Pd: “Il direttore del Goldoni? Si sceglie in famiglia”

Ci sono alcuni elementi sulla vicenda del nuovo Direttore Artistico del Goldoni che occorre sottolineare:
1) la selezione non ha obbedito a quei criteri di trasparenza e professionalità che, a sentir loro, dovrebbero contraddistinguere i 5 stelle. I Direttori dei principali musei italiani si scelgono con una selezione internazionale, il Direttore del Goldoni si sceglie in famiglia;
2) la tanto strombazzata guerra ai costi della casta non sembra in questo caso aver prevalso. Evidentemente la guerra agli stipendi d’oro della casta non vale quando la casta è a 5 stelle;
3) chi ha stabilito che le competenze del nuovo Direttore siano quelle giuste ? Fare il Direttore Artistico non è fare il regista. Occorrono competenze di economia, di diritto, di gestione. aziendale. Non vorremmo aver trovato un altro Steve Jobs;
4) questa nomina in quale politica culturale si inserisce ? C’è un progetto sul teatro, sulla musica, sulla cultura in questa città ? Domande che finora non hanno trovato risposta ma forse perché è finito il Festival del ridicolo e il Sindaco frequenta solo quello.

Il Responsabile Cultura e Formazione PD Livorno e Il Segretario U.c. PD Livorno
Filippo Cannioto, Federico Bellandi

Riproduzione riservata ©

2 commenti

 
  1. # èvero

    E’ meglio tornare immediatamente ai vecchi metodi delle giunte precedenti che hanno dimostrato con meravigliosi risultati di aver saputo gestire la città . Sono gli elettori che non l’hanno capito e gli hanno riso in faccia mandandoli a casa !

  2. # Mracello

    eh già, perchè col PD e le precedenti giunte al governo della città non succedevano queste cose vero? Era elevato a sistema, cari emeriti signori del PD

I commenti sono chiusi.