca aprirle a me perchè gli autisti non me le aprono. Insomma è da gennaio che tutti i giorni escono mille problemi e litigate anche forti per questa storia. Chiedo un vostro aiuto, ho mandato pure una lettera al sindaco che ovviamente non mi ha nemmeno risposto e qui la situazione peggiora.

Jonathan Alderigi

Riproduzione riservata ©

6 commenti

 
  1. # Baccello

    Lei non è autorizzato ad aprire la pedana manuale e l’autista è obbligato ad aprirla seguendo tutte le manovre di sicurezza.
    Se l’autista di rifiuta di compiere la manovra allora prenda nota di orario e di numero vettura è faccia la segnalazione al Bastogi che prenderà provvedimenti.
    È giusto che lei è sua nipote possiate usufruire del servizio come tutti gli altri.
    Un autista.

  2. # Andrea

    Questo problema fu affrontato gia’ tempo addietro in un servizio delle “iene” e che vide colpevole l’autista di non aver voluto collaborare per prendere a bordo una persona disabile.
    Sig. Jonthan, non si preoccupi segua l’iter burocratico, faccia il suo esposto all’ATL possibilmente annotando se lo ricorda il numero del pulman e l’ora. dell’avvenuto episodio, se non trova soddisfazione in merito non esiti a rivolgersi a canali d’informazioni molto agguerriti tipo o le iene appunto o striscia la notizia, vedra’ poi come vengono fuori poi diritti e doveri. La saluto.
    Andrea

  3. # jonathan

    anche se sulla linea mi hanno messo una vettura con pedana manuale e tre con pedana elettrica funzionante spero che sia cosi per sempre ma il problema si presenta se devo andare su altre linee dove il 4 non arriva e li son dolori perchè non vanno dovrebbero essere tutte funzionanti perchè i disagi li sentono anche su altre linee in quanto a gli autisti tendo a precisare che non tutti sono cosi ci sono autisti che danno l’anima pur di risolverti il problema e a loro va il mio ringraziamento più sincero

  4. # asciugati

    Si consiglia al disabile di fare esposti o segnalazioni mentre i responsabili della manutenzione e i dirigenti fanno finta di non sapere nulla ! Chi controlla i controllori ?

  5. # Baccello

    Il problema è sempre quello.. Non ci sono soldi, si fa risparmio sulla manutenzione dei mezzi, si fa di tutto per abbassare gli stipendi ai soli autisti e non ai dirigenti, alla fine chi ci rimette è l’utenza perché viene meno la qualità del servizio.
    Il problema che vi dovrete proporre un giorno, è meglio un servizio buono ma scarso o un servizio scarso ma buono? A voi l’ardua sentenza.
    Se mandate il Gabibbo in azienda vi ritrovate con 10 vetture su 100 in circolazione, questo vuol dire un 1 ogni ora, una 2 ogni ora, la 4 ogni 2 ore, e tanti autisti a casa, perché l’azienda non so può permettere di pagare chi non guida.
    Siamo ad un passo dal baratro e se la qualità e la quantità del servizio cala, calano anche i guadagni perché la gente si è rotta di fare gli abbonamenti e il biglietto da un bel po’ di tempo, e non parlo degli extracomunitari, ma di chi il biglietto lo ha sempre fatto.
    L’autista di sopra.

  6. # SERGIO

    IL PROBLEMA SIG. JONATHAN NON DOVREBBE ESSERE SUO MA DI CHI AMMINISTRA E COORDINA LE LINEE URBANE DEL CTT NORD, UNA COSA E’ CERTA CHE SONO EPISODI CHE NON FANNO CERTO ONORE ALLA NOSTRA CITTA’.

I commenti sono chiusi.